{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} PLANNED PARENTHOOD FONDI A CHI INDAGA

Storie

di Alessandro Rico

PLANNED PARENTHOOD FONDI A CHI INDAGA

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Con la vittoria del Presidente eletto Donald Trump, l’aria in America forse sta cambiando. Pochi giorni fa, il Select Panel on Infant Lives, insediatosi in seno alla Camera dei Rappresentanti dopo la scoperta dell’affaire Planned Parenthood, ha reso nota una lista di organizzazioni che praticano aborti tardivi e commerciano parti anatomiche dei feti (una pratica che, è bene ricordarlo, le leggi federali, valide su tutto il territorio della nazione, vietano esplicitamente). L’elenco delle istituzioni che sfruttano questo business della morte comprende, tra le altre, l’Università del New Mexico, che ha acquistato tessuti provenienti da feti abortiti tardivamente in una clinica di Albuquerque; una clinica dell’Arkansas, che vendeva i resti dei bimbi non nati a StemExpress, un centro di ricerca sulle staminali con sede in California, che sul suo sito internet non ha remore a dichiarare che «i prodotti di StemExpress, derivati da tessuti umani, variano dai tessuti sani a quelli malati, da quelli dei feti a quelli degli adulti»; e poi, ancora, un’università dell’Ohio, anch’essa coinvolta in questo florido commercio; la DVBiologics, della Contea di Orange in California, che non solo trafficava parti di feti, ma non pagava nemmeno le tasse sulle transazioni; e la stessa Planned Parenthood texana, in affari con l’Università del Texas. In questi giorni, la Camera sta discutendo il rinnovo dei fondi al Comitato, che oltre ad aver denunciato alle relative procure distrettuali i fatti sopra riportati, ha spedito anche una serie di mandati di comparizione a medici che praticavano aborti tardivi, come LeRoy Carhart e Warren Hern. Quando, durante la campagna elettorale, Trump aveva accusato la Clinton di appoggiare l’interruzione di gravidanza al nono mese, la candidata democratica si era schermita dietro a una circonvoluzione verbale, che alludeva al dramma psicologico delle donne che scelgono di abortire. I giornali, quelli americani e i nostri, avevano dichiarato ovviamente che quelle di Trump erano solo insinuazioni e che il tycoon faceva parte della schiera dei pro-life sbandati, che vogliono negare alle donne il «diritto alla salute riproduttiva» (tradotto: il diritto all’infanticidio). Eppure, medici come Carhart e Hern sembrerebbero bendisposti a praticare interruzioni di gravidanza anche fino a tutto il nono mese, per poi, naturalmente, piazzare sul mercato i resti dei bambini. Come con il maiale, anche del feto non si butta via niente. È indubbio che Donald Trump abbia espresso posizioni non proprio nette sulla questione dell’aborto, proclamandosi un «pro-life con alcuni caveat», come l’età della madre, l’eventuale rischio per la vita della gestante, o i casi di gravidanza provocata da violenze sessuali. Resta però il fatto che ha selezionato importanti esponenti della galassia antiabortista per ricoprire ruoli chiave: ad esempio, il Repubblicano Tom Price, che in qualità di Segretario del centro Health and Human Services avrà un ruolo fondamentale nel progetto di «repeal and replace», cioè «abrogare e rimpiazzare» Obamacare, la riforma sanitaria dell’amministrazione uscente che forniva coperture assicurative pubbliche per aborti e contraccezione. D’altro canto, il tycoon newyorkese ha vinto le elezioni pure grazie al sostegno dei pro-life, che aveva corteggiato promettendo, in una specie di lettera aperta, di eliminare almeno i finanziamenti pubblici alle pratiche abortive, con una solida argomentazione giuridica: se, come recitava la sentenza della Corte Suprema che nel 1973 legalizzò l’aborto negli Stati Uniti, l’interruzione di gravidanza è una decisione privata della gestante, allora essa non può essere portata a termine con i soldi dei contribuenti. Trump aveva scritto a chiare lettere che, in quella circostanza, «la Corte Suprema fondò quella sentenza immaginando diritti e libertà che nella Costituzione non ci sono». Esattamente come è accaduto nel più recente caso del matrimonio gay: in fondo, il sistema della judicial review, con il quale la suprema corte statunitense si arroga il diritto di stabilire la giusta applicazione della Costituzione sull’intero territorio nazionale, si riduce ai rapporti di forza politici interni al comitato dei nove giudici. E Trump avrà il compito di proporre al Congresso, a maggioranza repubblicana, la nomina del successore di Antonin Scalia, il giudice cattolico e conservatore morto qualche mese fa. Il vento, che sembrava sospingere la barca della civiltà americana verso mari tempestosi, forse sta cambiando direzione. Certo, la strada è ancora lunga: solo un paio di giorni fa, l’ennesima coppia gay italiana ha comprato un bambino con la maternità surrogata in California. Ma i titoli di apertura della presidenza Trump promettono bene. Da gennaio ne vedremo delle belle.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

05/12/2016
1806/2019
San Calogero

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Sylviane Agacinsky sfida Emmanuel Macron sull’utero in affitto

La Francia si appresta al primo turno di voto alle presidenziali. Certa l’uscita dell’attuale presidente socialista Francois Hollande che lascia con il minimo storico dei consensi, ai suoi eredi il compito di risanare l’economia francese e soprattutto di annientare il terrorismo islamico

Leggi tutto

Politica

Elezioni decisive per tutti

Mediante le elezioni siciliane di domenica prossima si misurerà l’intensità dell’avanzata possibile del centrodestra, la tenuta del progetto di governo del Movimento Cinque Stelle, la capacità del Partito democratico di reggere ai venti di tempesta che lo stanno devastando. In gioco ci sono le tre leadership: quella pluridecennale di Silvio Berlusconi, quella appena sancita di Luigi Di Maio e infine quella usurata in pochissimi anni zeppi di errori di Matteo Renzi. Ci sono poi evidentemente altre questioni politiche interessanti che saranno rese analizzabili da questo voto amministrativo: esiste uno spazio reale alla sinistra del Pd? L’estrema destra potrà coagularsi attorno a Casa Pound? Per i cattolici identitari è tempo di un nuovo protagonismo grazie al Popolo della Famiglia? A queste tre domande si risponderà prevalentemente a Roma, mentre il tema sulle tre principali leadership si squaderna prevalentemente in Sicilia. Ma proviamo ad affrontare i punti uno per volta.

Leggi tutto

Politica

L’Italia del Gattopardo

....io non avrei bocciato Savona, li avrei mandati a governare. Ma ci sono ragioni di altri che dicono che il presidente della Repubblica ha fatto bene. Altri ancora gridano all’alto tradimento e sono pronti a mettere in stato di accusa il Capo dello Stato “asservito ai poteri forti stranieri”. Lo hanno detto dai palchi della campagna elettorale per le amministrative Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista e sorprendentemente Giorgia Meloni. Matteo Salvini più intelligentemente si è tenuto alla larga da questa inutile benzina lanciata intempestivamente sul fuoco e utilizzerà l’arma del possibile voto favorevole della Lega a una procedura di impeachment per ottenere dal Quirinale una data certa per le elezioni.

Leggi tutto

Politica

George Soros e compagnia cantante

Alla petizione hanno già aderito più di 4 milioni di americani. Tra le motivazioni che dovrebbero indurre i grandi elettori a cambiare casacca, si legge nella petizione, c’è il fatto che la Clinton ha vinto il voto popolare (Hillary ha ottenuto 61.150.553 voti; Trump ha ottenuto 60.480.474 voti), cosa che non si è riflessa in un numero proporzionale di grandi elettori a causa dei complessi meccanismi dell’elezione che si differenziano tra stato e stato. Nella storia è capitato solo altre tre volte: nel 2000 tra George W. Bush e Al Gore, nel 1876 divenne presidente il repubblicano Rutherford Hayes, nonostante Samuel Tilden abbia preso più voti e nel 1888, nella sfida tra Benjamin Harrison e Grover Cleveland.

Leggi tutto

Storie

La lezione di un piccolo borgo

Il modello politico del Popolo della Famiglia si consolida e, dopo le arrembanti esperienze delle amministrative 2016, si è confermato maturato a quelle del 2017. Mirko De Carli ha sfiorato la soglia del 15% a Riolo Terme: questo e altri risultati elettorali dimostrano che là dove il PdF non sia irretito da inadeguatezza di mezzi comunicativi, ovvero dove lo si riesca a vedere, il popolo lo premia.

Leggi tutto

Politica

PDF alle elezioni, le date fondamentali

In appena 90 giorni potremmo trovarci davanti ad un’Italia trasformata dalla grande sorpresa di un’affermazione del Popolo della Famiglia al voto, che si tiene a 65 giorni esatti da adesso. Vale la pena di essere protagonisti di questa lotta per il cambiamento, per la famiglia, per la vita.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano