Storie

di Filippo Fiani

De Mari e l’inchiesta non inchiesta

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

“Non sono sotto inchiesta, ma questa falsa notizia diffusa dal Corsera è stata una fortuna. Ha ancora di più rilanciato quello che sto dicendo [...]”.

Con queste parole Silvana De Mari ha fatto sapere a tutti i suoi lettori, ammiratori, ma anche ai suoi detrattori, che non ha alcuna intenzione di mollare il colpo.

Quella che dalle colonne del Corriere della Sera è rimbombata come una sentenza, per la dottoressa, che parla in veste di medico, preoccupato della salute pubblica, non è altro che uno sprone ad insistere con maggiore determinazione per la sua strada.

Una strada che mentre la vede andare a riscoprire testi accademici di medicina tuttora validi e inconfutabili, per contrappasso vede boicottare e cercare di relegare alla censura ideologica i suoi bellissimi romanzi fantasy.

Dopo aver ricevuto numerosi premi letterari e ed essere entrata a pieno titolo tra i più grandi scrittori italiani, apprezzata anche all’estero, adesso c’è il rischio che le lobby LGBT, le stesse che hanno avanzato la richiesta di incriminazione per razzismo e intolleranza, dichiarino intollerabili i suoi testi, scritti per bambini.

Fin qui non ci sarebbe alcun problema, abbiamo visto che in realtà i loro boicottaggi fanno moltissimo rumore, vedono qualche ufficio marketing piegarsi alle loro assurde e frivole richieste, danno loro lo zuccherino come si fa con i bambini piccoli che fanno le bizze, ma non si ha notizia di aziende fallite per “assenza di clientela LGBT”.

Il problema è quando, come racconta anche Costanza Miriano sui social, a dar retta alle dicerie ed alle loro assurde richieste, cadono alcuni indegni titolari di librerie che dichiarano di non tenere “quella roba”.

I roghi di libri li abbiamo già visti, non c’è bisogno di aggiungere altro, ma sappiamo anche che i libri se la cavano sempre, che riescono a superare i tempi bui e a rispuntare come fiori i cui semi hanno tenuto duro, sotto la neve, per tutto l’inverno.

Se però vogliamo che la primavera arrivi presto, questa volta, cerchiamo di seminare molto. Come amico di Silvana e suo appassionato lettore, mi sento di dire che i nostri figli non si meritano di perdere il dono prezioso della sua fantasia, per questo oltre a completare la mia collezione di suoi libri, ne comprerò uno ogni volta che dovrò fare un regalo, lascerò recensioni positive ovunque sarà possibile lasciarle e tramite le associazioni culturali con le quali sono in contatto promuoverò iniziative che portino i suoi libri nelle classi.

Ma state tranquilli, io la conosco bene, qualsiasi cosa gli accada, la sua “pellaccia” è stata indurita in Africa ed è proprio il caso di dire che Silvana non ha assolutamente alcuna intenzione di fare il medico pietoso che lascia diventare la piaga puzzolente.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

18/03/2017
0406/2020
San Francesco Caracciolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La dittatura del pensiero unico

Credo che il giudizio più interessante sul punto l’abbia dato Padre Robert McTeigue, SJ, un gesuita vero, un autentico figlio ignaziano della Compagnia di Gesù del Maryland, rinomato docente di Filosofia e Teologia a livello mondiale, e noto per le sue lezioni di Retorica ed Etica Medica. Padre Robert si è posto questa domanda retorica: «Come potrebbe essere giusto “porgere l’altra guancia” con passiva indifferenza, quando il sacrilego è scambiato per sacro? Quando la verità lascia il posto alla menzogna? Quando la perversione è scambiata per purezza? Quando l’abominio è scambiato per bellezza? Quando l’intrattenimento è scambiato per adorazione? Quando al posto della sacra tradizione vengono introdotte innovazioni? Quando invece della carità del cuore viene imposta la mano pesante dello Stato? (…) Siamo chiamati all’indifferenza passiva quando la civiltà occidentale, la culla della nostra fede e della ragione, è sotto attacco da nemici secolari, settari e spirituali? Siamo chiamati alla muta arrendevolezza quando viene aggredito l’onore della Sposa di Cristo, la Chiesa?».

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

Società

Utero in affitto: un’ostetrica scrive in lettera aperta a Roberto Saviano

«Avere un figlio è un piacere [sic!] che nessuno può vedersi negato»? Una professionista dell’accompagnamento alla genitorialità risponde al filosofo.

Leggi tutto

Società

I bambini sono grumi di cellule

.....questo discredito complessivo nei confronti di chi, con dolcezza e infinito tempo, porge orecchio e cuore a chi soffre o a chi si trova a dover scegliere che strada intraprendere, è assurdo e del tutto scorretto dal punto di vista dell’onestà intellettuale che ognuno di noi dovrebbe utilizzare quando si tratta di argomenti così delicati. E cosa significa, poi, affermare che coloro che soffrono sono state assistite male e sicuramente giudicate da chi possiede tabù socio-religiosi? Significa che tutte le donne che non soffrono hanno trovato chi ha detto loro che fanno bene a non soffrire, il che non è assistenza a un soggetto, ma è meramente un avvalorare un concetto aberrante: «Tu non sei capace di affrontare questo problema (la gravidanza), per cui ti aiutiamo noi che siamo molto più bravi», è un’accondiscendenza paternalistica, oserei dire patriarcale. Sì, uso questo termine chiave perché sono molte le donne femministe che oggi lo affermano chiaramente: aiutare la donna ad abortire, quand’ella lo farebbe solo per paura, è patriarcale. Assumersi l’onore di essere le salvatrici della donna, garantendo che solo grazie al loro intervento la donna risolverà tutti i problemi, è patriarcale. Regalare la pillola del giorno dopo a una minorenne di nascosto ai genitori, è patriarcale. Proprio ciò che la dottoressa XXX e le sue seguaci affermano di contrastare.

Leggi tutto

Storie

Psicologi, l’ordine totalitario

Due giorni fa l’Ordine degli Psicologi del Lazio ha pubblicato sul proprio portale un giusto articolo di condanna dell’utero in affitto. Benché banale, la cosa fa notizia, dal momento che l’Ordine professionale nazionale (e in particolare quello laziale) si segnala invece spesso per impostazione ideologica che sconfina nella lesione della libertà di coscienza dei membri. Altro che inquisizione

Leggi tutto

Politica

NON È UN CASO, È IDEOLOGIA

Non è un caso che il ministro Azzolina stia deliberatamente agendo per escludere le scuole paritarie (in maggioranza cattoliche) dal sostegno che viene riconosciuto invece a qualsiasi altro settore in difficoltà e per questo la metà delle scuole cattoliche a settembre non riaprirà. Non è un caso che una circolare del ministero dell’Interno per giorni abbia obbligato i cattolici italiani a non poter entrare in una chiesa (da singoli, per dire una preghiera magari per un caro defunto) sé quella chiesa non si trovava “sul tragitto” verso un’altra attività considerata essenziale, tipo andare dal tabaccaio. Non è un caso che settori del governo abbiano provato a pretendere la chiusura totale delle chiese, a cui alcune diocesi s’erano persino acconciate prima che la voce ferma di Papa Francesco richiamasse tutti a riaprirle subito con tanto di camminata solitaria del Pontefice per andare a pregare davanti al crocifisso di San Marcello a via del Corso a Roma. Non è un caso che sia stata vietata ogni manifestazione pubblica “cum populo” di natura religiosa per la Pasqua. Non è un caso che si sia addirittura arrivati a vedere l’irruzione e il tentativo di interruzione di una messa da parte della forza pubblica. Non è un caso che nel corso della conferenza stampa Conte abbia accennato a contrasti che evidentemente ci sono stati anche in seno alla task force di Colao e al comitato scientifico sulla riapertura delle messe da lasciare “sine die”, evidentemente delle forze hanno agito con determinazione per ottenere questo obiettivo. Non è un caso, è ideologia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano