Politica

di Mario Adinolfi

L’orribile appellativo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Se avessimo un giornalismo in Italia degno di questo nome e non asservito sempre al potente di turno, all’indegno ministro della Pubblica Istruzione che si permetteva di rimbrottare il cronista per non averlo appellato “ministra” secondo suo gusto linguistico ed ideologico qualcuno avrebbe risposto: “Vede signora Valeria Fedeli, lei è l’ultima a poter decidere come io la debba correttamente appellare, visto che agli italiani tutti e al presidente della Repubblica nel decreto di nomina lei si è qualificata come ‘laureata in Scienza Sociali’ senza esserlo. Mentendo, dunque, senza neanche riconoscere nelle successive interviste in ginocchio che miei colleghi le hanno regalato sulle principali testate di questo nostro disgraziato paese, che lei manco l’esame di maturità ha mai sostenuto e il suo unico titolo legale è l’esame di terza media, che peraltro mai nessuno ha indicato dove e come e se l’abbia effettivamente sostenuto. E davanti a queste sue plateali menzogne in qualsiasi altro paese del mondo lei sarebbe stata accompagnata alla porta, signora Valeria Fedeli, senza neanche attendere le sue dimissioni, perché sarebbe stato troppo il disonore. Invece il sistema giornalistico taciturno e prono che onora sempre il potente di turno la tiene là, signora, a fare il ministro. E davvero, fossi in lei, mi accontenterei e non rimbrotterei, visto che persino una persona a lei vicina come Giorgio Napolitano ha definito ‘orribile appellativo’ la parola ‘ministra’, appena un grado sotto all’aggettivo ‘abominevole’ riservato alla parola ‘sindaca’, causando turbamento in Laura Boldrini, ma lei ha la pelle più spessa, era presente mentre Napolitano vi sfotteva e non ha trovato nulla da ridire. Ecco, anche oggi avrebbe fatto meglio a fare silenzio”. Ma nessuno si è alzato davanti alla signora Valeria Fedeli, ministro indegno, e nessuno ha detto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/04/2017
0610/2022
S. Bruno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La Francia dopo gli Stati Generali della bioetica

Si è conclusa col mese di aprile una lunga fase di aggiornamento sui progressi delle tecniche mediche e di dibattito (oltre 280 eventi in tutto) sui possibili ritocchi all’ordinamento giuridico.

Leggi tutto

Storie

101 VERBI - COSE FATTE E SUGGERIMENTI

Ringraziare è anche condividere e allora vai con i 101 diversi verbi che pensavo di far diventare un nuovo libro e che invece voglio regalare a voi che mi seguite sui social, alla fine per farvi i fatti miei e allora che siano raccontate le cose fatte, in una vita che è stata anche devastata e devastante, ma ha corso al ritmo serrato di una opera rock. Nessuno si è annoiato.

Leggi tutto

Società

Una repubblica fondata sulla canzonetta

Criticata e idolatrata, pare che di rado la canzone di Mahmood sia statacompresa: perfino mentre veniva presentata si aveva l’impressione che cantasse di un generico amore travagliato. L’ombra della politica tuttavia si stende sempre sull’Ariston, contribuendo a rendere meno sereno e disteso ciò che potrebbe e dovrebbe essere una grande liturgia nazionale italiana.

Leggi tutto

Politica

La riforma fiscale

La riforma fiscale, per cui si attende a fine settembre la legge delega al Governo, che già doveva essere approvata entro luglio, non conterrà alcuna modifica sostanziale del regime tributario della tassazione sui redditi (I.R.P.E.F.) in un modo più favorevole alla famiglia, nel senso più volte indicato dalla Corte costituzionale e da decenni perseguito dalle associazioni familiari.

Leggi tutto

Politica

Mancano le parole d’ordine ed il centro-destra si schianta

Dopo questi ballottaggi si palesano tutti i limiti dell’offerta politica del centrodestra italiano: non facciamoci ingannare dalla bassa affluenza elettorale, il popolo moderato se ci fossero state proposte politiche all’altezza delle aspettative si sarebbe certamente mobilitato

Leggi tutto

Società

Lettera alla Marzano: i bambini hanno diritto ad una mamma ed un papà

Sganciare il concetto di gravidanza con quello di maternità come tenta di argomentare la Marzano desta perplessità fondate: una donna che decide di portare alla luce un figlio come può farlo scegliendo di non allevarlo?

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano