Politica

di Mario Adinolfi

Con pazienza e costanza

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Dei 5.797.000 italiani che potevano scegliere di votare ieri per il Popolo della Famiglia poco più di tre milioni hanno espresso un voto valido per le amministrative: decine di migliaia hanno scelto di dare quel voto ai candidati sindaco indicati dal Popolo della Famiglia, seminando speranza. Quasi ottomila romani avrebbero voluto me come sindaco e a me sembra un numero molto confortante, più di seimila hanno scelto Nicolò Mardegan a Milano, e altre migliaia sono stati con Mirko De Carli a Bologna, Vitantonio Colucci a Torino, Luigi Mercogliano a Napoli, Ada Addolorata Di Campi a Rimini, Claudio Iacono a Assisi, a Villorba Damiano Cattarin, Claudio Iaconoa Assisi, Raffaele Adinolfi a Salerno, Alberto Agus a Cagliari, Paolo Orrigoni a Varese, Gian Carlo Paracchini a Novara, Pasqualino Piunti a San Benedetto del Tronto, Ottavio Tesoriere a Crotone.

Siamo una forza che si colloca oltre l’uno per cento nazionale. Abbiamo svolto otto settimane di lavoro e abbiamo raggiunto questo risultato, con punte che superano il due per cento per le nostre liste a Novara e a Varese, oltre il 3.32% a Cordenons. Abbiamo animato la partecipazione di decine di migliaia di persone spesso provenienti dall’area dell’astensione. Abbiamo seminato e ora dobbiamo coltivare.

Proveranno a dissuaderci, ad attaccarci e ovviamente a irriderci. Copione consueto. Tutte le storie politiche recenti, penso alla Lega di Bossi e al M5S, sono passate attraverso questo rituale. Alle prime uscite si prende un consenso limitato. Se si insiste su un’idea forte e si ha capacità organizzativa, il consenso cresce. Il M5S concorreva a Roma alle amministrative 2011 e si fermò al 2 per cento. Nel 2013 contò di raggiungere il ballottaggio e fallì. Oggi ha il consenso al primo turno del 36% dei romani.

Le nostre idee sono fondamentali e attrattive, molto più del generico “tutti a casa” pentastellato. Occorrono ora pazienza e costanza. La semina è stata positiva, ora ci vedremo sabato 11 alle 15 a via Cavour 50a per l’assemblea nazionale, discuteremo di ballottaggi e prospettive. Soprattutto ci daremo da fare per costruire il Popolo della Famiglia in ogni comune italiano: siamo partiti da 15 grandi città, ora dobbiamo arrivare ovunque.

L’uno per cento nazionale deve diventare il tre per cento alle politiche. Per fermare le leggi terrificanti che il prossimo Parlamento potrebbe varare. E’ la missione di una vita, certamente varrà il nostro impegno nei prossimi nove mesi. Il primo passo è stato compiuto, con fatica e determinazione. Ora bisogna continuare e costruire anche negli angoli più remoti d’Italia il Popolo della Famiglia. Questo il compito che ci viene consegnato dalle decine di migliaia di persone che ci hanno dato fiducia, per la vita e per la famiglia, contro i falsi miti di progresso.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

07/06/2016
2207/2019
Santa Maria Maddalena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Ops, l’odiato Trump vince ancora

Trump che fa? Il misogino Trump, il riccastro Trump come risponde? Candida una donna ma stanzia un budget di appena quattro milioni di dollari. Oddio, ho scritto appena, ma per una elezione distrettuale è comunque una montagna di danaro. Certo, paragonata ai cinquanta milioni in dote al candidato dei democrats sembra un topolino. Ma la donna è coriacea, sa di doversi battere, in quel distretto di Atlanta alle presidenziali Trump ha vinto sì, ma per pochissimi voti e ora tutti dicono che l’inquilino della Casa Bianca è odiatissimo, che ha vinto solo per il bizzarro sistema elettorale americano ma in realtà ha preso meno voti di Hillary Clinton e insomma il 29enne democratico è praticamente certo di diventare deputato, ha il sostegno di tutta la stampa e di tutte le star dello spettacolo e delle principali televisioni. Con quei cinquanta milioni di dollari si è potuto comprare undicimila spot televisivi che hanno bombardato i cittadini di Atlanta notte e dì, spiegando come fosse importante dal punto di vista simbolico quella elezioni, che di lì l’America sarebbe ripartita alla riscossa e menate del genere.

Leggi tutto

Politica

Lo scontro pre-elettorale nell’era del web 2.0

Come era ampiamente preventivato, l’enorme sforzo organizzativo messo in opera dal Popolo della Famiglia lede gli interessi di quanti contavano di millantare (inesistenti) diritti sulla “quota cattolica” dell’elettorato italiano. I sistemi sono sempre i soliti, collaudati a più non posso nei regimi totalitari del XX secolo. Mano a mano che gli anni passano, però, osserviamo l’incidenza delle nuove tecniche di comunicazione – le politiche 2018 non fanno eccezione..

Leggi tutto

Media

La settimana che porta a Camaldoli

E’ partito il conto alla rovescia per la festa nazionale de La Croce a Camaldoli

Leggi tutto

Politica

Che fare ora che i fatti sono chiari

I risultati di Gela – dove il PdF ha raccolto un 5,64 alle amministrative e un 8,75 alle europee – mostrano che se è radicato nel territorio in sinergia con l’associazionismo e gli enti ecclesiastici un movimento politico di ispirazione cristiana ha un suo spazio politico, nel nostro contesto, stimabile attorno all’8/10%. Quel che resta da fare è operare concretamente per fare ciò che va fatto.

Leggi tutto

Politica

I risultati del Popolo della Famiglia

Tutti i numeri del Pdf alle amministrative del 5 giugno

Leggi tutto

Politica

Per un recupero radicale della nostra identità

I temi che il libro affronta sono tanti, e tutti rilevanti per chi ha ancora a cuore le sorti del mondo: aborto, eutanasia, ideologia gender, legalizzazione delle droghe leggere (ma anche pesanti), pedofilia, prostituzione e altro ancora. L’ultimo libro del direttore di questo giornale ha sorpreso gli osservatori

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano