Politica

di Mario Adinolfi

Nazisti eccome

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

La principale argomentazione di chi sostiene la differenza tra Aktion T4, l’applicazione della prima legge sull’eutanasia dei disabili che soppresse 70mila handicappati in Germania tra il 1939 e il 1941, e le attuali forme di applicazione delle varie leggi sull’eutanasia in Europa, che tra Belgio e Olanda e Svizzera (territori che sommati hanno la metà della popolazione della Germania) hanno fatto molte più vittime, è che sotto Hitler i disabili non sceglievano di essere uccisi e invece nelle moderne democrazie il “diritto di morire” è una libera scelta dell’individuo. Perfetto.

Sarà il caso di portare a conoscenza di lorsignori il caso su cui di discute in queste ore in Gran Bretagna. Connie Yates e Chris Gard sono due giovani genitori poco più che trentenni, il 4 agosto 2016 è nato il loro primo figlio, Charlie. Un bambino in buona salute che però dopo otto settimane di vita ha cominciato a perdere peso e si è scoperto affetto da una rara sindrome mitocondriale, che lo condanna alla disabilità. L’ospedale che lo ha in cura si è rivolto alla magistratura britannica per chiedere l’uccisione del bambino, ovviamente i genitori si sono ribellati e hanno avuto la forza di parlare davanti alle telecamere della BBC, di spiegare che Charlie interagisce con loro e apre gli occhi e la bocca e “non sembra affatto soffrire”. Si ribellano alla decisione dell’ospedale e pretendono che i giudici non emettano una condanna a morte per Charlie. La BBC ha esposto la vicenda in modo chiaro ed è stata inondata di messaggi di solidarietà per i genitori, contro le posizioni dei medici che hanno però ribadito l’intenzione di andare davanti ai giudici per chiedere la soppressione di Charlie.

Sempre lorsignori che ritengono che i nazisti sopprimessero disabili a loro insaputa e le nostre moderne democrazie sopprimano solo chi implora la morte, sarà il caso che sappiano che contemporaneamente i genitori di Marwa Bouchenafa combattono la stessa battaglia dei genitori di Charlie. Il 25 settembre 2016 a causa di un raro enterovirus Marwa viene ricoverata in ospedale in condizioni gravissime. I medici del nosocomio di Marsiglia riscontrano danni neurologici irreparabili, la piccola è in coma, vogliono staccarle la spina. Ma dopo dieci giorni Marwa ritorna miracolosamente a rispondere agli stimoli di mamma Anissa e papà Mohammed, segue con lo sguardo i loro movimenti, reagisce alla loro voce, muove le manine e i piedini e il tronco. Certo, con difficoltà. Certo, è una disabile e lo resterà per il resto della vita. Ma i genitori credono nei progressi possibili della scienza, gli scienziati no. I medici dell’ospedale di Marsiglia chiedono di sopprimere la bambina, i genitori si oppongono in maniera fiera e mobilitata, ne nasce un contenzioso che arriva fino al Consiglio di Stato, il 2 marzo 2017 si è riunito e siamo in attesa della sentenza.

Charlie, Marwa e innumerevoli altre persone perderanno la vita se rispetto ai sistemi eutanasici noi non ripeteremo tutto il nostro orrore. Ogni giorno si affastellano nuove storie di anziani disabili immobilizzati dai loro stessi figli mentre si ribellano all’iniezione di Pentobarbital che porrà fine alla loro vita di dementi, di malati di Alzheimer, di disabili, con i medici che brandiscono spesso “disposizioni di fine vita” firmate trenta o quarant’anni prima, da sani. Bambini e anziani, le prime vittime, massacrati esattamente come fecero i nazisti con Aktion T4. Perché le leggi sull’eutanasia nascono negli Stati totalitari: in Unione Sovietica nel 1922 dove la depenalizzazione dell’eutanasia consentì la soppressione di innumerevoli oppositori allo stalinismo e nel 1939 nella Germania nazista. Ora, nel simulacro della democrazia in cui crediamo di vivere, la televisione e i giornali provano a spacciarci per diritto quella che è un’oscena resa alla cultura della morte. Basta che le telecamere decidano di inquadrare un diverso versante del problema, come è accaduto con la BBC nel caso di Charlie, e la popolazione si risveglia attaccando i medici che vogliono massacrare i più deboli semplicemente per una ragione: curare chi sta male costa carissimo, eliminare i sofferenti genera colossali risparmi per i dissestati sistemi di welfare europei e nel caso svizzero lo si può anche trasformare in un rigoglioso business. I nazisti calcolavano in 3.50 Reichsmark di risparmio al giorno ogni singola soppressione di un disabile. Li uccidevano perché la loro cura era considerata un costo improduttivo. La logica delle attuali leggi sull’eutanasia è esattamente la stessa, solo l’impacchettamento mediatico dei provvedimenti di legge prova a costruire una narrazione diversa.

Carmen, la mamma di Dj Fabo, era assolutamente contraria all’eutanasia per il figlio, ha provato ad opporsi a quel suicidio in ogni modo. Oggi può solo chiedere una cerimonia in chiesa per piangere. L’ultimo baluardo contro questa oscena ordalia di morte è la famiglia: sono la mamma e il papà di Charlie, la mamma e il papà di Marwa, la mamma di Fabiano. Per questo è scatenato, contemporaneamente all’assalto ideologico sui temi della nascita e della morte, l’attacco alla famiglia anche qui mascherato. Si approvano leggi improntate allo slogan “tutto è famiglia”, per approdare al vero scopo di dissolvere i legami naturali, per arrivare al “niente è famiglia”. Il disvelamento di questa strategia complessiva porta alla lettura dell’azione di una logica di potere pericolosissima e manipolatrice dei destini delle persone. Questa logica vuole che i bambini con disabilità non vengano al mondo, che se proprio riescono a salvarsi dalla forca caudine dell’aborto di Stato vengano poi soppressi da magistrati impietosi, che in qualsiasi momento di sofferenza improduttiva sia esso causato da depressione o da malattia o da disabilità ci sia una modalità rapida di soppressione del sofferente e restino al mondo solo individui efficienti e produttivi, il più possibile slegati da relazioni di natura familiare, che devono essere artificiali e basati su transazioni commerciali, con uteri affittati e bambini venduti e comprati, tanto i magistrati l’hanno già stabilito con sentenza anche in Italia che il figlio è di chi se lo compra, non di chi lo genera.

Questo assurdo ballo in maschera in cui viene occultato ogni brandello di verità, davvero non somiglia al Male Assoluto, davvero non è nazismo? Lorsignori ci riflettano e ci facciano sapere. Noi, intanto, organizziamo la resistenza e la organizziamo a partire dalla famiglia. Perché lì con le vostre indicazioni di morte spacciate per libertà, davvero non si passa.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

08/03/2017
1809/2019
S. Giuseppe da Copertino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco ed il populismo

Non mi sento un uomo eccezionale sono un peccatore, un uomo che fa quello che può, “comune”. Sento che “non mi fanno giustizia con le aspettative”, “esagerano. “Non si dimentichi - precisa - che l’idealizzazione di una persona è una forma sottile di aggressione” e “quando mi idealizzano mi sento aggredito”.
Dal momento che sono stato eletto Papa non ho perso la pace. Capisco che a qualcuno non piaccia il mio modo di agire, ma lo giustifico, ci sono tanti modi di pensare, è legittimo ed è anche umano, è una ricchezza.

Leggi tutto

Storie

Ania e quella volta che si salvò dall’inferno

«La vita non mi ha risparmiata, fin da piccola», sono le parole di Ania Goledzinowska che si racconta. «La storia parte da una scena violenta, racconto della Polonia comunista, arrivo in Italia ingannando sulla mia vera età. Incontro polizia corrotta, aguzzini, finti amici… e se dapprima rubavo per mangiare sono arrivata ad avere un aereo privato. Ma la felicità era altro…»

Leggi tutto

Società

LA GRANDE IDEA STURZIANA DELLA LIBERTA’

Voglio riavvolgere il nastro e portarvi a quando tutto doveva ancora accadere, a quel congresso del febbraio 1989, a trent’anni fa. Ero al Palaeur, zeppo all’inverosimile, avevo 17 anni e aspettavo come tanti l’intervento di Mino Martinazzoli, il mio maestro politico che mi chiamò poi a essere il più giovane membro dell’assemblea costituente del nuovo Partito popolare italiano, di cui avrei guidato da presidente nazionale il movimento giovanile (e mi emoziona pensare che il 2 marzo nascerà a Roma prossimo il movimento giovanile del Popolo della Famiglia, grazie a Nicola Di Matteo). Su YouTube è comparso il video di quell’intervento di Martinazzoli e so di chiedere un lavoro impensabile ai tempi di internet, ma ascoltatevi i trenta minuti scarsi di discorso e guardate anche cosa succede nei quindici minuti successivi. Si tratta di un documento storico di impressionante rilevanza.

Leggi tutto

Società

La fatica del genitore

Il rapporto con i figli, il compito di educatore, la regola come strumento e mai come scopo

Leggi tutto

Storie

Intervista con la presidente di “Jamais sans Marwa”

Non è una faccenda di scontro di civiltà, l’accostamento di questi due innocenti tanto vicini eppure lontani ce lo ricorda. Anzi, Justine, la fondatrice e presidente dell’associazione “Jamais sans Marwa”, ci tiene a ribadirlo: «Per quanto riguarda la parte religiosa, durante questa battaglia abbiamo espressamente fatto in modo di tenercela nell’intimità: noi veniamo da ogni luogo e abbiamo ogni tipo di origine; è una battaglia umana, non di ingiustizia religiosa». Appunto con lei ci siamo intrattenuti per osservare da vicino “il piccolo principe” inglese e la “principessina” francese, riservandoci di commentare più avanti gli sviluppi giuridici del caso Gard per come si stanno snodando nelle udienze di Mr. Justice Nicholas Francis.

Leggi tutto

Società

Non legalizzate il suicidio, già seconda causa di morte tra i giovani

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano