Storie

di Giovanni Marcotullio

Lettera alla ragazza che ha contestato la Hargot a Tor Vergata

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

E’ cominciato il tour di Thérèse Hargot in Italia, come chi bazzica questo sito ormai sa (fin troppo bene): siamo stati a Tor Vergata, alla Feltrinelli di Largo Argentina e a Villa Sora, dei Padri Salesiani di Frascati. Per essere più precisi, in questi posti ci siamo stati “noi”: grazie agli scioperi con cui hanno deciso di festeggiare l’8 marzo, tra le donne private dei loro diritti c’è stata anche la stessa Hargot, che non è riuscita a prendere un aereo utile in mattinata. Quando le cose sono ben fatte, però, niente è perduto. Così se da un lato il fotografo che era arrivato nell’auditorium Ennio Morricone per immortalare la transalpina biondità di una belga effervescente si è trovato davanti solo me… dall’altro ho avuto la gioia di vedersi muovere idee. Così rumorosamente che qualcuno ne ha avvertito comprensibile fastidio. Una ragazza, in particolare, ha chiesto la parola alla fine dell’incontro e si è prodotta in un intervento che tirava in ballo insieme il crollo demografico italiano e il “diritto alla felicità”, il tutto per esaltare le unioni omosessuali: «Trovo scandaloso che la autrice si permetta di esprimersi in questo modo sugli omosessuali», avrebbe riferito a un mio amico che l’avrebbe interpellata di lì a qualche minuto (ripenso al capitolo del libro sull’omosessualità e mi meraviglio di come possa essere considerato scandaloso un testo tanto moderato, delicato e ragionevole…). L’intervento è stato accolto da un applauso scrosciante, manco a dirlo. E qua e là, dal tavolo dei relatori, intravedevo ragazzi che si guardavano con occhiate inequivocabili: «Ma da dove vengono questi? “Metodi naturali”? E che sono?».17097430_10155023810357383_4291668807195273253_o.jpg Captavo pure i segnali di un’attenzione partecipe che mi ripagavano anche della corsa lungo il raccordo, degli imbottigliamenti sulla bretella per Fiumicino, delle orribili strade sfondate di Tor Vergata. Uno di quegli sguardi proveniva da una ragazza, che nel pomeriggio mi ha ritrovato su Facebook e mi ha scritto dicendo: «Quella domanda posta alla fine meritava una risposta un po’ più generosa». Era vero, l’avevo pensato anche io. E già diversi amici me l’avevano detto. Le ho chiesto cosa avrebbe risposto lei e la sua risposta mi è piaciuta. Così le ho chiesto di stenderla tutta per intero in forma di lettera alla sconosciuta pasionaria e ho il piacere di proporla qui di seguito. Cara ragazza che stamattina hai preso parola a Tor Vergata al convegno sul libro della Hargot. Sono contenta che tu ci fossi. C’ero anche io. E mi sarebbe piaciuto che ci fosse stato più tempo per rispondere al tuo intervento. Probabilmente se ci fosse stata la possibilità di rispondere non avrei preso parola, ma tornando a casa le tue parole mi hanno interrogata e ti ringrazio. Hai iniziato il tuo intervento dicendo: «Se come avete detto esiste il diritto alla felicità…» e su questo vorrei concentrarmi. Mi sono domandata: esiste il diritto alla felicità inteso come diritto inviolabile garantito dalla Costituzione, alla pari, ad esempio, del diritto alla vita, all’integrità personale, alla libertà di pensiero? Può essere lo Stato garante del mio diritto alla felicità? La felicità non è un diritto inviolabile costituzionalmente inteso. Lo Stato si fa sì garante di diritti che possono portare alla felicità ma non può garantire la felicità in sé. Ma che cos’è la felicità? Quando posso dire di essere felice? Credo che nessuno di noi possa dare una definizione di felicità che sia valevole per tutti e in ogni circostanza, si tratterebbe infatti di inquadrare in un’enunciazione oggettiva sentimenti e stati d’animo del tutto soggettivi. Per spiegarmi meglio, basta a tutti un bicchiere di vino con un panino per essere felici? Credo proprio di no. E per me che cos’è la felicità? La felicità è il sorriso di un bambino, è la famiglia riunita nelle feste di Natale, è l’amore corrisposto, è il successo come traguardo raggiunto dopo tanti sforzi. Anche se riflettendoci bene tutto questo può essere transitorio. Ciò che invece non lo è, è l’incontro con la Verità, con una Persona che come noi ha fatto sì i conti con la quotidianità, con il dolore, con la morte ma che non ha dato a questi l’ultima parola, un incontro che segnando la mia vita mi ha fatto gustare la felicità nella consapevolezza di essere amata nonostante i miei tradimenti e le mie mancanze, nonostante le mie debolezze e i miei inciampi; Lui sì che è garante della mia felicità. Forse a te, cara amica, di questo non interessa molto, ma credo sia alla base del resto del tuo intervento. Hai parlato infatti dell’impossibilità di creare una famiglia in una società che non permette ai giovani un lavoro gratificante e uno stipendio sicuro. Inoltre, non si hanno politiche a favore della famiglia e della donna come madre. Se guardiamo tutto questo facilmente avremo la reazione che hai avuto tu, di rabbia e di sconforto nei confronti di una società che ci chiede spesso di accontentarci e di scendere a compromessi per ottenere ciò per cui invece sudiamo e lottiamo con lo studio, con l’impegno e con la dedizione. Forse è vero ciò che si diceva oggi e cioè che dal femminismo non abbiamo ottenuto abbastanza, non l’essenziale che ci rende Donne. È stato legiferato a favore del divorzio, dell’aborto, siamo volute diventare uguali agli uomini in tutto e per tutto, ma siamo sicure che sia questo a renderci felici? Io credo di no. Credo che nel profondo siamo tutte alla ricerca della vera felicità, di una fonte di acqua viva che ci permetta di essere vere donne e che ci insegni a vivere la nostra vocazione di accoglienza e di servizio. Ti ringrazio ancora perché con le tue parole mi hai dato la possibilità di interrogarmi. Spero come giovane donna di avere la tenacia e la fermezza di non piegare la mia natura a ciò che la società mi impone, consapevole che questa forza non viene solo da me. Maria Pilar Cappelli La trovo molto bella. E profonda. Mi conferma in quello che dicevo prima: sì, c’era proprio bisogno di pubblicare in Italia il libro di Thérèse. Non tanto perché dica cose che nessun altro dice (magari comunque le comunica con un’efficacia che dovrebbe far riflettere tutti…), quanto perché riesce a riaprire dibattiti che parevano blindati. E vengono fuori le domande inespresse, che pure a modo loro esigono risposte. Sarebbe bello se ogni tappa di questo tour, che domani ci porta ad Arezzo, riuscisse a raccogliere una lettera così, in una sorta di testimonianza del bisogno d’amore che c’è.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

10/03/2017
1807/2019
Sant'Arnolfo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

L’uomo vero non stupra

In Italia lo 0.95% delle donne da 18 a 74 anni ha subito uno stupro da parte di un estraneo nella sua vita. In Francia la percentuale è del 2.3%, in Inghilterra del 2% e in Svezia del 3.3%, ma ciò non significa, ahimé, che siamo meno a rischio, ma piuttosto che le donne italiane non denunciano le violenze, se non quando le condizioni fisiche in cui le aggressioni le hanno ridotte lo rendono strettamente necessario. La vergogna è il tratto distintivo dello stupro, lo stigma che inspiegabilmente lascia sulla vittima, che comincia a domandarsi se in qualche modo ha colpa di ciò che ha subito, con gli abiti, i gesti, le parole.

Leggi tutto

Media

Occorre una guerra senza conformismo al porno

Compulsata con incredibile disinvoltura da questi “nativi digitali”, internet è innegabilmente la loro fonte d’informazione primaria. Niente di cui stupirsi, quindi, che un bambino di dieci anni faccia notare che, se le domande persistono, c’è uno strumento apposito. Quanto alla summenzionata piattaforma d’informazione, essa raggruppa centinaia di migliaia di video a carattere pornografico. Mettiamo le cose in chiaro: non si tratta affatto delle pagine di lingerie dei cataloghi da donna per corrispondenza, che all’epoca titillavano alcuni. Non si tratta neppure dei film erotici “peace and love” degli anni Settanta. La pornografia raccomandata da questo bambino consiste in una serie di primissimi piani sugli organi genitali e sulle zone erogene. Bando a ogni trama, attori o amatori non sono che ammassi di carne che si accroccano secondo fantasmi senza dubbio curiosi, di primo acchito, ma in sostanza estremamente codificati e stereotipati. Questa volontà di mostrare tutto rivela l’aspetto meccanico della cosa, che riassume la sessualità in una prodezza tecnica, nella quale bisognerebbe essere performanti per realizzarsi nel godimento.

Leggi tutto

Storie

8 Marzo: ecco la vera storia!

Mentre davvero in molte parti del mondo (e anche in Occidente) le donne si vedono negati diritti essenziali del loro essere (primo fra tutti quello a non essere declassate se hanno figli e li educano in via esclusiva), qualche figlia di papà gioca a fare l’amazzone mentre ancora è qualcuno grazie a suo padre.

Leggi tutto

Storie

Le donne africane non hanno bisogno di aborto

Una giovane nigeriana crea un’organizzazione prolife per opporsi alla “Bill & Melinda Gates Foundation” nei suoi intenti “filantropici” (ossia di controllo delle nascite – dei poveri del mondo). Lo scopo di Culture of Life Africa è dissuadere i “filantropi” dai loro propositi. La lettera di Obianuju a Melinda Gates è un testo di magistero della vita e di resistenza al pensiero unico.

Leggi tutto

Società

Cani contro bimbi 3-2

Le statistiche mostrano che gli adulti disposti a impegnarsi nel compito di crescere dei bambini sono meno di quelli con animali.

Leggi tutto

Società

Essere madre oggi

Essere madre non è né un desiderio (o almeno non solo) e – tantomeno - un dovere: è un dono che sta inscritto nel dna della natura della donna. L’uomo per sua natura non può avere una gravidanza nemmeno se lo desiderasse come la cosa più importante al mondo. Prova ne è che nell’atto sessuale l’apporto dell’uomo è tecnicamente genetico: niente di più. E io tra l’apporto genetico e quello relazionale do più importanza al secondo. Del resto, in un certo senso il maschio è sempre escluso dalla nascita di un figlio. Se è il marito, gli viene automaticamente attribuita la paternità, ma a meno che non ricorra all’esame del Dna, non può averne alcuna certezza. Le coppie di maschi omosessuali potrebbero adottare uno o più bambini, oppure crescere il figlio o i figli che uno dei partner potrebbe aver avuto da un precedente legame con una donna. E questo è naturale? Questo tiene conto di tutti i fattori in gioco, del bene di tutti i fattori in gioco (a partire dal bambino, cioè da colui che non può pretendere perché senza voce)? È una falsa parità quella che si vuole stabilire tra uomini e donne quando si affronta la nascita di un figlio. Così come è un alibi e una menzogna quello di sostenere che “l’egoismo vero non è tanto interrompere una gravidanza ma mettere al mondo dei bambini senza avere la possibilità di poterlo fare per questioni economiche”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano