Storie

di Emiliano Fumaneri

Anna mamma coraggio

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Anna è una mamma coraggio di 35 anni, sorridente ma risoluta. La donna lavora come segretaria a Parigi, dove vive col figlioletto di tre anni, disabile, che deve crescere da sola. Il piccolo soffre di una forma di ipotonia muscolare che gli rende difficoltosi i movimenti, tanto che a lungo all’asilo non gli riusciva altro che di trascinarsi sul pavimento senza nemmeno poter stare in posizione eretta. Ma ora il bimbo è notevolmente migliorato grazie a un fisioterapista formidabile e riesce perfino a camminare, sebbene con un lieve squilibrio. «È un miracolo!», confessa Anna.

È bene precisare che questo piccolo miracolo si è realizzato coi mezzi molto umani di un Centro di azione medico-sociale precoce (CAMSP), la struttura che un anno fa ha cominciato a prendersi cura del figlio di Anna. A dispetto del nome bizzarro, questi centri - nati nel 1976 grazie a una rete di associazioni che si prefiggeva di aiutare i bambini in età prescolare (0-6 anni) con handicap o a rischio di handicap - apportano dei benefici indispensabili a madri nella difficile situazione di Anna.

Per preparare al meglio l’inserimento del bambino nella scuola materna, i medici del CAMSP avevano prescritto anche 50 sedute di logoterapia. Per via della sua mancanza di tono muscolare il bimbo soffre infatti di un eccesso di salivazione e biascica un francese che solo le orecchie allenate della madre sono in grado di decodificare. Anche in questo caso i miglioramenti ci sono stati, e sono stati progressi importanti.

Ma proprio in questi giorni la donna ha avuto una gran brutta sorpresa. La Sécurité sociale (la Cassa malati francese) rifiuta infatti di finanziare la rieducazione, dal costo medio di 170 euro mensili, una somma non trascurabile per Anna che percepisce uno stipendio di 1.500 euro. La motivazione lascia allibiti. Il sostegno economico alla riabilitazione del bambino è stato negato perché la logopedista che l’ha avuto in cura esercita come libera professionista.

«È incomprensibile», si lamenta la donna. «È stato lo stesso CAMSP a indirizzarci a lei perché c’era una lista d’attesa troppo lunga e mio figlio aveva urgenza!». Rincara la dose Marcel Hartmann, vicepresidente dell’ANECAMSP, l’associazione nazionale che federa i CAMSP. «È desolante», commenta il portavoce che esprime così tutta la preoccuazione delle associazioni per casi come quello di Anna, sempre più frequenti, di mancato sostegno pubblico a terapie riabilitative che rischiano di interrompersi prima del tempo, con tutti i danni del caso per la salute dei piccoli pazienti. È una tendenza che desta notevoli preoccupazioni, già portate all’ettenzione dei ministeri e dei sottegretari compenti.

Generalmente l’assistenza viene fornita nelle sedi dei CAMSP, strutture multidisciplinari dove diversi professionisti (neurologi, psicologi, psicomotricisti, logopedisti, fisioterapisti, ecc.) possono seguire direttamente i bambini. Solo nel caso in cui la famiglia del bambino disabile risieda troppo lontano da una sede del centro il CAMSP ricorre a professionisti esterni. Fino ad ora queste spese venivano rimborsate dalla Sécurité sociale. Ma ora in alcuni dipartimenti i rimborsi sono stati sospesi. «Questa evoluzione normativa, frutto di una interpretazione restrittiva dei testi legislativi, è legale dal punto sul piano formale. Ma ci sembra scandalosa se pensiamo che non si tratta di creare nuove voci di spesa», attacca Hartmann.

Anche Michèle Baron Quillévéré, direttrice dell’importante centro di assistenza precoce di Parigi, è scioccata dalla nuovo corso della sanità pubblica che sembra voler risparmiare sulle spalle dei più deboli. Una scelta che rivela una visione di corto respiro anche sul piano socioeconomico, se si considera che «più l’opera di assistenza è precoce, più le conseguenze dell’handicap saranno limitate per i bambini ma anche nella vita dei loro genitori, e dunque minore sarà il costo dell’handicap per la società».

Questi tagli appaiono tanto più ingiustificati alla luce dei dati della Banca Mondiale sulle spese per la sanità, in costante crescita nei paesi sviluppati. La media mondiale nel 2014 si avvicinava al 9,5%, col record del 17,1% degli Usa, contro il 13,1 del 1995. Anche la Francia ha visto aumentare i fondi per la sanità, passati dal 10,1 del ‘95 all’11,5 del 2015. E pure l’Italia nello stesso periodo di tempo ha incrementato le spese sanitarie di due punti percentuali, dal 7,1 al 9,2%.

Il problema va allora ricercato, con ogni probabilità, nella medicina stessa. Non è difficile capire che i più deboli sono le prime vittime della mutazione genetica della medicina contemporanea, che è sempre più una medicina “rigeneratrice” invece che “riparatrice”. La nuova medicina rigeneratrice mira a perfezionare il corpo umano allo scopo di renderlo più performante. Non si tratta più di curare, cioè di ripristinare l’ordine psicofisico di un organismo malato, quanto di migliorarne le prestazioni. In filigrana si intravede il profilo dell’ideologia della crescita illimitata comune tanto al neoliberalismo quanto al transumanismo. La fragilità, in quest’ottica, diventa un nemico da sopprimere. E a farne le spese, come sempre, sono i più deboli.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

15/02/2017
0908/2020
Ss. Fermo e Rustico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

A proposito della dichiarazione di Parigi

Sulle colonne di questo giornale ci pregiammo di pubblicare la “dichiarazione di Parigi”, che il 13 ottobre scorso un gruppo di luminari europei (grandi assenti gli italiani) ha firmato: in essa – il titolo recitava “Un’Europa in cui possiamo credere” – i massimi intellettuali del vecchio continente muovevano acutissime critiche all’establishment tecnocratico. A distanza di un buon mese, vogliamo tornare su quella pagina e rileggerla con occhio attento e critico.

Leggi tutto

Società

Hadjadj: non scegliete il male minore

L’Italia è chiamata al referendum su una riforma costituzionale molto pervasiva; la Francia
vede prepararsi le elezioni con i cattolici che propendono (come avviene anche nel Belpaese) per il
centrodestra, diviso oggi tra liberalconservatori e nazionalisti duri e puri. Il filosofo Fabrice Hadjadj,
intervistato da Famille Chrétienne, invita a «tracciare un sentiero nel mezzo di Mordor»

Leggi tutto

Società

Le cosiddette “famiglie omogenitoriali” viste dalla scuola dell’infanzia

Un’educatrice impegnata sul delicatissimo fronte dell’infanzia condivide e argomenta le proprie ragionate perplessità sulle complicazioni a cui andrebbero incontro, in un contesto come è quello in cui lavora, i bambini che vivessero all’interno di gruppi neppure remotamente simili a famiglie.

Leggi tutto

Politica

Sylviane Agacinsky sfida Emmanuel Macron sull’utero in affitto

La Francia si appresta al primo turno di voto alle presidenziali. Certa l’uscita dell’attuale presidente socialista Francois Hollande che lascia con il minimo storico dei consensi, ai suoi eredi il compito di risanare l’economia francese e soprattutto di annientare il terrorismo islamico

Leggi tutto

Chiesa

I Vescovi di Francia contro eutanasia e suicidio assistito

I 118 presuli d’Oltralpe vergano un importante documento contro le derive mortifere di una politica radicale di massa. Un testo luminoso e ragionevole. Quali che siano le nostre convinzioni, il fine vita è una tempo che vivremo tutti e un’inquietudine che condividiamo. Ciascuno deve quindi potervi riflettere il più serenamente possibile, schivando gli scogli delle passioni e delle pressioni.

Leggi tutto

Politica

La Francia ed il nuovo presidente alla ricerca del voto cattolico

Marine Le Pen potrebbe vincere già al primo turno. Contro di lei Fillon o Juppé. Socialisti smarriti

La Francia e l’approssimarsi delle elezioni saranno il prossimo banco di prova per una destra che continua a crescere, per un centro che cerca di tenere e per una sinistra sempre più allo sbando ma che cerca in tutti i modi di rimanere in piedi.
Il primo colpo di scena, al di là delle Alpi si è già avuto. Nikolas Sarkozy è già fuori dalla competizione non avendo superato l’ostacolo delle primarie.
Alla vigilia del voto in pochi avrebbero creduto a tale evento ma, l’accaduto è l’ennesima riprova del fatto che i cittadini hanno bisogno di vedere volti nuovi, meno politici e sempre più leader in grado di risollevare un andazzo generale sempre più proiettato verso lo sbando.
Chi vi scrive in passato ha avuto simpatie per Sarkozy: un francese di discendenza ungherese, un personaggio alla Napoleone che ha commesso però alcuni errori che hanno devastato la sua carriera politica. Uno su tutti? La decisione di deporre ed eliminare Gheddafi dalla Libia con tutto quello che ancora oggi ne consegue…. e chi vota non dimentica e questo lo sa bene anche Renzi in italia.

 


 

 

 


Digita un messaggio…

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano