Storie

di Filippo Fiani

De Mari e l’inchiesta non inchiesta

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

“Non sono sotto inchiesta, ma questa falsa notizia diffusa dal Corsera è stata una fortuna. Ha ancora di più rilanciato quello che sto dicendo [...]”.

Con queste parole Silvana De Mari ha fatto sapere a tutti i suoi lettori, ammiratori, ma anche ai suoi detrattori, che non ha alcuna intenzione di mollare il colpo.

Quella che dalle colonne del Corriere della Sera è rimbombata come una sentenza, per la dottoressa, che parla in veste di medico, preoccupato della salute pubblica, non è altro che uno sprone ad insistere con maggiore determinazione per la sua strada.

Una strada che mentre la vede andare a riscoprire testi accademici di medicina tuttora validi e inconfutabili, per contrappasso vede boicottare e cercare di relegare alla censura ideologica i suoi bellissimi romanzi fantasy.

Dopo aver ricevuto numerosi premi letterari e ed essere entrata a pieno titolo tra i più grandi scrittori italiani, apprezzata anche all’estero, adesso c’è il rischio che le lobby LGBT, le stesse che hanno avanzato la richiesta di incriminazione per razzismo e intolleranza, dichiarino intollerabili i suoi testi, scritti per bambini.

Fin qui non ci sarebbe alcun problema, abbiamo visto che in realtà i loro boicottaggi fanno moltissimo rumore, vedono qualche ufficio marketing piegarsi alle loro assurde e frivole richieste, danno loro lo zuccherino come si fa con i bambini piccoli che fanno le bizze, ma non si ha notizia di aziende fallite per “assenza di clientela LGBT”.

Il problema è quando, come racconta anche Costanza Miriano sui social, a dar retta alle dicerie ed alle loro assurde richieste, cadono alcuni indegni titolari di librerie che dichiarano di non tenere “quella roba”.

I roghi di libri li abbiamo già visti, non c’è bisogno di aggiungere altro, ma sappiamo anche che i libri se la cavano sempre, che riescono a superare i tempi bui e a rispuntare come fiori i cui semi hanno tenuto duro, sotto la neve, per tutto l’inverno.

Se però vogliamo che la primavera arrivi presto, questa volta, cerchiamo di seminare molto. Come amico di Silvana e suo appassionato lettore, mi sento di dire che i nostri figli non si meritano di perdere il dono prezioso della sua fantasia, per questo oltre a completare la mia collezione di suoi libri, ne comprerò uno ogni volta che dovrò fare un regalo, lascerò recensioni positive ovunque sarà possibile lasciarle e tramite le associazioni culturali con le quali sono in contatto promuoverò iniziative che portino i suoi libri nelle classi.

Ma state tranquilli, io la conosco bene, qualsiasi cosa gli accada, la sua “pellaccia” è stata indurita in Africa ed è proprio il caso di dire che Silvana non ha assolutamente alcuna intenzione di fare il medico pietoso che lascia diventare la piaga puzzolente.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

18/03/2017
2404/2019
San Fedele da Sigmaringa

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

A Milano per parlare di famiglia

Miriano, Adinolfi, padre Botta e Scicchitano rispondono alle polemiche sul convegno in Regione Lombardia

Leggi tutto

Chiesa

XAVIER NOVELL, il vescovo che gli LGBT detestano

Giovane, colto e carismatico vescovo spagnolo: stava commentando Amoris Lætitia con il suo popolo.
Gli omosessualisti insorgono tacciandolo di “omofobia”

Leggi tutto

Società

I figli non si pagano, gli uteri non si affittano

Raccogliamo firme “fisiche” per una moratoria Onu sull’utero in affitto che blocchi a livello mondiale questa pratica barbara

Leggi tutto

Storie

L’allenatore e il produttore tra la gogna e il banco

Guai in vista per i due abusatori, ma c’è chi si chiede se l’ipocrisia non grondi anche da altre parti. Si continuano a tutelare insufficientemente i minori

Leggi tutto

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Società

L’aborto non è un diritto

Monica Cirinnà ha istericamente attaccato il manifesto prolife dell’associazione di Antonio Brandi. Tracotanza infinita. Ma noi non ci fermiamo perchè le battaglie siamo abituati a vincerle!

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano