{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Una lettera d’amore del generale Gorostieta

Storie

di Gianfranco Amato

Una lettera d’amore del generale Gorostieta

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Il mio viaggio in Messico mi ha dato l’opportunità di approfondire una scoperta storica interessante su un personaggio che mi è particolarmente caro. Si tratta del Generale Enrique Gorostieta Velarde, il comandante dell’Esercito cristero.

La vulgata, fomentata anche dagli avversari, ha sempre voluto presentare il Generale come un ateo mercenario. A me questa immagine, in realtà, non ha mai convinto. Ora abbiamo le prove che non era così. Sono venuto a conoscenza di alcune lettere inedite inviate da Gorostieta alla moglie Tula, da cui si ricava inequivocabilmente che il Generale era un cristiano, convinto e praticante, e che a muoverlo non era il soldo del militare, ma quella che nelle lettere alla moglie definisce espressamente la sua «fé ciega en Dios». L’epitaffio sulla sua tomba al Panteon Español di Città del Messico, che io ho avuto l’onore di visitare, è inequivocabile. Nella parte finale recita: «Fue cristiano, patriota, militar y caballero. Tuvo un ideal en su vida y por él supo morir: Dios, Patria y Libertad». Prima di tutto «cristiano», e i suoi soldati lo sapevano bene.

Ho intenzione di pubblicare queste lettere inedite di Gorostieta una volta conclusa la traduzione, perché ritengo sia doveroso togliere definitivamente qualunque ombra sulle motivazioni che spinsero il Generale a combattere, e per mostrare al mondo la sua autentica ed incrollabile fede cattolica.

Oggi, per gli amici de La Croce, in assoluta anteprima voglio regalare lo scoop della prima di queste lettere, scritta esattamente ottant’anni fa, il 22 dicembre 1926, quando Gorostieta, lontano da casa, scriveva alla moglie rammaricandosi di non poter trascorrere il Natale in famiglia, avendo scelto il cammino impervio e ostico della lotta per la libertà della fede cristiana. E’ la lettera commovente di un uomo davvero innamorato di sua moglie e della sua famiglia. Testo:

«Mia amata,

Questa lettera sarĂ  il tuo regalo di Natale e quello dei nostri figli. Non potendo trascorrerlo con Voi e non potendo rendermi utile per la tradizionale Festa, non mi resta che ricorrere a questo mezzo per farmi sentire da te e da loro.

La parola scritta dovrebbe servire ad esprimere ciò che pensiamo, ma limita la gioia di poterlo fare davvero. Quanti pensieri si affastellano nella mente che se esternati sarebbero luminosi ma che espressi inadeguatamente risultano solo nebulosi, oscuri e incomprensibili! Che posso fare se non tentare di farti giungere attraverso questa lettera, come meglio mi riesce, qualcosa di quello che serbo nel mio cuore? Ascolta, il tuo regalo di Natale è questa confessione che ti faccio: prima di conoscerti per la seconda volta, ossia quando solo e isolato pensavo a te, ti ho sempre riservato un posto speciale nel mio cuore accanto a quel poco di bene del tanto bene che Dio mi ha donato, e che mi restava. Il tuo ricordo palpitava con le mie uniche speranze e i miei unici aneliti, e fui sempre casto per te e solo per te. Più tardi, ti ho incontrato e ho realizzato i miei sogni, e quando hai accettato il mio affetto, ti ho posta al centro della mia vita.

Benedetta è la nostra unione sulla terra, e al tuo amore mi sono totalmente consacrato al punto che nemmeno una piccola ombra nella mia anima ha mai potuto oscurare la luce dell’affetto che nutro per te, mogliettina mia. Benedetta, poi, è la nostra unione dall’Altissimo, con uno, due, tre, quattro angioletti, non solo perché sono stato fedele al tuo amore come unico della mia vita, ma anche perché il mio sentimento si è concretizzato nell’elevarti in maniera incommensurabile, rendendomi pieno di orgoglio e facendo di te la mia Regina, per la cui felicità darei tutto me stesso, il mio corpo e la mia anima.

Affinché questo mio amore, questo mio sentimento, questa mia venerazione non diminuiscano e siano sempre degni del tuo affetto, ho messo in atto tutti i miei sforzi per correggermi e perfezionarmi, e ho intensificato la mia disciplina morale al punto di poterti dichiarare (e questo è ciò che oggi ti dono come regalo) che il tuo sposo è un uomo casto, più ancora di quando lo era da fidanzato; che il tuo sposo ti ama più di quanto ti amava da fidanzato, e che oggi tuo marito ti venera, ti adora, ti ama, ti desidera e ti rispetta molto più, molto più di quando, ieri, tu accettavi il suo amore arrossendo come una fidanzatina di provincia e gli concedevi un “sì” che prometteva il paradiso.

Con questa confessione (il tuo regalo di Natale) abbi la certezza che continuerò su questa strada per essere degno delle tue virtù e delle tue grazie. Questo è per te, vita mia. Ai miei figli, a cui non posso dare un bacio, non posso comprare una palla, che non posso far addormentare tra le mie braccia, come ho fatto molte volte, in un giorno tanto grande per il mondo come è il Natale, in un giorno in cui persino le belve si inteneriscono ascoltando il Gloria, mando, attraverso te, come regalo questa considerazione: tutte le privazioni che loro soffrono, tutti i dolori che tu ed io soffriamo hanno uno scopo: insegnare loro un cammino, tracciare loro una rotta. Io so bene che ci sono cammini più facili nel mondo, e Dio sa bene come io conosca anche il modo di percorrerli. Ma non sono questi i cammini che io ho deciso intraprere. Ai miei figli lascerò lo stesso cammino impervio e ostico che ha seguito il loro nonno. L’unico cammino che può rendere sempre un uomo contento di averlo percorso fino in fondo, e felice per averne alla fine compreso il significato. L’unico cammino che mentre si percorre può donare una vera pace.

Io dono ai miei figli come regalo le privazioni e i dolori che sto provando nel cammino che ho intrapreso. Dà loro un grande bacio da parte mia, e non stancarti mai di evitare – non dico ora ma in futuro – che perdano la fede in questo cammino.

Con tutto il mio amore ti bacio sulla bocca».

22/12/2016
1512/2017
Beata Maria Vittoria de Fornari Strata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

A voi piace un mondo così?

l’editoriale di presentazione de La Croce Quotidiano da parte del direttore Mario Adinolfi

Leggi tutto

Chiesa

Ha parlato il Papa, la causa è finita: la “letizia dell’amore” spinge ad aprirsi alla Grazia

Sull’esortazione apostolica postsinodale “Amoris lætitia”, pubblicata ieri, i giornali si sono spartiti la preda dei clic, dei like e degli share, al grido di “Il Papa apre a…”. Salvo poi dover ribadire giĂ  in catenaccio (e ancora di piĂą nei testi degli articoli) che l’auspicata agendina radical chic non è stata copiata nell’agenda della Chiesa. Francesco ha però rinnovato lo slancio a giocare appieno il potere che il Vangelo ha di incendiare i cuori e disporli alle sue esigenze

Leggi tutto

SocietĂ 

Impiccherano Charlie con una corda d’oro

Abbiamo promesso a Charlie ogni giorno che lo avremmo portato a casa. Sembra veramente sconvolgente, dopo tutto quello che abbiamo passato, vederci negato anche questo». Così Connie Yates ha implorato dal mondo il soccorso che possa frapporsi tra loro e l’ultimo sfregio dello spietato nosocomio cui va imputata la morte del bambino. Francis ha stabilito data e ora di morte di Charlie

Leggi tutto

SocietĂ 

La povera famiglia italiana

I dati Istat certificano che le famiglie sono sempre piĂą lasciate sole, in Italia e in Europa: una su quattro vive un forte disagio economico

Leggi tutto

SocietĂ 

Fedez e J-AX, attenti al gorilla

Siamo dalle parti di Fabrizio De AndrĂ© che traduce George Brassens perchĂ© non gli piacevano le sentenze contra legem di alcuni giudici. Si intitola Attenti al gorilla. Ripassate i fondamentali del mestiere, comunisti col Rolex. State cantando nel coro recitando la parte piĂą comoda con testi che vi scrivono altri. Il vostro insulto cialtrone è la prova che stiamo facendo bene, perchĂ© stiamo dall’altra parte della barricata rispetto alla vostra superficialitĂ .

Leggi tutto

Politica

In politica pazienti come i contadini: il seme del PDF è germogliato

Il Segretario nazionale del Popolo della Famiglia racconta la propria riflessione mentre si consolidava il positivo risultato elettorale di Ostia: «Mi è capitato tra le mani uno scritto di don Giussani che spiega che il fare non deve avere limiti di tempo preventivati e qualsiasi gesto impegna tutta la persona come tale. Occorre una pazienza di sviluppo lunga come la pazienza del Signore»

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2017 La Croce Quotidiano