Politica

di Mario Adinolfi

Un giudizio sulla legislatura

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Volete dare un giudizio obiettivo sulla legislatura che si sta concludendo, quella delle intese prima larghissime poi solo larghe, quella della collaborazione tra centrosinistra e centrodestra? Semplice, basta guardare i numeri. Qual è la prima esigenza del Paese? Lo dicono tutti, il lavoro. Alla fine del 2012, quando la sedicesima legislatura repubblicana chiuse i battenti dopo anni economicamente tragici e le tempeste (agitate ad arte?) dello spread, in piena recessione, il tasso di disoccupazione era del 10.7%, quella giovanile toccava il 35.3%. Quali sono i dati freschi freschi comunicati dall’Istat poche ore fa? Disoccupazione generale al 12% e giovanile al 40.1%. Una catastrofe. E il debito pubblico? A fine 2012 era pari a 1.989 miliardi di euro, ora vale 2.230 miliardi, i nostri governanti largointesisti l’hanno fatto crescere di 240 miliardi di euro a fronte di una crescita del Pil di 50 miliardi di euro, insomma i nostri debiti crescono a un ritmo del quintuplo di ciò che produciamo, siamo tecnicamente falliti. Il tasso di povertà registrato da Istat è il più alto dal 2005, con quasi 5 milioni di italiani che sono poveri, più di un milione e mezzo di famiglie. La legislatura doveva essere ricordata per la riforma costituzionale (bocciata dal referendum), per la riforma elettorale detta Italicum (cancellata con ignominia), per la riforma della pubblica amministrazione (bocciata dalla Corte costituzionale) e per il Jobs act (bocciato dai numeri sull’occupazione). Hanno governato con mance e mancette per comprarsi il consenso elettorale e manco in quello sono riusciti. Ah, ma hanno varato divorzio breve e unioni civili con voto bipartisan. Bipartisan (nel caso del divorzio breve praticamente unanime). Non dimenticatevelo. Leggete i numeri. Come sempre spiegano tutto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/02/2017
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Bloccare per legge i siti porno

Thérèse Hargot nel suo “Una gioventù sessualmente liberata (o quasi)” spiega i danni che l’industria della pornografia produce sui nostri figli. Già nella pre-adolescenza grazie al consumo gratuito via web l’immaginario sessuale dei nostri figli si forma su stereotipi dettati da quell’industria

Leggi tutto

Politica

Il quadro politico e l’occasione unica

La sconfitta di Matteo Renzi al referendum del 4 dicembre 2016, vorrei dire anche l’iscrizione di Tiziano Renzi nel registro indagati con telefonino messo sotto controllo a partire dal 5 dicembre 2016 (che fa il paio con la decadenza di Silvio Berlusconi dalla carica di senatore che rende compiuto l’assalto della magistratura al leader il 27 novembre 2013), la tenuta del Movimento Cinque Stelle che si dimostra realtà non transitoria ma destinata a divenare una sorta di paradossale “partito rivoluzionario istituzionale” e soprattutto la sentenza della Corte Costituzionale del 25 gennaio 2017 che cancella il ballottaggio tra liste dalla legge elettorale nota come Italicum, disegnano un sistema politico ignoto ai più perché mai messo alla prova secondo i nuovi meccanismi. Sarà bene invece immaginarli e capirli in anticipo, per comprendere quanto fragorosa sia la novità e quanto sia unica (vorrei dire miracolosa) l’occasione concessa al Popolo della Famiglia, probabilmente ultima per una riorganizzazione in soggetto politico autonomo di quella moltitudine di italiani che hanno dimostrato il loro attaccamento ai principi non negoziabili in occasione della partecipazione massiccia ai Family Day del 2015 e del 2016.
Per costoro la legislatura che con ogni probabilità si chiuderà alla fine del 2017 è stata la vera e propria prova generale del disastro incipiente. In quattro anni un sistema politico reso improvvisamente molto fragile dal nuovo tripolarismo all’italiana, che ha trovato come risposta al grillismo quella piuttosto asfittica della collaborazione tra centrodestra e centrosinistra attuata in varie forme (larghe intese con tutti o quasi al governo, patto del Nazareno,

Leggi tutto

Società

Se un single adotta una down

La notizia impazza sulle pagine dei giornali come prodromica dell’annunciata e formidabile riforma Boschi sulle adozioni (nella quale, comunque, potranno continuare ad adottare «anche le
famiglie tradizionali» – sic!). La sola crudele certezza, invece, è che abbiamo costruito un sostrato sociale in cui otto coppie possono abbandonare una neonata solo perché affetta da trisomia 21

Leggi tutto

Società

Cambiare veramente la storia si può solo rivolgendosi a Dio

Da queste parti ci piacciono le primizie e dunque abbiamo già letto l’ultimo libro di Costanza Miriano (Si salvi chi vuole, Sonzogno) e già visto la prima puntata di Gomorra 3. D’accordo, in ossequio all’unico comandamento condiviso del nostro tempo che è “non spoilerare” (sul “non uccidere” ormai vagano varie scuole di pensiero), non anticiperemo nulla se non qualche riga del perfetto libro di Costanza, che imposta le questioni essenziali.

Leggi tutto

Politica

I sofismi pindarici dell’elettore cattoleghista

Poiché la “prima proposta” di Matteo Salvini – la riapertura dei bordelli – è il primo nervo scoperto del rapporto tra Lega e fedeli cattolici, non pochi cattolici legati ai circuiti del Carroccio stanno in queste settimane scomodando padri e dottori della Chiesa per troncare e sopire le loro coscienze…

Leggi tutto

Chiesa

I Vescovi di Francia contro eutanasia e suicidio assistito

I 118 presuli d’Oltralpe vergano un importante documento contro le derive mortifere di una politica radicale di massa. Un testo luminoso e ragionevole. Quali che siano le nostre convinzioni, il fine vita è una tempo che vivremo tutti e un’inquietudine che condividiamo. Ciascuno deve quindi potervi riflettere il più serenamente possibile, schivando gli scogli delle passioni e delle pressioni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano