Politica

di Mario Adinolfi

Un giudizio sulla legislatura

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Volete dare un giudizio obiettivo sulla legislatura che si sta concludendo, quella delle intese prima larghissime poi solo larghe, quella della collaborazione tra centrosinistra e centrodestra? Semplice, basta guardare i numeri. Qual è la prima esigenza del Paese? Lo dicono tutti, il lavoro. Alla fine del 2012, quando la sedicesima legislatura repubblicana chiuse i battenti dopo anni economicamente tragici e le tempeste (agitate ad arte?) dello spread, in piena recessione, il tasso di disoccupazione era del 10.7%, quella giovanile toccava il 35.3%. Quali sono i dati freschi freschi comunicati dall’Istat poche ore fa? Disoccupazione generale al 12% e giovanile al 40.1%. Una catastrofe. E il debito pubblico? A fine 2012 era pari a 1.989 miliardi di euro, ora vale 2.230 miliardi, i nostri governanti largointesisti l’hanno fatto crescere di 240 miliardi di euro a fronte di una crescita del Pil di 50 miliardi di euro, insomma i nostri debiti crescono a un ritmo del quintuplo di ciò che produciamo, siamo tecnicamente falliti. Il tasso di povertà registrato da Istat è il più alto dal 2005, con quasi 5 milioni di italiani che sono poveri, più di un milione e mezzo di famiglie. La legislatura doveva essere ricordata per la riforma costituzionale (bocciata dal referendum), per la riforma elettorale detta Italicum (cancellata con ignominia), per la riforma della pubblica amministrazione (bocciata dalla Corte costituzionale) e per il Jobs act (bocciato dai numeri sull’occupazione). Hanno governato con mance e mancette per comprarsi il consenso elettorale e manco in quello sono riusciti. Ah, ma hanno varato divorzio breve e unioni civili con voto bipartisan. Bipartisan (nel caso del divorzio breve praticamente unanime). Non dimenticatevelo. Leggete i numeri. Come sempre spiegano tutto.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

01/02/2017
1408/2020
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Crediamo solo in Dio

La corruzione diffusa nell’intreccio tra politica, burocrazia e impresa; la guerra continua tra magistrature e altre istituzioni; il decadimento etico complessivo diffuso. A chi si può credere in Italia?

Leggi tutto

Società

UNAR, TUTTO QUELLO CHE LE IENE NON VI HANNO DETTO

Il Popolo della Famiglia aveva denunciato questa situazione a Roma quasi un anno fa, in occasione della sua campagna elettorale nella Capitale in cui chiedeva di “estirpare le colonie del male”, indicando proprio in circoli e dark room come quelle finanziate dallo Stato i luoghi dove si sviluppava una cultura del sesso promiscuo che mescolato al consumo sistematico di droghe aveva portato a tragedie come quelle dell’omicidio di Luca Varani. Proprio per questa attività di indagine e denuncia che il Popolo della Famiglia a Roma porta avanti fin dalla sua fondazione nel marzo 2016, siamo in grado di fornirvi i dettagli che Le Iene hanno deliberatamente occultato, non indicando ad esempio il nome dell’associazione finanziata, l’importo complessivo del bando, il legame a doppio filo tra il direttore dell’Unar Francesco Spano e questa associazione ed altre questioni che qui riveleremo.

Leggi tutto

Società

I nodi dell’alternanza scuola-lavoro

L’Occupazione di ottobre è ormai un rito (in)civile a cui le istituzioni non si sentono di sottrarsi, pena l’apparire “fasciste”. Quest’anno la scusa è data da “La buona scuola”, che ha trasformato
nominalmente tutte le scuole superiori in licei e fattivamente tutti i licei in scuole professionali.
Salvo che – per forza di cose – oltre a non insegnare più il sapere non insegnano neppure il fare.

Leggi tutto

Politica

Da Maroni e Lega via libera al DDL Scalfarotto

La prova provata (se qualcuno ne avvertisse il bisogno) della totale irrilevanza dei cattolici per le valutazioni della politica nazionale

Leggi tutto

Politica

Il fascismo non ebbe meriti? Parliamone!

Il discorso di Mattarella si volle enfatico per l’occasione, ma la sua assolutezza non può essere presa tout court come giudizio storico.

Leggi tutto

Chiesa

Santità per tutti: aspettando la nuova esortazione

È stata annunciata ufficialmente l’imminente uscita di un nuovo documento di Papa Francesco. Si tratterà di una Esortazione Apostolica, come
Evangelii Gaudium (il titolo “Gaudete et exsultate” sembra ammiccarvi) che avrà per tema la chiamata universale alla santità, cuore di ogni vera riforma. Rivisitiamo la santità nella Chiesa

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano