Politica

di Mirko De Carli

Benedizioni, a Bologna un consiglio d’istituto “vota contro il Tribunale”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Siamo alle solite. Un comitato che vuole pervicacemente sospendere e, nel tempo, eliminare il fatto religioso dalla vita pubblica di Bologna: dopo aver ricevuto una sonora sconfitta dal consiglio di stato invece di rispettare la sentenza se ne frega bellamente e realizza l’opposto di quanto il giudice ha stabilito.


Succede a Bologna e riguarda le benedizioni pasquali in alcune scuole elementari e medie pubbliche. L’Istituto comprensivo 20 (scuole elementari Carducci e Fortuzzi e medie Rolandino) ha visto la nascita del Comitato bolognese scuola e costituzione: un’iniziativa che si è spesa pubblicamente per chiedere al Tribunale Amministrativo Regionale il blocco delle benedizioni religiose pasquali in quanto non rispettose del pluralismo religiose doveroso nelle scuole italiane.

Dopo che il ricorso aveva ottenuto successo al Tar, la sentenza successiva del Consiglio di Stato (della quale si attendono le motivazioni il 28 aprile) ha rettificato completamente quanto stabilito dal giudice amministrativo regionale e ha confermato la possibilità, secondo quanto previsto dalla legge, di officiare benedizioni in tempo Pasqua da parte dei ministeri ecclesiali.

Una sentenza, quella del Consiglio di Stato, che ha messo una parola fine a tutti i tentativi di togliere la fede dalla vita pubblica del paese. Avrebbe. Perché dico cosi? Perché non sufficientemente contenti della sonora bocciatura in Consiglio di Stato, i genitori del Comitato bolognese scuola e costituzione hanno continuato il loro pressing al presidente del Consiglio d’Istituto dell’IC20 (nipote dell’ex premier Romano Prodi) affinché, attraverso una delibera del Consiglio d’Istituto, si ovviasse a quanto definito per sentenza. E così è stato. Clamorosamente.

Durante l’ennesima riunione sul tema in consiglio d’istituto c’è stato un voto di maggioranza che ha deciso di ‘non procedere alla concessione di locali, ai parroci richiedenti, per svolgere la benedizione pasquale in occasione delle festività 2016’. Non si presenteranno altri ricorsi sottolineando che ‘la questione è di principio sui diritti fondamentali e noi i tribunali li abbiamo già attivati. Non avrebbe senso replicare la iniziativa giudiziaria, ricominciando dall’inizio’. In sintesi: la sentenza non ci ha dato ragione, quindi la ragione ce la diamo da soli.

Si verifica una situazione al limite dell’assurdo, se di fatti concreti e tangibili non si trattasse: la sentenza del consiglio di stato dice sì alle benedizioni, il consiglio d’istituto dice no. Anzi, meglio: no fino al 28 aprile, giorno in cui saranno rese pubbliche le motivazioni che hanno addotto i giudici del Consiglio di Stato a bocciare la sentenza del Tar che dava ragione ai genitori del Comitato bolognese scuola e costituzione. Che ipocrisia: ora il comitato dei genitori spera che la decisone del Consiglio d’Istituto ‘preluda appunto alla ricerca di altre strada rispettose del pluralismo religioso nelle nostre scuole’. Pluralismo religioso? Ma che c’entra!

Le festività cattoliche sono riconosciute dalla nostra carta costituzionale e far si che i nostri ragazzi che frequentano le scuole pubbliche possano ricevere la benedizione inerente la festività religiosa del momento (per cui saranno a casa da scuola per diversi giorni) mi sembra un motivo più che ragionevole per autorizzarle. Se io fossi in uno dei figli dei genitori del Comitato bolognese scuola e costituzione chiederei a mio padre o mia madre: perché non vado a scuola durante le festività pasquali? Perché devo ricevere l’uovo di Pasqua? Ma per favore.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

24/03/2016
1004/2020
Santa Gemma Galgani

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Riguardo a donne e discriminazione

Molto più fecondamente che appellandosi all’incomprensibile nozione di “omofobia”, si contrasterebbe il bullismo stigmatizzando e perseguendo legalmente l’ipotetico reato di “androfobia” e “ginecofobia”: è nel rifiuto della realtà umana così come si dà che si annida il germe dell’odio che poi esplode negli atti di violenza verbale, psichica e/o fisica

Leggi tutto

Società

Le cosiddette “famiglie omogenitoriali” viste dalla scuola dell’infanzia

Un’educatrice impegnata sul delicatissimo fronte dell’infanzia condivide e argomenta le proprie ragionate perplessità sulle complicazioni a cui andrebbero incontro, in un contesto come è quello in cui lavora, i bambini che vivessero all’interno di gruppi neppure remotamente simili a famiglie.

Leggi tutto

Società

Esiste il gender? A Bologna sì

Istituto comprensivo Salvo d’Acquisto, Gaggio Montano, provincia di Bologna: ecco cosa succede da giugno a proposito di un “progetto didattico” che sembra voler erotizzare fortemente i ragazzi in età prepuberale. In un clima surreale in cui da un lato si nega che esista un nugolo di “gender studies” assimilabili sotto l’etichetta di “pensiero gender” e dall’altra si cerca ossessivamente di farli entrare in ogni interstizio della società, partiamo dai fatti per capire come stanno le cose

Leggi tutto

Storie

La storia di Francesca testimone del bello e del bene del mondo

Oggi, sono un’insegnante da 26 anni e mai neanche un giorno ho pensato che avrei potuto scegliere un’altra strada. Perché insegnare è la mia vita, non è il mio lavoro. Lo dico a tutte le persone che, in assenza d’altro o come ripiego, cercano di entrare nel mondo della scuola, magari attratti scioccamente dalle vacanze estive. Insegnare non è un lavoro, è una vocazione, è una missione. Lo devi desiderare fin dal profondo delle tue viscere. Devi sentire che ti scorre nel sangue. Devi imparare ad attingere forza ed energie da un sorriso, da un abbraccio o da un disegno di te che occupa tutto il foglio per dirti quanto sei importante. Da un 《ti voglio bene maestra… 》. Devi imparare a ricaricarti nelle piccole cose perché per il resto del tempo è un darti, darti, darti e ancora darti. E allora quei mesi di vacanza sono come la prescrizione medica dei giorni che necessiti per ritornare a darti.

Leggi tutto

Società

Vladimir Luxuria a Viareggio per un pomeriggio di ordinaria ideologia

Il noto uomo di spettacolo è intervenuto, lo scorso 20 novembre, a commentare davanti a dei liceali la pellicola “Boys don’t cry”, appena proiettata.

Leggi tutto

Società

“W l’amore”, non solo gender

Riportavamo ieri i fatti delle cronache del Salvo D’Acquisto di Gaggio Montano a proposito del progetto di educazione sessuale “W l’amore” introdotto nelle scuole senza consultazione dei genitori (i quali da parte loro si attivano sempre di più). Illustriamo oggi le tematiche trattate dal libretto propinato ai preadolescenti (anche tredicenni): masturbazione, pornografia, contraccezione

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano