Politica

di Gianfranco Amato

Gli errori-orrori della Fedeli

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Impareggiabile Valeria Fedeli! Anche lei è caduta nella più banale delle trappole per i parvenu culturali della politica: la finta laurea. Oscar Giannino docet! Credo si tratti di una questione psicologica. Una sorta di complesso di inferiorità che porta alcuni politici insicuri a fingersi dottori.

Beh, occorre dire che non è un bel viatico per un neoministro della Repubblica apparire complessato. Appare un singolare scherzo del destino cinico e baro – o della giustizia divina per chi crede – il fatto che a scoprire e rivelare lo scoop sul mancato titolo di studio sia stato proprio Mario Adinolfi, che oltre ad essere un giornalista è anche il presidente e fondatore, insieme al sottoscritto, del movimento politico Il Popolo della Famiglia, nonché, sempre insieme al sottoscritto, il Nemico Numero Uno della neoministra dell’Istruzione. Il duo Amato-Adinolfi è sempre stato nel mirino delle invettive della Fedeli fin dai bei tempi dei due Family Day di Piazza San Giovanni e del Circo Massimo. Ma, purtroppo per Valeria, Adinolfi è un vero giornalista. Uno di quelli che fiuta come un segugio la notizia. Che intuisce, scava, verifica, non molla la preda. Che riesce ancora ad appassionarsi alla verità storica dei fatti, e che ha il coraggio di denunciarla. Nulla a che vedere con la massa di pennivendoli prezzolati di regime che oggi osano ancora farsi definire giornalisti. Ovvero, la stragrande parte di coloro che rappresentano quella categoria professionale.

E da buon segugio, Mario Adinolfi ha intuito che la notizia poteva non fermarsi alla finta laurea. Ha inseguito la preda. Ha controllato, esaminato, accertato fino a scoprire che alla povera Valeria manca pure il diploma di maturità. E così è emerso che Valeria Fedeli soffre di un doppio complesso di inferiorità: laurea e diploma. E sì, abbiamo un ministro dell’Istruzione con la terza media. La cosa, però, si potrebbe vedere anche sotto un’angolatura positiva. Potrebbe essere, infatti, un primato capace di distinguerci, una volta tanto, dagli altri paesi europei.

È vero che per fare il ministro non è necessario essere in possesso di un titolo di laurea. Per fare il ministro nel governicchio Gentiloni, poi, credo sarebbe sufficiente anche la licenza elementare. Però, resta il fatto che un ministro ha mentito. E no, non si possono raccontare clamorose bugie ai cittadini. Nei Paesi cosiddetti civili, molto spesso additati dalla stessa Fedeli come esempio da imitare, ai politici basta una piccola frottola per lasciarci le penne. Quando la balla è grossolana, pacchiana e facilmente accertabile, per un politico di quelle parti, poi, è la fine. Da noi no. Valeria sarà graziata dalla benevola e acquiescente opinione pubblica italiana, orami abituata a ben altre panzane. Si, uno dei danni collaterali della infausta esperienza renziana, recentemente neufragata, è stata proprio quella di aver manipolato la mente degli italiani sulla percezione della menzogna.

Dopo tutte le incredibili frottole, fandonie, fole, e bugie di Super Matteo, l’italiano medio si è completamente assuefatto alle balle. Siamo ormai alla quinta fase della Finestra di Overton.

E in questo contesto la frottola della Fedeli appare come un’innocente mezza verità.

C’è però chi ancora tenta di resistere a questo processo di manipolazione overtoniano e che sente il dovere di segnalarlo all’opinione pubblica. Grazie Mario.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

20/12/2016
0612/2019
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Per non finire dalla padella piddina nella brace grillina

Renzi perde contro tutti, ma ha comunque accumulato un credito personale enormemente più grande di quello di qualunque oppositore singolo. Resta la fluttuante variabile dei cattolici italiani

Leggi tutto

Società

LA GRANDE IDEA STURZIANA DELLA LIBERTA’

Voglio riavvolgere il nastro e portarvi a quando tutto doveva ancora accadere, a quel congresso del febbraio 1989, a trent’anni fa. Ero al Palaeur, zeppo all’inverosimile, avevo 17 anni e aspettavo come tanti l’intervento di Mino Martinazzoli, il mio maestro politico che mi chiamò poi a essere il più giovane membro dell’assemblea costituente del nuovo Partito popolare italiano, di cui avrei guidato da presidente nazionale il movimento giovanile (e mi emoziona pensare che il 2 marzo nascerà a Roma prossimo il movimento giovanile del Popolo della Famiglia, grazie a Nicola Di Matteo). Su YouTube è comparso il video di quell’intervento di Martinazzoli e so di chiedere un lavoro impensabile ai tempi di internet, ma ascoltatevi i trenta minuti scarsi di discorso e guardate anche cosa succede nei quindici minuti successivi. Si tratta di un documento storico di impressionante rilevanza.

Leggi tutto

Politica

LE COSE DA FARE PER IL POPOLO DELLA FAMIGLIA

La selezione dei nostri candidati alle amministrative nelle città importanti è già partita. Il segretario nazionale Gianfranco Amato ha presentato ufficialmente nella sua trasmissione su Popolo della Famiglia Tv (in onda anche sul digitale terrestre e sul canale 891 di Sky il lunedì alle 20) il grande Filippo Grigolini da cui ci aspettiamo un importante risultato nella sfida più appassionante del Nordest, quella per la carica di sindaco di Verona. A Crema presentiamo Luca Grossi, anche qui carichi di aspettative. Nei prossimi giorni Amato ufficializzerà le ulteriori candidature finché non copriremo tutto il territorio nazionale. Io personalmente mi occuperò di essere fisicamente presente anche nei comuni più piccoli per suscitare e sostenere liste del Popolo della Famiglia, ho già un calendario fitto di piccoli centri da scoprire da Riolo Terme venerdì a Borgomanero la settimana prossima e così via. Ovunque si voglia organizzare un’iniziativa con finalità di radicamento del Popolo della Famiglia io sono a disposizione basta scrivere a [email protected] e cercherò di farmi in quattro per arrivare.
Vorrei fosse chiaro a tutti: siamo alla prova decisiva, ci giocheremo molto del nostro percorso nei prossimi sei mesi e dobbiamo farci trovare assolutamente organizzati e pronti. Ripeto, un’occasione così non tornerà mai più. E dunque volare oooh, cantare oo-oo-oo-oh. Nel blu dipinto di blu del simbolo del Popolo della Famiglia, del manto di Maria che volga sempre il Suo sguardo benevolo su di noi.

Leggi tutto

Media

Una risposta al direttore di Repubblica

Il direttore di Repubblica scrive un editoriale per invitare Renzi a prendere in mano in prima persone le operazioni per far approvare il ddl Cirinnà. La nostra replica a nome di chi non è d’accordo

Leggi tutto

Media

L’ Europa contesa fra transumanisti e bioconservatori

Cosa è avvenuto alla seconda festa nazionale de La Croce: cosa resta dei diritti umani nel Vecchio Continente?

Leggi tutto

Politica

Zingaretti, il Pd e l’utero in affitto

“Fecondazione medicalmente assistita e gestazione per altri: la possibilità di un figlio nel 2019” è il titolo del convegno che si terrà a Roma il 19 giugno prossimo nella sede nazionale della CGIL. Ben due proposte di regolamentazione dell’utero in affitto saranno presentate dall’ufficio “Nuovi Diritti” del sindacato, “Certi diritti”, “Famiglie Arcobaleno” e “Articolo 29”. Zingaretti ambiguo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano