Storie

di Filippo Fiani

De Mari e l’inchiesta non inchiesta

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

“Non sono sotto inchiesta, ma questa falsa notizia diffusa dal Corsera è stata una fortuna. Ha ancora di più rilanciato quello che sto dicendo [...]”.

Con queste parole Silvana De Mari ha fatto sapere a tutti i suoi lettori, ammiratori, ma anche ai suoi detrattori, che non ha alcuna intenzione di mollare il colpo.

Quella che dalle colonne del Corriere della Sera è rimbombata come una sentenza, per la dottoressa, che parla in veste di medico, preoccupato della salute pubblica, non è altro che uno sprone ad insistere con maggiore determinazione per la sua strada.

Una strada che mentre la vede andare a riscoprire testi accademici di medicina tuttora validi e inconfutabili, per contrappasso vede boicottare e cercare di relegare alla censura ideologica i suoi bellissimi romanzi fantasy.

Dopo aver ricevuto numerosi premi letterari e ed essere entrata a pieno titolo tra i più grandi scrittori italiani, apprezzata anche all’estero, adesso c’è il rischio che le lobby LGBT, le stesse che hanno avanzato la richiesta di incriminazione per razzismo e intolleranza, dichiarino intollerabili i suoi testi, scritti per bambini.

Fin qui non ci sarebbe alcun problema, abbiamo visto che in realtà i loro boicottaggi fanno moltissimo rumore, vedono qualche ufficio marketing piegarsi alle loro assurde e frivole richieste, danno loro lo zuccherino come si fa con i bambini piccoli che fanno le bizze, ma non si ha notizia di aziende fallite per “assenza di clientela LGBT”.

Il problema è quando, come racconta anche Costanza Miriano sui social, a dar retta alle dicerie ed alle loro assurde richieste, cadono alcuni indegni titolari di librerie che dichiarano di non tenere “quella roba”.

I roghi di libri li abbiamo già visti, non c’è bisogno di aggiungere altro, ma sappiamo anche che i libri se la cavano sempre, che riescono a superare i tempi bui e a rispuntare come fiori i cui semi hanno tenuto duro, sotto la neve, per tutto l’inverno.

Se però vogliamo che la primavera arrivi presto, questa volta, cerchiamo di seminare molto. Come amico di Silvana e suo appassionato lettore, mi sento di dire che i nostri figli non si meritano di perdere il dono prezioso della sua fantasia, per questo oltre a completare la mia collezione di suoi libri, ne comprerò uno ogni volta che dovrò fare un regalo, lascerò recensioni positive ovunque sarà possibile lasciarle e tramite le associazioni culturali con le quali sono in contatto promuoverò iniziative che portino i suoi libri nelle classi.

Ma state tranquilli, io la conosco bene, qualsiasi cosa gli accada, la sua “pellaccia” è stata indurita in Africa ed è proprio il caso di dire che Silvana non ha assolutamente alcuna intenzione di fare il medico pietoso che lascia diventare la piaga puzzolente.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

18/03/2017
0708/2020
San Gaetano da Thiene

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francia, quadro instabile: la bioetica slitta a giugno

Dopo i rituali “stati generali”, previsti dalla stessa “Legge bioetica” con cadenza decennale in vista dell’aggiornamento della stessa, il governo Macron aveva dichiarato di poter procedere alla rivisitazione del testo legale entro la fine dell’anno solare. In realtà l’ospite dell’Eliseo sta attraversando una crisi politica cui fa da sfondo l’emorragia dei consensi. Così il Président prende tempo e spinge l’apertura del dibattito parlamentare alla fine della primavera.

Leggi tutto

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa Ucraina tuona contro il gender

Sono scesi in campo con una dura presa di posizione (mediante enciclica) contro la teoria gender i vescovi greco-cattolici ucraini. Prima c’era il regime sovietico, che imponeva una visione “ateistica” del mondo, presentata come “l’unica scientifica” e che privava gli uomini del diritto di professare liberamente la loro fede religiosa”. Oggi, le sfide sono simili, “modi ideologici di distruggere la fede cattolica” mettendo in discussione in maniera subdola “la fede e la moralità cristiana”, e tra queste sfide ci sono in particolare le teorie del gender.

Leggi tutto

Media

Giulia Bovassi e la bioetica

“Bioetica è una disciplina per certi versi ancora sconosciuta nel nostro territorio nazionale. Alcuni addirittura ritengono che il suo oggetto sia evanescente o,al contrario, di nicchia e non spendibile al di fuori delle mura accademiche. A mio avviso una visione di questo genere è lacunosa e forzatamente riduttiva rispetto al suo potenziale: il carattere interdisciplinare le conferisce complessità, senza dubbio, ma anche versatilità, rendendola un potenziale spendibile su larga scala, dall’ospedale cittadino agli organi internazionali di politica e cultura”

Leggi tutto

Società

Sposatevi e figliate… spieghiamolo bene

Uno scritto privato di una nostra autrice è diventato virale sui social (addirittura venendo spacciato per “omelia di Natale” di un sacerdote). La stessa s’interroga oggi sul contenuto di quel testo che ha innescato la viralità. Non si fanno classifiche tra le madri e le non-madri, o tra le casalinghe e le donne in carriera: però la vita esige un vero impegno per la fecondità.

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano