Media

di Emiliano Fumaneri

Sugli stregoni della notizia

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

E’ davvero inquietante il fronte geopolitico aperto ieri dal bombardamento americano della Sira, con Donald Trump che ha ordinato alla marina il lancio di circa 60 missili Tomahawk contro la base aerea di Ak Sharyat in Siria. E la cosa ci riguarda da molto vicino, dato che l’attacco è partito da due cacciatorpediniere di stanza nel Mediterraneo: la lanciamissili Ross e Potter.

Il fatto ha impresso una brusca sterzata agli entusiasmi, forse prematuri, che l’elezione di Donald Trump aveva suscitato in alcuni ambienti. In meno di tre mesi Trump sembra essere già stato “normalizzato” da quello Stato profondo (Deep State) attorno al quale, secondo diversi commentatori, si coagulano poteri e interssi con cui ogni presidente, repubblicano o democratico che sia, si trova costretto a fare i conti. Sembra indicarlo la cedevolezza con cui The Donald ha dovuto incassare l’estromissione dei suoi strateghi politico-militari più inclini a un appeasement con la Russia (Flynn e Bannon).

E ora arriva l’attacco missilistico alla Siria, con una dinamica causa-effetto vista all’opera già altre volte. Il lancio di missili nasce infatti come reazione a un presunto raid chimico da parte dell’aviazione siriana sulla città di Idlib. Tutti abbiamo visto le immagini terribili in circolazione sulla rete che mostrano decine di bambini morti o agonizzanti per l’effetto (presumibilmente) di gas. Il problema, come ricorda il sito di informazione militare Difesa On Line, è che la fonte delle informazioni è il cosiddetto Osservatorio siriano dei diritti umani, un organismo che dietro l’apparente scopo filantropico nasconde una vera e propria organizzazione politica vicina ai “ribelli moderati” anti-Assad con sede in Gran Bretagna. Da anni, informa Difesa On Line, questo Osservatorio combatte una guerra d’informazione a senso unico diffondendo “fake news” che immancabilmente denunciano stragi di civili perpetrate dall’esercito siriano fedele a Bashar al-Assad. Siamo di fronte a una informazione di parte senza conferme indipendenti sul campo, un fatto che come minimo dovrebbe indurre a prendere con le pinze le notizie provenienti dal fronte siriano.

Non bisogna essere ingenui. È la storia, anche recente, a consigliarci una certa prudenza. Già nel 2013, quando alla Casa Bianca era al potere Barack Obama, gli Usa arrivarono vicini ad attaccare la Siria. Anche allora fu invocato come “casus belli” un attacco con armi chimiche avvenuto a Guta, il sobborgo orientale di Damasco dove l’esercito siriano stava ingaggiando una lotta serrata contro i “ribelli moderati”. Oggi come allora fu Assad a finire sul banco degli imputati, anche se molti sollevarono dubbi: non è suicida impiegare armi chimiche laddove si concentrano le proprie truppe e per giunta alla presenza degli ispettori dell’ONU (che allora si trovavano nel Paese per ispezionare l’armamentario siriano)?

Stesso copione nel 2003, sotto la presidenza di Bush jr. Tutti ricordiamo l’imbarazzante intervento del Segretario di Stato americano Colin Powell al Consiglio di Sicurezza dell’Onu, dove furono presentate le “prove” del possesso di armi chimiche e batteriologiche da parte di Saddam Hussein: la famosa “smoking gun” che sarebbe servita a giustificare la guerra preventiva e la conseguente invasione dell’Iraq.

A fornire le prove sul programma di armamento di Saddam (le “armi di distruzione di massa” di cui anni dopo lo stesso Powell avrebbe ammesso la falsità) fu un organismo misterioso: l’Iraqi National Congress (INC), un’associazione che sulla carta raggruppava decine di organizzazioni arabe e curde nemiche del dittatore di Baghdad. A distanza di anni si sarebbe saputo che l’INC era una creatura del Rendon Group, una società di Pubbliche Relazioni ingaggiata da Washington.

Le origini dell’Iraqi National Congress risalgono agli anni Novanta. Dopo la prima guerra del Golfo, Bush padre incarica la CIA di organizzare una opposizione (fino ad allora inesistente) a Saddam Hussein. E la CIA “subappalta” l’incarico al Gruppo Rendon. Spuntano così dal nulla un anti-rais, nella persona dell’ambiguo uomo d’affari Ahmad Chalabi, e una opposizione interna: il summenzionato “Iraqi National Congress”.

Ma cosa è “The Rendon Group” (TRG)? Di cosa si occupa? A capirlo basta leggere il moto che campeggia sulla home del sito: «L’informazione come elemento del potere». Sono queste le “pubbliche relazioni” di cui si occupa TRG: la guerra dell’informazione, la manipolazione delle news, la creazione di “pseudo eventi”. Il suo scopo è vincere la guerra delle notizie. Un libro del giornalista Marcello Foa (“Gli stregoni della notizia”) documenta l’attività di queste società private di “spin doctor” al servizio dei governi. Lo spin doctor di regola è un personaggio semisconosciuto, che agisce dietro le quinte (“leading from behind”). “Spin” vuol dire “far girare vorticosamente” mentre doctor sta per “specialista”. Lo spin doctor è dunque il tecnico dell’informazione che dà un orientamento particolare alle notize, facendole roteare così “vorticosamente” da ipnotizzare i media, inducendoli ad accogliere una determinata visione della realtà (naturalmente quella più favorevole al proprio cliente). Stiamo parlando di esperti nella manipolazione dell’informazione, né più né meno.

Per le loro attività gli spin doctor vengono pagati profumatamente. Si calcola che tra l’11 settembre 2001 e il luglio 2002 il Rendon Group abbia fatturato al Ministero della Difesa americano almeno 7,5 milioni di dollari, mentre tra il 2000 e il 2004 il gruppo ha ottenuto dal Pentagono 35 contratti per un valore che viene stimato tra i 50 e 100 milioni di dollari.

Cifre astronomiche, che danno un’idea di quanto la propaganda, nella postdemocrazia contemporanea, sia di fondamentale importanza. Sotto questo punto di vista non si registrano differenze di rilievo tra “destra” (repubblicani) e “sinistra” (democratici). Che al potere ci sia un Bush o un Obama, la comunicazione politica resta influenzata dagli spin doctor. Anche la politica estera americana si basa su una combinazione tra uso della forza militare (hard power) e propaganda (soft power). Il soft power serve a diffondere i valori e lo stile di vita americani nel mondo, creando uno stato d’animo favorevole agli Usa e alla loro politica.

Il governo americano, dopo lo scandalo del Watergate e le dimissioni di Nixon, ha imparato che la pressione del sistema massmediatico (allora così forte da far parlare di “mediacrazia”) non va subita. Al contrario, il flusso di informazioni va anticipato per poter essere governato e orientato. È in base a questo principio che, da Ronald Reagan in avanti, le amministrazioni statunitensi hanno cominciato a usufruire dei servizi degli “stregoni della notizia”. La grande sacrificata sull’altare degli stregoni della notizia è la verità, cioè la corrispondenza tra i fatti (cioè che è davvero accaduto) e le parole (ciò che si dice). E la prima a farne le spese è l’informazione, che tradisce la propria vocazione nella misura in cui si trasforma nella voce del potere anziché mettersi al servizio della coscienza critica dei cittadini.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

08/04/2017
1412/2019
San Giovanni della Croce

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

DIALOGO FRANCO TRA IL PDF E AVVENIRE

Ci siamo confrontati con molte difficoltà, ma non con quella di determinare il nostro orizzonte programmatico: siamo ispirati dalla dottrina sociale della Chiesa e ad essa facciamo diretto riferimento. Questo non fa del Popolo della Famiglia un movimento confessionale. Chi legge la nostra quotidiana elaborazione di contenuti, anche attraverso il quotidiano La Croce, sa che ad essa collaborano personalità provenienti non solo dal mondo cattolico, ma anche evangelici, persino islamici, così come agnostici e non mancano gli atei. Certo, l’ossatura del gruppo dirigente del Popolo della Famiglia è composta da cattolici, che danno il segno caratteristico a questo movimento politico nato dopo il tradimento delle ragioni del Family Day operato attraverso il voto favorevole alla legge Cirinnà di moltissimi parlamentari sedicenti cattolici che pure al Family Day erano presenti.

Leggi tutto

Politica

Trump: la partita è stata tra le città e le aree rurali

Come un mattone buttato dalle finestre delle élites. Trump non è altro che il prodotto delle contraddizioni americane. Che scandalizza i benpensanti, quelli che non hanno problemi ad arrivare alla fine del mese. “Ma questa è davvero una elezione democratica, una elezione civile? Non sono forse i sostenitori Trump solo un mucchio di razzisti?” – continua Wong come parlando ad un ipotetico americano di città.

Leggi tutto

Media

Cambridge Analytica & Facebook: pasticcio enorme

In Europa a maggio entrerà definitivamente in vigore il GDPR, cioè il nuovo regolamento sulla protezione dei dati. Esso ha come finalità quella di tutelare i dati personali delle persone fisiche, chiarendo la catena delle responsabilità nel passaggio di informazioni e ribadendo alcuni concetti chiave non da poco, come il principio della trasparenza e del rispetto delle finalità esplicite per le quali sono stati acquisiti i dati.
Certo che se continueremo a mettere spunte disinteressate su informative approssimative, senza nemmeno leggerle, e se compileremo tutti i più assurdi questionari su internet, non potremo poi versare lacrime di coccodrillo.

Leggi tutto

Chiesa

La mattinata americana e l’udienza di Papa Francesco

Dopo l’incontro con la famiglia presidenziale Usa, il Santo Padre ha incontrato il popolo in Piazza.

Leggi tutto

Società

Il dramma dell’aborto

li aborti nel terzo trimestre negli Stati Uniti sono una percentuale irrisoria rispetto alla totalità di quelli rilevati. La più recente indagine federale del Centers for Diseases Control and Prevention, (Abortion Surveillance 2015) ha registrato 640mila aborti nell’anno dagli stati che li hanno comunicati. Tuttavia, diversi stati non comunicano i dati relativi agli aborti procurati: secondo l’Istituto Guttmacher (precedente, istituto di ricerca per Planned Parenthood), la stima in tutta la nazione si aggirerebbe attorno al milione. Di quelli riportati nell’indagine del CDC per i 2/3 (430mila) è nota la settimana di gestazione, di questi solo 1,3% praticato dopo le 21 settimane. Applicando la stessa percentuale sul totale si ottengono circa 8400 aborti dopo le 21 settimane, un numero che prevedibilmente scende di molto se si contabilizzassero quelli dalle 25 o dalle 27 settimane, cioè propriamente gli aborti late-term, nell’ultimo trimestre effettivo.

Leggi tutto

Chiesa

Parlando con Papa Francesco di ritorno dalla Colombia

L’ l’incontro con il (primo) ministro Gentiloni è stato un incontro personale e non su questo argomento. È stato prima di questo problema, che è venuto fuori alcune settimane dopo. … Secondo: io sento
il dovere di gratitudine per l’Italia e la Grecia, perché hanno aperto il cuore sui migranti. Ma non basta aprire il cuore. Il problema dei migranti è: primo, un cuore aperto, sempre, anche per un comandamento di Dio, ricevere, perché “tu sei stato schiavo”, migrante, in Egitto. Ma un governo deve gestire questo problema con la virtù propria del governante, cioè la prudenza. Cosa significa?
Primo: quanti posti ho. Secondo: non solo ricevere, (ma) integrare. Ho visto esempi qui in Italia di integrazione bellissima. Sono andato all’Università Roma Tre, mi hanno fatto domande quattro studenti. Una, era l’ultima, la guardavo: ma questa faccia la conosco. Era una che meno di un anno prima è venuta da Lesbo con me in aereo, ha imparato la lingua, studiava biologia nella sua patria, ha fatto l’equiparazione (equipollenza), e ora continua. Questo si chiama integrare. In un altro volo, tornavamo dalla Svezia, ho parlato della politica di integrazione di quel Paese come un modello. Ma anche la Svezia ha detto con
prudenza: il numero è questo, più non posso, perché c’è pericolo di un eccesso.
Terzo: c’è un problema umanitario. Quello che lei diceva. L’umanità prende coscienza di questi lager, delle condizioni nel deserto? Ho visto delle fotografie, gli sfruttatori. Credo, ho l’impressione, che il governo italiano sta facendo di tutto per lavori umanitari di risolvere anche problemi che non può assumere. Ma: il cuore sempre aperto, prudenza e integrazione, e vicinanza umanitaria. E c’è un’ultima cosa che voglio dire e che vale soprattutto per l’Africa. C’è nell’inconscio collettivo nostro un motto, un principio: l’Africa va sfruttata. Oggi a Cartagena abbiamo visto un esempio di sfruttamento, umano in quel caso. Un capo di governo su questo ha detto una bella verità: quelli che fuggono dalla guerra è un altro problema; ma tanti che fuggono dalla fame, facciamo investimenti lì perché crescano. Ma nell’inconscio collettivo c’è che
ogni volta che tanti Paesi sviluppati vanno in Africa, è per sfruttare.Dobbiamo capovolgere questo. L’Africa è amica e va aiutata a crescere”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano