Società

di Lucia Scozzoli

Se le nozze le fissa il commercialista

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Nel salotto de la vita in diretta l’altro ieri pomeriggio hanno affrontato, con la solita fulminea rapidità dettata dai tempi televisivi mordi e fuggi, l’argomento matrimoni e divorzi. A commentare gli ultimi dati istat c’erano Simona Izzo, Gian Ettore Gassani, Vira Carbone e Carmen Di Pietro (che totalizzavano 7 matrimoni in 4, con una ragguardevole media di 1.75 matrimoni a testa, ma si sa che le persone dello spettacolo alzano la media).

Nel 2015 i matrimoni sono aumentati, ma i divorzi sono schizzati in su con un +57% rispetto al 2014, evidentemente a causa della novella legge sul divorzio breve. Gli ospiti, con la leggerezza che si addice ad uno studio televisivo come questo, hanno sparato in libertà diverse impressioni personali sul tema: si è detto che sposarsi giovani è un male, perché il matrimonio è un impegno serio, per cui l’aumento dell’età media per convolare a nozze è una cosa buona; bisogna sposarsi quando arriva il momento giusto, salvo poi che questo momento giusto non lo sa definire nessuno.

Fino ai 45 anni è più la donna che chiede il divorzio, dopo i 65 invece è l’uomo, che viene preso dalla sindrome di Peter Pan e vuole rifarsi una vita. La crisi del settimo anno non esiste più: tutte le età sono buone per sfasciare un’unione.

E poi il capitolo figli: l’avvocato in studio dice che spesso sono la causa che fa scoppiare un matrimonio, non sono affatto un collante (e lo dice rifacendosi a delle statistiche personali, essendo divorzista). Spesso su come educare i figli i coniugi si trovano in disaccordo e così emergono delle conflittualità impreviste su argomenti che (evidentemente) non erano stati mai presi in considerazione (e qui si ritorna al capitolo il matrimonio è una cosa seria, da fare non solo al momento giusto ma anche dopo il giusto percorso di approfondimento della conoscenza reciproca, soprattutto conoscenza dei valori altrui).

In ultimo è stato affrontato il tema della crisi economica: è difficile vivere insieme quando la pagnotta è poca e c’è da fare i conti con le bollette, l’affitto, il mutuo. Insomma, l’armonia a due nelle avversità è messa alla prova, l’ansia e le preoccupazioni logorano i singoli e, di riflesso, le relazioni.

Un’intervista alla gente per strada ha fatto emergere anche la novella e simpaticamente contradditoria ipotesi che ci si sposi di più perché si divorzia più facilmente, grazie alla legge sul divorzio breve: in sostanza, il concetto di amore eterno è svanito, non solo dal panorama dei vips (e questo è vero da un pezzo), ma anche tra il popolo. L’amore è una cosa così bella e importante, da preservare, inseguire, sognare, che non può restare imbrigliata nei lacci stretti di un didascalico matrimonio. Quando la realtà non collima più con la fantasia, rottamiamo la realtà.

Insomma, in cinque minuti di dibattito sono emerse tutte le contraddizioni della nostra società alla voce matrimonio: da una parte 3 donne benestanti, lontane dai problemi della gente comune e dall’altra l’avvocato divorzista col suo pragmatismo, a generare stupore su stupore nello snocciolare i suoi dati.

Novantenni che vogliono il divorzio per rifarsi una vita, accanto ad anziani che sposano le badanti per garantire loro la reversibilità. E poi, oltre ai matrimoni di convenienza, adesso abbiamo i divorzi di convenienza: in Italia essere sposati è fiscalmente più oneroso che convivere e questo lo hanno scoperto già in parecchi, che si separano per finta, nonostante ciò venga ritenuta dalla finanza una vera e propria evasione fiscale e sia quindi un reato perseguibile.

Si separano soprattutto i ceti medio bassi, quelli che vogliono intestarsi la casetta al mare come prima casa per non farsi rovinare dalle tasse, quelli che hanno i figli da far accettare al nido e salire un po’ di graduatoria. Insomma, sono escamotage fiscali che la guardia di finanza persegue e sanziona. In studio si è sollevato un coro di disapprovazione per costoro, mostrando grande disprezzo per chi semplicemente cerca di essere parificato ai conviventi, categoria vastissima non stigmatizzata da nessuno, ma si sa che il divorzio di convenienza è un tema scottante da quando il parlamento ha approvato la legge sulle unioni civili: uno degli argomenti forti della propaganda a favore era proprio il fatto che le coppie omosex fossero discriminate rispetto agli etero perché non potevano accedere ai vantaggi dell’istituto matrimoniale. Dire ora che tali vantaggi non esistono sarebbe come ammettere l’inganno.

L’unico vantaggio effettivamente esistente è la solita reversibilità della pensione, che è anche l’argomento che meno interessa alle coppie davvero unite, per le quali l’orizzonte di un futuro senza l’altro spesso non è nemmeno preso in considerazione. L’avvocato in studio ha infatti confermato come le coppie che si separano per finta sono sempre molto unite, non temono affatto che la finzione si tramuti in realtà.

Il problema sostanziale è che, anche senza inserire nel dibattito le unioni civili e le nuove coppie di amici sposati solo per la pensione di reversibilità, gli italiani non sanno più cosa sia il matrimonio: la Chiesa è stata estromessa dal discorso già da un pezzo (i matrimoni religiosi sono in costante calo) e lo Stato non si fa garante di nulla di fronte alle nuove coppie, non riconosce loro alcun privilegio in cambio del grande servizio che forniscono alla collettività in termini di natalità e welfare familiare, anzi, ne osteggia in tutti i modi la stabilità.

La precarietà lavorativa, la crisi abitativa, la demonizzazione della maternità sono ostacoli psicologici prima che materiali alla formazione di nuove famiglie: gli unici modelli matrimoniali che vediamo sbandierati sono quelli multipli dei vips, come se un matrimonio fosse un viaggio in crociera, più ne fai e meglio è.

I diritti individuali sono esasperati a tal punto da diventare contradditori persino con la natura sociale dell’uomo: allora in soccorso della palese distonia arriva la teoria che l’amore è bellissimo, ma è solo un sentimento e vola qua e là come una foglia al vento, da inseguire.

È evidente che i nostri politici, europei ed italici, hanno un piano, un’ideale di società diverso da quello che ci hanno tramandato i nostri progenitori: la famiglia intesa come cellula base della società non è più necessaria, bastano gli individui, soli e consumatori, da movimentare e gestire come massa liquida. Il ricambio generazionale verrà garantito dalla massiccia immigrazione.

E mi sembra che un po’ ci stanno convincendo, perché quando diciamo stizziti che è meglio non sposarsi perché non conviene ci siamo già fatti fregare, siamo scivolati nella logica del denaro invece che in quella dei valori.

Gli italiani stanno abbandonando il forte della tradizione, rinunciando al sogno dei fiori d’arancio e ripiegando su una visione esclusivamente in chiave fiscale del matrimonio, un puro calcolo a tavolino. Se sposarsi o no ve lo dirà il commercialista.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/11/2016
2901/2023
San Valerio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ecco chi c’era al “sinodo-ombra” di maggio

Esce un libro in cui i “docenti di teologia” del conciliabolo in Gregoriana vengono allo scoperto, con nomi (sconosciuti),
numeri (risibili) e tesi (le solite). E le minacciose ombre proiettate sul cinematografo di Repubblica svaniscono d’incanto

Leggi tutto

Politica

Perchè entrare nel PDF è come aiutarne la diffusione

L’idea di incentrare la battaglia a partire dalla difesa della famiglia, prima struttura organizzativa e società naturale, è rivoluzionaria ma, al tempo stesso, è sempre stata considerata importantissima dalla dottrina cattolica, basti ricordare San Giovanni Paolo II per il quale la famiglia rappresenta il prisma da cui interpretare e articolare tutti gli interventi nella società umana.

Leggi tutto

Politica

I casi Englaro e Schiavo francesi fanno riflettere la politica

Anche i cugini d’Oltralpe hanno i loro problemi sul fine-vita, sebbene la legislazione vigente permetta il prodursi di casi-limite alla Terry Schiavo, cioè il noto caso di Vincent Lambert e il più recente della piccola Marwa Bouchenafa. Martedì prossimo si sentirà un’associazione per il “diritto alla vita”.

Leggi tutto

Società

La povertà nascosta dei padri separati

Il caso dell’ex comico di Zelig commuove e fa discutere, ma non si tratta di un caso isolato: ecco i numeri dei padri poveri

Leggi tutto

Storie

Se questo è un uomo ed il diritto alla vita

Ci troviamo ancora una volta davanti ad un sopruso mascherato da legge. Lo Stato vuole uccidere un bambino che i genitori vogliono provare a salvare. A Liverpool si vuole togliere la vita ad un bimbo usando un vero e proprio abuso di potere. Ricordiamoci che ‘sbagliato è sbagliato’ anche se l’errore è mascherato da una legge!

Leggi tutto

Società

Miseria dell’identitarismo di destra e di sinistra

Anche in Chiesa si trovano quanti spezzano il legame vitale tra dovere e interesse. Ed implodono.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano