Storie

di Lucia Scozzoli

Se l’ignoranza ribolle negli atenei

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

I docenti delle università italiane - su iniziativa del Gruppo di Firenze per la scuola del merito e della responsabilità – hanno scritto una lettera al governo per denunciare la gravissima situazione degli studenti che approdano agli studi alti senza sapere nulla della grammatica italiana.

Nella lettera vengono anche fatte proposte concrete per invertire la rotta dell’ignoranza lessicale: più esigenza nel controllo degli apprendimenti, più efficacia nella didattica, una spinta decisa non sui nuovi metodi, bensì
sulle competenze di base, fondamentali per tutti gli ambiti disciplinari.

Servirebbero traguardi intermedi, verifiche nazionali periodiche, il recupero di vecchie prassi passate un po’ in secondo piano, come il dettato ortografico, il riassunto, la comprensione del testo, la conoscenza del lessico,
l’analisi grammaticale e persino la scrittura corsiva a mano.

«Sarebbe utile - affermano - la partecipazione di docenti delle medie e delle superiori rispettivamente alla verifica in uscita dalla primaria e all’esame di terza media, anche per stimolare su questi temi il confronto professionale
tra insegnanti dei vari ordini di scuola».

Insomma, la lettera contiene un appello accorato al ministro dell’istruzione Valeria Fedeli affinché si rimetta mano alla programmazione delle metodologie scolastiche nel senso di una virata all’indietro decisa, verso i tempi in cui in seconda elementare si faceva un dettato tutti i giorni e i congiuntivi erano padroneggiati con destrezza già in terza.

In effetti la critica mossa dal nutrito numero di docenti firmatari non è affatto pretestuosa, né rintraccia nelle sue motivazioni alcun desiderio di polemica: tra essi ci sono personaggi famosi e di sinistra, che non hanno alcun interesse a contraddire

il governo per posizione ideologica, come Massimo Cacciari, Andrea Carandini, Fulco Lanchester, Ernesto Galli della Loggia.

Chiunque abbia un’età superiore alla quarantina può ripercorrere con la mente il ricordo del proprio percorso scolastico e, se ha figli, facilmente può confrontarlo con quello dei ragazzi di oggi: il paragone è
impietoso sotto tutti i punti di vista.

Noi andavamo a scuola molte ore in meno, facevamo intervalli lunghissimi scorrazzando in cortile mentre le maestre prendevano il the dalla bidella, ci portavamo in cartella tre libri e due quaderni e chiamavamo l’insegnante
“signora maestra” dandole del lei. noi abbiamo imparato le province a memoria (tutte), non conoscevamo i dinosauri ma sapevamo chi erano i greci e i romani.

La maestra colorava i dettati con la temibilissima matita rossa e blu, per distinguere gli errori veniali da quelli mortali, e in fondo veniva fuori un numero secco, a volte impietoso, scritto con mano ferma e senza faccine simil-smile.

E lo script lo sapevamo leggere benissimo nei libri senza bisogno di scriverlo: noi scrivevamo in corsivo, riccioluto e proporzionato.

La mia maestra delle elementari aveva una grafia splendida, ne ammiravo le lunghe gambe che svettavano verso l’alto e verso il basso sul rigo come un guizzo leggiadro e cercavo di imitarne il portamento maestoso. Non
credo di esserci mai riuscita. i programmi erano più seri e i risultati più evidenti, che lei aveva studiato i Promessi Sposi in quarta elementare. Ora i miei figli stanno a scuola una quantità di ore indecente, piegati sotto zaini
mostruosamente stracolmi di libri pieni solo di figure e disegnini. Hanno un quaderno per ogni materia, la loro unica preoccupazione è portare a scuola il materiale giusto.

Le maestre danno elenchi dettagliatissimi del materiale da comprare, compresa la marca delle penne cancellabili e il numero di colle stick, perché sui quaderni più che scrivere si incollano esercizi ritagliati.
La fotocopiatrice ha ammazzato la scuola più di ogni altra cosa. Adesso c’è tanta roba in più a disposizione, decisamente troppa: 6 insegnanti già alle elementari, montagne di carta, valanghe di ore passate sui banchi o sui compiti a casa, ma manca l’essenziale. Manca l’autorevolezza della figura educativa, che una volta aveva una competenza tecnica incontestata sulle sue materie e non metteva becco negli ambiti emotivi dei bambini. Distaccata, giusta, decisa, la mia maestra accoglieva i nostri abbracci senza comunque permetterci di darle del tu, ringraziava per i fiori che le portavamo a primavera, raccogliendoli dal giardino, esortando a riferire ai genitori le sue parole di gratitudine. Invece la scuola moderna vuole insegnare il rispetto, l’inclusività, l’empatia e tutta questa roba emotiva, al posto delle famiglie che non lo fanno più perché non ci sono più, e si dimentica di far imparare le tabelline, i congiuntivi, le preposizioni semplici, le poesie.

Gli insegnanti sono scesi ad un lessico poverissimo per andare incontro ai bambini, i quali dal canto loro conoscono tutti i neologismi tecnologici e non sanno neanche i sinonimi. Una bella generazione di ebeti empatici e fragili, illetterati e incapaci di far faticare i neuroni: questo produce la scuola moderna, che ad ogni riforma viene sempre più alleggerita di contenuti e appesantita di pro sessuale, sviluppo delle capacità creative, mentre crescono i bambini dislessici e con ritardi di apprendimento. Ad un certo punto ci vuole l’onestà di certificare il fallimento di questa direzione post sessantottina dell’istruzione italiana e virare di 180 gradi secchi. O per lo meno ci vuole la correttezza di aprire un tavolo di discussione seria, apolitica, non ideologica. Sempre che l’istruzione dei ragazzi ci interessi ancora. La scuola deve smettere di essere un laboratorio per esperimenti antropologici

e sociali, deve essere il fiore all’occhiello della nostra civiltà.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

07/02/2017
1509/2019
Beata Vergine Maria Addolorata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La lobby lgbt bullizza gli studenti di Bergamo

In nome della libertà di tutti si chiude il giornalino studentesco. Gesto ridicolo e tanto più inquietante in quanto colpisce un oggetto dal raggio effettivo più che modesto. Appunto perché simbolico, la punizione che subisce dev’essere esemplare: così l’Arcigay locale tira le leve giuste perché pochi adulti ricchi e potenti possano imbavagliare pochi studenti liberi.

Leggi tutto

Società

L’Irlanda s’incammina sulla scia del resto dell’Europa occidentale verso la “cultura della morte”

Iil 25 maggio 2018 rappresenta un passaggio destinato a segnare un’epoca: l’Irlanda, terra di secolari radici cristiane, s’incammina sulla scia del resto dell’Europa occidentale verso la “cultura della morte”. Crediamo, però, abbia gli anticorpi per scuotersi finalmente e risalire la china.

Leggi tutto

Società

“W l’amore”, non solo gender

Riportavamo ieri i fatti delle cronache del Salvo D’Acquisto di Gaggio Montano a proposito del progetto di educazione sessuale “W l’amore” introdotto nelle scuole senza consultazione dei genitori (i quali da parte loro si attivano sempre di più). Illustriamo oggi le tematiche trattate dal libretto propinato ai preadolescenti (anche tredicenni): masturbazione, pornografia, contraccezione

Leggi tutto

Politica

Scuola, Appendino ideologica e autoritaria

L’assessore alla Scuola Federica Patti, per cercare di limitare il clamore suscitato dalla decisione della giunta – quella di spezzare le reni agli istituti paritari – ha rilasciato un’intervista a Paola Pintus che appare la classica toppa peggiore dello strappo. Patti si esibisce allora in una serie di omissioni e di manipolazioni della legge Berlinguer 62/2000 che solo alla disonestà o all’impreparazione può attribuirsi

Leggi tutto

Società

Il boom della Cannabis Light in Italia

Maurizio Martina, reggente del Pd, ha recentemente dichiarato: «All’opposizione lavoreremo per i più deboli». È lo stesso che da ministro dell’agricoltura ha portato in tutte le tabaccherie, edicole e nei negozi in franchising, con la legge n.242 del 2016 che permette di coltivare cannabis con una soglia di THC fino allo 0,6%, prodotti come “Sweet Devil”, 2 grammi di fumo a soli € 22. Cannabis light Italia ringrazia, i poveri (e i genitori italiani) meno…

Leggi tutto

Politica

Benedizioni, a Bologna un consiglio d’istituto “vota contro il Tribunale”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano