Storie

di Emiliano Fumaneri

Anna mamma coraggio

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Anna è una mamma coraggio di 35 anni, sorridente ma risoluta. La donna lavora come segretaria a Parigi, dove vive col figlioletto di tre anni, disabile, che deve crescere da sola. Il piccolo soffre di una forma di ipotonia muscolare che gli rende difficoltosi i movimenti, tanto che a lungo all’asilo non gli riusciva altro che di trascinarsi sul pavimento senza nemmeno poter stare in posizione eretta. Ma ora il bimbo è notevolmente migliorato grazie a un fisioterapista formidabile e riesce perfino a camminare, sebbene con un lieve squilibrio. «È un miracolo!», confessa Anna.

È bene precisare che questo piccolo miracolo si è realizzato coi mezzi molto umani di un Centro di azione medico-sociale precoce (CAMSP), la struttura che un anno fa ha cominciato a prendersi cura del figlio di Anna. A dispetto del nome bizzarro, questi centri - nati nel 1976 grazie a una rete di associazioni che si prefiggeva di aiutare i bambini in età prescolare (0-6 anni) con handicap o a rischio di handicap - apportano dei benefici indispensabili a madri nella difficile situazione di Anna.

Per preparare al meglio l’inserimento del bambino nella scuola materna, i medici del CAMSP avevano prescritto anche 50 sedute di logoterapia. Per via della sua mancanza di tono muscolare il bimbo soffre infatti di un eccesso di salivazione e biascica un francese che solo le orecchie allenate della madre sono in grado di decodificare. Anche in questo caso i miglioramenti ci sono stati, e sono stati progressi importanti.

Ma proprio in questi giorni la donna ha avuto una gran brutta sorpresa. La Sécurité sociale (la Cassa malati francese) rifiuta infatti di finanziare la rieducazione, dal costo medio di 170 euro mensili, una somma non trascurabile per Anna che percepisce uno stipendio di 1.500 euro. La motivazione lascia allibiti. Il sostegno economico alla riabilitazione del bambino è stato negato perché la logopedista che l’ha avuto in cura esercita come libera professionista.

«È incomprensibile», si lamenta la donna. «È stato lo stesso CAMSP a indirizzarci a lei perché c’era una lista d’attesa troppo lunga e mio figlio aveva urgenza!». Rincara la dose Marcel Hartmann, vicepresidente dell’ANECAMSP, l’associazione nazionale che federa i CAMSP. «È desolante», commenta il portavoce che esprime così tutta la preoccuazione delle associazioni per casi come quello di Anna, sempre più frequenti, di mancato sostegno pubblico a terapie riabilitative che rischiano di interrompersi prima del tempo, con tutti i danni del caso per la salute dei piccoli pazienti. È una tendenza che desta notevoli preoccupazioni, già portate all’ettenzione dei ministeri e dei sottegretari compenti.

Generalmente l’assistenza viene fornita nelle sedi dei CAMSP, strutture multidisciplinari dove diversi professionisti (neurologi, psicologi, psicomotricisti, logopedisti, fisioterapisti, ecc.) possono seguire direttamente i bambini. Solo nel caso in cui la famiglia del bambino disabile risieda troppo lontano da una sede del centro il CAMSP ricorre a professionisti esterni. Fino ad ora queste spese venivano rimborsate dalla Sécurité sociale. Ma ora in alcuni dipartimenti i rimborsi sono stati sospesi. «Questa evoluzione normativa, frutto di una interpretazione restrittiva dei testi legislativi, è legale dal punto sul piano formale. Ma ci sembra scandalosa se pensiamo che non si tratta di creare nuove voci di spesa», attacca Hartmann.

Anche Michèle Baron Quillévéré, direttrice dell’importante centro di assistenza precoce di Parigi, è scioccata dalla nuovo corso della sanità pubblica che sembra voler risparmiare sulle spalle dei più deboli. Una scelta che rivela una visione di corto respiro anche sul piano socioeconomico, se si considera che «più l’opera di assistenza è precoce, più le conseguenze dell’handicap saranno limitate per i bambini ma anche nella vita dei loro genitori, e dunque minore sarà il costo dell’handicap per la società».

Questi tagli appaiono tanto più ingiustificati alla luce dei dati della Banca Mondiale sulle spese per la sanità, in costante crescita nei paesi sviluppati. La media mondiale nel 2014 si avvicinava al 9,5%, col record del 17,1% degli Usa, contro il 13,1 del 1995. Anche la Francia ha visto aumentare i fondi per la sanità, passati dal 10,1 del ‘95 all’11,5 del 2015. E pure l’Italia nello stesso periodo di tempo ha incrementato le spese sanitarie di due punti percentuali, dal 7,1 al 9,2%.

Il problema va allora ricercato, con ogni probabilità, nella medicina stessa. Non è difficile capire che i più deboli sono le prime vittime della mutazione genetica della medicina contemporanea, che è sempre più una medicina “rigeneratrice” invece che “riparatrice”. La nuova medicina rigeneratrice mira a perfezionare il corpo umano allo scopo di renderlo più performante. Non si tratta più di curare, cioè di ripristinare l’ordine psicofisico di un organismo malato, quanto di migliorarne le prestazioni. In filigrana si intravede il profilo dell’ideologia della crescita illimitata comune tanto al neoliberalismo quanto al transumanismo. La fragilità, in quest’ottica, diventa un nemico da sopprimere. E a farne le spese, come sempre, sono i più deboli.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

15/02/2017
1809/2019
S. Giuseppe da Copertino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La Francia in piazza per la vita

La mancanza di un progetto genitoriale espone il feto alla concreta possibilità dello scarto. Essendo stata negata la sua esistenza, l’essere soltanto «nella carne» è destinato ad essere patologizzato e assimilato a un tumore. Si scava così un abisso incolmabile tra il feto come accidente, considerato come qualcosa di contingente nel corpo della donna, e il feto «umanizzato» dalla parola della madre. Il problema è che, scrive Boltanski, «gli esseri nella carne non possono essere distinti dagli esseri per la parola». Se «ciò che costituisce un essere umano non è il feto, iscritto nel corpo, ma la sua adozione simbolica», «questa adozione suppone la possibilità di una discriminazione tra embrioni per nulla distinguibili».

Leggi tutto

Politica

Vaccini a scuola: obbligo per tutti i bambini (0-6)

Il Consiglio dei ministri ha varato venerdì scorso il temuto “decreto legge vaccini”. La mancanza di documentazione sulle vaccinazioni obbligatorie produrrà da parte dell’autorità scolastica sanzioni dalle 10 alle 30 volte maggiori di quelle esistenti. Pericoli per questo invasivo intervento del Governo sono avvertiti dalle famiglie, dalle associazioni dei consumatori e… dagli “home schooler”. L’impressione è che la dialettica venga esacerbata dal governo nella ricerca dello scontro frontale con il M5S. La solita impostazione manichea che non permette di approfondire e vagliare adeguatamente

Leggi tutto

Società

Francia, quadro instabile: la bioetica slitta a giugno

Dopo i rituali “stati generali”, previsti dalla stessa “Legge bioetica” con cadenza decennale in vista dell’aggiornamento della stessa, il governo Macron aveva dichiarato di poter procedere alla rivisitazione del testo legale entro la fine dell’anno solare. In realtà l’ospite dell’Eliseo sta attraversando una crisi politica cui fa da sfondo l’emorragia dei consensi. Così il Président prende tempo e spinge l’apertura del dibattito parlamentare alla fine della primavera.

Leggi tutto

Media

Saltare giù dal treno incorsa con il libro di THÉRÈSE HARGOT

Potrei dire tante cose sul contenuto del libro, ogni capitolo meriterebbe una riflessione specifica, ma credo sia più importante ed urgente puntare l’attenzione sul modo: la Hargot è una sessuologa francese atea e per questo, per il suo ateismo, sorprende incredibilmente la facile sovrapposizione tra le sue conclusioni e la visione antropologica cristiana. In questo mondo fortemente ideologizzato, è una novità assoluta imbattersi in tanta limpidezza di pensiero, tanta disarmante onestà intellettuale, mentre si passano in rassegna le conseguenze funeste di decenni di educazione sessuale nelle scuole sul modello sessantottino.
Mi domando se sia possibile, oggi, anche in Italia, portare avanti una riflessione su questo tema - l’educazione sessuale ed affettiva dei giovani - che sia scevra da condizionamenti ideologici e proclami superficiali, dall’una e dall’altra parte della barricata culturale. I cattolici spesso si sottraggono al dibattito per mancanza di argomenti, intimamente convinti di non avere una proposta accettabile, ma solo un mucchietto di moralismi anacronistici. Dall’altra parte, invece, assistiamo a proclami liberisti branditi con più nettezza e meno motivazioni di un dogma di fede. La capacità di dialogo latita

Leggi tutto

Politica

I casi Englaro e Schiavo francesi fanno riflettere la politica

Anche i cugini d’Oltralpe hanno i loro problemi sul fine-vita, sebbene la legislazione vigente permetta il prodursi di casi-limite alla Terry Schiavo, cioè il noto caso di Vincent Lambert e il più recente della piccola Marwa Bouchenafa. Martedì prossimo si sentirà un’associazione per il “diritto alla vita”.

Leggi tutto

Storie

Lambert, e la sentenza dei medici

Si è pronunciato il team di medici indipendenti convocati dal tribunale amministrativo di Chalons-en-Champagne: Vincent Lambert non è migliorato, negli ultimi quattro anni, e anzi è lievemente peggiorato; tuttavia ciò di cui ha bisogno non configura accanimento terapeutico. Un pronunciamento salomonico che rimanda la palla al giudice. L’udienza è aggiornata per il 19 dicembre.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano