Politica

di Mario Adinolfi

Un giudizio sulla legislatura

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Volete dare un giudizio obiettivo sulla legislatura che si sta concludendo, quella delle intese prima larghissime poi solo larghe, quella della collaborazione tra centrosinistra e centrodestra? Semplice, basta guardare i numeri. Qual è la prima esigenza del Paese? Lo dicono tutti, il lavoro. Alla fine del 2012, quando la sedicesima legislatura repubblicana chiuse i battenti dopo anni economicamente tragici e le tempeste (agitate ad arte?) dello spread, in piena recessione, il tasso di disoccupazione era del 10.7%, quella giovanile toccava il 35.3%. Quali sono i dati freschi freschi comunicati dall’Istat poche ore fa? Disoccupazione generale al 12% e giovanile al 40.1%. Una catastrofe. E il debito pubblico? A fine 2012 era pari a 1.989 miliardi di euro, ora vale 2.230 miliardi, i nostri governanti largointesisti l’hanno fatto crescere di 240 miliardi di euro a fronte di una crescita del Pil di 50 miliardi di euro, insomma i nostri debiti crescono a un ritmo del quintuplo di ciò che produciamo, siamo tecnicamente falliti. Il tasso di povertà registrato da Istat è il più alto dal 2005, con quasi 5 milioni di italiani che sono poveri, più di un milione e mezzo di famiglie. La legislatura doveva essere ricordata per la riforma costituzionale (bocciata dal referendum), per la riforma elettorale detta Italicum (cancellata con ignominia), per la riforma della pubblica amministrazione (bocciata dalla Corte costituzionale) e per il Jobs act (bocciato dai numeri sull’occupazione). Hanno governato con mance e mancette per comprarsi il consenso elettorale e manco in quello sono riusciti. Ah, ma hanno varato divorzio breve e unioni civili con voto bipartisan. Bipartisan (nel caso del divorzio breve praticamente unanime). Non dimenticatevelo. Leggete i numeri. Come sempre spiegano tutto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/02/2017
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Tutti in difesa del ministro Fedeli

Loro mentono sistematicamente agli italiani, ma se ne tocchi uno scattano uniti nell’autodifesa: Valeria Fedeli è stata fatta oggetto di un manifesto non violento né volgare, ma che semplicemente ricordava i suoi demeriti. Come un sol uomo scattano a difesa del ministro che ha millantato titoli di studio inesistenti Pd, Forza Italia e sindacati. Citazione a parte per il giuda Renato Schifani che veniva ai Family Day. Ricordarselo quando vi chiederanno di votare Forza Italia, sì, Schifani dopo il viaggetto con Ncd è tornato lì. Controvento, come sempre, solo il Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

Società

Stupri di donne ed uomini lasciati soli

Come Mario Adinolfi ha recentemente sintetizzato spulciando i dati istat, in una classe di 25 ragazzi delle superiori statisticamente si trovano un consumatore abituale di cocaina, 2 consumatori di oppiacei o droghe sintetiche, 5 dediti alla cannabis e 7 soliti alle sbronze nei week end. Questi dati sono allarmanti e gravissimi e fotografano una realtà giovanile allo sfascio: un ragazzo annebbiato da droghe o alcool è facilmente coinvolgibile in risse, che poi finiscono sempre molto male, o può essere soggetto di violenze, se trascinato in gruppo, nonché mette a rischio la propria e altrui incolumità se si mette alla guida. Per non parlare dei danni diretti che fa alla propria salute.

Leggi tutto

Politica

Unioni civili sempre più come i matrimoni

Ora arrivano i permessi e le vacanze pagate: ulteriori e logici sviluppi dell’applicazione della legge della vergogna

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Jean-Claude Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo, nuovo presidente della Comece

Monsignor Hollerich è un gesuita. Nel 1981 è entrato nella Compagnia di Gesù e ha seguito la formazione dei gesuiti della Provincia del Belgio meridionale e del Lussemburgo. Dopo il noviziato a Namur e due anni di tirocinio pastorale in Lussemburgo dal 1983 al 1985 come insegnante al liceo francese di Vauban, è partito per il Giappone dove ha fatto gli studi di lingua e cultura giapponese e ha ripreso lo studio della teologia all’Università Sophia di Tokyo dal 1985 al 1989. Ha terminato gli studi teologici a Francoforte sul Meno con la licenza. Il 21 aprile 1990 è stato ordinato presbitero per la Compagnia di Gesù. Ha passato lunghi anni in Giappone dove dal 1994 ha insegnato all’Università Sophia di Tokyo e dal 1999 è stato cappellano degli studenti della medesima Università. Il 18 ottobre 2002 ha emesso i voti perpetui nella chiesa di Sant’Ignazio a Tokyo. Inoltre, dal 2008 è stato rettore della comunità dei Gesuiti all’Università Sophia di Tokyo e vice-rettore del medesimo ateneo per gli affari generali e studenteschi.

Leggi tutto

Politica

Un ultimo sforzo

L’ultimo sforzo che dobbiamo produrre in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno serve proprio a questo: dimostrare una ulteriore capacità di raccolta del consenso, che dia un segnale di crescita rispetto allo 0.7% ottenuto alle politiche del 4 marzo. Se tre mesi dopo dovessimo farci trovare in buona salute elettorale, aumentando significativamente la nostra percentuale di voti, sarebbe la conferma che tutto questo colossale lavoro compiuto a mani nude sta pagando e con ulteriore costanza otterremo in futuro risultati ancora migliori, soprattutto quando spunterà la inevitabile disillusione verso l’azione del governo a trazione grillina.

Leggi tutto

Chiesa

I #Vescovi italiani guardano al Paese reale

Scuola ed educazione, lavoro e povertà, sicurezza e migranti: sono solo alcuni dei temi (secolari) toccati dal documento finale prodotto dalla Conferenza Episcopale Italiana al termine della riunione autunnale del Consiglio Permanente. Per il resto si è toccata, fra le altre, la questione squisitamente liturgica della diffusione dell’ultima edizione del Messale Romano.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano