Politica

di Mario Adinolfi

Vadecum per il voto amministrativo delle liste PDF

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Sta tornando la stagione elettorale e il Popolo della Famiglia sta lavorando alla costruzione delle liste per le amministrative 2017 che si terranno con ogni probabilità il prossimo 11 giugno. I comuni in cui la presenza del Pdf è già consolidata e prepara la sfida con le urne sono Verona, Monza, Alessandria, Asti, Genova, Borgomanero, Riolo, Parma, Piacenza, Civitanova Marche, Padova, Conegliano Veneto e Riccione. Si aggiungono alla prova elettorale già sostenuta con successo a Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Salerno, Rimini, Novara, Cagliari, Assisi, Villorba, Varese, Bolzano, Cordenons, San Benedetto del Tronto e Crotone. Cosa significano questi elenchi? Che il Popolo della Famiglia è organizzativamente e politicamente costituito praticamente in ogni angolo d’Italia, anche se molto ancora occorre fare e molto faremo, in particolare al Meridione con l’obiettivo già a questa tornata di aver coperto tutte le regioni e moltissime province in cui si vota.
Per il Popolo della Famiglia, che è un movimento politico, la prova del nove è quella con le urne. A chi ci dice che siamo quattro gatti ricordiamo i risultati delle amministrative 2016, in cui già decine di migliaia di persone scelsero di mettere la croce sul nostro simbolo sostenendo i nostri candidati sindaco, con questi risultati nelle principali città:

Mario Adinolfi (Roma) 7.992 voti
Nicolò Mardegan (Milano) 6.018
Mirko De Carli (Bologna) 2.076
Vitantonio Colucci (Torino) 2.032
Luigi Mercogliano (Napoli) 1.489
Raffaele Adinolfi (Salerno) 1.304
Ada Addolorata Di Campi (Rimini) 1.044
Gian Carlo Paracchini (Novara) 977
Alberto Agus (Cagliari) 945
Claudio Iacono (Assisi) 254

Damiano Cattarin (Villorba) 153
In coalizione abbiamo votato ad aprile 2016 per Giorgio Holzmann a Bolzano (1.874 voti), poi il 5 giugno 2016 per Paolo Orrigoni a Varese (16.374 voti al sindaco, 634 alla lista Pdf), Pasqualino Piunti a San Benedetto del Tronto (6.343 voti al sindaco, 149 alla lista Pdf), Ottavio Tesoriere a Crotone (1.098 voti al sindaco, 64 alla lista Pdf), Andrea Delle Vedove a Cordenons (272 voti alla lista, 2.853 voti al sindaco). Complessivamente ai sindaci indicati dal Pdf sono stati assegnati dunque oltre 50mila voti. I risultati di lista dicono: Cordenons 3.32%, Novara 2.16%, Varese 1.92%, Villorba 1.79%, Salerno 1.72%, Rimini 1.58%, Assisi 1.49%, Bologna 1.23%, Milano 1.15, Cagliari 1.15%, San Benedetto del Tronto 0.84%, Roma 0.62%, Torino 0.55%, Napoli 0.37%, Crotone 0.24%. La media nazionale relativa ai voti validamente espressi nelle città in cui eravamo presenti alle elezioni amministrative del 2016 è stata dell’1.07%.
L’obiettivo politico dichiarato del Popolo della Famiglia è più che raddoppiare il risultato delle amministrative 2016 in questa tornata 2017. Con un risultato attorno al 2.5% nelle città importanti in cui i cittadini potranno scegliere i candidati sindaco proposti del Pdf, il traguardo del 3% nazionale necessario ad entrare in Parlamento sarà più che a portata di mano. Costruire una lista del Popolo della Famiglia è semplice e consente di allenare i meccanismi organizzativi in vista delle politiche. Basta individuare un candidato sindaco che guiderà le operazioni organizzative che devono essere militari, senza sbavature, e un gruppo di candidati che accetteranno di rappresentare il Popolo della Famiglia come aspiranti consiglieri comunali nella contesa. Una volta individuato candidato sindaco e lista dei candidati consiglieri del Pdf (che possono anche non essere residenti nel comune in cui si vota) occorre su appositi moduli raccogliere le firma autenticate di cittadini residenti nel comune in un numero sufficiente a consentire la presentazione della lista (da alcune decine a alcune centinaia di firme, a seconda della popolosità del comune). Il sostegno organizzativo è garantito del coordinamento nazionale del Pdf nella persona di Nicola Di Matteo [email protected] a cui ci si può rivolgere per ogni richiesta di natura tecnica. E’ fondamentale in questa fase che il Popolo della Famiglia sia presente in più comuni possibili dove si vota, per far sentire forte e chiara la voce dei difensori della famiglia naturale e dei principi non negoziabili.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

17/03/2017
0904/2020
Santa Maria di Cleofa

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Italia ha bisogno dei cattolici

Nasce il Popolo della Famiglia, soggetto politico che si presenterà alle elezioni amministrative di primavera per rappresentare le istanze emerse dal Family Day e tradite dai parlamentari cattolici

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

Società

Scialpi divorzia dal suo finto marito

Si parla spesso delle tragedie che degenerano in farse – e in questo cliché Giovanni Scialpi si è prodotto più volte (l’ultima durante il ricovero) – ma stavolta è la farsa che tenta l’impennata drammatica: il teatrino è finito, ilm“marito” non è più tale (non lo era mai stato) e il bacio del vero amore non regge

Leggi tutto

Società

Emergenza sessista

Non si comprende cosa ci potrebbero guadagnare le donne dall’essere trattate come uomini: il corpo stesso si ribella, la maggiore debolezza fisica e anche emotiva farebbe di noi delle perdenti in un mondo che non tiene conto delle nostre peculiarità.

Leggi tutto

Società

La morte vince sulla giustizia?

Il processo a Marco Cappato si sta rivelando per la passerella di radicali che a suo tempo annunciammo. Fummo facili profeti: ieri il PM Tiziana Siciliano ha chiesto l’assoluzione per Marco Cappato, addirittura arrivando a dire che «oggi lo Stato è Marco Cappato», e torcendo nella sua arringa le parole di Primo Levi e di Thomas More. L’alternativa è rivedere direttamente l’art. 580.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Jean-Claude Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo, nuovo presidente della Comece

Monsignor Hollerich è un gesuita. Nel 1981 è entrato nella Compagnia di Gesù e ha seguito la formazione dei gesuiti della Provincia del Belgio meridionale e del Lussemburgo. Dopo il noviziato a Namur e due anni di tirocinio pastorale in Lussemburgo dal 1983 al 1985 come insegnante al liceo francese di Vauban, è partito per il Giappone dove ha fatto gli studi di lingua e cultura giapponese e ha ripreso lo studio della teologia all’Università Sophia di Tokyo dal 1985 al 1989. Ha terminato gli studi teologici a Francoforte sul Meno con la licenza. Il 21 aprile 1990 è stato ordinato presbitero per la Compagnia di Gesù. Ha passato lunghi anni in Giappone dove dal 1994 ha insegnato all’Università Sophia di Tokyo e dal 1999 è stato cappellano degli studenti della medesima Università. Il 18 ottobre 2002 ha emesso i voti perpetui nella chiesa di Sant’Ignazio a Tokyo. Inoltre, dal 2008 è stato rettore della comunità dei Gesuiti all’Università Sophia di Tokyo e vice-rettore del medesimo ateneo per gli affari generali e studenteschi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano