Politica

di Gianfranco Amato

Verso un piano nazionale per la vita

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Donald Trump può piacere o non piacere. Una cosa, però, gli va riconosciuta. Sta realizzando quanto promesso in campagna elettorale con un ritmo davvero inusitato per la politica.

Sta dimostrando di essere di parola, e sembra confermare ogni giorno la frase che ama ripetere: «I am a man of my word». Lo ha confermato anche nella nomina del nuovo giudice della Corte Suprema, in sostituzione del deceduto Antonin Scalia. Anche in questo caso ha rispettato le promesse indicando Neil Gorsuch, un autentico e sincero pro-life e pro-family. Quarantanovenne, Gorsuch è uno dei più raffinanti e intelligenti giuristi americani. Curriculum stellare – laurea con lode a Harvard e dottorato a Oxford – viene considerato una vera e propria «brillant mind» in campo legale. Come Antonin Scalia è un “originalista”, ossia uno che ama attenersi al tenore letterale e sostanziale della Costituzione, e rifugge le interpretazioni creative tanto care alla giurisprudenza politically correct. Sanissimo sui principi non negoziabili di vita, famiglia ed educazione. Sintomatico il pubblico ringraziamento che ha fatto la sera in cui ha appreso di essere stato indicato dal Presidente Trump: «I am so thankful tonight for my family, my friends, and my faith», ossia: «Sono davvero grato per la mia famiglia, i miei amici e la mia fede» Averne giudici supremi di tal fatta!

Ho sentito parlare di Gorsuch quando partecipai, in rappresentanza dell’Italia, al “Fifth Christian Lawyer Global Convocation”, il V Congresso Mondiale degli Avvocati Cristiani organizzato da Advocates International e tenutosi a Washington dal 6 al 12 ottobre del 2008. In quell’occasione mi regalarono anche un libro di Gorsuch intitolato The Future of Assisted Suicide and Euthanasia, in cui l’autore sostiene che la vita umana ha un valore intrinseco e «la sua soppressione intenzionale è sempre inammissibile». Interessante pure il fatto che lo stesso Gorsuch nel suo libro abbia affrontato il tema dell’aborto, affermando che il celebre caso Roe v.Wade – quello che nel 1973 portò alla legalizzazione dell’aborto negli U.S.A. – in realtà «non ha alcun fondamento costituzionale. Si esprime esattamente in questi termini: «Nel caso Roe v. Wade, la Corte ha spiegato che se il feto fosse stato considerato una “persona” ai sensi del Quattordicesimo Emendamento, non si sarebbe potuto riconoscere il diritto all’aborto poiché il principio della prevalenza del diritto di scelta della madre rispetto alla vita del bambino non ha alcune fondamento costituzionale». Gorsuch è decisamente contrario alla soppressione della vita umana attraverso la pratica dell’aborto. Il punto è capire quanto lui potrà incidere per un vero cambio di rotta giurisprudenziale e legislativo in materia.

Nel sistema di common law il rispetto per il precedente rappresenta un caposaldo. Difficilmente può essere ribaltato con una certa nonchalance, anche se può sempre essere «narrowed or enlarged or clarified», ossia se ne può restringere o estendere l’applicabilità, oppure può essere in qualche maniera interpretato. Come osservò il Chief Justice William Rehnquist nel 1991, il precedente non è un «inexorable command». Oggi, nonostante la nomina di Gorsuch, la maggioranza della Suprema Corte pende ancora a sinistra, e vista l’anzianità dei componenti, quello che preoccupa il mondo liberal è il fatto che Trump possa nominare un altro giudice in sostituzione di un collega in caso di decesso (i giudici supremi americani, infatti, restano in carica a vita). In una simile ipotesi, infatti, la maggioranza passerebbe all’area conservatrice. E sarebbe davvero una grande rivoluzione.

Torniamo in Italia. La lezione di Trump ci insegna che si possono vincere le elezioni anche dichiarandosi profondamente pro-life e contrari all’aborto.

Il Popolo della Famiglia segue convintamente questa strada, e ha sempre proclamato la sua intenzione di proporre l’abrogazione della Legge 194 sull’interruzione volontaria della gravidanza, per il devastante effetto pedagogico e culturale che quella norma ha introdotto nel nostro Paese. Si è, infatti, arrivati a trasformare un «crimen nefandum» (delitto abominevole), come lo definiva il punto 65 del documento conciliare Gaudium et Spes, in un “diritto fondamentale” della donna.

Però occorre stare attenti, perché l’abrogazione tout court della Legge 194 rischia di non avere senso – o apparire persino ideologica – se non è accompagnata da una reale ed efficace azione politica per rimuovere le cause che inducono una donna ad abortire. L’aborto non è mai la soluzione ad un problema: è un dolore che si aggiunge ad un altro dolore. E per una donna è sempre una tragedia, che viene amplificata quando essa è costretta a ricorrere a tale orrenda pratica. I dati statistici ci dicono che è alta la percentuale di straniere che ricorrono all’aborto, e che le ragioni principali di questa tragedia sono soprattutto di carattere economico, lavorativo, sanitario, familiare. Ecco perché uno Stato degno di questo nome deve fare di tutto per liberare le donne da una simile costrizione.

Il Popolo della Famiglia propone l’elaborazione e l’attuazione di un Piano Nazionale per la Vita (PNV) che da un lato preveda la possibilità concreta e materiale di mettere le donne in condizione di portare a termine la gravidanza, dall’altro lato attui un potenziamento, anche attraverso convenzioni di carattere nazionale e finanziamenti pubblici, di tutte le organizzazioni che oggi in Italia si battono coraggiosamente e proficuamente in difesa della vita.

Dove prendere i soldi per fare tutto ciò è molto semplice. Come spiega il dott. Emilio Arisi, Presidente di SMIC (Società Medica Italiana per la Contraccezione) il costo medio di un’interruzione volontaria di gravidanza è valutato dai DRG (Diagnosis Related Groups) attorno i 1.300-1.500 euro, e quindi, considerando il numero medio annuo di aborti ora attestato sui 90.000, possiamo concludere che oggi tale pratica costa al Servizio Sanitario Nazionale circa 100 milioni di euro. A questa cifra – non indifferente – si potrebbero aggiungere anche i fondi derivanti dalla copertura finanziaria che verrà prevista per tutti i provvedimenti eutanasici attualmente in discussione in parlamento. Alla finta “dolcezza” della morte, il Popolo della Famiglia preferisce favorire la vera dolcezza della vita.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

08/02/2017
1909/2019
S. Gennaro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il quadriennio di Donald Trump

Doveva perdere e invece riporta una sostanziale vittoria: contro i media e contro i finanziatori di tutto il Paese, il macchiettistico inquilino della Casa Bianca rafforza la propria posizione politica nelle elezioni di midterm. Se si vuole comprendere come sia possibile tanta forza politica si deve mettere da parte l’ideologia e guardare ai dati. Gli Usa di Trump hanno un’accelerazione formidabile.

Leggi tutto

Società

Aborto no-limits: la ricetta newyorkese fa discutere

E nella discussione Open, il giornale di Mentana, taccia di “bufalari” i colleghi che fanno informazione. Il problema principale di fronte a certi azzardi è l’assenza di cognizione alcuna sia dell’impianto giuridico del common law angloamericano in generale e statunitense in particolare, sia della realtà clinica ginecologica che il RHA va a normare. In questi goffi tentativi si parte per categorie precostituite, quelle relative alla propria comprensione della legge 194/1978 (anch’essa in realtà malintesa) mettendo in scena la più classica petizione di principio: la tesi secondo cui la legge newyorkese sarebbe sovrapponibile alla legge italiana era già contenuta nell’ipotesi comparativa iniziale e non poteva che viziarne il debole tracciato argomentativo. La realtà è che la divaricazione non potrebbe essere più pronunciata.

Leggi tutto

Politica

Il prolife Tom Price Segretario della Salute USA

Un ortopedico sostenitore della March for Life è stato posto al dicastero federale per la Salute

Leggi tutto

Politica

L’InaugurationDay visto da laggiù

Girato l’angolo, ci si para davanti una testuggine della polizia in assetto anti-sommossa, alzo lo sguardo e vedo salire in lontananza una colonna di fumo nero. “Hanno dato fuoco a una limousine”, ci dice una ragazza. Mentre passo accanto allo schieramento, incrocio lo sguardo inquieto di un poliziotto di colore, non avrà più di venti anni. Già nelle ore precedenti erano circolate notizie di vetrate spaccate, quelle di un McDonald e di una filiale di Bank of America. Anche io, nel 2012, la prima volta in cui ho votato in un’elezione presidenziale, ho provato la cocente delusione di non vedere il mio candidato eletto, ma mi sono limitata a sfogare la mia frustrazione con un post su Facebook. Quella devastazione, quegli occhi impauriti, quegli americani che attaccano altri americani per affermare la propria idea sono la conferma che Trump è stata la scelta giusta.

Leggi tutto

Storie

Le donne africane non hanno bisogno di aborto

Una giovane nigeriana crea un’organizzazione prolife per opporsi alla “Bill & Melinda Gates Foundation” nei suoi intenti “filantropici” (ossia di controllo delle nascite – dei poveri del mondo). Lo scopo di Culture of Life Africa è dissuadere i “filantropi” dai loro propositi. La lettera di Obianuju a Melinda Gates è un testo di magistero della vita e di resistenza al pensiero unico.

Leggi tutto

Politica

Le vacanze romane di Donald

Incontri con Papa Francesco, Sergio Mattarella e Paolo Gentiloni; e tra questi il Bambino Gesù, il Pantheon e moltissima attività social

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano