Storie

di Mario Adinolfi

LETTERA A J-AX, “ITALIANO MEDIO”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

J-Ax mi dedica un altro video zeppo di insulti, dopo aver fatto lo stesso in diretta su Le Iene. Questa volta rispondo e lo faccio partendo proprio da una sua canzone, cantandola anche cambiando un solo verso, per parlare ad Alessandro. A lui, per come si chiama veramente, per svegliarlo dal conformismo che gli fa dire solo cose confuse pensate da altri, offendendo oltre me un popolo intero di mamme e di papà che fanno fatica per la loro famiglia, il bene più grande che c’è e che non può essere confuso con la violenza di ricchi che si comprano bambini da donne in stato di bisogno. Ricchi come Alessandro, comunisti con il Rolex e il bambino da duecentomila euro: quella non è famiglia Alessandro, sveglia, quella è violenza, quello è sopruso e il J-Ax che cantava Italiano Medio il dito medio l’avrebbe mostrato ai violenti, non al Popolo della Famiglia che è il solo argine a questa barbarie. Ciao Alessandro, rifletti bene: tu hai soldi, gloria, tv che ti smarchettano attraverso le quali puoi insultarmi impunemente causando migliaia di messaggi di ragazzi che ti seguono che da quel giorno mi augurano la morte. Io ho persino il profilo fb bloccato e la post-produzione del video infiocchettata con sottotitoli a cameraman che al montaggio ti fa gli effetti non me la posso permettere. Però ho qualcosa da dirti: non farti fregare, il conformismo è una malattia orrenda da cui non si guarisce facendo una battuta sulla mia obesità, uguale a milioni che mi sono state fatte per decenni. Trova in questa mia risposta un’occasione per una riflessione più complessa, caro Alessandro. Quando vuoi e trovi il coraggio, incontriamoci per un confronto pubblico. Forza, sei meglio di come vuoi apparire con il tuo cristianesimo da benpensante ligio alle convenzioni sociali comunione-cresima-matrimonio-in-chiesa. Ti darò una mano volentieri a scoprire il gusto di testimoniare la verità, anche quando non è quella che piace alla conduttrice di regime delle TV berlusconiane che ti scrive la parte da recitare. Ciao, Mario.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

21/03/2017
0608/2020
Trasfigurazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Istigazione all’odio omofobico

Negli ultimi dodici mesi l’Italia è stata attraversata da un’ondata di atti efferati compiuti da omosessuali. Ovviamente costruire un filo rosso che unisca tutta questa serie di eventi per provare a suggerire con lealtà alla comunità Lgbt di analizzare il problema verrà raccontato come “istigazione all’odio omofobico” passibile di ogni pena, ma i fatti sono fatti e proverò a metterli in fila per come sono avvenuti. Poi ognuno potrà compiere le sue riflessioni.

Leggi tutto

Società

Il fallimento delle unioni civili

Credo che i Family Day abbiano ottenuto concretamente lo stralcio della stepchild adoption, lo stop alla legalizzazione di fatto dell’utero in affitto e abbiano anche reso evidente la presenza di un popolo pronto a dare battaglia politicamente, cosa che si è verificata poi con la nascita del Popolo della Famiglia. Le manifestazioni Lgbt hanno portato a casa una brutta legge che non piace neanche a chi si è battuto per averla, peraltro con una mancanza di soggettività politica reale. Sbaglierò ma vedo il mondo Lgbt frastagliato in mille sigle e siglette tra loro anche in conflitto aspro. Esiste poi una dimensione lobbistica in cui invece credo che siete un passo avanti a noi.

Leggi tutto

Società

Obradovic agli LGBT: e poi che altro volete?

Riportiamo il contenuto del discorso all’Assemblea Nazionale del Presidente del movimento Dveri. Dieci minuti di ragionevolezza

Leggi tutto

Chiesa

La sfida di una focolarina in Congo

“Aiutiamoli a casa loro” è uno slogan di cui politici xenofobi si riempiono la bocca a costo 0. Una persona che invece sostiene il costo del proprio olocausto – tutta la vita offerta per questo – è Maria
Pia Redaelli, che da più di dieci anni vive in Africa in compagnia di amiche dell’Opera di Maria. Le abbiamo chiesto di raccontarci della loro scuola (che serve 2.400 bambini) e dei progetti da sostenere

Leggi tutto

Politica

Gli italiani ed il Ministero della Pace

Questa curiosa scelta ( ma molto significativa) risulta da un sondaggio commissionato dalla Comunità Papa Giovanni XXIII e realizzato da Demetra.

Leggi tutto

Storie

“Giovannino Guareschi, Internato Militare Italiano 6865”

Sarà inaugurato oggi pomeriggio a Roma il nuovo percorso multimediale del Museo “Vite di IMI. Percorsi dal fronte di guerra ai lager tedeschi 1943-1945”. Anche il papà di Don Camillo e Peppone fra i 600mila internati militari italiani prigionieri dei nazisti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano