Politica

di Mario Adinolfi

Vadecum per il voto amministrativo delle liste PDF

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Sta tornando la stagione elettorale e il Popolo della Famiglia sta lavorando alla costruzione delle liste per le amministrative 2017 che si terranno con ogni probabilità il prossimo 11 giugno. I comuni in cui la presenza del Pdf è già consolidata e prepara la sfida con le urne sono Verona, Monza, Alessandria, Asti, Genova, Borgomanero, Riolo, Parma, Piacenza, Civitanova Marche, Padova, Conegliano Veneto e Riccione. Si aggiungono alla prova elettorale già sostenuta con successo a Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Salerno, Rimini, Novara, Cagliari, Assisi, Villorba, Varese, Bolzano, Cordenons, San Benedetto del Tronto e Crotone. Cosa significano questi elenchi? Che il Popolo della Famiglia è organizzativamente e politicamente costituito praticamente in ogni angolo d’Italia, anche se molto ancora occorre fare e molto faremo, in particolare al Meridione con l’obiettivo già a questa tornata di aver coperto tutte le regioni e moltissime province in cui si vota.
Per il Popolo della Famiglia, che è un movimento politico, la prova del nove è quella con le urne. A chi ci dice che siamo quattro gatti ricordiamo i risultati delle amministrative 2016, in cui già decine di migliaia di persone scelsero di mettere la croce sul nostro simbolo sostenendo i nostri candidati sindaco, con questi risultati nelle principali città:

Mario Adinolfi (Roma) 7.992 voti
Nicolò Mardegan (Milano) 6.018
Mirko De Carli (Bologna) 2.076
Vitantonio Colucci (Torino) 2.032
Luigi Mercogliano (Napoli) 1.489
Raffaele Adinolfi (Salerno) 1.304
Ada Addolorata Di Campi (Rimini) 1.044
Gian Carlo Paracchini (Novara) 977
Alberto Agus (Cagliari) 945
Claudio Iacono (Assisi) 254

Damiano Cattarin (Villorba) 153
In coalizione abbiamo votato ad aprile 2016 per Giorgio Holzmann a Bolzano (1.874 voti), poi il 5 giugno 2016 per Paolo Orrigoni a Varese (16.374 voti al sindaco, 634 alla lista Pdf), Pasqualino Piunti a San Benedetto del Tronto (6.343 voti al sindaco, 149 alla lista Pdf), Ottavio Tesoriere a Crotone (1.098 voti al sindaco, 64 alla lista Pdf), Andrea Delle Vedove a Cordenons (272 voti alla lista, 2.853 voti al sindaco). Complessivamente ai sindaci indicati dal Pdf sono stati assegnati dunque oltre 50mila voti. I risultati di lista dicono: Cordenons 3.32%, Novara 2.16%, Varese 1.92%, Villorba 1.79%, Salerno 1.72%, Rimini 1.58%, Assisi 1.49%, Bologna 1.23%, Milano 1.15, Cagliari 1.15%, San Benedetto del Tronto 0.84%, Roma 0.62%, Torino 0.55%, Napoli 0.37%, Crotone 0.24%. La media nazionale relativa ai voti validamente espressi nelle città in cui eravamo presenti alle elezioni amministrative del 2016 è stata dell’1.07%.
L’obiettivo politico dichiarato del Popolo della Famiglia è più che raddoppiare il risultato delle amministrative 2016 in questa tornata 2017. Con un risultato attorno al 2.5% nelle città importanti in cui i cittadini potranno scegliere i candidati sindaco proposti del Pdf, il traguardo del 3% nazionale necessario ad entrare in Parlamento sarà più che a portata di mano. Costruire una lista del Popolo della Famiglia è semplice e consente di allenare i meccanismi organizzativi in vista delle politiche. Basta individuare un candidato sindaco che guiderà le operazioni organizzative che devono essere militari, senza sbavature, e un gruppo di candidati che accetteranno di rappresentare il Popolo della Famiglia come aspiranti consiglieri comunali nella contesa. Una volta individuato candidato sindaco e lista dei candidati consiglieri del Pdf (che possono anche non essere residenti nel comune in cui si vota) occorre su appositi moduli raccogliere le firma autenticate di cittadini residenti nel comune in un numero sufficiente a consentire la presentazione della lista (da alcune decine a alcune centinaia di firme, a seconda della popolosità del comune). Il sostegno organizzativo è garantito del coordinamento nazionale del Pdf nella persona di Nicola Di Matteo [email protected] a cui ci si può rivolgere per ogni richiesta di natura tecnica. E’ fondamentale in questa fase che il Popolo della Famiglia sia presente in più comuni possibili dove si vota, per far sentire forte e chiara la voce dei difensori della famiglia naturale e dei principi non negoziabili.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

17/03/2017
1509/2019
Beata Vergine Maria Addolorata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

IL PASSO DECISIVO DEL TEATRO ELISEO

Il Popolo della Famiglia, senza essere un soggetto politico confessionale ma davvero aperto al contributo di tutte le persone di ogni fede e di buona volontà, dice basta alla stagione della delega ad altri e si presenterà a tutti gli appuntamenti elettorali prossimi venturi chiedendo il consenso sul proprio simbolo quale soggetto politico autonomo, con le radici affondate nelle ragioni della grande mobilitazione popolare del Family Day, tradita dai politici dei partiti tradizionali che pure dicevano di volerne rappresentare le istanze. Preso atto del tradimento, la risposta è la nascita e la diffusione sempre più massiccia su tutto il territorio nazionale del Popolo della Famiglia, che dal teatro Eliseo esce con una missione da compiere: raggiungere il milione di voti che darebbero rappresentanza parlamentare in tutti e due i rami del Parlamento al Pdf, oltre che in Comuni e Regioni. L’obiettivo è andare al governo del Paese. Come ha detto sempre Amato, in prospettiva essere una forza non del 3% ma del 30% ed oltre. Il passo decisivo, il primo passo, è stato avviato al teatro Eliseo di Roma. Chi c’era ha sentito soffiare un vento che faceva capire di essere presenti ad un avvenimento di portata storica.

Leggi tutto

Media

Franco Di Mare offende i cattolici polacchi a spese pubbliche

Tra i tanti denigratori degli innumerevoli polacchi che hanno voluto pacificamente circondare la loro nazione con la loro preghiera abbiamo dovuto
annoverare anche il popolare conduttore di UnoMattina, che si è prodotto in lunghissimi minuti di propaganda di regime laicista e radical chic

Leggi tutto

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Chiesa

A 25 anni dal primo duro anatema alla mafia

Oggi la Chiesa agrigentina fa memoria del giubileo dalla visita di San Giovanni Paolo II. Arrivò e rimase nella Valle dei Templi l’8 e il 9 maggio 1993. Tutti ricordano monsignor Marini che tradisce una tensione stellare, alle spalle del roccioso pontefice slavo: oggi tutti i vescovi siciliani si ritroveranno alle 18:00 per una celebrazione eucaristica al Tempio della Concordia.

Leggi tutto

Media

In risposta ad un direttore del web

Il direttore di questo quotidiano è stato strumentalizzato (una volta di più) per una polemica acchiappaclic a mezzo di “character assassination”: il direttore di The Post Internazionale si è scusato per l’episodio, che però risulta eloquente nell’esprimere la crisi dell’informazione digitale. O il culto per la verità torna ad essere il sistema immunitario dei media o le fake news li strozzeranno tutti.

Leggi tutto

Politica

Dieci obiezioni confutate sul Popolo della Famiglia

Gianfranco Amato ribatte alle obiezioni giunte da più parti sulla decisione del Popolo della Famiglia di competere alle prossime elezioni amministrative

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano