Politica

di Mario Adinolfi

Cosa succede il 5 Dicembre

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Sarà bene cominciare a spiegare gli scenari possibili del giorno dopo. Sceglierete come votare anche in base a questo. Dunque: se vince il sì Renzi attenderà la sentenza della Corte costituzionale sull’Italicum prevista a febbraio, varerà la legge elettorale per il Senato (uno dei motivi per cui noi del Popolo della Famiglia votiamo no è che non ci spiegano chi saranno i senatori e come saranno scelti, essendo certo che comunque ci è stato tolto il diritto di votarli direttamente), poi condurrà l’Italia ad elezioni anticipate nel giugno 2017. Ha già fatto l’errore di far scorrere il tempo dopo la vittoria alle europee del 2014 e i suoi annibaliani ozi hanno prodotto un recupero dei grillini che poi nel 2016 alle amministrative hanno vinto 18 ballottaggi su 19 contro il Pd. Dunque, sei mesi e si vota. Se vince il no Renzi salirà al Quirinale per dimettersi, i suoi nemici del Pd tenteranno di tenerlo ferito e incatenato a Palazzo Chigi, lui rifiuterà e nascerà un governo Franceschini o chi per lui con il mandato di varare una nuova legge elettorale organica per Camera e Senato, probabilmente con il premio di maggioranza di coalizione al posto del premio alla lista. Le elezioni si terranno dunque nel febbraio 2018, otto mesi dopo le elezioni anticipate che rappresentano lo scenario probabile post vittoria del sì. Se Renzi vince il referendum poi vince pure le elezioni e il Pd che dominerebbe la sola Camera che concede la fiducia potrebbe far varare tante pessime leggi già annunciate da Scalfarotto e Cirinnà. Se Renzi perde il referendum resta il bicameralismo perfetto, il governo sarà probabilmente di grande coalizione e quelle leggi hanno meno probabilità di essere approvate. La Costituzione di De Gasperi e Togliatti è migliore di quella di Boschi e Verdini. Ora, comunque, sapete qualcosa in più e il 4 dicembre decidete voi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/11/2016
1708/2022
San Giacinto confessore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

I numeri dell’estate

65. Sono i bambini nati in famiglie meridionali che, su 100, quest’estate non andranno in vacanza: le loro mamme e i loro papà non hanno i soldi per portarli al mare o in montagna. Un bambino su tre a livello nazionale non si muoverà dall’abituale luogo di residenza per tutta l’estate. In Italia 1.619.000 famiglie sono in condizione di povertà assoluta. E la Boldrini pensa a farsi blindare il nuovo appartamento. Dal 4 agosto i parlamentari della diciassettesima legislatura repubblicana saranno tutti e 945 in ferie, senza aver risolto nessuna delle drammatiche emergenze che attanagliano il paese: denatalità, povertà, debito pubblico, occupazione, immigrazione selvaggia, dissesto idrogeologico hanno fatto tutti segnare nuovi record anno dopo anno in questa legislatura. Però questi 945 genietti hanno fatto la legge sul divorzio breve e le unioni civili, se si impegnano fanno approvare anche quella sull’eutanasia all’italiana e sulla droga libera. Un ragazzo su cinque (19.9% degli under 24 per essere precisi, rapporto Commissione Europea) non studia, non lavora, non cerca lavoro. Sta abulico sul divano a consumare patrimonio e stipendio di mamma e papà più pensione (bassa) dei nonni. Brava Boldrini. Bravi tutti lì in Parlamento. Buone vacanze, eh…

Leggi tutto

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

Società

UN MONUMENTO AGLI HATERS

L’odio e la violenza ormai sono presenti su media e social a livelli che hanno superato la guardia. E’ importante sottolineare che non vengono soltanto da una parte come si è solito far credere ma da fazioni contrapposte ormai su tutto causate da chi alimenta il pensiero unico.

Leggi tutto

Politica

NON È OMOFOBIA, È DEMOCRAZIA

In tutte, tutte, tutte le trasmissioni Rai, nessuna esclusa, è obbligatoria una conduzione gay friendly e la stigmatizzazione di qualsiasi opinione dissenziente, foss’anche il voto di un Parlamento sovrano rappresentante del popolo italiano, come accaduto nel caso del ddl Zan. Non ne può più l’Italia del racconto falsato dalle lenti deformate di costoro, della linea politica obbligatoria, del divieto di dissenso, dell’oppressione così esagerata da essere diventata fastidiosa persino per molti che hanno sostenuto negli anni le lotte di chi veniva discriminato. Ma la discriminazione di allora non può trasformarsi in una violenta e prepotente soverchieria oggi.

Leggi tutto

Politica

Covid e categorie sociali

Si costruiscono premesse orrende su quel “tu no” che sa di apartheid. Non sono un no vax, sono una persona non vaccinata. Il perché sono fatti miei e lo Stato non tocchi il mio corpo. Può cacciarmi in un recinto con le altre pecore nere. Avremo un Amico certamente con noi.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi - “La senatrice grillina Maiorino rispetti gli avversari”

Mario Adinolfi: ““La senatrice grillina Maiorino rispetti gli avversari e si faccia fornire i dati dei sondaggi da Tusciaweb…”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano