{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} A proposito di buona scuola

Politica

di Gloria Callarelli

A proposito di buona scuola

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Il pericolo più grande per il nostro futuro è l’ignoranza, la non conoscenza delle cose. Da sempre è pericolosa perché senza sapere si è vulnerabili, senza conoscere si può straparlare, senza avere cognizione di causa ci si può bere di tutto. Un avvelenamento che se portato avanti lentamente, a piccole dosi con pillola magari indorata, diventa letale perché non percepito dalle nostre coscienze. Lo strumento principale per avvelenarle le persone e che trova terreno fertile in chi ignora, sono certamente le menzogne. Le menzogne sono come polpette avvelenate che piano piano riempiono la pancia, le tossine si impadroniscono della nostra mente insipiente e, aiutino più, aiutino meno da parte di istituzioni, mass media compiacenti, lobby e via dicendo, arrivano a modificare completamente il nostro modo di pensare. Nella migliore delle ipotesi ci annichiliscono il pensiero, nella peggiore ci portano ad assecondare le ideologie del pensiero unico dominante. Chiamatela finestra di Overton, chiamatelo lavaggio del cervello: la sostanza non cambia.

Quando ieri ho letto il post su Twitter di Laura Boldrini non ci volevo credere. Un concentrato di argomenti, riassunto tra l’altro in un cinguettio striminzito che dice e non dice che riporta e non riporta, che insinua e azzarda ipotesi prive di fondamento. Lo riporto, nel caso ve lo siate persi: “Proposta legge #educazionedigenere scuole, avanzata da tanti gruppi, serve a prevenire #violenza #donne. Solidarietà a ministra @valeriafedeli”.
Ora questo tweet è grottesco perchè accomuna capre e cavoli appunto senza una minima tesi ragionata che dimostri qualcosa. Alla luce di questo chiediamo quindi che cosa significa che il gender potrebbe prevenire la violenza sulle donne? Ma dove sta scritta questa teoria? Davvero sarebbe interessante scoprirlo. Purchè non sia qualche sito di parte omosessuale, perché altrimenti va da sé che la tesi diventa poco credibile. Se un giorno la signora Boldrini sarà così gentile da spiegarci come la famigerata ideologia gender può combattere la violenza sulle donne portando tesi e spiegazioni ragionevoli saremo qui tutt’orecchi e pronti a ricrederci. Forse però il presidente della Camera non conosce davvero questa teoria, la stessa che per tanti suoi colleghi per altro non esiste (ops), e a quel punto sarebbe utile che si informasse per bene sul suo significato prima di parlarne all’Italia. Magari glielo spiegasse bene la signora Fedeli o magari, ancora meglio sarebbe se si informasse seriamente da qualcuno che sul tema ha scritto libri e conosce ogni virgola come l’avvocato Gianfranco Amato. Su Facebook, su youtube, su internet ovunque si trovano suoi articoli, suoi convegni, sue interviste. Perfino in libreria si possono trovare i suoi libri. Se poi non le piace l’avvocato Gianfranco Amato, perché come dice l’attuale ministro da lei difeso “manipola i cervelli”, può sempre trovare le stesse argomentazioni provate e ragionate ancora una volta negli scritti, negli articoli, nei dibattiti di altri autori quali Massimo Gandolfini ad esempio.
E’ chiaro che la signora Boldrini o ignora o ha volutamente indirizzato chi ignora il gender su un altro argomento per spostare l’attenzione su un tema che ovunque, quotidianamente, è diventato di moda e affossare l’altro, più delicato e grave: e allora va bene, parliamo di femminicidio e violenza sulle donne, anche se si va fuori tema. Una strategia comunitcativa interessante. E’ chiaro che al presidente della Camera piace vincere facile e giocare su temi così gettonati da mandare in secondo piano tutto è uno scherzetto semplice. Anche le menzogne, le bugie e la faccia.
Per dovere di cronaca segnaliamo che lo stesso avvocato Gianfranco Amato ha definito l’ideologia gender come “un’idea devastante che afferma che si è “maschio o femmina”, “uomo o donna”, non in base alla struttura anatomica e biologica, ma in base a quello che si sente di essere al momento perché secondo tale teoria, è una condizione che può variare nel tempo”.
Per poter portare avanti questa teoria, per cui io una mattina posso svegliarmi uomo se mi va, o magari cane, cavallo, giapponese ecc. , nelle scuole già di tutta Italia sono stati proposti libri, opuscoli, kit e quant’altro che attraverso un’educazione sessuale sfrontata e in palese violazione con il diritto della famiglia di educare, sancito anche dalla costituzione, vedi ad esempio l’articolo 30, o espresso nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, fanno passare l’ideologia. In questi anni si è visto di tutto, le segnalazioni si sprecano e si trovano facilmente anche in siti-denuncia come quello dell’associazione pro life “Le Mnif pour tous”. Dai libricini adatti alle scuole materne o primarie, fino ai romanzi espliciti come ad esempio “Sei come sei” di Melania Mazzucco dove vengono descritti rapporti omosessuali che sfiorano il porno, il cavallo di Troia è già entrato in molti istituti d’Italia magari tirato per le redini da docenti compiacenti e di parte.
Di certo, crediamo noi, far scoprire ai bambini di 4 anni la sessualità non può che essere definita una cosa di una violenza inaudita. E Gesù che ben sapeva la strumentalizzazione cui i bambini sono soggetti perché puri, innocenti, incorrotti e quindi per questo più vicini a Lui, ha ribadito: “Chi invece scandalizza anche uno solo di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse appesa una macina al collo e fosse gettato negli abissi del mare”.
Ricordiamo, inoltre, anche, che questa famigerata ideologia gender è stata definita da Papa Francesco più volte con parole molto dure, preoccupate e coraggiose: “Grande nemico oggi del matrimonio è la teoria del gender. Oggi c’è una guerra mondiale per distruggere il matrimonio ma non si distrugge con le armi, si distrugge con le idee: ci sono colonizzazioni ideologiche che distruggono”. Ha paragonato l’indottrinamento gender a quello avvenuto nelle dittature del secolo scorso, nazismo in primis, e ha ricordato in qualche occasione che i frutti di certe ideologie portano solo al male: “La Bibbia ci dice che Dio ha creato uomo e donna e li ha creati a sua immagine: cioè l’uomo e la donna che si fanno una sola carne sono l’immagine di Dio. Chi paga le spese del divorzio? Tutti e due? Di più paga Dio, perché quando si divorzia una sola carne si sporca l’immagine di Dio. E pagano i bambini, i figli. Voi non sapete quanto soffrono i bambini i figli piccoli quando vedono le liti e le separazioni dei genitori”. Infine ha chiamato il padre di questa ideologia per nome: “satana”.
La signora Boldrini e la signora Fedeli conoscono queste dichiarazioni del Papa? Sono disposte così platealmente a passarci sopra? Se davvero è così dobbiamo intendere che si sono schierate dalla parte sbagliata. E’ vero che l’ora di religione è ormai un optional, ma è anche vero che è un peccato non sapere.
Sia come sia, se vogliamo proprio spostare l’attenzione sul gender e parlare di questo al ministro dell’Istruzione, ricordiamo che le volontà dei genitori non possono essere platealmente ignorate. E’ chiaro come il sole che il ministro conosce la contrarietà delle famiglie cattoliche e di buon senso alla teoria, e forse ne comprende le ragioni, ma va avanti lo stesso. Per la sua strada, con la sua poltrona. Facendo il compitino bene di modo che i professori di lassù mettano un bel voto.
Fino a prova contraria, però, pur con tutti i suoi attuali limiti, l’Italia è ancora in larga parte un paese cattolico e cristiano e certi argomenti, abbiamo visto, non vanno a braccetto con il “cattolicesimo new age”. Il popolo è ancora sovrano e lo dimostrerà, prima o poi.
Ma ad oggi è chiaro: l’arroganza di molti politici porta a chiudere le orecchie, rinnegare le proprie dichiarazioni, andare avanti facendo finta di niente. Eppure non è così che si fa, giocare col popolo non porta bene. Ne vale la pena? In passato abbiamo visto come è finita: se il popolo viene ignorato non sta a guardare a lungo. Ma la storia si sa, non insegna mai nulla. Vero ministro dell’Istruzione?
Ad ogni modo abbiamo divagato: perchè il ministro Fedeli è stata oggetto di critiche non solo (e non ora) per l’ideologia gender in sé ma per una menzogna clamorosa che nasconde insipienza e che tradisce, forse, anche inadeguatezza. Questo è stato il punto e questo va dibattuto. Riconosciuto questo, va da sé che sarebbe una gaffe clamorosa ancora di più e denuncerebbe ancora di più quanto le dimissioni siano un atto urgente e indispensabile. Quindi non riusciamo a capire come si possa spostare il mirino delle critiche da questa argomentazione all’ideologia gender.
In sedi opportune si affronterà anche quella circostanza che ovviamente persone di una certa sensibilità, in particolare cristiana, non possono condividere. Ma non è stato l’oggetto della critica, semplicemente no. Perché quindi strumentalizzare in questo modo la vicenda? Perché spostarne il tiro se non per rigirare la frittata e così facendo dimostrando ancora una volta un’assenza totale di integrità e di correttezza nei confronti dei cittadini che si sono sollevati in protesta contro questo modo di agire? Contrattaccare senza difendersi, dimostra un’assenza di argomentazioni e mette a nudo la verità. O forse, come già spiegato, si vuole utilizzare l’argomento violenza sulle donne per attirare simpatie, consensi e spostare il fuoco delle polemiche contro chi a quel punto, indignato contro il ministro, si macchierebbe della grave colpa di essere “sessista”. Tutto, sempre per restare in tema scolastico, sicuramente per la proprietà transitiva del “se A è uguale a B e B è uguale a C allora A è uguale a C”.
Beh la strategia, comunque, non funziona più. Non, almeno, per chi ha aperto gli occhi, per chi ha smesso di ignorare e ha cominciato a informarsi. Non solo sui media pilotati, ma anche su internet, seguendo le conferenze e ascoltando.
Chiudendo il discorso blog è forse il caso di chiarire anche il significato della frase “tanti gruppi” citato dalla presidente della camera: si intendono forse le 200 organizzazione che si battono per l’indottrinamento gender nelle scuole? O sono forse le 29 lgbt che hanno contribuito alla redazione del documento “Strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere” emanato a seguito delle direttive europee e che ha invaso le scuole nonostante le sollevazioni dei giuristi per la vita e dei genitori indignati? Forse sì. Riportiamo anche in questo caso e anche qui per dovere di cronaca le parole dell’avvocato Amato, tratte dal suo libro “Gender d’istruzione”, nel quale viene specificato come quello stesso documento (in fase di stesura) non ha previsto ingerenze di carattere “religioso” e non ha tenuto conto della rappresentanza dei genitori e dei docenti, preferendo avvalersi della collaborazione di organizzazioni omossessualiste. Forse più referenziate? Di certo non le sole sul panorama italico e non le uniche ad aver diritto di parola. Eppure, questi gruppi sono forse più uguali di altri.
Ma vabbè forse il presidente della Camera è entrata in un vortice che ormai l’ha completamente risucchiata quel vortice di genere che non discrimina più gli argomenti per non discriminare il genere. Solo così si spiega il post e il tentativo di difendere il neo ministro.
“Le politiche di genere iniziano dal linguaggio - ha detto alla Stampa l’assessore - Prima di comportarci bene dobbiamo parlare bene”.
Già dal linguaggio: quello usato per dichiarare una menzogna, per altro corretto non con una penna rossa e immediata bocciatura, ma con la gomma da cancellare o la cancellina per capirci.
E così invece di finire dietro la lavagna, ritroviamo ancora certi professori in cattedra, a dare lezione. Attenzione perché il popolo quando smette di ignorare, si istruisce e impara, si rivolta e si ribella. E’ il bello dell’istruzione, bellezza.

16/12/2016
2506/2017
Ss. Guglielmo da Vercelli e Massimo di Torino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le quattro leggi a cui dobbiamo opporci

Quattro disegni di legge potrebbero essere approvati dal Parlamento, dobbiamo rendere evidente una opinione pubblica che si oppone e la Chiesa si sta muovendo

Leggi tutto

Chiesa

Quer pasticciaccio brutto de li castighi divini

Nelle parole del saggio Benedetto c’è calore umano, c’è il mistero del dolore innocente associato, in maniera altrettanto misteriosa, alla Croce di Cristo. Su tutto regna la fiducia nella costitutiva bontà di Dio, un Padre buono che ama i propri figli. Una sola cosa non c’è nella risposta di papa Benedetto: un sistema di risposte a tutto, una FAQ teologica a misura della ragione umana. Ci sono invece appelli alla meditazione, inviti alla preghiera. Pregare, ce lo dice l’etimologia, implica il riconoscimento della propria precarietà: è un’esortazione ad affidarsi, atto antipelagiano per eccellenza.

Leggi tutto

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Chiesa

Contro i cattonichilisti. Invettiva

Prese in giro e soprusi, per i cattolici, nel governo Gentiloni (anche a prescindere dalla Fedeli). Per contro il quotidiano dei vescovi nicchia, fa l’occhiolino, si disp(r)one al potere. E getta strali di cristiano disprezzo e misericordia pagana su chi ha la schiena dritta

Leggi tutto

Politica

Al male bisogna opporsi

Ancora una volta sul web c’è chi dà patenti di misericordiosità. Io, ovviamente, non sono misericordiosa, perché ho attaccato il neo ministro Fedeli. Invece bisogna offrire appoggio, e collaborazione, e testimoniare senza opporsi. Ma al male, non alle persone, bisogna opporsi. È vero, abbiamo scherzato tutti sulla sua non laurea, ma molti senza parole offensive (io per esempio ho diffuso un invito alla sua fantomatica festa di laurea in un autogrill: saremo in più di dodicimila, io porto le patatine), e personalmente trovo molto deprimente che qualcuno pensi di sembrare più importante con una laurea (alcune tra le persone che stimo più al mondo non ce l’hanno).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2017 La Croce Quotidiano