Politica

di Mario Adinolfi

Un giudizio sulla legislatura

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Volete dare un giudizio obiettivo sulla legislatura che si sta concludendo, quella delle intese prima larghissime poi solo larghe, quella della collaborazione tra centrosinistra e centrodestra? Semplice, basta guardare i numeri. Qual è la prima esigenza del Paese? Lo dicono tutti, il lavoro. Alla fine del 2012, quando la sedicesima legislatura repubblicana chiuse i battenti dopo anni economicamente tragici e le tempeste (agitate ad arte?) dello spread, in piena recessione, il tasso di disoccupazione era del 10.7%, quella giovanile toccava il 35.3%. Quali sono i dati freschi freschi comunicati dall’Istat poche ore fa? Disoccupazione generale al 12% e giovanile al 40.1%. Una catastrofe. E il debito pubblico? A fine 2012 era pari a 1.989 miliardi di euro, ora vale 2.230 miliardi, i nostri governanti largointesisti l’hanno fatto crescere di 240 miliardi di euro a fronte di una crescita del Pil di 50 miliardi di euro, insomma i nostri debiti crescono a un ritmo del quintuplo di ciò che produciamo, siamo tecnicamente falliti. Il tasso di povertà registrato da Istat è il più alto dal 2005, con quasi 5 milioni di italiani che sono poveri, più di un milione e mezzo di famiglie. La legislatura doveva essere ricordata per la riforma costituzionale (bocciata dal referendum), per la riforma elettorale detta Italicum (cancellata con ignominia), per la riforma della pubblica amministrazione (bocciata dalla Corte costituzionale) e per il Jobs act (bocciato dai numeri sull’occupazione). Hanno governato con mance e mancette per comprarsi il consenso elettorale e manco in quello sono riusciti. Ah, ma hanno varato divorzio breve e unioni civili con voto bipartisan. Bipartisan (nel caso del divorzio breve praticamente unanime). Non dimenticatevelo. Leggete i numeri. Come sempre spiegano tutto.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

01/02/2017
1909/2019
S. Gennaro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

AGNESE E LO STERMINIO

Al Copenhagen Post non farà piacere sapere però che nella corsa nazista allo sterminio la Danimarca è stata surclassata dall’Islanda, dove l’aborto per i bambini con diagnosi prenatale che fa emergere la Trisomia 21 riguarda il 100% dei casi e “da cinque anni non nascono i Down”. Evviva. Inutile ricordare che la Danimarca è il primo paese europeo ad aver legalizzato le unioni civili gay (1989) e come in Islanda vengono consentite formazioni familiari derivanti da utero in affitto: il bambino, insomma, è per quegli ordinamenti giuridici una “cosa” acquistabile appartenente agli acquirenti. In una visione antropologica e giuridica di questo tipo ovviamente la “cosa” fallata va eliminata.

Leggi tutto

Media

Cinque cose che non bisogna fare

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Siamo in una contesa dove la critica fa parte del gioco e che ci sparino addosso è nelle cose. Il fuoco amico fa più male, ma è messo nel conto pure quello. Un solo ultimo avvertimento agli amici come Marco Invernizzi: non strumentalizzate mai l’ora che padre Livio vi concede su Radio Maria per attaccare il Popolo della Famiglia. Quando ho fondato il Pdf, in completo accordo con lui, ho voluto sospendere la trasmissione a cui tenevo molto su questa che è l’emittente che più mi è cara: Radio Maria non fa politica e non può con la politica confondersi. ne trarrebbe solo danno. Tutto il resto, poi, sia oggetto di una confronto franco e onesto. Fatevi dire infine da un giocatore di poker che l’idea secondo cui “le minoranze non si devono far contare” somiglia troppo all’atteggiamento del pokerista scarso che vuole vincere giocando sempre in bluff: pensa di essere tanto furbo e tutti gli altri al tavolo glielo fanno credere, perché prima che lui cominciasse a pensare l’hanno già individuato come il pollo da spennare.

Leggi tutto

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Politica

Verona, Roma, Vaticano: le tre giornate sull’aborto

Chiunque si permette di mettere in discussione “conquiste” consolidate viene linciato

Leggi tutto

Politica

Alcuni passaggi importanti

#PdF verso una svolta di qualità Per la storia del Popolo della Famiglia si apre una nuova fase, che non è più fatta solo di aspri contrasti col fuoco amico o con le lobby ideologizzate, ma di conquista concreta di un nuovo mercato elettorale. Non più solo reattività indotta dagli avversari, ma proattività dei temi del Popolarismo nella costruzione di una realtà italiana ed europea fondata sulle radici cristiane della nostra cultura.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano