Storie

di Lucia Scozzoli

Madri della Chiesa,  donne, madri nel deserto

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Non c’è niente di più noioso della solita lotta femminista dell’8 marzo: siamo inondati da una marea di bla bla bla in tv, nei giornali, in ogni trasmissione. Tutto si fa rivendicazione: dal colore dei vestiti, al mezzo di trasporto, dalla spesa al supermercato ai click sui post di facebook.

E ogni anno sempre uguale si ripete il rito trito dell’elogio del sesso debole che debole non è, il piagnisteo sui diritti negati, la lista delle donne che hanno subito violenza durante l’anno, letta corrugando la fronte con grande impegno e abbassando la voce, a sottolineare la gravità.

Potrei ricordare tutti gli uomini che parimenti sono stati vittime per le donne (tipo i morti sul lavoro, rimasti secchi per portare a casa la pagnotta e mantenere moglie e figli) o a causa delle donne (che anche loro sanno uccidere o assoldare per uccidere, per quanto succeda meno frequentemente), ma anche questo mi annoia tremendamente: c’è già chi si è lanciato nella guerra dei numeri, a gridar “siete più cattivi voi!”, “no, voi!”, non serve che mi ci metta pure io.

Io ringrazio solo mio marito, che santamente mi perdona la mia marcatissima femminilità: in 7 giorni ho strisciato con la macchina per ben due volte. Prima ho fatto retromarcia contro un paletto davanti ad una pattuglia di carabinieri (i quali si sono fatti due risate e si sono sforzati tantissimo di non darlo a vedere, per rispetto della mia dignità di pilota) e poi ho parcheggiato strisciando con tutta la fiancata il muso di una povera ed incolpevole auto in sosta.

Per il paletto, il giorno dopo ho telefonato alla banca proprietaria del piloncino antisfondamento che avevo piegato, autodenunciando le mie colpe: la persona all’altro capo del telefono, un uomo, è stato molto accondiscendente ed ha detto che il danno era trascurabile. Il suo tono era protettivo e paternalistico, più preoccupato della mia auto che del suo palo.

Per l’auto parcheggiata, ho lasciato un foglietto incastrato nella portiera con il mio numero di telefono, ma dopo pochi minuti ho visto arrivare il proprietario: un padre con figlioletta al seguito. Ha preso il foglietto, ha visionato il danno, ha fatto per telefonare. Allora mi sono avvicinata ed ho detto “sono io”. Lui mi ha guardato senza nessuna meraviglia, che era chiaramente una strisciata da donna imbranata ed io corrispondevo perfettamente al tipo. Mi ha sorriso, ha detto “fa niente”, ha strofinato un po’ il paraurti, ha sentenziato che con un po’ di pasta sarebbe tornata nuova. Mi sono scusata, ho ringraziato, e mi sono dileguata (anche se avrei voluto chiedere chiarimenti su questa magica pasta che toglie le strisciate, per vedere se posso cancellare anche il segno rimasto sulla mia fiancata prima che il marito se ne accorga).

Non ci pigliamo in giro: donne al volante pericolo costante (almeno per le carrozzerie) è un detto tristemente vero e quei due uomini, sono pronta a scommetterci, non sarebbero stati altrettanto benevoli se a causare il danno fosse stato un uomo. Diciamocelo: agli uomini scatta la galanteria di fronte ad una donna in difficoltà, rivalersi su una donna per un piccolo danno non è naturale, tanto più se lei sbatte gli occhioni e mostra tutte le sue femminili fragilità ammettendo le proprie colpe.

Poi io guido malissimo e parcheggio peggio: più di una volta mi è capitato di vedere uomini venire in mio soccorso per posteggiare l’auto, mai vista una donna darmi una mano. Saranno luoghi comuni, che ne so, però a me capita così.

Oppure in ufficio: siamo cinque donne e due uomini e naturalmente per le festività chi porta i cioccolatini per tutte? Se c’è un raccoglitore da prendere dallo scaffale alto, chi è che si offre per aprire la scala? Se finisce la carta nella stampante, chi è che va in magazzino a prendere una nuova scatola di risme da 10 chili? E dire che i nostri due esemplari maschili non brillano per simpatia o socialità, eppure quel minimo di dotazione di madre natura è sufficiente per far loro assumere comportamenti galanti.

Una volta per l’8 marzo ci arrivava sempre anche un mazzetto di mimose, ma da quando la festa della donna si è trasformata da celebrazione di una debole creatura piena di bellezza e fragilità a isterica e stizzita rivendicazione di mascolina uguaglianza agli uomini è passata la voglia di sottolineare la ricorrenza e così è davvero tanto che non ricevo più quei pallini gialli puzzolenti in regalo. E un po’ me ne dispiaccio, non certo per i fiori, che non sono i miei preferiti, ma per il gesto in sé: essere oggetto di attenzioni e cura da parte di un uomo in modo disinteressato è una cosa che mi rallegra dal profondo, mi rilassa e mi riempie di fiducia verso il mondo, mi fa sentire al sicuro. Sapere che, se scendo dalle scale del binario con una valigiona, e mi guardo intorno un po’ smarrita, prima o poi un uomo in soccorso mi arriva, è la mia assicurazione per il viaggio.

Ecco, spero che l’8 marzo passi in fretta, col suo carico di fiele, in modo che io possa tornare a farmi proteggere dagli uomini che incontro nella mia giornata senza particolari sensi di colpa da rivendicazione sessantottina. Sono debole, non sollevo più di dieci chili, guido male, non so parcheggiare, adoro il catalogo ikea e le scarpe. Sono una donna qualunque. E vado d’accordissimo con gli uomini.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

08/03/2017
1907/2019
Sant'Arsenio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Perchè una festa per il nostro quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

C’era bisogno di fare una festa? Sì. Domenica 20 Novembre 2016 a Bologna si terrà la prima Festa Nazionale de “La Croce” quotidiano. Dopo oltre 400 numeri usciti a partire da quel 13 Gennaio 2015 c’era bisogno di fare una festa. Non una auto-celebrazione. Tutt’altro. La si pensi come si vuole, ma un dato appare evidente a chi ha un minimo di obiettiva lucidità e onesta intellettuale: l’iniziativa editoriale di Mario Adinolfi non è (solo) un quotidiano, ma qualcosa di più. “La Croce” è uno strumento per le coscienze che non si arrendono ad ingurgitare le notizie che i media ci propinano ogni giorno. “La Croce” ha generato donne e uomini che si sono cimentati per la prima volta nella scrittura, ha generato circoli di resistenza e infine il Popolo Della Famiglia. Senza pretendere di avere sempre in tasca la verità, fedele alla tradizione cattolica usando appieno la ragione critica, con la consapevolezza che allora come oggi fosse necessario battersi per una visione dell’umano che non fosse ridotto a prodotto e ad individuo senza relazioni. Controcorrente, a volte ruvida, colta e popolare, ma mai banale e scontata. E allora la Festa di Bologna sarà la Festa di tanti resistenti: un’iniziativa aperta a tutti, che intende riunire i lettori, gli scrittori de ‘La Croce Quotidiano’, i militanti e i dirigenti del Popolo della Famiglia provenienti da tutta Italia. Sarà un momento di confronto sui temi e le battaglie che alimentano ‘La Croce Quotidiano’ e che caratterizzano il “Popolo della Famiglia tutti i giorni”. Luogo e data non sono stati scelti per caso. Bologna, città rossa e simbolo del laicismo imperante: il cuore dell’annientamento sistematico di una visione antropologica dell’uomo. Il 20 Novembre.

Leggi tutto

Storie

8 Marzo: ecco la vera storia!

Mentre davvero in molte parti del mondo (e anche in Occidente) le donne si vedono negati diritti essenziali del loro essere (primo fra tutti quello a non essere declassate se hanno figli e li educano in via esclusiva), qualche figlia di papà gioca a fare l’amazzone mentre ancora è qualcuno grazie a suo padre.

Leggi tutto

Società

«L’epoca dell’aborto sta passando». Intervista esclusiva con Thérèse Hargot

Esce dopodomani nelle librerie il pamphlet della sessuologa belga che sta infiammando la Francia. L’autrice si è intrattenuta in un’intervista col traduttore italiano

Leggi tutto

Storie

Le donne africane non hanno bisogno di aborto

Una giovane nigeriana crea un’organizzazione prolife per opporsi alla “Bill & Melinda Gates Foundation” nei suoi intenti “filantropici” (ossia di controllo delle nascite – dei poveri del mondo). Lo scopo di Culture of Life Africa è dissuadere i “filantropi” dai loro propositi. La lettera di Obianuju a Melinda Gates è un testo di magistero della vita e di resistenza al pensiero unico.

Leggi tutto

Chiesa

Messori ci richiama al cristianesimo primario

Se ne sente davvero il bisogno in un tempo in cui, per usare la formula più che trentennale del filosofo svizzero Romano Amerio, dilaga il «cristianesimo secondario». Con questa espressione Amerio voleva indicare quel cristianesimo preoccupato più che altro di produrre opere terrene, tutto assorbito dall’impegno sociale e dall’edificazione della città dell’uomo. In buona sostanza, Amerio se la prendeva con quel cristianesimo “engagé” che sembra prefiggersi, come prima e unica preoccupazione, quella di perfezionare la natura umana lasciando da parte la trascurabile questione della salvezza eterna.

Leggi tutto

Storie

Lettera alla ragazza che ha contestato la Hargot a Tor Vergata

Condividiamo la stessa visione filosofica relativa all’idea di persona: per la Chiesa la fede e la ragione sono due ali con cui l’intelletto si eleva verso la verità. Questo è il lato interessante per i cattolici del mio lavoro, che condividendo da laica il realismo del magistero cattolico dimostro proprio la ragionevolezza della fede.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano