Storie

di Mario Adinolfi

STORIA DI UN AMORE, SBECCATO MA UTILE A TUTTI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Grazie a tutti per gli auguri a Silvia e a me, i social network ci ricordano date di una qualche rilevanza, per noi e per gli altri, per cui le pietre miliari personali diventano in qualche modo pubbliche. Tanti anni trascorsi con Silvia mi hanno insegnato qualcosa sul coraggio delle giovani donne, anche di oggi. Quando Silvia mi ha incontrato ero un ragazzone molto sovrappeso, che non aveva manco il letto in casa e dormiva su un materasso poggiato per terra con un gatto lasciato per ripicca da una qualche ex che scacazzava per il piccolo appartamento da single in cui vivevo in affitto da anni dopo il fallimento nel 1999 del mio matrimonio ultragiovanile.

Per ragioni che solo Dio può illuminare, Silvia si innamorò di me e mi fece di nuovo venire voglia di famiglia, mi rimise in sesto e disse di volere un figlio. Abbandonò città d’origine, genitori, con tenacia completò gli studi incinta e da fuorisede, probabilmente sfinita dalle mie follie disse sì anche quando in una telefonata intercontinentale via Skype le dissi che sì, l’avrei sposata, ma la settimana dopo a Las Vegas, senza parenti e con una cerimonia che definire informale è ovviamente eufemistico (pensate ai poveri genitori di lei, per la loro unica figlia femmina sognavano qualcosa d’altro che un obeso di quindici anni più vecchio, divorziato con una figlia già grande, che manco al caro vecchio matrimonio tradizionale si piega). Silvia il giorno del matrimonio al Cosmopolitan Hotel su Las Vegas Boulevard era bellissima nonostante la trasvolata oceanica appena compiuta, io ho fatto quel che potevo affinché l’evento fosse comunque indimenticabile e in effetti non passa giorno senza che qualcuno non posti, spesso con intenti di derisione, una immagine delle nostre nozze che furono una grande e colossale festa tutta per noi, solo per noi, che noi che l’abbiamo vissuta sappiamo.

Dopo aver ri-costruito attraverso questo percorso davvero tortuoso una mia condizione familiare, Dio ha voluto che spendessi tutto me stesso per testimoniare la bellezza della famiglia e anche di questo devo dire grazie a Silvia. Voglio La Mamma nasce nel 2013 perché ho visto Clara con Silvia e Silvia con Clara. Da ragazzino quando nacque Livia, la mia carissima primogenita, ero troppo preso da me per avere lo sguardo davvero sull’altro, poi intervennero subito tragedie da togliere il fiato e nessuna bellezza poteva essere anche solo immaginata dal mio sguardo. Vent’anni dopo la oggettiva e prepotente bellezza di Silvia riverberata in Clara sembra essere immagine stessa della bellezza della condizione familiare. Dentro questa parola (“bellezza”) io inserisco anche l’enorme fatica dell’essere famiglia, i vincoli che impone, i limiti dell’altro che devi imparare ad accettare e Silvia ne ha, cavoli se ne ha, ma i miei sono infinitamente maggiori e talvolta davvero insopportabili, quindi ho imparato quell’indulgenza che è anticamera necessaria dell’amore.

Resto fermo, però, a una considerazione che svolsi creando un pandemonio nei giorni in cui pubblicai l’immagine “scandalosa” di Silvia che massaggiava i miei piedi di ritorno da una tre giorni di dibattiti in giro per l’Italia particolarmente faticosa: senza una donna determinata, coraggiosa, forte ma anche meravigliosamente mite, l’amore coniugale è impossibile. Serve gentilezza in una donna, serve mitezza, serve il voler essere davvero pietra fondante di una famiglia, perché la famiglia sia. Silvia ha trent’anni, entriamo oggi nel nostro decimo anno insieme, con la sua bellezza a vent’anni poteva scegliere tutt’altro per la sua vita. Ha scelto di essere moglie, madre e pienamente donna non con il coraggio di un giorno solo, ma con il coraggio di più di tremila giorni trascorsi insieme, rinnovando la promessa ogni giorno. Con donne così tutto è possibile e a Clara che è tutta sua madre rivolgo sempre l’invito a prendere esempio da lei, dalla sua attitudine al sacrificio, dal suo mettere al primo posto i bisogni di coloro a cui lei vuole bene.

Noi dobbiamo costruire per le ragazze di oggi, per le ventenni e le trentenni di questo tempo per molti versi disgraziato, il gusto di compiere davvero e con coraggio la scelta per quella vita straordinariamente piena e avventurosa che è la vita familiare. Che la scelgano da giovani, non è ostativa verso nessuna forma di realizzazione femminile, tutto quello che vi raccontano che prima-la-laurea-poi-il-lavoro-poi-la-casa-poi-vediamo e che i figli “rovinano la vita” è il contrario esatto della verità. Prima la vita, amiche mie, prima le scelte fondamentali, prima l’amore. Prima la famiglia. Abbiate questo coraggio. Se c’è un valore nella storia d’amore tra me e Silvia, storia sbeccata e piena di ragioni per cui poteva andare a finire malissimo, è che il coraggio di una giovane donna può molto, forse può tutto, perché contiene una energia a tratti invincibile. A quel punto te ne puoi fregare di tutto, dello sguardo degli altri, dei pregiudizi e dei giudizi, di chi ti insulta (e cavolo se ci insultano), perché la forza di una donna spazza via il pulviscolo senza neanche fartene accorgere. Non attendete perfezioni che non esistono, i Principi Azzurri oggi si depilano il petto e sono soci ANDOSS, quando incrociate un uomo che vi intriga magari in un’osteria o in una bisca clandestina in cui siete finite chissà perché, non guardate se ha il Rolex o il sopracciglio curato. Cercate di capire solo se è in grado di assumersi impegni che valgano per tutta la vita, con il vigore maschile di chi ha una parola sola e sa dire sì che significano sì e no che significano no.

Silvia ha dormito con me per un anno su quel materasso lanciato per terra, pulendo la merda del gatto indisciplinato. Poi si è liberata del gatto. Poi mi ha portato fuori dall’appartamento da single. Ha cercato di capire se mi ero davvero stancato di girovagare. Poi mi ha spiegato con la dedizione che avrei dovuto essere dedito. ll che non vuole dire improvvisarsi perfetti. Non lo siamo davvero, certamente non io, ma manco lei. Ma una volta diventati famiglia con Clara abbiamo stabilito un giuramento indissolubile: prima la famiglia. Questo è l’amore più grande, questo è il giuramento che conta, con questa stella polare il cammino faticoso e impervio assume un suo senso. Perché alla fine questo tutti noi chiediamo: un senso, la fine di quella sensazione terrificante del brancolare nel buio di un’assurdità senza via d’uscita. Per un uomo, il dito che indica la direzione è sempre quello di una donna. Silvia ha attratto la mia attenzione, ha saputo farsi guardare. E per questo da tanti anni siamo insieme in marcia, sapendo che l’amore è quella marcia e non altro: è la fatica, non le farfalle nella pancia; è l’impegno, non l’incostanza degli adolescenti; è baciarsi e fare l’amore, non per voluttà ma per ricerca di pienezza; è soffrire, ma saper soffrire insieme; è educare, sapendo però che si può anche essere educati dall’innocente vitalità dei figli.

E buon anniversario, amore. Che Maria ovunque protegga la grazia del tuo cuore.

04/04/2017
2804/2017
San Pietro Chanel

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Se Gesù diventa un guru new age

Massimo Gramellini per contestare le parole del cardinale Parolin sul referendum irlandese (“una sconfitta per l’umanità”) si inventa un Gesù “maestro di tolleranza”. Gesù è amore e verità, nel suo vocabolario non c’è la “tolleranza”

Leggi tutto

Politica

PdF unica alternativa praticabile

Il Pd renziano prova a silurare il governo stesso con la speranza di veder tornare il proprio Napoleone dall’isola d’Elba. Direttamente da Sant’Elena fa capolino la voce di Berlusconi, al contempo
Napoleone del centrodestra disfatto e convitato di pietra che ripropone nei salotti italiani discorsi e slogan da 1992. La vera novità sostanziale si dà solo nel movimento che sorge dai Family Day

Leggi tutto

Politica

IL PASSO DECISIVO DEL TEATRO ELISEO

Il Popolo della Famiglia, senza essere un soggetto politico confessionale ma davvero aperto al contributo di tutte le persone di ogni fede e di buona volontà, dice basta alla stagione della delega ad altri e si presenterà a tutti gli appuntamenti elettorali prossimi venturi chiedendo il consenso sul proprio simbolo quale soggetto politico autonomo, con le radici affondate nelle ragioni della grande mobilitazione popolare del Family Day, tradita dai politici dei partiti tradizionali che pure dicevano di volerne rappresentare le istanze. Preso atto del tradimento, la risposta è la nascita e la diffusione sempre più massiccia su tutto il territorio nazionale del Popolo della Famiglia, che dal teatro Eliseo esce con una missione da compiere: raggiungere il milione di voti che darebbero rappresentanza parlamentare in tutti e due i rami del Parlamento al Pdf, oltre che in Comuni e Regioni. L’obiettivo è andare al governo del Paese. Come ha detto sempre Amato, in prospettiva essere una forza non del 3% ma del 30% ed oltre. Il passo decisivo, il primo passo, è stato avviato al teatro Eliseo di Roma. Chi c’era ha sentito soffiare un vento che faceva capire di essere presenti ad un avvenimento di portata storica.

Leggi tutto

Società

Sentenze, appello ai magistrati

Nichi Vendola ha un bel definire “storica” la sentenza di Trento sui “due papà”: in spregio alle leggi italiane (che i giudici dovrebbero osservare e far osservare), i magistrati hanno dichiarato che «i figli non sono di chi li fa ma di chi se li compra». Tutto per una incredibile flessibilità delle parole “genitore” e “figlio”, sulle quali la magistratura esibisce una disinvolta distorsione: urge univocità

Leggi tutto

Storie

La pantomima di Severino Antinori

Il ginecologo sospeso dall’esercizio della professione medica, Severino Antinori, arrestato per aver espiantato con violenza ovuli da una ventiquattrenne spagnola dopo averla immobilizzata e sedata contro la sua volontà oltre che per essersi fregato ventottomila euro da una coppia a cui aveva promesso un figlio tramite le sue discusse procedure, sta tentando di trasformare in un bizzarro show il suo processo in corso davanti al tribunale di Milano.

Leggi tutto

Politica

L’orribile appellativo

La scuola ha tanti problemi ma il ministro della pubblica istruzione italiano sembra particolarmente interessata a questioni di lana caprina…..

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2017 La Croce Quotidiano