Politica

di Gianfranco Amato

Gli errori-orrori della Fedeli

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Impareggiabile Valeria Fedeli! Anche lei è caduta nella più banale delle trappole per i parvenu culturali della politica: la finta laurea. Oscar Giannino docet! Credo si tratti di una questione psicologica. Una sorta di complesso di inferiorità che porta alcuni politici insicuri a fingersi dottori.

Beh, occorre dire che non è un bel viatico per un neoministro della Repubblica apparire complessato. Appare un singolare scherzo del destino cinico e baro – o della giustizia divina per chi crede – il fatto che a scoprire e rivelare lo scoop sul mancato titolo di studio sia stato proprio Mario Adinolfi, che oltre ad essere un giornalista è anche il presidente e fondatore, insieme al sottoscritto, del movimento politico Il Popolo della Famiglia, nonché, sempre insieme al sottoscritto, il Nemico Numero Uno della neoministra dell’Istruzione. Il duo Amato-Adinolfi è sempre stato nel mirino delle invettive della Fedeli fin dai bei tempi dei due Family Day di Piazza San Giovanni e del Circo Massimo. Ma, purtroppo per Valeria, Adinolfi è un vero giornalista. Uno di quelli che fiuta come un segugio la notizia. Che intuisce, scava, verifica, non molla la preda. Che riesce ancora ad appassionarsi alla verità storica dei fatti, e che ha il coraggio di denunciarla. Nulla a che vedere con la massa di pennivendoli prezzolati di regime che oggi osano ancora farsi definire giornalisti. Ovvero, la stragrande parte di coloro che rappresentano quella categoria professionale.

E da buon segugio, Mario Adinolfi ha intuito che la notizia poteva non fermarsi alla finta laurea. Ha inseguito la preda. Ha controllato, esaminato, accertato fino a scoprire che alla povera Valeria manca pure il diploma di maturità. E così è emerso che Valeria Fedeli soffre di un doppio complesso di inferiorità: laurea e diploma. E sì, abbiamo un ministro dell’Istruzione con la terza media. La cosa, però, si potrebbe vedere anche sotto un’angolatura positiva. Potrebbe essere, infatti, un primato capace di distinguerci, una volta tanto, dagli altri paesi europei.

È vero che per fare il ministro non è necessario essere in possesso di un titolo di laurea. Per fare il ministro nel governicchio Gentiloni, poi, credo sarebbe sufficiente anche la licenza elementare. Però, resta il fatto che un ministro ha mentito. E no, non si possono raccontare clamorose bugie ai cittadini. Nei Paesi cosiddetti civili, molto spesso additati dalla stessa Fedeli come esempio da imitare, ai politici basta una piccola frottola per lasciarci le penne. Quando la balla è grossolana, pacchiana e facilmente accertabile, per un politico di quelle parti, poi, è la fine. Da noi no. Valeria sarà graziata dalla benevola e acquiescente opinione pubblica italiana, orami abituata a ben altre panzane. Si, uno dei danni collaterali della infausta esperienza renziana, recentemente neufragata, è stata proprio quella di aver manipolato la mente degli italiani sulla percezione della menzogna.

Dopo tutte le incredibili frottole, fandonie, fole, e bugie di Super Matteo, l’italiano medio si è completamente assuefatto alle balle. Siamo ormai alla quinta fase della Finestra di Overton.

E in questo contesto la frottola della Fedeli appare come un’innocente mezza verità.

C’è però chi ancora tenta di resistere a questo processo di manipolazione overtoniano e che sente il dovere di segnalarlo all’opinione pubblica. Grazie Mario.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

20/12/2016
1507/2019
San Bonaventura cardinale

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Tutti in difesa del ministro Fedeli

Loro mentono sistematicamente agli italiani, ma se ne tocchi uno scattano uniti nell’autodifesa: Valeria Fedeli è stata fatta oggetto di un manifesto non violento né volgare, ma che semplicemente ricordava i suoi demeriti. Come un sol uomo scattano a difesa del ministro che ha millantato titoli di studio inesistenti Pd, Forza Italia e sindacati. Citazione a parte per il giuda Renato Schifani che veniva ai Family Day. Ricordarselo quando vi chiederanno di votare Forza Italia, sì, Schifani dopo il viaggetto con Ncd è tornato lì. Controvento, come sempre, solo il Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

Politica

Frenata alle amministrative per Renzi

Risultati sorprendenti alle elezioni regionali con il centrodestra che vince in Liguria e in Veneto, il Pd tiene Toscana, Umbria e Marche, in Campania vince De Luca ma è sub judice. In Puglia si afferma Emiliano

Leggi tutto

Politica

Residenza permanente USA per Charlie Gard

L’azione politica degli USA, cioè la concessione della residenza permanente, potrebbe rappresentare l’ultima spinta per convincere i soggetti coinvolti dell’opportunità di una soluzione del contenzioso a favore della famiglia Gard, ma potrebbe anche essere accolta dagli inglesi come un’indebita ingerenza nei propri affari interni, esacerbando ancora di più gli avvocati e il giudice Francis, inducendoli a non cedere alle nuove evidenze per il solo motivo di mostrare al mondo la superiorità del loro sistema legislativo. Francis ha già dichiarato alla seduta della settimana scorsa che è suo preciso dovere perseguire il bene del bambino e applicare la legge indipendentemente dalle ingerenze politiche e mediatiche.

Leggi tutto

Politica

Che spreco terribile è questo popolo che si disperde

Oggi più che mai siamo tutti chiamati ad essere i nuovi intellettuali, ad esercitare cioè la libertà di ragione e di coscienza, contribuendo tutti a ricostruire un pensiero pubblico che sappia e odori di umano. Non siamo chiamati a giocare tra chi pensa di essere il depositario esclusivo della Verità: siamo chiamati a metterci sulle spalle la croce della pazienza, della sapienza e della lungimiranza. Abbandonando le aspirazioni personali, le pretese e tutto ciò che fa parte del fardello dell’uomo fragile.

Leggi tutto

Politica

Forza Orban

Orban non è un fascista e uno xenofobo, è un leader del Partito popolare europeo. Le radici del Ppe sono quelle degasperiane e sturziane, il Ppi nacque cento anni fa e fu il primo Partito popolare a essere fondato in Europa. Orban è il premier ungherese da vent’anni: i magiari lo votano perché in questi venti anni ha continuato ad avere successi clamorosi sul fronte economico, le persone in Ungheria vivono meglio grazie a Orban.

Leggi tutto

Politica

LA FINE DEL RICATTO DEL VOTO UTILE

La mobilitazione e la campagna elettorale del Popolo della Famiglia partono sabato 28 gennaio alle ore 15 dal teatro Eliseo a Roma. Grillo, Salvini, Meloni e Renzi dicono di voler votare l’11 giugno. Ci faremo trovare pronti e se si dovesse votare in autunno saremo pronti lo stesso. Pronti a chiedere consenso a chi vuole difendere la famiglia, promuovendola a priorià politico-programmatica: prima la famiglia, prima i figli, prima il diritto di ogni bambino ad avere una mamma e un papà, prima la natalità, prima il diritto assoluto di ogni persona a nascere e che i medici curino e non uccidano. Chi vuole battere i falsi miti di progresso diventi un protagonista del Popolo della Famiglia a partire dalla partecipazione all’assemblea nazionale di sabato a Roma, punto di avvio di una campagna che ci porterà lontano.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano