Società

di Giusy D’Amico

Petizione online del Comitato “Difendiamo i nostri figli”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Tra pochi giorni saranno pubblicate dal MIUR le linee guida che attueranno a partire da Settembre il comma 16 della nuova legge sulla “La Buona Scuola”, il quale introduce l’educazione di genere nella scuola pubblica italiana, attraverso l’ educazione alla parità tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni.

Ci sono troppe ambiguità pericolose intorno alla cosiddetta “educazione di genere”, ai concetti stessi di “genere”, “stereotipi” e “discriminazione” e troppe segnalazioni da tutta Italia testimoniano da mesi come questi termini sono il cavallo di Troia per far entrare il gender- cioè un vero e proprio indifferentismo sessuale - nelle scuole di ogni ordine e grado

Il comma 16, già in sede di approvazione della legge, suscitò un acceso dibattito, che venne bloccato con il voto di fiducia imposto proprio per stoppare le polemiche intorno all’ introduzione dell’ educazione di genere, su cui in parlamento non vi era l’unanimità del consenso. Ovviamente chi contestava l’introduzione dell’educazione di genere non lo faceva per connivenza verso il femminicidio o il bullismo omofobico, ma semplicemente perchè,in un confronto che si sperava democratico, voleva individuare, altre modalità di contrastare questi fenomeni che non fossero quelle che poi si sono dimostrate essere nella scuola, surrettizie introduzioni di teorie gender e di indottrinamento in senso pansessualista, omosessualista con proposte tramite sussidi didattici tuttora in adozione nelle scuole, di scriteriate e plurime identità sessuali e orientamenti sessuali intesi come scelte soggettive

Questo rende necessario chiedere subito al Ministero della Istruzione Stefania Giannini garanzie su questo documento e l’ ufficializzazione della pratica del “Consenso Informato preventivo” per permettere ai genitori di dare o meno il loro assenso alla partecipazione dei figli a tutti i progetti scolastici su temi educativi sensibili e controversi per le famiglie, in primis quindi quelli di educazione affettiva e sessuale e tutti quelli collegati al comma 16, anche quando si svolgono durante l’ orario scolastico, offrendo anche la possibilità di attività alternativa, nel RISPETTO del diritto allo studio e del primato educativo dei genitori - riconosciuto dall’ art. 26 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’ Uomo, dalla Convenzione Europea per la salvaguardia dei Diritti dell’ Uomo e delle Libertà Fondamentali (art.2 del Prot. Add.1) e dall’ Art. 30 della Costituzione - e per difendere il valore non negoziabile della Libertà di Educazione.

Anche noi siamo per “l’educazione alla parità tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni” delle persone, ma siamo nel contempo difensori del pluralismo culturale ed educativo, che si salvaguarda rispettando il diritto inviolabile del genitore di educare i figli in coerenza con le proprie convinzioni educative e religiose, nel rispetto delle leggi e della libertà di coscienza per tutti.

Per la libertà di educare i nostri figli.

Onorevole Ministro Stefania Giannini, si pronunci formalmente in favore della libertà educativa delle famiglie, ufficializzando alcune posizioni chiare a garanzia di tale tutela:

1) VALIDITÀ DEL CONSENSO INFORMATO PREVENTIVO da richiedere ai genitori attraverso una dettagliata informazione sui contenuti su tutte le attività che attengono a temi educativi sensibili e controversi tra le famiglie (relativi alla sfera etica, affettiva e religiosa) e alle attività normate dal comma 16, Legge n. 107/2015 - in coerenza con quanto garantito nella Nota Prot. AOODGSIP n.4321 del 6/07/2015,anche qualora proposte all’ interno dell’ orario scolastico.

2) ESONERO DA PROGETTI DIDATTICI E PERCORSI EDUCATIVI NON CONDIVISI, in caso di mancato assenso delle famiglie, anche qualora proposti all’ interno dell’ orario scolastico.

3) Disponga l’ organizzazione di attività alternativa da parte degli istituti per gli alunni che non partecipassero a tali progetti, per garantire il diritto allo studio di tutti gli allievi.

4) Garantisca che nelle linee guida in emanazione sia richiamato quanto affermato dal MIUR nella C.M. n. 1972 del 15 Settembre 2015 a supporto dell’art. 1 comma 16 legge 107/2015, cioè che “tra i diritti e i doveri e tra le conoscenze da trasmettere non rientrano in nessun modo “ideologie gender” e si leghi il concetto di genere a quello di sesso (peraltro utilizzato nella stessa Costituzione, art.3), onde evitare le derive ideologiche che hanno portato alla moltiplicazione scriteriata di infinite, presunte “identità di genere”

5) IMPEGNO delle scuole e dell’Amministrazione scolastica, ad ogni livello, di estendere la collaborazione con tutte le associazioni di genitori, senza privilegi o discriminazioni, nel progettare iniziative di educazione alla parità tra i sessi e relative a tutte le tematiche in attuazione del comma 16, Legge n. 107/2015

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

25/07/2016
1907/2019
Sant'Arsenio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

    Nessun tag disponibile.

Articoli correlati

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano