Storie

di Gianfranco Amato

Leggete il manifesto contro Niki Vendola

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Circolo di Rifondazione Comunista delle Valli Brembana e Imagna insorge contro amministrazione comunale di Zogno e l’oratorio San Giovanni Bosco che hanno organizzato l’incontro intitolato “La sfida dell’ideologia gender alla famiglia”, che si terrà il prossimo 25 ottobre e che vedrà come protagonisti il duo Amato & Povia. I compagni delle due valli chiedono con forza che Sindaco e Parroco rinuncino all’iniziativa, e annullino l’evento.

I motivi sono sempre i soliti: la fantomatica “teoria gender” non esiste, e impedire a due omosessuali di comprare un bambino è pura omofobia.

Ora, compagni, posso anche concedervi il fatto che non conosciate la teoria gender. Evidentemente non avete mai sentito parlare di Judith Butler, ignorate il concetto di «genere performativo», non avete letto “Fare e disfare il genere”, il libro cult – vera e propria la “Bibbia” – degli esponenti della teoria gender. Ma il fatto davvero clamoroso e surreale è che pretendiate di esportare la vostra ignoranza in casa altrui! Sì, come si fa seriamente a chiedere ad un parroco di annullare un evento che affronta un tema (il gender) che non solo esiste ma che è stato denunciato decine e decine di volte da Papa Francesco! Il Papa nel suo libro “Questa economia uccide” ha definito la teoria gender una «bomba atomica». Parlando coi giovani a Napoli, l’ha definita «uno sbaglio della mente umana che crea tanta confusione». Ha poi parlato di «colonizzazione ideologica», paragonando l’indottrinamento gender a quello perpetrato coi Balilla e con la Gioventù Hitleriana dalle dittature del secolo scorso. Ancora, ha definito la teoria gender una «rassegnazione e una frustrazione che mira a cancellare la differenza sessuale perché non sa più confrontarsi con essa», e l’ha condannata senza appello al punto 56 dell’Esortazione Apostolica “Amoris Laetitia”. Un atto di Magistero. Ancora più paradossale è il fatto che questa vostra sparata arrivi proprio a due settimane dall’ultima clamorosa pubblica denuncia del Papa in Georgia, che ha paragonato gli effetti devastanti della teoria gender a quelli di una «guerra mondiale». Almeno i giornali leggeteli, compagni, suvvia! Contestate anche il fatto che l’Associazione degli Psicologi Italiani abbia ufficialmente dichiarato l’inesistenza della teoria gender. Gli Psicologi Italiani, negando la realtà, ci vogliono fa credere che la teoria gender non esiste e che quelli che la sostengono sono dei «truffatori culturali». Vabbé, bisogna pur comprenderli poveracci, «tengono famiglia» e non possono certo opporsi alla dittatura del pensiero unico. Devono pur lavorare, no? Per loro, comunque, il povero Papa sarebbe un «truffatore culturale». Beh, tra gli Psicologi Italiani e il Papa, noi scegliamo di stare col Papa. Così, a occhio, ci sembra un po’ più serio.

Un’ultima considerazione, cari compagni delle Valli Brembana e Imegna. Voi leggete il Manifesto vero? Anch’io ogni tanto. A volte capita di trovare persino cose intelligenti come l’articolo di Paolo Ercolani intitolato “L’utero in affitto della Sinistra Italiana”. L’avete letto anche voi, vero? Tra le tante cose interessanti, Ercolani dice pure questo: «Ora, al di là delle questioni personali, sulle quali non entro per ovvie ragioni di inopportunità e rispetto, non c’è dubbio che Nichi Vendola ha risolto un proprio “problema” privato ricorrendo a una “soluzione” pregna della logica tecno-finanziaria. Ciò che la natura non consente è stato superato con un espediente tecnico e, soprattutto, con una quantità di denaro con la quale si è, di fatto, comprata la disponibilità di una donna a «prestare» il proprio utero (ma anche il proprio corpo e la propria persona) per generare il figlio di Vendola e del suo compagno. Esattamente come accade nelle peggiori deformazioni della logica capitalistica, quello che non si può ottenere per le vie “normali” si è deciso di comprarlo».

Continua Ercolani: «Non ho motivi per dubitare del sentimento genuino che sospinge Vendola e il suo compagno, nutro qualche ragionevole dubbio sul sentimento disinteressato di solidarietà umana da parte della donna che si è “prestata”, ma di fatto prendo atto che si è trattata di una oggettiva transazione economica. In cui tutto ciò che connota l’essenza umana è stato sottomesso e subordinato alla logica della potenzialità tecnica e della possibilità economica. Quale rispetto della questione “sociale” (specie da un leader della sedicente Sinistra) possiamo riscontrare in chi, pur di soddisfare il proprio egoismo personale, non si fa scrupolo alcuno nel comprare il corpo di una donna che, evidentemente per un bisogno economico, decide di sottoporsi a uno stress fisico ed emotivo enorme?!». Conclude Ercolani: «Non risiede in ciò, forse, un esempio moderno di quella che già Marx chiamava schiavitù salariata? Che oggi si è del tutto trasformata in un dominio “biopolitico” in seguito al quale il sistema tecno-finanziario, evoluzione ultima del capitalismo, riesce a violare impunemente le menti e i corpi degli esseri umani grazie all’intervento di quel passe-partout rappresentato dal compenso economico?!».

Beh, amici comunisti delle Valli Brembana e Imagna noi martedì sera parleremo anche di questo e ci piacerebbe discuterne pure con voi. A proposito, voi state col compagno Vendola o col compagno Ercolani?

Una cosa, comunque, ci dovete riconoscere: affrontare questo tema non può essere considerato “omofobia”, vero amici? Visto che se ne parla anche sul Manifesto. E non mi venite a dire che anche il Manifesto è omofobo. Dai!

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

19/10/2016
1212/2019
Santa Giovanna Francesca di Chantal

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il prezzario per Nichi Vendola

Questi i prezzi a cui Nichi Vendola potrà soddisfare il suo “desiderio di paternità” comprandosi un bambino

Leggi tutto

Politica

CON UN ATTO DI ARROGANTE IMPERIO

Ora sta ai cristiani, in Italia in particolare ai cattolici, decidere come reagire davanti a questa furibonda offensiva che nega il diritto stesso di agire come cristiani in ambito politico proclamando alcune banalissime idee che sono alla base della nostra fede. Per ognuno di noi la vita umana va difesa fin dal suo concepimento, Papa Francesco è arrivato ad affermare che “abortire è come affittare un sicario” ed è una frase che se fosse stata pronunciata da un candidato del principale partito di governo ne avrebbe comportato l’immediata espulsione con la relativa cancellazione del diritto all’elettorato passivo.

Leggi tutto

Media

A Sanremo il gotha dei locatori di uteri

Propagandare in Italia la pratica dell’utero in affitto, anche solo pubblicizzarla, è reato passibile di due anni di carcere e un milione di euro di multa. Caro Carlo, tienilo come promemoria.

Leggi tutto

Politica

Zingaretti, il Pd e l’utero in affitto

“Fecondazione medicalmente assistita e gestazione per altri: la possibilità di un figlio nel 2019” è il titolo del convegno che si terrà a Roma il 19 giugno prossimo nella sede nazionale della CGIL. Ben due proposte di regolamentazione dell’utero in affitto saranno presentate dall’ufficio “Nuovi Diritti” del sindacato, “Certi diritti”, “Famiglie Arcobaleno” e “Articolo 29”. Zingaretti ambiguo.

Leggi tutto

Società

Mobilitazione contro l’utero in affitto

“Il solco della propaganda dei festival condotti da Carlo Conti è tracciato – spiega il comunicato -. Nel 2015, ospite della seconda serata è stato Conchita Wurst, all’anagrafe Thomas Neuwirth, uomo vestito da donna che si definisce trans e che solo per questo – senza alcun merito artistico – è stato chiamato. Sempre lo stesso anno, Conti ha dato spazio a due uomini che, in diretta sul primo canale del servizio pubblico, hanno raccontato “il loro amore”, e al duo comico Luca e Paolo che hanno “celebrato” un matrimonio al grido di “Essere gay è ok”.

Leggi tutto

Società

Così la Francia scivola verso la GPA

«Una GPA realizzata all’estero non può di per sé impedire il riconoscimento di un legame di filiazione in Francia con la madre d’intenzione». Così la Corte di Cassazione francese ha convalidato ieri l’adozione di due gemelli nati nel 2000 da madre surrogata californiana da parte di Sylvie e Dominique Menesson. È stato il concetto di “intenzionalità genitoriale” a decidere la sentenza.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano