Storie

di Raffaele Dicembrino

Rinascere dopo il carcere il più grande sogno

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Il Più Grande Sogno, nelle sale dal 24 Novembre a Roma e dal 1 Dicembre in tutta Italia, distribuito da ANTANI in collaborazione con Kino produzioni. Presentato alla 73. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia Orizzonti – Concorso, questo film è dedicato a chi lotta ogni giorno per la vita che sogna. Il Più Grande Sogno vede la regia di Michele Vannucci con Mirko Frezza, Alessandro Borghi, Vittorio Viviani, Milena Mancini, Ivana Lotito, Ginevra De Carolis e Crystel Frezza.
La trama non lascia dubbi sui signi ficati e gli aspetti che la pellicola vuole evidenziare: Mirko, a 39 anni, è appena uscito dal carcere: fuori, nella periferia di Roma, lo aspetta un futuro da inventare.
Quando viene eletto Presidente del comitato di quartiere, decide di sognare un’esistenza diversa. Non solo per sé e per la propria famiglia, ma anche per tutta la borgata in cui vive.
Questo film racconta di un “bandito” che, aiutato dal suo migliore amico Boccione, vuol trasformare l’indifferenza del quartiere in solidarietà, l’asfalto in un rigoglioso campo di pomodori, inventandosi custode di una felicità che neanche lui sa bene come raggiungere.
È la storia di un sogno fragile e irrazionale, capace di regalare un futuro a chi non credeva di meritarsi neanche un presente ed invece ci racconterà cosa di buono è in grado di fare.

Il regista Michele Vannucci ci rivela: “Ci sono incontri che cambiano la percezione della nostra vita.
Nell’agosto 2012 ho incontrato Mirko durante i provini del mio cortometraggio di diploma al Centro Sperimentale. Aveva quarant’anni e una vita di strada che cercava di lasciarsi alle spalle. Mi ha raccontato che era stato eletto presidente di quartiere, che aveva aperto un’associazione, che stava per nascere il suo terzo figlio. Davanti ai miei occhi si stava
scrivendo una storia che riguardava anche me; ciò che cercava lui era ciò che cercavo anch’io: un’altra identità.
L’ho frequentato per tre anni, mi sono messo in ascolto ed ho iniziato a scrivere un racconto ispirato alla sua storia. Questo è “Il più grande Sogno”: un film di finzione che nasce dalla realtà e che, grazie alla generosità di un gruppo di persone disposte a mettersi in gioco, torna alla realtà attraverso una messa in scena che si muove libera tra commedia, melodramma e crimine. Questo film è dedicato a chi ogni giorno lotta per la vita che sogna”.
“Non sono andato a girare a La Rustica perché c’era una situazione svantaggiata, sono andato lì perché c’era qualcosa che mi attirava, perché è il posto in cui vive Mirko Frezza e io volevo passare del tempo lì per creare un’opera d’arte. Questo film è la prova che l’arte riesce a dare un senso a persone che non hanno un senso. Naturalmente nel film non si vede tutta la verità. La vita reale di Mirko ci ha dato spunti su cui noi abbiamo fantasticato”.

Mirko Frezza è il protagonista di questa storia: “Quattro anni fa, Michele è entrato nella mia vita in punta di piedi. Praticamente non avevo mai fatto l’attore, e con lui ho iniziato a vedere che poteva essere un nuovo lavoro.
Abbiamo fatto dei cortometraggi, siamo cresciuti insieme.
Ho iniziato a raccontargli di me, lui a frequentare il quartiere: arrivava, tirava fuori il suo registratore e parlavamo. Era là, in ascolto della mia realtà. Alcune cose non erano facili da digerire, per me per primo. Gli raccontavo la mia vita e spesso la rivedevo in una luce diversa.
Il nostro è stato uno scambio continuo, raccontargli la mia storia e poi interpretarla è stato il risultato di una “ricerca” interiore che abbiamo affrontato insieme.
“Mirkone” e “Mirko” non sono la stessa persona: “Mirkone” ha una storia criminale, una specie di reputazione alimentata anche da “leggende” del quartiere. Era un “personaggio” che doveva esistere. Mirko, invece, è quello che sono davvero e il film che ha girato Michele, per quanto sia solamente ispirato alla mia vita, racconta la mia storia, quella del mio quartiere, nel modo più “puro” e con il tono che, veramente, mi appartiene di più: ridi per tutto il film per quello che vedi, ma poi ci pensi e ti dici “non c’è proprio un bel niente da ridere”.

Alessandro Borghi è invece l’interprete di ‘Boccione’: “Abbiamo fatto il film grazie a un’esperienza di vita partecipata in cui tutti hanno collaborato insieme. Non c’era una vera sceneggiatura, ma solo alcune linee guida narrative. Per noi attori era un salto nel vuoto perché dovevamo improvvisare e non per tutti è stato facile”. Riguardo al tema fiction/non fiction, Vannucci precisa: “A un certo punto della lavorazione abbiamo riscontrato alcuni problemi e il film stava per diventare un documentario. Ma io sapevo di voler creare un mix tra girato e vita vera, per questo il contributo degli attori è stato essenziale. Questo film è realtà ricreata”.

26/11/2016
1708/2017
San Giacinto confessore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Dati, non chiacchiere, sui pornoquartieri

Tutti gli studi concordano: zoning e strade a luci rosse non risolvono il problema prostituzione, anzi lo rendono più grave e pesante per le donne-schiave

Leggi tutto

Storie

A Roma quel telo che inquieta e dà speranza

Non nel senso che la Sindone sarebbe in questo momento nella capitale (l’ultima) d’Italia – sta sempre nella prima – però l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, in collaborazione con il Centro internazionale di Sindonologia e con il Centro diocesano di Sindonologia “Giulio Ricci” di Roma, ha organizzato e ospitato il Convegno internazionale “Vide e credette”. Non solo la questione dell’autenticità del telo, ma un’occasione divulgativa e persino didattica

Leggi tutto

Società

Uber ed i tassisti

È da tempo in atto un aspro contenzioso che vede contrapposti Uber e i tassisti. Uber è un nome che ai più forse dirà poco, ma bisogna sapere che stiamo parlando di un autentico colosso del trasporto automobilistico privato. È una multinazionale con sede a San Francisco, dove è stata fondata nel 2009. Si tratta di un gigante del settore dei trasporti, valutato in 69 miliardi di dollari. Un valore, per dare un’idea delle dimensioni, superiore alla valutazione di General Motors e Twitter messi assieme.

Leggi tutto

Storie

Storie di conversioni

«L’opposto del peccato di superbia è l’obbedienza» dice a ragione Ziberna « il diavolo lavorava proprio contro l’obbedienza totale, indefessa di Santa Veronica, che ne rivela la grande e preziosa umiltà. Gesù è stato per primo lui stesso obbediente e umile nell’accettare il volere di Dio».

Leggi tutto

Politica

IL PASSO DECISIVO DEL TEATRO ELISEO

Il Popolo della Famiglia, senza essere un soggetto politico confessionale ma davvero aperto al contributo di tutte le persone di ogni fede e di buona volontà, dice basta alla stagione della delega ad altri e si presenterà a tutti gli appuntamenti elettorali prossimi venturi chiedendo il consenso sul proprio simbolo quale soggetto politico autonomo, con le radici affondate nelle ragioni della grande mobilitazione popolare del Family Day, tradita dai politici dei partiti tradizionali che pure dicevano di volerne rappresentare le istanze. Preso atto del tradimento, la risposta è la nascita e la diffusione sempre più massiccia su tutto il territorio nazionale del Popolo della Famiglia, che dal teatro Eliseo esce con una missione da compiere: raggiungere il milione di voti che darebbero rappresentanza parlamentare in tutti e due i rami del Parlamento al Pdf, oltre che in Comuni e Regioni. L’obiettivo è andare al governo del Paese. Come ha detto sempre Amato, in prospettiva essere una forza non del 3% ma del 30% ed oltre. Il passo decisivo, il primo passo, è stato avviato al teatro Eliseo di Roma. Chi c’era ha sentito soffiare un vento che faceva capire di essere presenti ad un avvenimento di portata storica.

Leggi tutto

Chiesa

Appuntamento con il fondatore di Sos Chrétiens D’Orient

L’associazione è nata sullo slancio delle Manif pour tous. Con Charles de Meyer volevamo dare un seguito al nostro impegno. La presa del villaggio di Maaloula da parte degli jihadisti, nel settembre 2013, ci ha dato il via. Si trattava di un luogo di altissimo valore simbolico. In quel villaggio infatti si parlava ancora l’aramaico, la lingua di Gesù Cristo. Nel momento in cui il governo francese ha dichiarato l’intenzione di bombardare la Siria invece di attaccare gli islamisti, noi abbiamo voluto mostrare che esistevano dei francesi preoccupati per le sorti dei cristiani d’Oriente. Ed è stato così, facendo un po’ un salto nel buio, che abbiamo messo su la nostra prima missione: un convoglio di quattro tonnellate di giochi, vestiti, coperte raccolti unicamente attraverso circuiti cattolici! Ma il primo impulso era stato dato, e siamo partiti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2017 La Croce Quotidiano