Chiesa

di don Salvatore Vitiello

DILIGOR, ERGO SUM”: AL #CUORE DELLA LETTERA APOSTOLICA

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Misericordia et Misera. Ovvero, la Misericordia è efficace solo se c’è una persona “misera”, che si riconosce misera, bisognosa di tutto. È la vera rivoluzione di Papa Francesco, contro il falso mito di progresso, che vede l’uomo del tutto autosufficiente, indisponibile all’autentica relazione con gli altri e con il Mistero trascendente. Una falsa autosufficienza che, sebbene si scontri quotidianamente con la realtà del limite, non cessa di autoproporsi sia come orizzonte esistenziale, nella logica soggettivistica della violenza, sia come orizzonte teoretico, nel postulato indimostrato della non-esistenza o della non-rilevanza (che poi è lo stesso) di Dio. E per proseguire nella medesima direzione, il Papa propone un’alternativa alla riduzione Cartesiana della conoscenza umana: non più “cogito ergo sum” (penso dunque sono), ma “sono amato, dunque esisto” (Mm 16), recuperando l’antico adagio agostiniano “amo ergo sum” e riproponendolo in chiave esistenziale, poiché l’esperienza di essere amati precede la determinazione ad amare ed entrambe si includono nell’orizzonte relazionale, nel rapporto con l’altro, essenziale al superamento del falso mito dell’individualismo. In questo orizzonte, contro la cultura del nulla e della morte (altro falso mito di progresso) il Papa propone la “cultura della misericordia” (Mm 20) che è cultura della vita e della relazione. Questo l’ampio orizzonte in cui si colloca la lettera Apostolica di fine Giubileo, ed ogni particolare determinazione, che vedremo, deve essere accolta ed interpretata alla luce di tale prospettiva. Finché l’uomo, l’umanità non si riconosce “misera”, resterà inefficace l’offerta permanente della Misericordia.
Nell’appello forte a vivere la misericordia ed a riconoscersi “miseri”, Papa Francesco afferma: “Niente di quanto un peccatore pentito pone dinanzi alla misericordia di Dio può rimanere senza l’abbraccio del suo perdono.
[…] La misericordia è questa azione concreta dell’amore che, perdonando, trasforma e cambia la vita. È così che si manifesta il suo mistero divino […] abbraccia ogni persona che confida in Lui e la trasforma, donandole la sua stessa vita” (Mm 2). La condizione per questa straordinaria esperienza, che tutti auspichiamo divenga ordinaria per la maggior parte degli uomini, è riconoscersi “peccatore pentito” (con tutto ciò che il pentimento implica), confidare in Gesù Cristo e nell’amore del Padre, nella Misericordia, sapendo di essere “miseri”. Il Papa, perché ciò avvenga in modo sempre più ampio, individua alcuni aspetti da potenziare nella vita della Chiesa, innanzitutto nella Liturgia, perché la lex orandi e la lex credendi vanno di pari passo: “siamo chiamati a celebrare la misericordia […] nella preghiera della Chiesa il riferimento alla misericordia, lungi dall’essere solamente parenetico, è altamente performativo, vale a dire che mentre la invochiamo con fede, ci viene concessa; mentre la confessiamo viva e reale, realmente ci trasforma”. (Mm 5). Poi nella conoscenza doverosa delle Sacre scritture, che insieme alla Tradizione, costituiscono l’unica fonte della Divina Rivelazione: “Sa ogni comunità, in una domenica dell’Anno liturgico, potesse rinnovare l’impegno per la diffusione, la conoscenza e l’approfondimento della Sacra Scrittura: una domenica dedicata interamente alla Parola di Dio” (Mm 7). Praticamente il Papa propone ad ogni comunità un ritiro spirituale annuale sulla Sacra Scrittura. Viene resa permanente l’esperienza dei Sacerdoti missionari della misericordia “come espressione diretta della mia sollecitudine e vicinanza”, ribadisce il Papa (n. 9).
L’aspetto mediaticamente più delicato appare l’estensione permanente, a tutti i sacerdoti, della facoltà di assolvere dal peccato di aborto. I primi tentativi della grande stampa di stravolgere quanto affermato dalla Lettera Apostolica, sono evidenti e preoccupanti: “Assoluzione per l’aborto” è stato infatti il lancio dell’ANSA ieri alle 12.31. Cerchiamo di fare di chiarezza. Innanzitutto Papa Francesco non ha tolto la scomunica Latae Sententiae per chi si macchia del peccato di aborto ed è al corrente dell’esistenza di quella pena canonica. Ciò significa che nulla cambia nella reale considerazione della Chiesa, circa la gravità del peccato di
aborto: “Vorrei ribadire con tutte le mie forze che l’aborto è un grave peccato, perché pone fine a una vita innocente” (Mm 12), ma “perché nessun ostacolo si interponga tra la richiesta di riconciliazione e il perdono di Dio, concedo d’ora innanzi…”. Lo scopo della concessione, dunque, è che un numero sempre maggiore di uomini e donne si rendano conto della gravità del peccato di aborto, se ne pentano sinceramente, possano chiedere ed ottenere il perdono (e la remissione della scomunica) e propongano in modo risoluto di non commetterlo mai più. Si deve riconoscere che ciò avveniva già ordinariamente, quando il confessore valutava “l’eccezionalità del caso” e che fosse “grave incomodo” per il penitente tornare una seconda volta o cercare un confessore “autorizzato”. Per facilitare la riconciliazione, senza in nulla mutare la natura del peccato di aborto ed il relativo giudizio morale di male intrinseco, che mai può essere giustificato, il papa ha ritenuto, nella sua magnanimità, di concedere tutti i sacerdoti tale facoltà. È un grande atto di fiducia verso i sacerdoti, che sono chiamati ad una grande responsabilità, di formazione innanzitutto.
Sempre nell’ottica della magnanimità, il Papa prolunga la facoltà di ascoltare le confessioni sacramentali dei fedeli per i sacerdoti della Franternità San Pio X: “per il bene pastorale di questi fedeli, e confidando nella
buona volontà dei loro sacerdoti perché si possa recuperare, con l’aiuto di Dio, la piena comunione nella Chiesa Cattolica, stabilisco per mia propria decisione di estendere questa facoltà oltre il periodo giubilare, fino a nuove disposizioni in proposito, perché a nessuno venga mai a mancare il segno sacramentale della riconciliazione attraverso il perdono della Chiesa” (n. 12), riconoscendone indirettamente un certo “statuto giuridico”, poiché, almeno in quel campo agiscono a nome della Chiesa, e nel contempo esercitando una riconosciuta giurisdizione su di essi.
È stabilita, infine, la GMP, la Giornata Mondiale dei Poveri che si dovrà “celebrare in tutta la Chiesa, nella ricorrenza della XXXIII Domenica del Tempo Ordinario” (Mm 21).
Accanto alla GMG ideata da San Giovanni Paolo II, sono delineate le coordinate del futuro della Chiesa: una nuova generazione, attenta alle relazioni, capace di superare il falso mito di un individualismo nichilista, ed attenta ai più deboli.
Questa, in sintesi, la vera rivoluzione culturale proposta: “sono amato, dunque esisto” (Mm 16).

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

22/11/2016
1909/2019
S. Gennaro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Charles: cent’anni di vita nascosta a Nazaret

Esattamente un secolo fa moriva fratel Carlo di Gesù (al secolo Charles de Foucauld). Figura romanzesca di splendido don Chisciotte cristiano, abbandonò la vita agiata del viscontino d’Alzazia per rifugiarsi nel Sahara e in Palestina e ancora nello Hoggar. “La vita nascosta di Gesù” fu il suo ideale, l’ultimo dèmone fu la frustrazione, morì per mano di uno da lui nutrito

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Società

Parla Hadjadj: «La società del comfort totale è suicidaria»

Il problema sta nel clima spirituale della nostra epoca, intessuto di un superbo efficientismo.

Leggi tutto

Politica

Chi ha paura del medico obiettore?

Scandalizza solo chi osa il proibito: ricordare che sin dal concepimento si è in presenza di un essere umano, unico e irripetibile, e che ucciderlo significa fare il male

Leggi tutto

Società

Aiutare la donna contro l’aborto

Esiste una battaglia interna alla galassia dei gruppi antiabortisti: l’aborto si sconfigge abrogando le leggi che lo permettono oppure no? Certamente ogni legge fa cultura, ma se Ippocrate giurò di non praticare aborti lo si deve al fatto che se ne sono sempre praticati, coi metodi più fantasiosi (e pericolosi). Forse una sana Realpolitik chiede di cominciare a far osservare integralmente la legge.

Leggi tutto

Storie

Se questo è un uomo ed il diritto alla vita

Ci troviamo ancora una volta davanti ad un sopruso mascherato da legge. Lo Stato vuole uccidere un bambino che i genitori vogliono provare a salvare. A Liverpool si vuole togliere la vita ad un bimbo usando un vero e proprio abuso di potere. Ricordiamoci che ‘sbagliato è sbagliato’ anche se l’errore è mascherato da una legge!

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano