Politica

di Fabrizio Sanna

Il prolife Tom Price Segretario della Salute USA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

​Il presidente americano appena eletto, Donald Trump, ha annunciato, all’inizio della giornata del 29 novembre, di aver appena scelto come Segretario della Salute e dei Servizi Umani il pro-life Tom Price.

Price è un medico ortopedico che si è subito distinto per il suo stile pro-vita. Infatti, in un video registrato per commemorare il quarantatreesimo anniversario della decisione Roe v. Wade, che ha sdoganato l’aborto in America, ha affermato che «non c’è niente di più prezioso o che valga la pena difendere rispetto alla santità della vita». «Ora, più che mai, il popolo americano e le vite di infiniti americani non ancora nati hanno bisogno di gente che si batta per la vita».

Price si era già distinto alla Marcia per la Vita del 2011 quando commentò: «Non c’è niente di più fondamentale per la nostra umanità che difendere la vita». E continua: «Il movimento della Marcia per la Vita ha per circa quattro decenni dato voce a coloro che non hanno voce. È un privilegio ergersi insieme con migliaia di americani in solidarietà e impegno fedele al nostro compito solenne di proteggere e difendere le vite di coloro che sono i più innocenti tra di noi».

Price ha anche votato contro il sostegno economico alla Planned Parenthood Federation, l’organizzazione abortista che offre, in America, il servizio dell’aborto, oltre ai vari servizi di “salute riproduttiva”. A proposito di alcuni filmati che mostrano come la Planned Parenthood sia implicata nel traffico di parti di corpi umani, Price dice: «Chi non ha visto i video disturbanti recentemente diffusi dovrebbe farlo. È solo con la conoscenza che uno può sapere (…) delle pratiche barbariche commesse coi soldi federali (…) Il quadro [che queste immagini rivelano] mostra una routine di pratiche abortive che si concretizza nella raccolta e nella vendita di parti di bambini (…). Questo, se fosse visto, scuoterebbe la coscienza di chiunque. Oggi, ho votato per porre fine al finanziamento per le organizzazioni responsabili e aggiunto sanzioni nel caso di aborti “born alive” (ovvero eseguiti alla nascita)».

«Il presidente Price, un noto medico, ha ottenuto una reputazione per essere un instancabile risolutore di problemi (…) rendendolo la scelta ideale (…). Sono orgoglioso di nominarlo come Segretario della Salute», ha affermato Trump.

La scelta di Price è stata salutata positivamente anche da Marjorie Dannenfelser, la Presidente del gruppo politico pro-life “the Susan B. Anthony List”.

A differenza del mondo pro-life, che tiene in grande considerazione Price, nel mondo abortista egli è decisamente malvisto: la Planned Parenthood gli ha dato un voto pari a zero. Lo stesso voto gli ha dato la Human Rights Campaign, una lobby omosessuale, in un suo documento dove si dava una valutazione sulle personalità politiche americane.

La Presidente di Planned Parenthood Cecile Richards ha affermato che la nomina di Price «pone un grave pericolo per la salute delle donne» perché «potrebbe riportare la condizione delle donne indietro di decenni» e «milioni di esse potrebbero essere tagliate fuori dai servizi di prevenzione e salute della Planned Parenthood».

«È un onore essere nominato per servire la nostra nazione come Segretario della Salute e dei Servizi Umani. Grazie al Presidente eletto Trump e al Vice Presidente eletto Pence per la loro fiducia», ha affermato Price. «Mi sento piccolo di fronte alle incredibili sfide che si prospettano ed entusiasta per l’opportunità di essere parte di coloro che le risolveranno per conto del popolo americano. C’è molto lavoro da fare per garantire un sistema sanitario che funzioni per i pazienti, le famiglie e i dottori».

Come Segretario alla Salute, Price svolgerà un compito di controllo verso enti governativi come la Food and Drug Administration, che si occupa della regolamentazione degli alimenti e dei prodotti farmaceutici, e i Centers for Disease Control and Prevention, organismo di controllo sulla sanità pubblica.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/12/2016
0502/2023
Sant'Agata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

In Siria troppi interessi economico-politici e poco rispetto per la sovranità nazionale

In #Siria tutto e’ pronto per una guerra devastante tra due blocchi intenzionati a non mollare! La tensione e’ altissima in Siria, e l’Onu e’ ancora una volta impotente di fronte a venti di guerra che soffiano sul Medio oriente. Il cacciatorpediniere americano USS “Donald Cook”, armato con missili Tomahawk, ha lasciato il porto cipriota di Larnaca e si dirige verso il Mediterraneo orientale, per portarsi nel raggio d’azione di Damasco, accusata dall’Occidente di aver usato le armi chimiche lo scorso 7 aprile a Duma. Russia e Iran pronte a difendere l’incolpevole alleato a tutti i costi da quella che considerano una trappola israeliana

Leggi tutto

Politica

La Corte Suprema deciderà sul futuro dell’aborto negli Stati Uniti

Negli USA è iniziato il dibattimento che tiene il movimento femminista con il fiato sospeso e fa sperare gli Stati conservatori, che puntano a limitare per quanto possibile quel diritto.

Leggi tutto

Chiesa

Acque vive di Speranza

Nel videomessaggio per il 66 esimo Congresso di Educazione Religiosa dell’Arcidiocesi di Los Angeles, Francesco invita i cattolici californiani a rinnovarsi per portare, come discepoli missionari “che vanno sempre avanti”, il messaggio di Misericordia del Signore “alle periferie esistenziali”

Leggi tutto

Storie

Si fa rimuovere organi sessuali ma poi se ne pente

Il Daily Mail ha recentemente riportato il caso di un giovane britannico, a cui sono stati rimossi i genitali durante un intervento chirurgico di riassegnazione di genere, che sì è pentito di averlo fatto e che ha citato in giudizio il sistema sanitario nazionale (SSN) per il fatto di non essere stato informato adeguatamente su tutte le conseguenze dell’operazione.

Leggi tutto

Storie

USA. 10.000 aborti legali in meno

Secondo quanto riportato da “FiveThirtyEight” infatti, negli Stati Uniti ci sono stati almeno 10.000 aborti legali in meno nei due mesi che hanno seguito il ribaltamento della sentenza Roe vs. Wade.

Leggi tutto

Politica

I talebani al potere: il racconto della drammatica situazione dell’Afghanistan

Resta molto grave la situazione in Afghanistan. I Talebani sono pericolosi. Hanno fatto man bassa nei depositi d’armi degli americani creando una situazione di instabilità e terrore in tutto il Paese.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano