Storie

di Mario Adinolfi

LETTERA A J-AX, “ITALIANO MEDIO”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

J-Ax mi dedica un altro video zeppo di insulti, dopo aver fatto lo stesso in diretta su Le Iene. Questa volta rispondo e lo faccio partendo proprio da una sua canzone, cantandola anche cambiando un solo verso, per parlare ad Alessandro. A lui, per come si chiama veramente, per svegliarlo dal conformismo che gli fa dire solo cose confuse pensate da altri, offendendo oltre me un popolo intero di mamme e di papà che fanno fatica per la loro famiglia, il bene più grande che c’è e che non può essere confuso con la violenza di ricchi che si comprano bambini da donne in stato di bisogno. Ricchi come Alessandro, comunisti con il Rolex e il bambino da duecentomila euro: quella non è famiglia Alessandro, sveglia, quella è violenza, quello è sopruso e il J-Ax che cantava Italiano Medio il dito medio l’avrebbe mostrato ai violenti, non al Popolo della Famiglia che è il solo argine a questa barbarie. Ciao Alessandro, rifletti bene: tu hai soldi, gloria, tv che ti smarchettano attraverso le quali puoi insultarmi impunemente causando migliaia di messaggi di ragazzi che ti seguono che da quel giorno mi augurano la morte. Io ho persino il profilo fb bloccato e la post-produzione del video infiocchettata con sottotitoli a cameraman che al montaggio ti fa gli effetti non me la posso permettere. Però ho qualcosa da dirti: non farti fregare, il conformismo è una malattia orrenda da cui non si guarisce facendo una battuta sulla mia obesità, uguale a milioni che mi sono state fatte per decenni. Trova in questa mia risposta un’occasione per una riflessione più complessa, caro Alessandro. Quando vuoi e trovi il coraggio, incontriamoci per un confronto pubblico. Forza, sei meglio di come vuoi apparire con il tuo cristianesimo da benpensante ligio alle convenzioni sociali comunione-cresima-matrimonio-in-chiesa. Ti darò una mano volentieri a scoprire il gusto di testimoniare la verità, anche quando non è quella che piace alla conduttrice di regime delle TV berlusconiane che ti scrive la parte da recitare. Ciao, Mario.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

21/03/2017
1809/2019
S. Giuseppe da Copertino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

La pantomima di Severino Antinori

Il ginecologo sospeso dall’esercizio della professione medica, Severino Antinori, arrestato per aver espiantato con violenza ovuli da una ventiquattrenne spagnola dopo averla immobilizzata e sedata contro la sua volontà oltre che per essersi fregato ventottomila euro da una coppia a cui aveva promesso un figlio tramite le sue discusse procedure, sta tentando di trasformare in un bizzarro show il suo processo in corso davanti al tribunale di Milano.

Leggi tutto

Società

La Cassazione contro il matrimonio

Non ci sarà più obbligo di mantenere la controparte del contratto nuziale, una volta che sia stata verificata l’abilità di quest’ultima a lavorare. Incredibile silenzio delle femministe, a fronte di una legge che abolisce alcune tutele per le donne impegnate nella cura della casa e dell’educazione primaria. L’effetto sarà l’aumento del numero dei divorzî, dell’impegno sano e generoso dei carismi.

Leggi tutto

Storie

MPS-Rossi, caso massonico

La trasmissione Le Iene riapre la vicenda del presunto suicidio di David Rossi, capo della Comunicazione del Monte dei Paschi di Siena, avvenuto nel 2013 e che sembra avere i tratti di un omicidio insabbiato. In
un’intervista esclusiva ricostruiamo il clima della Siena dell’epoca e indichiamo il vero centro di potere che governò MPS fino alla tragedia: la massoneria e le “relazioni finanziarie internazionali consolidate”.

Leggi tutto

Media

La censura degli indegni

Censurandoci da persone indegne quali siete, cari noti lobbisti, ci avete fatto prendere gusto allo stare per strada, sul territorio, a incontrare le persone. I giornali e le tv locali raccontano le nostri iniziative, persino Repubblica ha raccontato che è stato il Pdf con Mirko De Carli a prendere le difese del sacerdote bolognese che ha giustamente interrogato l’Italia sulle responsabilità di chi ha ucciso con l’aborto e sul paragone da fare con chi ha ucciso per logica mafiosa. Domani alle 9.45 la nostra campagna di comunicazione per far conoscere il Pdf continua da Canale 5, dove sarò ospite per parlare di temi analoghi. Non ci fermerete, non potete accanirvi su di noi persino nel momento del dolore e pensate che questo popolo non reagisca con tutta la determinazione di cui è capace e cioè mettendo ancora più impegno per vivere i valori in cui sono cresciuti Gianfranco e Massimiliano Amato grazie all’insegnamento del loro papà.

Leggi tutto

Politica

Il fascismo non ebbe meriti? Parliamone!

Il discorso di Mattarella si volle enfatico per l’occasione, ma la sua assolutezza non può essere presa tout court come giudizio storico.

Leggi tutto

Chiesa

Chi sono i santi della lettera sulla santità di Papa Francesco?

È vero, si parla tanto di “santità della porta accanto”, in Gaudete et exsultate, resa nota ieri da Papa Francesco. Tuttavia per forza di cose i personaggi di cui si citano le parole e/o i gesti appartengono alla cerchia dei “santi famosi”. Passiamo in rassegna l’Esortazione apostolica alla ricerca dei modelli che il Santo Padre offre alla coscienza dei fedeli

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano