Politica

di Mario Adinolfi

L’unico voto utile

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Domenica 5 giugno potremo esprimere un unico voto e sarà bene non sprecarlo. Non sono mai stato refrattario alla retorica del “voto utile”, ha una sua ragionevolezza. Più semplicemente un grande maestro mi spiegò un giorno che bisogna andare a votare “come se il tuo voto fosse quello decisivo per l’esito delle elezioni”. Mi sono formato con questa convinzione e a questa lezione sono stato fedele: sono sempre andato a votare tracciando la croce sul simbolo che avrei voluto veder prevalere alle elezioni, senza fare calcoli di convenienza o facendomi guidare dai pronostici.

Ho sempre guardato il contesto, questo sì. Anche stavolta la premessa è studiare quel che è accaduto per decidere. Ho trascorso gli ultimi tre anni della mia in una battaglia molto complessa per la vita e la famiglia “contro i falsi miti di progresso”. Ho scritto un libro, ho tenuto centinaia e centinaia di convegni in ogni angolo del paese, ho parlato in decine di trasmissioni televisive e radiofoniche e una l’ho ideata e condotta a Radio Maria, ho partecipato alle mobilitazioni collettive contro il gender nelle scuole (20 giugno 2015, piazza San Giovanni) e contro il ddl Cirinnà (30 gennaio 2016, Circo Massimo). Insomma sono stato tra quei milioni di italiani che hanno visto avanzare pericolose politiche antifamiliste, portatrici di una visione antropologica che vuole trasformare le persone in cose, che parte dall’unione gay con gli uteri affittati e i bambini comprati per arrivare alla devastazione dell’istituto matrimoniale, alla “normalizzazione” espansiva della pratica abortiva, alla droga libera, all’eutanasia. Se questo è il contesto considero prioritario fermare quest’onda. Milioni di persone considerano pericolosa la società della denatalità, della famiglia destrutturata, della vittoria della cultura dello scarto, dell’ideologia gender che si espande dai canali dei mezzi di comunicazione fino a tutte le scuole, a partire da quelle dell’infanzia.

Lo strumento che abbiamo è il voto e deve essere dunque un voto utile a fermare quest’onda. L’offerta politica per chi ha questa esigenza è davvero scarsa. Tutto il centrosinistra e la sinistra e il Movimento Cinque Stelle sono preda dell’ubriacatura antifamilista, festeggiano divorzio breve e unioni omosessuali, trovano intese preoccupanti sulla droga libera, celebrano Marco Pannella come fosse un Padre della Patria dimostrando che aveva ragione Augusto Del Noce segnalando la trasformazione dei marxisti in individualisti, del fu Pci in un partito radicale di massa. I grillini, poi, sono peggio e propongono persino matrimoni plurimi e sei genitori a figlio, con una puntatina del deputato Sibilia dalle parti del “matrimonio interspecie”. A destra vince la confusione, con un Berlusconi ormai dominato dalla fanatica iscritta all’Arcigay Francesca Pascale e i ballerini alleati Meloni e Salvini sempre oscillanti tra le concessioni allo spirito del tempo (“le unioni gay? Le celebrerò, sono una legge dello Stato”; “la pillola Ru486? Da somministrare nell’ambito della 194”, disse Giorgia) e qualche barbara scivolata sul papponaggio di Stato sul corpo delle prostitute, invece di lavorare alla loro liberazione secondo la lezione di don Oreste Benzi e della comunità Giovanni XXIII.

E i cattolici? Quelli sparsi a far da “lievito” nei partiti? Semplicemente hanno preso i principi non negoziabili della difesa della vita e della famiglia, decidendo di aprirci un negozio e venderseli per trenta denari. Così quello che per trent’anni non era riuscito ai pochissimi eletti lgbt, ora è stato compiuto per mano dei cattolici del centrosinistra (Renzi), dei cattolici del centrodestra (Alfano e verdiniani più altri di Forza Italia), con la firma complice del sempre più ornamentale presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. In queste amministrative i cattolici si vergognano, hanno fatto sparire i loro ultimi residuali simboli (Ncd, Udc, Popolari per l’Italia) per nascondersi in qualche listarella civica e lucrare l’eletto con le preferenze.

Allora, a chi può dare utilmente il proprio voto una persona che come me ha trascorso gli ultimi anni della sua vita a provare a fermare a mani nude gli incipienti falsi miti di progresso, dopo la sconfitta sul ddl Cirinnà e con il rischio che ora in pochissimo tempo la diga crolli e avanzino una raffica di normative che travolgerebbe quel che resta dei nostri valori?

L’unico voto utile è al Popolo della Famiglia, lo è oggettivamente, non solo perché vi sono personalmente coinvolto. Certamente è il voto più inviso ai laicisti, che lasciano traccia del loro odio nei nostri confronti in ogni riga sui social network prodotta dal PdF o che lo riguardi. Poi è il voto che modificherebbe concretamente gli equilibri politici: un Popolo della Famiglia a percentuali importanti sarebbe letto come una risposta immediata e dura alla legge sulle unioni gay imposta con tanta violenza, farebbe riflettere subito sull’opportunità di procedere con l’approvazione delle altre leggi antifamiliste e portatrici di falsi miti di progresso. Solo e soltanto il voto al Popolo della Famiglia avrebbe questo effetto, qualsiasi altro voto è già digerito dal sistema e un PdF debole starebbe a significare l’irrilevanza politica di una piattaforma costruita sui principi non negoziabili, dando ragione a chi li ha negoziati.

L’unico voto utile è quello dato al Popolo della Famiglia domenica 5 giugno 2016 perché sarà la costruzione di un primo passo che lo metterà in grado di essere determinante in vista delle elezioni politiche che con ogni probabilità si terranno nel 2017. Con l’Italicum una forza come il Popolo della Famiglia, realmente autonoma e non aggregabile ai carrozzoni esistenti del centrodestra e del centrosinistra, sarà l’ago della bilancia che deciderà l’esito delle elezioni e chi governerà il paese. Sa sarà da subito una forza robusta e capace di rafforzarsi nel 2017 potrà imporre uomini e temi derivanti dalla difesa dei principi non negoziabili e da questa lunga battaglia contro il dilagare delle leggi imperniate sui falsi miti di progresso, tirando efficacemente il freno di un’Italia altrimenti avviata verso il baratro nichilista.

L’unico voto utile è quello che salva l’Italia dal suo sprofondare verso il nulla, al ballottaggio del 19 giugno vota chi vuoi, ma al primo turno del 5 giugno è fondamentale il tuo voto alle ragioni forti del Popolo della Famiglia. Il mio, si sa, lo avrà. Il Signore benedica questa nostra durissima fatica, lo sguardo benevolo della Vergine Maria si rivolga a noi e ci faccia specchiare in un risultato che possa essere letto come un momento di svolta per l’Italia che altrimenti vedrà l’abisso.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

01/06/2016
1412/2019
San Giovanni della Croce

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Giornate dense

Il Popolo della Famiglia prosegue la sua opera per cambiare la società e la gente lo segue

Leggi tutto

Politica

PDF le cinque cose da fare subito

L’assemblea nazionale ha incaricato due commissioni (presiedute da Nicola Di Matteo e Fabio Torriero) di indicare candidati e programma del Popolo della Famiglia per le prossime elezioni politiche

Leggi tutto

Politica

Perchè il PDF serve sempre di più?

Mai come in questo momento il ruolo che il Popolo della Famiglia intende svolgere è decisivo. Siamo una realtà piccola, ma in crescita, le amministrative lo hanno testimoniato. Se il 4 marzo a Roma prendevamo lo 0.6 alla Camera e lo 0.7 al Senato, il 10 giugno a Roma abbiamo preso l’1.83. Vuol dire che il movimento è in salute e lo abbiamo spiegato analiticamente con i numeri il giorno dopo il primo turno delle amministrative. Proprio i numeri hanno evidenziato che il nostro ruolo è di presidio di un’area che nella storia si chiama “cattolicesimo politico”, che ha avuto origine nel 1919 grazie all’intuizione di don Luigi Sturzo, si è rivitalizzata con il codice di Camaldoli del 1943, si è strutturata in diverse esperienze partitiche a partire dalle elezioni repubblicane del 1946 per giungere fiacca e secondo alcuni esaurita al centenario dell’appello ai Liberi e Forti, di don Sturzo appunto. Un movimento politico di ispirazione cristiana con al centro i bisogni della famiglia e la cultura della vita è quanto mai necessario oggi all’Italia. Secondo alcuni questa opzione viene svolta nell’Italia del 2018 dalla Lega di Matteo Salvini. Si tratta ovviamente di una opzione legittima, chi la ritiene valida può andare nelle sedi disseminate in tutta Italia di quel partito e iscriversi, salendo sul carro del vincitore. Lo stanno facendo in molti e Salvini grazie a parole d’ordine decisioniste su migranti e rom sta facendo il pieno di consensi anche tra i cattolici.

Leggi tutto

Politica

Una candidatura simbolica per rifondare l’ europeismo

Un progetto di ingegneria istituzionale non è sufficiente. Cosa impedisce infatti a un’ideologia di sostituirsi a un’altra? Le ideologie totalitarie disprezzavano il formalismo giuridico e istituzionale, aggirandolo sistematicamente. Oggi in Europa regnano, in nome dell’impoliticità, altre ideologie che si chiamano pensiero politicamente corretto, dittatura del relativismo, umanismo (cioè l’umanesimo senza l’umano). Sempre più il nuovo ordine europeo assomiglia – paurosamente – a quel regime che Tocqueville nella “Democrazia in America” aveva battezzato come «dispotismo democratico»: una tirannide confidenziale, ludica, che lascia che la massa del popolo si trastulli con «piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri». I cittadini così diventano degli individui isolati, estranei gli uni agli altri, degli apolidi senza patria.

Leggi tutto

Politica

La questione politica dirimente

Non c’è giustificazione o missione che tenga quando in parlamento si legifera di vita o di morte. Come hanno dimostrato i grillini tutti compatti e precettati (88 su 88), i bersaniani tutti compatti e precettati (40 su 40), i vendoliani tutti compatti e precettati (17 su 17) e i democratici tutti compatti e precettati (283 su 283). Sui principi non negoziabili purtroppo, sinistra e grillini hanno dimostrato di essere molto più seri di quella strana “Arca di Noè” che è il centrodestra.

Leggi tutto

Politica

Dite addio al centrodestra

In Abruzzo la Lega ha vinto con Marsilio, candidato FdI, ma la trazione della coalizione è stata completamente leghista (per più di due terzi dei voti totali): si rivela vincente, per il momento, la strategia salviniana di emanciparsi dall’egida berlusconiana. Forza Italia si sta prosciugando voto dopo voto e si apre al centro uno spazio per l’elettorato di centro, specie quello cattolico.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano