Politica

di Mario Adinolfi

Cosa succede il 5 Dicembre

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Sarà bene cominciare a spiegare gli scenari possibili del giorno dopo. Sceglierete come votare anche in base a questo. Dunque: se vince il sì Renzi attenderà la sentenza della Corte costituzionale sull’Italicum prevista a febbraio, varerà la legge elettorale per il Senato (uno dei motivi per cui noi del Popolo della Famiglia votiamo no è che non ci spiegano chi saranno i senatori e come saranno scelti, essendo certo che comunque ci è stato tolto il diritto di votarli direttamente), poi condurrà l’Italia ad elezioni anticipate nel giugno 2017. Ha già fatto l’errore di far scorrere il tempo dopo la vittoria alle europee del 2014 e i suoi annibaliani ozi hanno prodotto un recupero dei grillini che poi nel 2016 alle amministrative hanno vinto 18 ballottaggi su 19 contro il Pd. Dunque, sei mesi e si vota. Se vince il no Renzi salirà al Quirinale per dimettersi, i suoi nemici del Pd tenteranno di tenerlo ferito e incatenato a Palazzo Chigi, lui rifiuterà e nascerà un governo Franceschini o chi per lui con il mandato di varare una nuova legge elettorale organica per Camera e Senato, probabilmente con il premio di maggioranza di coalizione al posto del premio alla lista. Le elezioni si terranno dunque nel febbraio 2018, otto mesi dopo le elezioni anticipate che rappresentano lo scenario probabile post vittoria del sì. Se Renzi vince il referendum poi vince pure le elezioni e il Pd che dominerebbe la sola Camera che concede la fiducia potrebbe far varare tante pessime leggi già annunciate da Scalfarotto e Cirinnà. Se Renzi perde il referendum resta il bicameralismo perfetto, il governo sarà probabilmente di grande coalizione e quelle leggi hanno meno probabilità di essere approvate. La Costituzione di De Gasperi e Togliatti è migliore di quella di Boschi e Verdini. Ora, comunque, sapete qualcosa in più e il 4 dicembre decidete voi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/11/2016
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

Politica

Cosa serve all’Italia

La ferita inferta dall’astensionismo ormai maggioritario come atteggiamento nel Paese, confermato da dati strazianti sulla bassissima partecipazione popolare alla scelta degli amministratori di tutte le grandi città italiane, è un elemento che è stato rapidamente accantonato nel dibattito politico. Cos’è stato ad allontanare così drasticamente e, sembra, irrimediabilmente i cittadini anche dal mero esercizio del diritto di voto? Che vento spira, da rendere il Paese così cupo? Cosa serve ora all’Italia?

Leggi tutto

Politica

PDF: Degna sepoltura ai bimbi abortiti

«Come spiega Papa Francesco l’aborto è un omicidio, è come assoldare un sicario. Per noi del Popolo della Famiglia, che da sempre seguiamo la dottrina della Chiesa, è evidente che ai feti, che poi non sono altro che bambini non nati, vittime di quel sicario medicale che li elimina dalla faccia della terra, è necessario dare degna sepoltura

Leggi tutto

Politica

Il Mattarella bis ed il Popolo della Famiglia

Adinolfi: “Mattarella non può vivere serenamente questa sua rielezione al Quirinale, perché lo costringe a mancare alla parola data e a violare le considerazioni che da costituzionalista lui stesso ha ripetutamente compiuto sull’inopportunità della rielezione del presidente della Repubblica”

Leggi tutto

Politica

Il Senato dell’Oklahoma ha approvato una legge a favore della vita

Dopo quello dell’Idaho ora anche il Senato dell’Oklahoma ha approvato una legge a favore della vita che vieterebbe gli aborti allo stesso modo del Texas,

Leggi tutto

Società

“Educare alla libertà”

“Educare alla libertà”: Nella settimana mondiale della famiglia indetta da Papa Francesco l’associazione Non si tocca la famiglia organizza una due giorni di formazione per genitori, docenti, referenti regionali ,esperti che a vario titolo interverranno.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano