Politica

di Fabrizio Sanna

Il prolife Tom Price Segretario della Salute USA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

​Il presidente americano appena eletto, Donald Trump, ha annunciato, all’inizio della giornata del 29 novembre, di aver appena scelto come Segretario della Salute e dei Servizi Umani il pro-life Tom Price.

Price è un medico ortopedico che si è subito distinto per il suo stile pro-vita. Infatti, in un video registrato per commemorare il quarantatreesimo anniversario della decisione Roe v. Wade, che ha sdoganato l’aborto in America, ha affermato che «non c’è niente di più prezioso o che valga la pena difendere rispetto alla santità della vita». «Ora, più che mai, il popolo americano e le vite di infiniti americani non ancora nati hanno bisogno di gente che si batta per la vita».

Price si era già distinto alla Marcia per la Vita del 2011 quando commentò: «Non c’è niente di più fondamentale per la nostra umanità che difendere la vita». E continua: «Il movimento della Marcia per la Vita ha per circa quattro decenni dato voce a coloro che non hanno voce. È un privilegio ergersi insieme con migliaia di americani in solidarietà e impegno fedele al nostro compito solenne di proteggere e difendere le vite di coloro che sono i più innocenti tra di noi».

Price ha anche votato contro il sostegno economico alla Planned Parenthood Federation, l’organizzazione abortista che offre, in America, il servizio dell’aborto, oltre ai vari servizi di “salute riproduttiva”. A proposito di alcuni filmati che mostrano come la Planned Parenthood sia implicata nel traffico di parti di corpi umani, Price dice: «Chi non ha visto i video disturbanti recentemente diffusi dovrebbe farlo. È solo con la conoscenza che uno può sapere (…) delle pratiche barbariche commesse coi soldi federali (…) Il quadro [che queste immagini rivelano] mostra una routine di pratiche abortive che si concretizza nella raccolta e nella vendita di parti di bambini (…). Questo, se fosse visto, scuoterebbe la coscienza di chiunque. Oggi, ho votato per porre fine al finanziamento per le organizzazioni responsabili e aggiunto sanzioni nel caso di aborti “born alive” (ovvero eseguiti alla nascita)».

«Il presidente Price, un noto medico, ha ottenuto una reputazione per essere un instancabile risolutore di problemi (…) rendendolo la scelta ideale (…). Sono orgoglioso di nominarlo come Segretario della Salute», ha affermato Trump.

La scelta di Price è stata salutata positivamente anche da Marjorie Dannenfelser, la Presidente del gruppo politico pro-life “the Susan B. Anthony List”.

A differenza del mondo pro-life, che tiene in grande considerazione Price, nel mondo abortista egli è decisamente malvisto: la Planned Parenthood gli ha dato un voto pari a zero. Lo stesso voto gli ha dato la Human Rights Campaign, una lobby omosessuale, in un suo documento dove si dava una valutazione sulle personalità politiche americane.

La Presidente di Planned Parenthood Cecile Richards ha affermato che la nomina di Price «pone un grave pericolo per la salute delle donne» perché «potrebbe riportare la condizione delle donne indietro di decenni» e «milioni di esse potrebbero essere tagliate fuori dai servizi di prevenzione e salute della Planned Parenthood».

«È un onore essere nominato per servire la nostra nazione come Segretario della Salute e dei Servizi Umani. Grazie al Presidente eletto Trump e al Vice Presidente eletto Pence per la loro fiducia», ha affermato Price. «Mi sento piccolo di fronte alle incredibili sfide che si prospettano ed entusiasta per l’opportunità di essere parte di coloro che le risolveranno per conto del popolo americano. C’è molto lavoro da fare per garantire un sistema sanitario che funzioni per i pazienti, le famiglie e i dottori».

Come Segretario alla Salute, Price svolgerà un compito di controllo verso enti governativi come la Food and Drug Administration, che si occupa della regolamentazione degli alimenti e dei prodotti farmaceutici, e i Centers for Disease Control and Prevention, organismo di controllo sulla sanità pubblica.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/12/2016
3009/2022
S. Girolamo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La Costituzione USA non tutela l’aborto

In West Virginia ed Alabama le votazioni collaterali alle Midterm Elections approvano emendamenti alle costituzioni statali per disconoscere il diritto all’aborto e impedire il finanziamento dalla fiscalità pubblica. Nel Senato cresce la presenza pro-life.

Leggi tutto

Società

Usa la pillola per abortire arriva via posta

il ricorso alla pillola diventerà sempre più accessibile per quelle donne che non potranno affrontare un viaggio dopo la decisione della Food and Drug Administration

Leggi tutto

Politica

Aborto - Soros contro la Corte Suprema

Soros ed il suo personale concetto di democrazia

Leggi tutto

Politica

Fillon nuovo idolo del centro-destra

È andata proprio come vi avevamo preannunciato nei giorni scorsi. Francois Fillon è il candidato dei repubblicani nella corsa all’Eliseo della primavera del 2017.
Dopo aver eliminato Nicolas Sarkozy al primo turno (anche se in realtà l’ex presidente si era già giocato la fiducia dei francesi dalla guerra in Libia), è stata una vittoria schiacciante quella riportata contro Juppè. Fillon ha infatti stravinto il ballottaggio con il 67% contro il 33% di Juppè, e tutta la destra appare compattarsi dietro François Fillon, l’uomo che i Républicains hanno deciso di lanciare nella corsa all’Eliseo dopo primarie vinte a valanga.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: l’aborto è omicidio

“L’aborto è un omicidio” la Chiesa non cambia la sua posizione, ma “ogni volta che i vescovi hanno gestito non come pastori un problema, si sono schierati sul versante politico”. Queste le chiare parole del pontefice rivolte ai giornalisti (in aereo) nel viaggio di ritorno dalla Slovacchia.

Leggi tutto

Società

Indennizzato il poliziotto punito per aver pregato contro l’aborto

Il poliziotto Matt Schrenger aveva partecipato a una preghiera silenziosa per la vita fuori dall’orario lavorativo ed è stato perseguito per questo motivo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano