Politica

di Mario Adinolfi

Con pazienza e costanza

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Dei 5.797.000 italiani che potevano scegliere di votare ieri per il Popolo della Famiglia poco più di tre milioni hanno espresso un voto valido per le amministrative: decine di migliaia hanno scelto di dare quel voto ai candidati sindaco indicati dal Popolo della Famiglia, seminando speranza. Quasi ottomila romani avrebbero voluto me come sindaco e a me sembra un numero molto confortante, più di seimila hanno scelto Nicolò Mardegan a Milano, e altre migliaia sono stati con Mirko De Carli a Bologna, Vitantonio Colucci a Torino, Luigi Mercogliano a Napoli, Ada Addolorata Di Campi a Rimini, Claudio Iacono a Assisi, a Villorba Damiano Cattarin, Claudio Iaconoa Assisi, Raffaele Adinolfi a Salerno, Alberto Agus a Cagliari, Paolo Orrigoni a Varese, Gian Carlo Paracchini a Novara, Pasqualino Piunti a San Benedetto del Tronto, Ottavio Tesoriere a Crotone.

Siamo una forza che si colloca oltre l’uno per cento nazionale. Abbiamo svolto otto settimane di lavoro e abbiamo raggiunto questo risultato, con punte che superano il due per cento per le nostre liste a Novara e a Varese, oltre il 3.32% a Cordenons. Abbiamo animato la partecipazione di decine di migliaia di persone spesso provenienti dall’area dell’astensione. Abbiamo seminato e ora dobbiamo coltivare.

Proveranno a dissuaderci, ad attaccarci e ovviamente a irriderci. Copione consueto. Tutte le storie politiche recenti, penso alla Lega di Bossi e al M5S, sono passate attraverso questo rituale. Alle prime uscite si prende un consenso limitato. Se si insiste su un’idea forte e si ha capacità organizzativa, il consenso cresce. Il M5S concorreva a Roma alle amministrative 2011 e si fermò al 2 per cento. Nel 2013 contò di raggiungere il ballottaggio e fallì. Oggi ha il consenso al primo turno del 36% dei romani.

Le nostre idee sono fondamentali e attrattive, molto più del generico “tutti a casa” pentastellato. Occorrono ora pazienza e costanza. La semina è stata positiva, ora ci vedremo sabato 11 alle 15 a via Cavour 50a per l’assemblea nazionale, discuteremo di ballottaggi e prospettive. Soprattutto ci daremo da fare per costruire il Popolo della Famiglia in ogni comune italiano: siamo partiti da 15 grandi città, ora dobbiamo arrivare ovunque.

L’uno per cento nazionale deve diventare il tre per cento alle politiche. Per fermare le leggi terrificanti che il prossimo Parlamento potrebbe varare. E’ la missione di una vita, certamente varrà il nostro impegno nei prossimi nove mesi. Il primo passo è stato compiuto, con fatica e determinazione. Ora bisogna continuare e costruire anche negli angoli più remoti d’Italia il Popolo della Famiglia. Questo il compito che ci viene consegnato dalle decine di migliaia di persone che ci hanno dato fiducia, per la vita e per la famiglia, contro i falsi miti di progresso.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/06/2016
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Grideranno i ragazzi

Il quotidiano la Repubblica dona una pagina a Monica Corinna’ e lei ci prospetta il suo mondo futuro. Un mondo voluto da minoranze e creato a colpi di fiducia parlamentare. Fortunatamente esiste il Popolo della Famiglia e vi sono i referendum abrogativi!

Leggi tutto

Società

Partendo da un fumetto di Zerocalcare

Abbandonare l’inconsistenza. Ecco l’obiettivo che dovremmo porci, noi tutti, ogni giorno. E dopo averlo posto, sforzarci di vederlo proposto agli altri, in particolare ai giovani che altrimenti vivranno sempre in condizione sradicata, da canne esposte ad ogni vento.

Leggi tutto

Chiesa

SILENZIO, PREGHIERA, CANI SELVAGGI

Silenzio. Dire la sua e poi tacere. Perché la verità è mite, la verità è silenziosa, la verità non è rumorosa. Non è facile, quello che ha fatto Gesù; ma c’è la dignità del cristiano che è ancorata nella forza di Dio. Con le persone che non hanno buona volontà, con le persone che cercano soltanto lo scandalo, che cercano soltanto la divisione, che cercano soltanto la distruzione, anche nelle famiglie: silenzio. E preghiera». Francesco ha detto la sua: a chi vuole buttarlo giù oppone il silenzio di Gesù, che è lo stesso davanti alle accuse ripetute da Pilato. Non si difende, perché “la verità è mite e silenziosa”. Bisogna chiedersi perché il Papa non abbia pronunciato un semplice “non è vero”, davanti alla non provabile denuncia di Viganò di averlo avvertito del dossier su McCarrick. Un furbo l’avrebbe fatto, chi potrebbe smentire un’asserzione del Papa? La scelta del silenzio, ora, è ancora più convincente.

Leggi tutto

Politica

GLI OBIETTIVI POLITICI DEL POPOLO DELLA FAMIGLIA

Chi vota Popolo della Famiglia il 26 maggio, in una tornata elettorale caratterizzata dalla legge elettorale proporzionale pura con cui si vota alle Europee, vuole rafforzare la capacità di un soggetto politico autonomo cristianamente ispirato di essere determinante. La rappresentanza di quanti in Italia si oppongono alla deriva nichilista del “partito radicale di massa” non può essere appaltata ad altri

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Società

La “resilienza” del fenomeno droga in tempo di pandemia Covid-19 e le nuove tendenze italiane.

La nuova strategia dell’UE in materia di droga per il periodo 2021-25 indica chiaramente che la risposta europea deve essere basata su dati concreti e realizzata attraverso un approccio equilibrato e integrato in base al suo impatto sulla salute, la sicurezza e il benessere dei nostri cittadini. L’EMCDDA ha il compito di contribuire a fornire i dati necessari per garantire che le politiche e le azioni europee in materia di droga siano coordinate, efficaci, ben mirate e reattive a nuove minacce e sfide

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano