Chiesa

di Claudia Cirami

Tre giorni di Fede e sport in Vaticano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Si è aperta ieri la conferenza globale su fede e sport che vedrà, in Vaticano, per tre giorni (dal 5 al 7 Ottobre) riunirsi atleti e rappresentati di fede per parlare e testimoniare i principi su cui dovrebbe basarsi lo sport e su cui, in un modo profondo, può innestarsi l’esperienza di fede di ogni singolo sportivo, qualsiasi essa sia. La conferenza è intitolata «Sport at the Service of Humanity», lo sport al servizio dell’umanità, e la cerimonia di apertura si è tenuta nell’aula Paolo VI. Per testimoniare al mondo che lo sport è luogo di incontro, di dialogo, di pace, al di là della competizione e del consueto agonismo. Viene in mente il selfie alle olimpiadi scattato da due atlete appartenenti a paesi in guerra tra loro, la Corea del Nord e quella del Sud: andando oltre i motivi propagandistici che qualcuno ha prospettato come retroscena dell’immagine, resta tuttavia il simbolo di quello che è possibile fare in termini di unione attraverso lo sport. Vero è che il rischio di un’inutile e parassita retorica è sempre dietro l’angolo, ma quando due atlete si supportano a vicenda, come è capitato durante una gara a Nikki Hamblin (Nuova Zelanda) e Abbey D’Agostino (Stati Uniti), è in quei momenti che si comprende come non si possa rinunciare a perseguire la pace anche attraverso quello che di bello può testimoniare lo sport. Papa Francesco, che ha aperto la prima delle tre giornate, con Ban Ki-moon, segretario generale delle Nazioni Unite, partecipa insieme al primate anglicano Justin Welby, con il quale, per l’occasione, alle ore 18 di ieri, nella Chiesa dei Santi Andrea e Gregorio al Celio, ha ricordato il 50.mo anniversario dell’incontro tra il beato Paolo VI e Michael Ramsey, arcivescovo di Canterbury. Il Santo Padre ha presieduto i Vespri, con la partecipazione del nuovo primate, mostrando ancora una volta la simpatia che intercorre tra la confessione cattolica e quella anglicana. Tornando alla conferenza, che nella prima giornata ha visto alcuni momenti emozionanti, ci sono anche rappresentanti dei patriarcati ortodossi di Costantinopoli e di Mosca, ed esponenti religiosi dell’Ebraismo e dell’Islam, segno ulteriore di quel percorso che, pur se non privo di contraddizioni e cadute, le religioni mondiali stanno ormai perseguendo da tempo sulla via di una coesistenza pacifica che non può che fare il bene dell’umanità. Non mancano poi istituzioni sportive, come il Cio, Comitato olimpico internazionale, nella figura del suo presidente, Thomas Bach. Tra gli sportivi (olimpici, ma anche paralimpici, in attività o ritirati), figurano calciatori come Alessandro Del Piero e Damiano Tommasi; Daniele Garozzo, medaglia d’oro nella scherma a Rio; Andrea Lucchetta, campione di volley, Igor Cassina, asso degli anelli; Valentina Vezzali, fioretto; Daniele Lupo, che, sempre a Rio, ha vinto l’argento nel beach volley; Yael Arad, judoka israeliana; Kirsty Coventry, nuotatrice dello Zimbabwe: Bebe Vio, medaglia d’oro a Rio nella scherma paralimpica; Giusy Versace, altra atleta delle paralimpiadi; Paolo Lokoro, che ha partecipato a Rio con la squadra dei rifugiati. Quest’ultimo, che proviene dal Sudan, ha spiegato: «Sono scappato a causa della guerra. Il mio Paese ha bisogno di pace. È la pace che ci fa stare a casa. Il mondo ha bisogno di pace». Perché – come più volte ha sostenuto il Papa – quella delle migrazioni forzate è ormai un’emergenza globale, che non può essere più trascurata. E la pace non si può costruire se non si tiene conto anche di questa drammatica e attuale realtà: pure lo sport sembra averne preso atto. La cerimonia di apertura della conferenza è stata trasmessa su Rai1 e su Sky ed è stata condotta da Lorena Bianchetti. Nel corso del pomeriggio si sono esibiti anche il pianista Lang Lang e la soprano Carmen Giannattasio, mentre gli atleti hanno condotto davanti al Papa le lampade di Assisi, ricordo e segno dell’incontro interreligioso che si è svolto da poco, insieme ad alcuni “strumenti di lavoro”, come li ha chiamati la Bianchetti, cioè gli elementi che caratterizzano le diverse discipline sportive, dalla cuffia per la piscina al pallone. Fede e sport uniti dunque anche simbolicamente nel cammino di ricerca della pace. L’iniziativa – che è stata evidentemente apprezzata globalmente – è stata organizzata dal cardinale Gianfranco Ravasi, per il Pontificio Consiglio della Cultura, con il supporto del Cio e dell’Onu e il sostegno di Allianz, il cui CEO, parlando davanti al Papa, ha ricordato che per lui il 5 Ottobre è anche un giorno speciale perché ha incontrato sua moglie per la prima volta proprio in questo stesso giorno e durante un evento sportivo, spiegando inoltre che Allianz «lavora in 70 paesi ed è sempre stata a sostegno dello sport». Sono stati sei i principi su cui dovrà basarsi tutta la conferenza e sono stati letti e commentati in inglese da sei sportivi, tra cui Alessandro del Piero e Bebee Vio (scelta azzeccata la sua per simboleggiare il principio enunciato: la gioia). Questi principi sono compassione, rispetto, amore, ispirazione, equilibrio e gioia, che trovano nello sport un terreno ideale se ripulito da quelle incrostazioni e miserie umane che rendono lo sport un luogo in cui è facile esprimere anche il peggio di se stessi. Come notiamo qualche domenica sui campi di calcio o come abbiamo visto in talune occasioni durante le stesse Olimpiadi, è anche possibile, infatti, che gli eventi sportivi siano cupe esibizioni di disvalori, come il mancato rispetto dell’altro, una rabbia eccessiva, un favoritismo inopportuno. Questo tuttavia non inficia l’idea stessa di sport come incontro tra esseri umani. Nel suo intervento, il primate anglicano Welby ha infatti parlato dello sport come luogo in cui si celebra l’umanità senza differenze di razza, religione, cultura. Aggiungendo poi che molti sono privati dello sport per motivi vari, rinunciando purtroppo ai benefici che ne derivano. «Lo sport ha la capacità di unire; abbiamo tutti la responsabilità di condividere i valori positivi» del mondo sportivo, ha ricordato il primate. A lui ha fatto eco il presidente del Cio dicendo che «Lo sport è un arricchimento per la società e per l’intera umanità». Ovviamente a patto di preservare almeno quei sei principi su cui si è basata la cerimonia di apertura e su cui si baseranno gli altri incontri. Il tema della conferenza, tuttavia, non deve essere visto come limitato unicamente a questa. Durante la conferenza stampa di presentazione, monsignor Melchor Sanchez de Toca y Alameda, sottosegretario del Pontificio Consiglio della Cultura, ha spiegato che non si tratterà di un evento isolato, auspicando anche che si dia vita ad esperienze simili presso i luoghi di culto di altre religioni. Sempre durante la presentazione, il cardinale Ravasi ha poi detto che lo sport è «manifestazione di creatività, fantasia e potenzialità. Questa nobile attività può degenerare attraverso ben noti elementi devastanti. Ma lo sport, dalle sue origini fino al giorno d’oggi, è parte della paideia, quel processo di crescita ed evoluzione». Secondo il cardinale, l’intento degli organizzatori della conferenza è di «intervenire anche sullo sport professionale, che raggiunge alti livelli ma ha anche limiti e difetti» perché i professionisti «siano consapevoli che» nei riguardi di dilettanti e giovani «sono simboli, a volte idoli, ed hanno dunque una funzione pedagogica importante». Lo sport, dunque, come locus nel quale trasmettere e fare esperienza di principi significativi per la crescita non solo fisica, ma anche umana: per questo motivo è necessario pensare ad un evento che continui nel tempo e che produca frutti duraturi. Siamo portati spesso a pensare che la pace passi soltanto attraverso incontri religiosi o tra credenti e non credenti, attività caritative, promozione umana. Dimenticando che anche ambiti come lo sport possono essere ottime palestre di convivenza pacifica. Può servire, dunque, una “tre giorni” che rinfreschi la nostra labile memoria. Fai clic qui per rispondere o inoltrare il messaggio

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

06/10/2016
1907/2019
Sant'Arsenio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Francesco secondo Valli, vaticanista inquieto

A sorpresa, Aldo Maria Valli ha dato alle stampe un libro su Papa Bergoglio che ha spiazzato tutti: il numero uno di Rai Vaticano, storico martiniano e già entusiasta sostenitore del papato argentino, cambia idea. I media ostili al Pontefice enfatizzano “266.” come un trofeo. Ciò che sembra di evincere dalla dolorosa confessione raccolta nel libro è che il pontificato si avvia a un declino che potrebbe forse sfociare in una dura restaurazione. Ne parliamo con lui

Leggi tutto

Società

Nell’universo del sadismo non c’è amore

La degradazione dell’altro a oggetto di piacere spiega la predilezione degli antieroi sadiani per la sodomia. Scrive Lombardi Vallauri: «Il privilegiamento assoluto e sistematico della sodomia, nel rapporto sia omo- che eterosessuale, esprime nel modo più plastico la generale riduzione dell’altro a puro succube, a sub-giacente, privato del volto e dello sguardo, ossia degli organi della reciprocità, egli è passività pura, materiale per alimentare il fuoco della passione. La posizione fisica nel rapporto esprime il rifiuto dell’incontro, la sterilità del rapporto il rifiuto dell’impegno».

Leggi tutto

Politica

Come può uno scoglio arginare il mare?

Diciamo banalità e davvero non capisco perché facciano tanta paura a prelati politicizzati e giovani liberticidi, o meglio lo capisco e bene ma non mi ci rassegno. Continueremo a parlare…...

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il sesso

Papa Francesco ha detto la sua su un tema molto delicato: il sesso. Le nostre cadute spirituali, le nostre debolezze, ci portano a usare la sessualità al di fuori di questa strada tanto bella, dell’amore tra l’uomo e la donna. Ma sono cadute come tutti i peccati. La bugia, l’ira, la gola… sono peccati: peccati capitali

Leggi tutto

Chiesa

Quer pasticciaccio brutto de li castighi divini

Nelle parole del saggio Benedetto c’è calore umano, c’è il mistero del dolore innocente associato, in maniera altrettanto misteriosa, alla Croce di Cristo. Su tutto regna la fiducia nella costitutiva bontà di Dio, un Padre buono che ama i propri figli. Una sola cosa non c’è nella risposta di papa Benedetto: un sistema di risposte a tutto, una FAQ teologica a misura della ragione umana. Ci sono invece appelli alla meditazione, inviti alla preghiera. Pregare, ce lo dice l’etimologia, implica il riconoscimento della propria precarietà: è un’esortazione ad affidarsi, atto antipelagiano per eccellenza.

Leggi tutto

Politica

Ogni vuoto viene riempito

O capiamo che dobbiamo tornare ad occupare tutti i nostri spazi valoriali, ritornando pienamente alla nostra identità prima di tutto cristiana e ricordando sempre il nostro status di paese ospitante, o moriremo travolti dalla loro inestinguibile volontà di potenza, nonché dai loro denari. Si sono presi con i petrodollari le nostre più iconiche squadre di calcio (Paris Saint Germain e Manchester City, ma anche il Trohir già presidente dell’Inter ringraziò Allah dopo la prima vittoria dei suoi nerazzurri), ora con la Qatar Charity Foundation finanziano le scuole coraniche e le moschee in Sicilia (2.5 milioni di euro) dopo che con un più ingente pacchetto di 25 milioni di euro hanno fatto costruire 43 moschee su tutto il territorio italiano, secondo quanto riferito dall’imam fiorentino Izzedin Elzir. Qualcuno si è posto un problema dopo aver letto che la Qatar Charity Foundation attraverso il suo già presidente Abdullah Mohammed Yussef finanziava Al Qaeda, secondo quanto riportato da un documento ufficiale del Dipartimento di Stato americano? No, nessuno se l’è posto, siamo andati bellamente felici da italiani a tagliare il nastro alle inaugurazioni delle moschee volute dai quatarini amici di Bin Laden in tutto il paese. Il governo kuwaitiano intanto si occupa di sovvenzionare i musulmani albanesi, mentre il Marocco sostiene le moschee indipendenti attraverso i danari della Missione culturale della sua Ambasciata a Roma. I Fratelli Musulmani invece girano soldi direttamente all’Ucoii, mentre ovviamente molto attiva è anche la monarchia wahabita dell’Arabia Saudita. New entry tra i finanziatori dell’islam in Europa occidentale e anche in Italia, il presidente turco Erdogan, quello che ha ordinato ai due milioni e mezzo di cittadini turchi residenti in Europa (ventimila in Italia) di “fare ognuno cinque figli, così il futuro sarà vostro”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano