{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} PLANNED PARENTHOOD FONDI A CHI INDAGA

Storie

di Alessandro Rico

PLANNED PARENTHOOD FONDI A CHI INDAGA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Con la vittoria del Presidente eletto Donald Trump, l’aria in America forse sta cambiando. Pochi giorni fa, il Select Panel on Infant Lives, insediatosi in seno alla Camera dei Rappresentanti dopo la scoperta dell’affaire Planned Parenthood, ha reso nota una lista di organizzazioni che praticano aborti tardivi e commerciano parti anatomiche dei feti (una pratica che, è bene ricordarlo, le leggi federali, valide su tutto il territorio della nazione, vietano esplicitamente). L’elenco delle istituzioni che sfruttano questo business della morte comprende, tra le altre, l’Università del New Mexico, che ha acquistato tessuti provenienti da feti abortiti tardivamente in una clinica di Albuquerque; una clinica dell’Arkansas, che vendeva i resti dei bimbi non nati a StemExpress, un centro di ricerca sulle staminali con sede in California, che sul suo sito internet non ha remore a dichiarare che «i prodotti di StemExpress, derivati da tessuti umani, variano dai tessuti sani a quelli malati, da quelli dei feti a quelli degli adulti»; e poi, ancora, un’università dell’Ohio, anch’essa coinvolta in questo florido commercio; la DVBiologics, della Contea di Orange in California, che non solo trafficava parti di feti, ma non pagava nemmeno le tasse sulle transazioni; e la stessa Planned Parenthood texana, in affari con l’Università del Texas. In questi giorni, la Camera sta discutendo il rinnovo dei fondi al Comitato, che oltre ad aver denunciato alle relative procure distrettuali i fatti sopra riportati, ha spedito anche una serie di mandati di comparizione a medici che praticavano aborti tardivi, come LeRoy Carhart e Warren Hern. Quando, durante la campagna elettorale, Trump aveva accusato la Clinton di appoggiare l’interruzione di gravidanza al nono mese, la candidata democratica si era schermita dietro a una circonvoluzione verbale, che alludeva al dramma psicologico delle donne che scelgono di abortire. I giornali, quelli americani e i nostri, avevano dichiarato ovviamente che quelle di Trump erano solo insinuazioni e che il tycoon faceva parte della schiera dei pro-life sbandati, che vogliono negare alle donne il «diritto alla salute riproduttiva» (tradotto: il diritto all’infanticidio). Eppure, medici come Carhart e Hern sembrerebbero bendisposti a praticare interruzioni di gravidanza anche fino a tutto il nono mese, per poi, naturalmente, piazzare sul mercato i resti dei bambini. Come con il maiale, anche del feto non si butta via niente. È indubbio che Donald Trump abbia espresso posizioni non proprio nette sulla questione dell’aborto, proclamandosi un «pro-life con alcuni caveat», come l’età della madre, l’eventuale rischio per la vita della gestante, o i casi di gravidanza provocata da violenze sessuali. Resta però il fatto che ha selezionato importanti esponenti della galassia antiabortista per ricoprire ruoli chiave: ad esempio, il Repubblicano Tom Price, che in qualità di Segretario del centro Health and Human Services avrà un ruolo fondamentale nel progetto di «repeal and replace», cioè «abrogare e rimpiazzare» Obamacare, la riforma sanitaria dell’amministrazione uscente che forniva coperture assicurative pubbliche per aborti e contraccezione. D’altro canto, il tycoon newyorkese ha vinto le elezioni pure grazie al sostegno dei pro-life, che aveva corteggiato promettendo, in una specie di lettera aperta, di eliminare almeno i finanziamenti pubblici alle pratiche abortive, con una solida argomentazione giuridica: se, come recitava la sentenza della Corte Suprema che nel 1973 legalizzò l’aborto negli Stati Uniti, l’interruzione di gravidanza è una decisione privata della gestante, allora essa non può essere portata a termine con i soldi dei contribuenti. Trump aveva scritto a chiare lettere che, in quella circostanza, «la Corte Suprema fondò quella sentenza immaginando diritti e libertà che nella Costituzione non ci sono». Esattamente come è accaduto nel più recente caso del matrimonio gay: in fondo, il sistema della judicial review, con il quale la suprema corte statunitense si arroga il diritto di stabilire la giusta applicazione della Costituzione sull’intero territorio nazionale, si riduce ai rapporti di forza politici interni al comitato dei nove giudici. E Trump avrà il compito di proporre al Congresso, a maggioranza repubblicana, la nomina del successore di Antonin Scalia, il giudice cattolico e conservatore morto qualche mese fa. Il vento, che sembrava sospingere la barca della civiltà americana verso mari tempestosi, forse sta cambiando direzione. Certo, la strada è ancora lunga: solo un paio di giorni fa, l’ennesima coppia gay italiana ha comprato un bambino con la maternità surrogata in California. Ma i titoli di apertura della presidenza Trump promettono bene. Da gennaio ne vedremo delle belle.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/12/2016
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Perché la politica italiana sembra dover insultare i suoi giovani

Il ministro del Lavoro ci ricasca: un’altra frase infelice lascia trapelare disprezzo per i disoccupati

Leggi tutto

Politica

Alternative für Deutschland: lezioni da imparare

Il “giornalista collettivo” non ha ancora imparato la lezione: in tempo di analfabetismo sociopolitico e di malcontento diffuso attaccare un partito rampante con l’epiteto di “populista” si rivela controproducente. Il partito fondato da Frauke Petry e oggi diretto da Alice Weidel deve invece interpellare a fondo l’anima popolare d’Europa (i punti guadagnati da AfD sono quelli persi da CDU): non mancano le ambiguità e le contraddizioni, ma vanno studiate.

Leggi tutto

Media

Mark Zuckerberg “chiede scusa” al Congresso

«Ci avevano detto che avevano cancellato i nostri dati – ha dichiarato “Mr. Facebook” nella due giorni di interrogatorio davanti alle massime istituzioni
civili Usa –: abbiamo senz’altro fatto male a fidarci e a non controllare». Le spalle al muro sull’aborto e poi l’elusività: «Ci vorranno anni per sistemare le cose»

Leggi tutto

Politica

Anche solo il nostro esistere

Il Popolo della Famiglia va avanti: 355 cittadini hanno sottoscritto la mia candidatura a deputato del collegio Roma 1, abbiamo avuto la forza organizzativa per fare la raccolta in una settimana, siamo l’unica organizzazione cristianamente ispirata in grado di fare questo nel campo politico. Non ci è piaciuto il governo gialloverde, ancora meno ci è piaciuto il governo giallorosso che candida nel collegio addirittura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, quello che ha irriso la famiglia con uno stanziamento di venti volte inferiore a quello necessario e promesso. Se i cattolici hanno un minimo di spina dorsale e coerenza, non possono votare per lui. A chi, come noi, non ha gradito neanche le inesistenti politiche di bilancio a favore della famiglia del governo precedente, noi offriamo un’alternativa.

Leggi tutto

Politica

NOI O LORO: LA SCELTA È FACILE

Il 3 e 4 ottobre la scelta è semplice: noi o loro. Loro vanno di moda, hanno partiti grandi e ricchi e potenti e ipercitati dai media, ma sono attraversati da una fragilità valoriale che ormai sfocia nell’insensatezza esistenziale, non sanno neanche più perché stanno insieme se non per la caccia al potere. Loro o noi. Noi siamo piccoli ma sapete perfettamente chi siamo, cosa vogliamo, cosa ci anima, noi abbiamo una faccia sola e di questi tempi è il bene più prezioso. Non ci interessa il potere per il potere, non puntiamo alle poltrone, lo abbiamo dimostrato. Noi puntiamo al governo delle comunità e del Paese solo alle nostre condizioni, solo per realizzare quel che promettiamo, per portare in Italia quella cultura della famiglia e della vita che sola può sconfiggere i cinici nichilisti mortiferi che tanto di moda vanno in questo momento nel nostro Paese. Ma le mode passano. La famiglia resta: è l’ancoraggio vero, per tutti.

Leggi tutto

Politica

USA - New York e libri per bimbi

Il Dipartimento dell’Educazione dello Stato di New York ha promosso il libro della fumettista Maia Kobabe, ‘Gender Queer: a Memoir’, che secondo quanto si apprende contiene disegni espliciti di adolescenti che fanno ogni tipo di attività sessuale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano