Politica

di Mario Adinolfi

L’orribile appellativo

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Se avessimo un giornalismo in Italia degno di questo nome e non asservito sempre al potente di turno, all’indegno ministro della Pubblica Istruzione che si permetteva di rimbrottare il cronista per non averlo appellato “ministra” secondo suo gusto linguistico ed ideologico qualcuno avrebbe risposto: “Vede signora Valeria Fedeli, lei è l’ultima a poter decidere come io la debba correttamente appellare, visto che agli italiani tutti e al presidente della Repubblica nel decreto di nomina lei si è qualificata come ‘laureata in Scienza Sociali’ senza esserlo. Mentendo, dunque, senza neanche riconoscere nelle successive interviste in ginocchio che miei colleghi le hanno regalato sulle principali testate di questo nostro disgraziato paese, che lei manco l’esame di maturità ha mai sostenuto e il suo unico titolo legale è l’esame di terza media, che peraltro mai nessuno ha indicato dove e come e se l’abbia effettivamente sostenuto. E davanti a queste sue plateali menzogne in qualsiasi altro paese del mondo lei sarebbe stata accompagnata alla porta, signora Valeria Fedeli, senza neanche attendere le sue dimissioni, perché sarebbe stato troppo il disonore. Invece il sistema giornalistico taciturno e prono che onora sempre il potente di turno la tiene là, signora, a fare il ministro. E davvero, fossi in lei, mi accontenterei e non rimbrotterei, visto che persino una persona a lei vicina come Giorgio Napolitano ha definito ‘orribile appellativo’ la parola ‘ministra’, appena un grado sotto all’aggettivo ‘abominevole’ riservato alla parola ‘sindaca’, causando turbamento in Laura Boldrini, ma lei ha la pelle più spessa, era presente mentre Napolitano vi sfotteva e non ha trovato nulla da ridire. Ecco, anche oggi avrebbe fatto meglio a fare silenzio”. Ma nessuno si è alzato davanti alla signora Valeria Fedeli, ministro indegno, e nessuno ha detto.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

08/04/2017
1709/2019
S. Roberto Bellarmino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

AGNESE E LO STERMINIO

Al Copenhagen Post non farà piacere sapere però che nella corsa nazista allo sterminio la Danimarca è stata surclassata dall’Islanda, dove l’aborto per i bambini con diagnosi prenatale che fa emergere la Trisomia 21 riguarda il 100% dei casi e “da cinque anni non nascono i Down”. Evviva. Inutile ricordare che la Danimarca è il primo paese europeo ad aver legalizzato le unioni civili gay (1989) e come in Islanda vengono consentite formazioni familiari derivanti da utero in affitto: il bambino, insomma, è per quegli ordinamenti giuridici una “cosa” acquistabile appartenente agli acquirenti. In una visione antropologica e giuridica di questo tipo ovviamente la “cosa” fallata va eliminata.

Leggi tutto

Media

Cinque cose che non bisogna fare

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Siamo in una contesa dove la critica fa parte del gioco e che ci sparino addosso è nelle cose. Il fuoco amico fa più male, ma è messo nel conto pure quello. Un solo ultimo avvertimento agli amici come Marco Invernizzi: non strumentalizzate mai l’ora che padre Livio vi concede su Radio Maria per attaccare il Popolo della Famiglia. Quando ho fondato il Pdf, in completo accordo con lui, ho voluto sospendere la trasmissione a cui tenevo molto su questa che è l’emittente che più mi è cara: Radio Maria non fa politica e non può con la politica confondersi. ne trarrebbe solo danno. Tutto il resto, poi, sia oggetto di una confronto franco e onesto. Fatevi dire infine da un giocatore di poker che l’idea secondo cui “le minoranze non si devono far contare” somiglia troppo all’atteggiamento del pokerista scarso che vuole vincere giocando sempre in bluff: pensa di essere tanto furbo e tutti gli altri al tavolo glielo fanno credere, perché prima che lui cominciasse a pensare l’hanno già individuato come il pollo da spennare.

Leggi tutto

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Politica

Elezioni: il Popolo della Famiglia avanza

La foto della crescita del PdF ve la scatto nel contesto più difficile, nell’elezione più difficile, quella di un grande centro metropolitano come Roma dove due anni fa esordimmo ottenendo lo 0.6% che poi abbiamo confermato con una lievissima avanzata (0.66% e 0.7% appunto) alle politiche del 4 marzo. Ebbene, cento giorni dopo, Guido Pianeselli nel popoloso e storico municipio di Eur-Garbatella porta il Popolo della Famiglia a triplicare la percentuale, ottenendo non solo un importantissimo 1.82% ma battendo nettamente sia CasaPound che Potere al Popolo. Come previsto, lo smottamento del M5S, che nel municipio Roma VIII come nel municipio Roma III collassa, è parzialmente intercettato dalla posizione autonoma del Popolo della Famiglia che vede accrescere i consensi. Pure nel municipio Roma III, dove eravamo meno attrezzati e abbiamo candidato un eroico Francesco Garroni Parisi “in trasferta” perché non originario del territorio, abbiamo fatto registrare una crescita rispetto alle politiche, seppur più misurata, ottenendo lo 0.8%

Leggi tutto

Società

Noi giovani vogliamo amarci senza guanti

Una diciassettenne reagisce alle martellanti campagne sui profilattici che dilagano in Italia. «Ci credete incapaci», dice.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano