Politica

di Mario Adinolfi

Cosa succede il 5 Dicembre

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Sarà bene cominciare a spiegare gli scenari possibili del giorno dopo. Sceglierete come votare anche in base a questo. Dunque: se vince il sì Renzi attenderà la sentenza della Corte costituzionale sull’Italicum prevista a febbraio, varerà la legge elettorale per il Senato (uno dei motivi per cui noi del Popolo della Famiglia votiamo no è che non ci spiegano chi saranno i senatori e come saranno scelti, essendo certo che comunque ci è stato tolto il diritto di votarli direttamente), poi condurrà l’Italia ad elezioni anticipate nel giugno 2017. Ha già fatto l’errore di far scorrere il tempo dopo la vittoria alle europee del 2014 e i suoi annibaliani ozi hanno prodotto un recupero dei grillini che poi nel 2016 alle amministrative hanno vinto 18 ballottaggi su 19 contro il Pd. Dunque, sei mesi e si vota. Se vince il no Renzi salirà al Quirinale per dimettersi, i suoi nemici del Pd tenteranno di tenerlo ferito e incatenato a Palazzo Chigi, lui rifiuterà e nascerà un governo Franceschini o chi per lui con il mandato di varare una nuova legge elettorale organica per Camera e Senato, probabilmente con il premio di maggioranza di coalizione al posto del premio alla lista. Le elezioni si terranno dunque nel febbraio 2018, otto mesi dopo le elezioni anticipate che rappresentano lo scenario probabile post vittoria del sì. Se Renzi vince il referendum poi vince pure le elezioni e il Pd che dominerebbe la sola Camera che concede la fiducia potrebbe far varare tante pessime leggi già annunciate da Scalfarotto e Cirinnà. Se Renzi perde il referendum resta il bicameralismo perfetto, il governo sarà probabilmente di grande coalizione e quelle leggi hanno meno probabilità di essere approvate. La Costituzione di De Gasperi e Togliatti è migliore di quella di Boschi e Verdini. Ora, comunque, sapete qualcosa in più e il 4 dicembre decidete voi.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

25/11/2016
1806/2019
San Calogero

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Al Senato vogliono varare il matrimonio gay

Gianfranco Amato racconta la sua audizione in commissione Giustizia

Leggi tutto

Politica

AGNESE E LO STERMINIO

Al Copenhagen Post non farà piacere sapere però che nella corsa nazista allo sterminio la Danimarca è stata surclassata dall’Islanda, dove l’aborto per i bambini con diagnosi prenatale che fa emergere la Trisomia 21 riguarda il 100% dei casi e “da cinque anni non nascono i Down”. Evviva. Inutile ricordare che la Danimarca è il primo paese europeo ad aver legalizzato le unioni civili gay (1989) e come in Islanda vengono consentite formazioni familiari derivanti da utero in affitto: il bambino, insomma, è per quegli ordinamenti giuridici una “cosa” acquistabile appartenente agli acquirenti. In una visione antropologica e giuridica di questo tipo ovviamente la “cosa” fallata va eliminata.

Leggi tutto

Politica

Ringraziamenti, risposte, preghiere

In molti hanno commentato la nascita del Popolo della Famiglia, soggetto politico in vista delle amministrative: qui alcune osservazioni in replica

Leggi tutto

Media

L’ Europa contesa fra transumanisti e bioconservatori

Cosa è avvenuto alla seconda festa nazionale de La Croce: cosa resta dei diritti umani nel Vecchio Continente?

Leggi tutto

Politica

Le menzogne del ministro

Valeria Fedeli mente sul proprio titolo di studio, niente male per un neoministro all’Istruzione. Dichiara di essere “laureata in Scienze Sociali”, in realtà ha solo ottenuto il diploma alla Scuola per Assistenti sociali Unsas di Milano. Complimenti ministro, bel passo d’inizio. Complimenti Paolo Gentiloni: a dirigere scuola e università in Italia mettiamo non solo una che non è laureata, ma una che spaccia per “laurea in Scienze Sociali” un semplice diploma della scuola per assistenti sociali. La spacciatrice di menzogne sul gender evidentemente è abituata a dire bugie. Il problema non è neanche che non è laureata, è che mente spudoratamente. Per un atto del genere in qualsiasi paese del mondo dovrebbe dimettersi seduta stante o essere costretta a farlo.

Leggi tutto

Società

I figli non si pagano, gli uteri non si affittano

Raccogliamo firme “fisiche” per una moratoria Onu sull’utero in affitto che blocchi a livello mondiale questa pratica barbara

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano