Politica

di Fabrizio Sanna

Il prolife Tom Price Segretario della Salute USA

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

​Il presidente americano appena eletto, Donald Trump, ha annunciato, all’inizio della giornata del 29 novembre, di aver appena scelto come Segretario della Salute e dei Servizi Umani il pro-life Tom Price.

Price è un medico ortopedico che si è subito distinto per il suo stile pro-vita. Infatti, in un video registrato per commemorare il quarantatreesimo anniversario della decisione Roe v. Wade, che ha sdoganato l’aborto in America, ha affermato che «non c’è niente di più prezioso o che valga la pena difendere rispetto alla santità della vita». «Ora, più che mai, il popolo americano e le vite di infiniti americani non ancora nati hanno bisogno di gente che si batta per la vita».

Price si era già distinto alla Marcia per la Vita del 2011 quando commentò: «Non c’è niente di più fondamentale per la nostra umanità che difendere la vita». E continua: «Il movimento della Marcia per la Vita ha per circa quattro decenni dato voce a coloro che non hanno voce. È un privilegio ergersi insieme con migliaia di americani in solidarietà e impegno fedele al nostro compito solenne di proteggere e difendere le vite di coloro che sono i più innocenti tra di noi».

Price ha anche votato contro il sostegno economico alla Planned Parenthood Federation, l’organizzazione abortista che offre, in America, il servizio dell’aborto, oltre ai vari servizi di “salute riproduttiva”. A proposito di alcuni filmati che mostrano come la Planned Parenthood sia implicata nel traffico di parti di corpi umani, Price dice: «Chi non ha visto i video disturbanti recentemente diffusi dovrebbe farlo. È solo con la conoscenza che uno può sapere (…) delle pratiche barbariche commesse coi soldi federali (…) Il quadro [che queste immagini rivelano] mostra una routine di pratiche abortive che si concretizza nella raccolta e nella vendita di parti di bambini (…). Questo, se fosse visto, scuoterebbe la coscienza di chiunque. Oggi, ho votato per porre fine al finanziamento per le organizzazioni responsabili e aggiunto sanzioni nel caso di aborti “born alive” (ovvero eseguiti alla nascita)».

«Il presidente Price, un noto medico, ha ottenuto una reputazione per essere un instancabile risolutore di problemi (…) rendendolo la scelta ideale (…). Sono orgoglioso di nominarlo come Segretario della Salute», ha affermato Trump.

La scelta di Price è stata salutata positivamente anche da Marjorie Dannenfelser, la Presidente del gruppo politico pro-life “the Susan B. Anthony List”.

A differenza del mondo pro-life, che tiene in grande considerazione Price, nel mondo abortista egli è decisamente malvisto: la Planned Parenthood gli ha dato un voto pari a zero. Lo stesso voto gli ha dato la Human Rights Campaign, una lobby omosessuale, in un suo documento dove si dava una valutazione sulle personalità politiche americane.

La Presidente di Planned Parenthood Cecile Richards ha affermato che la nomina di Price «pone un grave pericolo per la salute delle donne» perché «potrebbe riportare la condizione delle donne indietro di decenni» e «milioni di esse potrebbero essere tagliate fuori dai servizi di prevenzione e salute della Planned Parenthood».

«È un onore essere nominato per servire la nostra nazione come Segretario della Salute e dei Servizi Umani. Grazie al Presidente eletto Trump e al Vice Presidente eletto Pence per la loro fiducia», ha affermato Price. «Mi sento piccolo di fronte alle incredibili sfide che si prospettano ed entusiasta per l’opportunità di essere parte di coloro che le risolveranno per conto del popolo americano. C’è molto lavoro da fare per garantire un sistema sanitario che funzioni per i pazienti, le famiglie e i dottori».

Come Segretario alla Salute, Price svolgerà un compito di controllo verso enti governativi come la Food and Drug Administration, che si occupa della regolamentazione degli alimenti e dei prodotti farmaceutici, e i Centers for Disease Control and Prevention, organismo di controllo sulla sanità pubblica.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

02/12/2016
2701/2020
Sant'Angela Merici

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Verso un piano nazionale per la vita

Il Popolo della Famiglia segue convintamente questa strada, e ha sempre proclamato la sua intenzione di proporre l’abrogazione della Legge 194 sull’interruzione volontaria della gravidanza, per il devastante effetto pedagogico e culturale che quella norma ha introdotto nel nostro Paese. Si è, infatti, arrivati a trasformare un «crimen nefandum» (delitto abominevole), come lo definiva il punto 65 del documento conciliare Gaudium et Spes, in un “diritto fondamentale” della donna.

Leggi tutto

Politica

Su Gerusalemme tutti contro Trump e Putin

Gerusalemme, uno strappo inutilmente pericoloso.  Neppure un solo Paese, a parte Israele, sembra appoggiare Trump nella sua mossa unilaterale. Sarà la scelta giusta?

Leggi tutto

Storie

TURCHI, CURDI E LA BONINO PRIMA DELL’APERICENA

Abbiamo una insopprimibile necessità di iscriverci a una curva, perché sui social così possiamo distillare perle di saggezza che ovviamente sono solo maldestre copiature dei riassunti del mainstream, ingaggiando feroci quanto inutili flames con gli appartenenti alla fazione opposta. Ne muore, così, la reale e profonda comprensione dei fenomeni che sono sempre complessi persino se parliamo di Temptations Island, figuriamoci se ci azzardiamo a discettare di una guerra.
Allora, proviamo a spiegarla questa guerra. Così ci risparmieremo scene oscene tipo il massacro sui social di Under e Demiral, due ragazzi turchi che giocano nella Roma e nella Juve che come tantissimi ragazzi turchi sono cresciuti considerando quella curda come una grave minaccia e ora si schierano con la loro patria salutando i loro coetanei connazionali in guerra.

Leggi tutto

Media

Sugli stregoni della notizia

È dai tempi di Reagan che la Casa Bianca consulta scrupolosamente dei media-influencer

Leggi tutto

Storie

In Siria troppi interessi economico-politici e poco rispetto per la sovranità nazionale

In #Siria tutto e’ pronto per una guerra devastante tra due blocchi intenzionati a non mollare! La tensione e’ altissima in Siria, e l’Onu e’ ancora una volta impotente di fronte a venti di guerra che soffiano sul Medio oriente. Il cacciatorpediniere americano USS “Donald Cook”, armato con missili Tomahawk, ha lasciato il porto cipriota di Larnaca e si dirige verso il Mediterraneo orientale, per portarsi nel raggio d’azione di Damasco, accusata dall’Occidente di aver usato le armi chimiche lo scorso 7 aprile a Duma. Russia e Iran pronte a difendere l’incolpevole alleato a tutti i costi da quella che considerano una trappola israeliana

Leggi tutto

Società

USA: La pupa secchiona

Pare il paradosso dei paradossi, ma anche il Presidente non scherza: ok per l’aborto, ma qualche sovvenzione la mantenga!

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano