Chiesa

di Raffaele Dicembrino

La Chiesa ortodossa rumena è profamily

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Non si fermano le polemiche sul tentativo di ‘distruggere’ la famiglia tradizionale. Proprio su questo argomento è sceso in campo, l’ufficio stampa del Patriarcato di Romania che ha rilasciato una chiara presa di posizione che vi riportiamo fedelmente: “La Chiesa ortodossa romena considera con preoccupazione le misure relative alla possibile formalizzazione, ventilata in queste ore, concernente il” partenariato civile “. Il timore è evidenziato dal disegno di legge presentato all’ordine del giorno della Camera dei deputati. Consideriamo l’istituzionalizzazione di una forma alternativa di famiglia contraria alla fede cristiana ed alla tradizione del popolo romeno, con conseguenze potenzialmente gravi per la morale familiare e sociale di tutto il Paese. Dal punto di vista cristiano, ma costituzionale, fatta eccezione per l’adozione e la parentela di sangue, la famiglia nasce esclusivamente del matrimonio tra un uomo e una donna. La partnership civile serve solo ad incoraggiare la convivenza e la perdita delle proprie responsabilità dei due partner a scapito della madre e del bambino. In particolare, (va rilevato che) il quadro giuridico che protegge “l’educazione e l’istruzione dei bambini” in modo ottimale è proprio la famiglia (art. 48 cpv. 1 della Costituzione rumena). I tentativi di ridefinire la famiglia naturale e tradizionale, moralmente e legalmente approvato in tutta la storia dell’umanità, sembra essere parte di un programma ideologico che scredita i valori e i benefici sociali della famiglia. La Chiesa ortodossa rumena continuerà a difendere e promuovere i valori fondamentali della famiglia tradizionale, utile per il presente e il futuro della società romena “.

Non è la prima volta che la Chiesa di Romania si schiera attivamente e con forza a difesa della famiglia. Il paternariato civile è una minaccia a quanto urlato a gran voce dai romeni in questi anni, si tratta l’ennesimo stratagemma per cambiare la storia di questo paese.

Ricorderete come 10 mesi fa, in meno di due mesi in Romania furono raccolte due milioni di firme (il 10% della popolazione!) per proteggere costituzionalmente la famiglia naturale.

L’obiettivo iniziale, quello di ottenere 500.000 firme entro 6 mesi stabiliti dalla legislazione del paese (entro il 24 maggio 2016) è stato ampiamente superato e con largo anticipo.

I sostenitori del referendum vogliono prevenire interpretazioni illecite dell’articolo 48 della Costituzione rumena che riconosce la Famiglia “fondata sul matrimonio libero tra coniugi, l’uguaglianza di questi e il diritto e il dovere dei genitori di assicurare la crescita, l’educazione e l’istruzione dei bambini”. La volontà è quella di specificare che per coniugi si intendono “un uomo e una donna”.

A differenza di quello che è successo in Croazia, l’iniziativa legislativa popolare non può essere trasposta direttamente in un disegno di legge. Come in Spagna, la proposta deve essere presentata da uno dei gruppi parlamentari attuali e approvato sia nel Congresso che nel Senato rumeno a maggioranza qualificata di 2/3 dopo la ratifica del referendum. La coalizione pro-famiglia che si è battuta per la raccolta delle firme risulta essere interconfessionale (ortodossi, cattolici, greco-cattolici, battisti, pentecostali, anche degli atei).

I partiti che si assumeranno l’onere di considerare questa volontà popolare hanno dichiarato che “sanno già, come è accaduto in Polonia o in Ungheria, che saranno sottoposti ad una brutale campagna dall’Unione Europea tesa ad influire sulla sovranità popolare rumena, con minacce che potranno estendersi al taglio dei fondi strutturali previsti per il paese”.

Il fine è quello di contrastare la campagna della lobby LGBT per introdurre, anche in Romania, le unioni civili, cioè il matrimonio omosessuale. La legge civile romena prevede solo il matrimonio eterosessuale. Se il quesito referendario proposto dalla Coalizione per la Famiglia sarà approvato, si chiuderebbe definitivamente la porta alle unioni civili.

Il quesito, depositato presso il Senato lo scorso maggio, è stato approvato il 20 luglio dalla Corte Costituzionale. Adesso spetta al Governo decidere la data del referendum. I sondaggi mostrano un 82% dei romeni contrari al “matrimonio” omosessuale.

Nel contempo, la piattaforma di associazioni pro famiglia della Romania ha ribadito il proprio impegno a sostenere altrettanto massicciamente, sin dalle prossime settimane, l’iniziativa dei cittadini europei (ECI) a favore di definizioni comuni all’interno della UE su matrimonio e famiglia ma, se la Chiesa è dovuta nuovamente intervenire non lo ha fatto a casa. La battaglia appare aspra e si cerca di arrivare all’obiettivo contro la famiglia in tutti i modi possibili. Per questo l’attenzione deve essere alta.

Il momento si avvicina ed il clima si fa sempre più teso: come ricorderete si terrà nella prossima primavera il referendum per la famiglia in Romania: è stato concordato dalla piattaforma pro-family che ha promosso la raccolta firme e i maggiori partiti politici di Romania.

I rumeni andranno al voto perché la piattaforma ha raccolto l’adesione di più di 3 milioni di romeni che hanno chiesto che la Costituzione venga cambiata perché alla base della famiglia ci sia il matrimonio tra uomo e donna.

L’obiettivo di quanti avevano proposto il quesito referendario era quello di far coincidere il referendum con le elezioni generali del prossimo dicembre. Con il referendum in primavera, l’obiettivo sarà raggiungere il quorum: perché il referendum sia valido e il risultato vincolante, c’è bisogno che votino il 30 per cento degli aventi diritto al voto.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

03/03/2017
1909/2019
S. Gennaro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Se questo è un uomo ed il diritto alla vita

Ci troviamo ancora una volta davanti ad un sopruso mascherato da legge. Lo Stato vuole uccidere un bambino che i genitori vogliono provare a salvare. A Liverpool si vuole togliere la vita ad un bimbo usando un vero e proprio abuso di potere. Ricordiamoci che ‘sbagliato è sbagliato’ anche se l’errore è mascherato da una legge!

Leggi tutto

Politica

La scelta di essere mamma

Gregory Pincus (pillola) era un uomo, Robert Edwards (PMA), Patrick Steptoe (PMA), Julius From (preservativo), tutti uomini. Quindi, tornando al convegno sulla fertilità, non trovo granché strano che siano uomini, i medici che sono stati invitati. E non mi si dica che di donne scienziate non ne esistono poiché obbligate al focolare, perché  Marie Curie e Irène Joliot-Curie, Rita Levi Montalcini, Rosalind Franklin, Dorothy Crawfoot Hodgkin, Francoise Barré-Sinoussi, sono tutte donne (alcune anche madri). Le donne, all’interno del mondo della fertilità, esistono, ma alcune si distinguono non certo per grande spirito femminile, o meglio, fanno parte di tutte quelle donne che credono di sostenere le donne attraverso la promozione dell’aborto volontario (che, per inciso, uccide anche le donne nel grembo materno, quindi
non è certo campanilismo femminista): parliamo di Faye Alyce Wattleton o Margaret Louise Higgins Sanger, ‘mamme’ di Plannet Parenthood, ente non proprio sano e a favore della salute pubblica. Per contro noi possediamo Flora Gualdani e Paola Bonzi (e tantissime altre volontarie e ostetriche che si muovono nel silenzio e nel nascondimento), che difendono la vita del bambino sapendo che la donna che riesce a non abortire, poi ringrazierà dell’essere divenuta madre.

Leggi tutto

Politica

L’Irlanda e il vizio di dire bugie

Dopo il referendum irlandese sembra che approvare il ddl Cirinnà sia “inevitabile”, Renzi ne annuncia il voto tra luglio e settembre. Ma una battaglia di verità è possibile

Leggi tutto

Storie

I figli sono figli

Lui si arrabbia quando sente castronerie e luoghi comuni sulle adozioni. Ne ha passate troppe per starsene quieto, e poi e toscano. Lei è toscana quanto lui, e tra figli naturali e adottivi ne ha passate almeno altrettante, ma spesso
lo calma e lo riporta a miti consigli. Insieme offrono una bella testimonianza – informata, formativa e performante – sulla sfida di avere bimbi oggi

Leggi tutto

Politica

Prima le mamme

Il ddl Pillon, così come la proposta dei patti prematrimoniali del ministro Fontana, è un testo che non può essere sostenuto da chi crede nel principio della distinzione chiara dei ruoli tra paternità e maternità.

Leggi tutto

Politica

6 domande a Nicola Di Matteo

Sono molte le domande che i nostri lettori, ma anche le persone che si incontrano quotidianamente ci pongono. Per dissipare dubbi ed ottenere risposte esaurienti le abbiamo girate a Nicola Di Matteo che si candida per il Popolo della Famiglia in Europa.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano