Società

di Mario Adinolfi

Marco Tarquinio parliamone….

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Caro Marco, ci conosciamo da un quarto di secolo e i miei primi anni di vita professionale li ho condotti apprezzando le tue doti di collega accorto e ligio, aiutando credo in maniera decisiva la tua scalata alla direzione di Avvenire. Mi permetterò dunque la franchezza per una volta spoglia dalle ipocrisie del cattolichese, a cui il tuo giornale quotidianamente ci abitua. Il riferimento è alla lettera di Valeria Fedeli e alla tua risposta pubblicate il 20 dicembre 2016 sotto il titolo “Fedeli: il mio impegno per educare alla parità tra uomo e donna”. Il Popolo della Famiglia, movimento che presiedo, non chiama la signora ministro o ministra o che dir si voglia, è indegnamente seduta a viale Trastevere avendo mentito sui suoi titoli di studio, millantato una laurea mai posseduta, addirittura non ha mai sostenuto neanche l’esame di maturità. Abbiamo dimostrato questi fatti con evidenza, colei che noi chiamiamo “pinocchia” li ha candidamente ammessi, con arroganza non ha presentato le dimissioni che sarebbero state considerate naturali e ovvie in qualsiasi paese del mondo. Anzi, cerca legittimazione venendo a scrivere una lettera densa di bugie proprio al direttore di Avvenire, che non ritiene di menzionare l’incidente del titolo di studio inventato (per non dover menzionare il Popolo della Famiglia), mentre nello scritto della signora riscontra “lineare chiarezza”.

“Lineare chiarezza” su cosa? Sulla questione della menzogna agli italiani sul titolo di studio certamente no, quella per Avvenire era gravissima quando a pronunciarla era l’innocuo Oscar Giannino, ma oggi Avvenire ha posto la mordacchia al tema e manco citato la notizia. Il riferimento è al tema dell’introduzione dell’educazione gender nelle scuole come materia obbligatoria, su cui la pinocchia è prima firmataria di un apposito disegno di legge nonché responsabile dell’inserimento del famoso comma 16 all’interno della legge 107 nota come “buona scuola”. Valeria Fedeli afferma: “Non ho mai fatto riferimento a una supposta ‘teoria gender’, tanto meno a una ‘ideologia’, non solo perché il pensiero ideologico mi è strutturalmente estraneo, ma perché una simile ideologia, ammesso che esista, e non è mai stata d’ispirazione per l’operato mio, o del Parlamento o del governo. Vorrei che la parola gender uscisse dal nostro vocabolario in questa accezione minacciosa, e che tornassimo a parlare di uguaglianza tra donne e uomini, in linea con le normative nazionali e internazionali sui diritti umani”. Tu, caro Marco, le dai bordone: “La ringrazio, gentile ministra Fedeli, per la lineare chiarezza di questa sua pur articolata lettera. Una risposta non solo e non tanto a me quanto a interrogativi legittimi (anche se non sempre lucidi nell’argomentazione e pacati nei toni) per le posizioni che aveva assunto o che le erano state attribuite sul tema che (per sintesi) ormai quasi tutti, comunque la pensino, richiamano con la parola-slogan ‘gender’, intendendo con essa la pretesa di decostruire la basilare differenza maschile-femminile e alludendo a un’offensiva (che ha avuto e ha organizzatori e sostenitori anche in Italia) per istruire in questo senso scolari e studenti”.

Caro Marco Tarquinio, l’allarme sul gender non l’ha lanciato Mario Adinolfi o il Popolo della Famiglia. La parola “gender” non è una “parola-slogan”, ma una delle principali preoccupazioni di Papa Francesco che l’ha denunciata utilizzando proprio quella parola in innumerevoli interventi, l’ultimo il 3 ottobre 2016 rientrando dalla Georgia: “Ho parlato di quella cattiveria che oggi si fa con l’indottrinamento della teoria gender. Un padre francese mi raccontava del figlio di dieci anni: alla domanda ‘cosa vuoi fare da grande’ ha risposto: la ragazza! Il padre si è accorto che nei libri di scuola si insegnava la teoria gender, e questo è contro le cose naturali”. Sul quotidiano La Croce del 20 dicembre 2016, il giorno in cui tu trovavi “lineare chiarezza” nelle parole di Valeria Fedeli, noi riportavamo i dati di una nazione, la Svezia, dove ora fin dall’età della scuola dell’infanzia è stato introdotto il pronome “hen” per identificare bambini “neutri, dall’identità sessuale incerta”, portando l’ospedale di Stoccolma che fino al 2012 aveva “curato” appena 4 bambini per disforia di genere, a ricoverarne nel solo 2015 ben 116 e oltre 200 nel 2016 (aspettiamo la fine dell’anno per i dati ufficiali). Centinaia e centinaia di bambini in un solo ospedale di una sola città in un solo anno, l’ospedale è l’Astrid Lindgren pediatrico di Stoccolma. I bambini vengono sottoposti a sovradosaggi ormonali e alla somministrazione di farmaci per il blocco della pubertà con la finalità di prepararli al cambio di sesso. Ecco, questo è esattamente quello che intendeva Papa Francesco, ripeto Papa Francesco e non Mario Adinolfi, quando riferiva l’episodio del bambino di dieci anni francese. I responsabili di questa tragedia sono gli ideologi del gender e Valeria Fedeli in Italia ne è una delle esponenti principali, tanto da aver presentato il disegno di legge sull’educazione gender come materia obbligatoria nelle scuole, travestito da legge sulla “educazione di genere” e sulla “parità tra uomo e donna”, concetto ovvio su cui non sono necessarie materie di studio obbligatorie a scuola.

Che Valeria Fedeli sia un’ideologa del gender non è una supposizione, basta leggere le sue dichiarazioni. Basta riascoltare il suo intervento in aula al Senato durante il dibattito per l’approvazione della vergognosa legge sulle unioni gay, nota anche come legge Cirinnà. La Fedeli ha parlato il 4 febbraio 2016 e questo ha detto: “Se tutti i cittadini sono uguali, come dice la Costituzione, perché ad alcuni è negato il riconoscimento del legame affettivo e familiare che hanno con un’altra persona? Se tutti i bambini sono uguali perché alcuni hanno meno tutele di altri e sono condannati a vivere nella discriminazione? Se in tutta Europa questi diritti sono riconosciuti, perché non è lo stesso per le coppie omosessuali italiane e per i loro figli, figli di italiani?”. Dunque è chiaro. Per la Fedeli la coppia omosessuale è famiglia, la coppia omosessuale ha figli (nati con l’utero in affitto, non ci sono altri modi) e il riferimento normativo è quello “europeo”, dunque della Francia che preoccupa Papa Francesco e della Svezia che preoccupa noi per i dati che abbiamo appena elencato.

Vedi caro Marco, se qualche volta i toni si alzano e diventano poco “pacati”, è perché legittimando le falsità e le ipocrisie e il non detto delle Valeria Fedeli di turno, per paura di mettersi in urto con il potere, a chi di potere non ne ha resta solo l’urlo. Vorrei che ti arrivasse forte quest’urlo, vorrei che tu lo facessi tracimare nelle pagine sempre “pacate” e qualche volta placate di Avvenire, vorrei che portassi un po’ di sconquasso e reale dibattito su un tema che pare essere secondario e invece è determinante. Pochi giorni fa a Ragusa un tribunale ha emesso una sentenza sempre ossequiante l’ideologia gender: autorizza un 27enne a dichiararsi donna all’anagrafe pur restando maschio a tutti gli effetti anatomicamente. Ecco, quando ti chiedi cos’è l’ideologia gender, la risposta è in questa sentenza. Una sentenza ideologica, appunto, che scardina un elemento fondante della verità, scritta nel Dna delle nostre cellule, nei nostri cromosomi, scientificamente rilevabile. L’ideologia gender dichiara transeunte ciò che transeunte non è, in nome di un’ideologia dell’autodeterminazione che è finta libertà contro la verità. Questa follia è destinata a travolgere la nostra società, ha la finalità di giungere al traguardo ideologico dell’omogenitorialità legittimata, per devastare la famiglia che è l’unico ostacolo che separa lorsignori dalla costruzione di una società di individui fragili e sbandati perché profondamente soli, che senza verità non hanno alcuna libertà e son dunque agevolmente manipolabili.

Questa mia preoccupazione, la preoccupazione del Popolo della Famiglia, non dovrebbe essere una preoccupazione dei cristiani, ma di tutti gli uomini di buona volontà. E se Papa Francesco indica la via su molte strade innovative, la indica anche su questa, sull’allarme reiterato rispetto all’espandersi della colonizzazione ideologica del gender. Essere complici e vedere “lineare chiarezza” in chi chiaro davvero non è e mente persino sul titolo di studio nel curriculum, vuol dire aver inforcato un paio di occhiali con le lenti sbagliate. Con affetto e amicizia, ma anche con fermezza e nettezza, ti chiedo di dare spazio a queste mie osservazioni su Avvenire come hai voluto darne a una persona che indegnamente ricopre la carica di ministro, in violazione dell’articolo 54 della Costituzione che prevede che i pubblici uffici siano svolti “con disciplina e onore”. Ricordando a lei e a tutti coloro che avessero dubbi che è famiglia solo la “società naturale fondata sul matrimonio”. Anche qui, non siamo nei canoni del diritto ecclesiastico, ma all’articolo 29 della Costituzione repubblicana che quasi venti milioni di italiani domenica 4 dicembre hanno difeso dall’assalto di manipolatori che avevano promesso che avrebbero tolto le tende e invece, poiché sono bugiardi matricolati, sono ancora al governo a fare danni. E chi scrive li conosce bene, forse più di te, caro Marco, che sei caduto nella loro strumentale ricerca di legittimazione che non meritava ascolto.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

21/12/2016
2805/2020
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Ecco a cosa mira il gender

Le riflessioni sulle tematiche dell’ideologia di genere in un libro di padre Giorgio Carbone

Leggi tutto

Società

Hadjadj: non scegliete il male minore

L’Italia è chiamata al referendum su una riforma costituzionale molto pervasiva; la Francia
vede prepararsi le elezioni con i cattolici che propendono (come avviene anche nel Belpaese) per il
centrodestra, diviso oggi tra liberalconservatori e nazionalisti duri e puri. Il filosofo Fabrice Hadjadj,
intervistato da Famille Chrétienne, invita a «tracciare un sentiero nel mezzo di Mordor»

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

Media

Cinque cose che non bisogna fare

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Siamo in una contesa dove la critica fa parte del gioco e che ci sparino addosso è nelle cose. Il fuoco amico fa più male, ma è messo nel conto pure quello. Un solo ultimo avvertimento agli amici come Marco Invernizzi: non strumentalizzate mai l’ora che padre Livio vi concede su Radio Maria per attaccare il Popolo della Famiglia. Quando ho fondato il Pdf, in completo accordo con lui, ho voluto sospendere la trasmissione a cui tenevo molto su questa che è l’emittente che più mi è cara: Radio Maria non fa politica e non può con la politica confondersi. ne trarrebbe solo danno. Tutto il resto, poi, sia oggetto di una confronto franco e onesto. Fatevi dire infine da un giocatore di poker che l’idea secondo cui “le minoranze non si devono far contare” somiglia troppo all’atteggiamento del pokerista scarso che vuole vincere giocando sempre in bluff: pensa di essere tanto furbo e tutti gli altri al tavolo glielo fanno credere, perché prima che lui cominciasse a pensare l’hanno già individuato come il pollo da spennare.

Leggi tutto

Media

La settimana che porta a Camaldoli

E’ partito il conto alla rovescia per la festa nazionale de La Croce a Camaldoli

Leggi tutto

Società

Gay e suicidio: numeri più alti dove minore è lo stigma sociale

A svelare la soprendente anomalia è lo studio dell’università di Milano Bicocca pubblicata sul numero novembrino de “Le Scienze”: occhio però a fare letture parziali e ideologiche dei dati…

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano