Politica

di Mario Adinolfi

L’unico voto utile

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Domenica 5 giugno potremo esprimere un unico voto e sarà bene non sprecarlo. Non sono mai stato refrattario alla retorica del “voto utile”, ha una sua ragionevolezza. Più semplicemente un grande maestro mi spiegò un giorno che bisogna andare a votare “come se il tuo voto fosse quello decisivo per l’esito delle elezioni”. Mi sono formato con questa convinzione e a questa lezione sono stato fedele: sono sempre andato a votare tracciando la croce sul simbolo che avrei voluto veder prevalere alle elezioni, senza fare calcoli di convenienza o facendomi guidare dai pronostici.

Ho sempre guardato il contesto, questo sì. Anche stavolta la premessa è studiare quel che è accaduto per decidere. Ho trascorso gli ultimi tre anni della mia in una battaglia molto complessa per la vita e la famiglia “contro i falsi miti di progresso”. Ho scritto un libro, ho tenuto centinaia e centinaia di convegni in ogni angolo del paese, ho parlato in decine di trasmissioni televisive e radiofoniche e una l’ho ideata e condotta a Radio Maria, ho partecipato alle mobilitazioni collettive contro il gender nelle scuole (20 giugno 2015, piazza San Giovanni) e contro il ddl Cirinnà (30 gennaio 2016, Circo Massimo). Insomma sono stato tra quei milioni di italiani che hanno visto avanzare pericolose politiche antifamiliste, portatrici di una visione antropologica che vuole trasformare le persone in cose, che parte dall’unione gay con gli uteri affittati e i bambini comprati per arrivare alla devastazione dell’istituto matrimoniale, alla “normalizzazione” espansiva della pratica abortiva, alla droga libera, all’eutanasia. Se questo è il contesto considero prioritario fermare quest’onda. Milioni di persone considerano pericolosa la società della denatalità, della famiglia destrutturata, della vittoria della cultura dello scarto, dell’ideologia gender che si espande dai canali dei mezzi di comunicazione fino a tutte le scuole, a partire da quelle dell’infanzia.

Lo strumento che abbiamo è il voto e deve essere dunque un voto utile a fermare quest’onda. L’offerta politica per chi ha questa esigenza è davvero scarsa. Tutto il centrosinistra e la sinistra e il Movimento Cinque Stelle sono preda dell’ubriacatura antifamilista, festeggiano divorzio breve e unioni omosessuali, trovano intese preoccupanti sulla droga libera, celebrano Marco Pannella come fosse un Padre della Patria dimostrando che aveva ragione Augusto Del Noce segnalando la trasformazione dei marxisti in individualisti, del fu Pci in un partito radicale di massa. I grillini, poi, sono peggio e propongono persino matrimoni plurimi e sei genitori a figlio, con una puntatina del deputato Sibilia dalle parti del “matrimonio interspecie”. A destra vince la confusione, con un Berlusconi ormai dominato dalla fanatica iscritta all’Arcigay Francesca Pascale e i ballerini alleati Meloni e Salvini sempre oscillanti tra le concessioni allo spirito del tempo (“le unioni gay? Le celebrerò, sono una legge dello Stato”; “la pillola Ru486? Da somministrare nell’ambito della 194”, disse Giorgia) e qualche barbara scivolata sul papponaggio di Stato sul corpo delle prostitute, invece di lavorare alla loro liberazione secondo la lezione di don Oreste Benzi e della comunità Giovanni XXIII.

E i cattolici? Quelli sparsi a far da “lievito” nei partiti? Semplicemente hanno preso i principi non negoziabili della difesa della vita e della famiglia, decidendo di aprirci un negozio e venderseli per trenta denari. Così quello che per trent’anni non era riuscito ai pochissimi eletti lgbt, ora è stato compiuto per mano dei cattolici del centrosinistra (Renzi), dei cattolici del centrodestra (Alfano e verdiniani più altri di Forza Italia), con la firma complice del sempre più ornamentale presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. In queste amministrative i cattolici si vergognano, hanno fatto sparire i loro ultimi residuali simboli (Ncd, Udc, Popolari per l’Italia) per nascondersi in qualche listarella civica e lucrare l’eletto con le preferenze.

Allora, a chi può dare utilmente il proprio voto una persona che come me ha trascorso gli ultimi anni della sua vita a provare a fermare a mani nude gli incipienti falsi miti di progresso, dopo la sconfitta sul ddl Cirinnà e con il rischio che ora in pochissimo tempo la diga crolli e avanzino una raffica di normative che travolgerebbe quel che resta dei nostri valori?

L’unico voto utile è al Popolo della Famiglia, lo è oggettivamente, non solo perché vi sono personalmente coinvolto. Certamente è il voto più inviso ai laicisti, che lasciano traccia del loro odio nei nostri confronti in ogni riga sui social network prodotta dal PdF o che lo riguardi. Poi è il voto che modificherebbe concretamente gli equilibri politici: un Popolo della Famiglia a percentuali importanti sarebbe letto come una risposta immediata e dura alla legge sulle unioni gay imposta con tanta violenza, farebbe riflettere subito sull’opportunità di procedere con l’approvazione delle altre leggi antifamiliste e portatrici di falsi miti di progresso. Solo e soltanto il voto al Popolo della Famiglia avrebbe questo effetto, qualsiasi altro voto è già digerito dal sistema e un PdF debole starebbe a significare l’irrilevanza politica di una piattaforma costruita sui principi non negoziabili, dando ragione a chi li ha negoziati.

L’unico voto utile è quello dato al Popolo della Famiglia domenica 5 giugno 2016 perché sarà la costruzione di un primo passo che lo metterà in grado di essere determinante in vista delle elezioni politiche che con ogni probabilità si terranno nel 2017. Con l’Italicum una forza come il Popolo della Famiglia, realmente autonoma e non aggregabile ai carrozzoni esistenti del centrodestra e del centrosinistra, sarà l’ago della bilancia che deciderà l’esito delle elezioni e chi governerà il paese. Sa sarà da subito una forza robusta e capace di rafforzarsi nel 2017 potrà imporre uomini e temi derivanti dalla difesa dei principi non negoziabili e da questa lunga battaglia contro il dilagare delle leggi imperniate sui falsi miti di progresso, tirando efficacemente il freno di un’Italia altrimenti avviata verso il baratro nichilista.

L’unico voto utile è quello che salva l’Italia dal suo sprofondare verso il nulla, al ballottaggio del 19 giugno vota chi vuoi, ma al primo turno del 5 giugno è fondamentale il tuo voto alle ragioni forti del Popolo della Famiglia. Il mio, si sa, lo avrà. Il Signore benedica questa nostra durissima fatica, lo sguardo benevolo della Vergine Maria si rivolga a noi e ci faccia specchiare in un risultato che possa essere letto come un momento di svolta per l’Italia che altrimenti vedrà l’abisso.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

01/06/2016
1907/2019
Sant'Arsenio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Cento giorni dalle prossime elezioni

Se la campagna elettorale non è ufficialmente aperta, a poco più di tre mesi dalle elezioni, rombano ugualmente i motori delle formazioni in campo. Anche il Popolo della Famiglia lavora alacremente per aumentare, consolidare e conservare il consenso che dovrebbe permettergli di dare una rappresentanza politica al popolo del Family Day, tradito dai partiti che dovevano sostenerlo.

Leggi tutto

Politica

Per arrivare con metodo al 5 Marzo

Fino a pochi giorni fa Massimo Gandolfini si limitava a ignorare inelegantemente le attività e la stessa esistenza del Popolo della Famiglia. Arrivati all’ultimo giro, la sua preoccupazione sembra
essere anzitutto legata alla delegittimazione attiva dell’opzione di autonomia del PdF. Eppure il 4 marzo arriverà e trascorrerà: allora sarà il caso di non essere diventati autenticamente nemici.

Leggi tutto

Politica

Preparatevi si vota a Giugno

Il voto a Giugno sembra essere sempre più vicino

Leggi tutto

Politica

PDF alle elezioni, le date fondamentali

In appena 90 giorni potremmo trovarci davanti ad un’Italia trasformata dalla grande sorpresa di un’affermazione del Popolo della Famiglia al voto, che si tiene a 65 giorni esatti da adesso. Vale la pena di essere protagonisti di questa lotta per il cambiamento, per la famiglia, per la vita.

Leggi tutto

Politica

I 5 STRUMENTI PER LA VOLATA FINALE DEL PDF

Siamo al conto alla rovescia verso quel 4 Marzo nel quale il Popolo della Famiglia attende l’occasione per cambiare il mondo!

Leggi tutto

Politica

LE COSE DA FARE PER IL POPOLO DELLA FAMIGLIA

La selezione dei nostri candidati alle amministrative nelle città importanti è già partita. Il segretario nazionale Gianfranco Amato ha presentato ufficialmente nella sua trasmissione su Popolo della Famiglia Tv (in onda anche sul digitale terrestre e sul canale 891 di Sky il lunedì alle 20) il grande Filippo Grigolini da cui ci aspettiamo un importante risultato nella sfida più appassionante del Nordest, quella per la carica di sindaco di Verona. A Crema presentiamo Luca Grossi, anche qui carichi di aspettative. Nei prossimi giorni Amato ufficializzerà le ulteriori candidature finché non copriremo tutto il territorio nazionale. Io personalmente mi occuperò di essere fisicamente presente anche nei comuni più piccoli per suscitare e sostenere liste del Popolo della Famiglia, ho già un calendario fitto di piccoli centri da scoprire da Riolo Terme venerdì a Borgomanero la settimana prossima e così via. Ovunque si voglia organizzare un’iniziativa con finalità di radicamento del Popolo della Famiglia io sono a disposizione basta scrivere a [email protected] e cercherò di farmi in quattro per arrivare.
Vorrei fosse chiaro a tutti: siamo alla prova decisiva, ci giocheremo molto del nostro percorso nei prossimi sei mesi e dobbiamo farci trovare assolutamente organizzati e pronti. Ripeto, un’occasione così non tornerà mai più. E dunque volare oooh, cantare oo-oo-oo-oh. Nel blu dipinto di blu del simbolo del Popolo della Famiglia, del manto di Maria che volga sempre il Suo sguardo benevolo su di noi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano