Chiesa

di Mario Adinolfi

GRILLO E AVVENIRE, ADINOLFI (PDF): M5S È OPPOSTO ALLA CHIESA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

“Constato che il M5S entra in modo serio nella discussione. Credo sia comune la preoccupazione che almeno un giorno della settimana sia dedicato a relazioni che siano altro da quelle lavorative. Non è un tema solo religioso”. A pronunciare queste frasi di apprezzamento nei confronti dei pentastellati in un’intervista al Corriere della Sera è niente meno che il direttore di Avvenire Marco Tarquinio, il quotidiano dei vescovi che, come se non bastasse, ha pubblicato nello stesso giorno un’intervista a Beppe Grillo. Tarquinio ha aggiunto ancora: “La sintonia è forte sulla lotta alle povertà e sul valore della partecipazione. Sono tanti i cattolici che partecipano alle iniziative del Movimento. Se guardiamo ai grandi temi (dal lavoro alla lotta alle povertà), nei tre quarti dei casi abbiamo la stessa sensibilità”. Che succede dunque? Considerando che Tarquinio è il direttore di Avvenire che è l’organo ufficiale della Conferenza Episcopale italiana, fare due più due diventa estremamente semplice. La Cei sposa Grillo e company? Oppure è un messaggio “in codice” al Pd e ai cattolici della maggioranza? Sta di fatto che sono partiti i distinguo ad iniziare da Famiglia Cristiana, il settimanale della famiglia paolina. Intelligonews lo ha chiesto a Mario Adinolfi leader del Popolo della Famiglia I vescovi italiani hanno rotto gli indugi? La Cei da oggi può essere chiaramente etichettata come grillina? “Sono state fatte due mosse nello stesso giorno per mandare un segnale estremamente forte di sostegno ai 5Stelle. Da una parte l’intervista di Tarquinio al Corriere della Sera che sembra un endorsement per Luigi di Maio, e dall’altra l’intervista a Beppe Grillo pubblicata a tutta pagina sul giornale dei vescovi. In questo caso due indizi fanno una prova. Mi viene da avanzare un paragone storico. I vescovi appoggiarono il Fascismo, ma attesero almeno che Mussolini andasse al potere: ora mi sembra invece che l’ansia di salire sul carro del vincitore porti addirittura ad anticipare i tempi. Questo si chiama opportunismo”. Grillo e Avvenire, Adinolfi (PdF): ‘M5S è opposto alla Chiesa. Tarquinio spieghi cosa hanno in comune Secondo Tarquinio vi sarebbe forte intesa fra cattolici e 5Stelle. E’ così? “Non mi sembra proprio. Sui principi non negoziabili, aborto, matrimonio, eutanasia, il M5s si è mostrato completamente alternativo alla Chiesa Cattolica. Mi spiace che un segmento della Conferenza episcopale, e sottolineo segmento, abbia commesso un errore così marchiano”. Il direttore di Avvenire parla di forte vicinanza sui temi economici e sociali. “Mi verrebbe da chiedere: sui problemi economici e sociali qual è la proposta del Movimento 5Stelle che piace a Tarquinio? Se il punto di incontro è la difesa della chiusura domenicale nei centri commerciali, mi sembra una questione del tutto marginale per dire che ci si trova d’accordo sul 75% delle proposte grilline. Non credo che l’intera Cei possa ritrovarsi su questa linea. Sono certo che il cardinale Angelo Bagnasco, che ha sempre chiesto una netta distinzione fra la Cei, Avvenire e la politica, non possa essere felice di questa commistione per altro giustificata da ragioni risibili”. E se fosse invece un messaggio ad altri? Il Pd per esempio, Alfano o i cattolici del centrodestra? “Tutto ci può stare, quando si fanno riposizionamenti tecnici e tattici sullo scacchiere politico può succededere anche questo. Complessivamente è triste vedere Avvenire e la Cei muoversi sullo scenario politico con questa disinvoltura avaloriale e fare un’apertura di credito a chi faceva la finta eucaristia con i grilli essiccati. Non si può dare sponda a chi propone il matrimonio multiplo, triplo e così via, a chi si batte per le adozioni gay, per la legalizzazione della cannabis, per l’eutanasia. E’ chiaro che chi sostiene questo bagaglio di posizioni fa qualcosa di disinvolto e pericoloso. Credo che questa sia una mossa dei vertici Cei che non avrà un seguito dalla base. Anche perché credo che il M5S abbia già fatto il pieno dei voti cattolici e che quindi non serva l’endorsement dei vescovi per convincere quanti non lo hanno fatto fino ad oggi a votare Grillo e compagni”. Ma chi nella Cei può avere interesse a far vincere il M5S? “I nomi non vengono fatti ma non dimentichiamo che anche dopo il primo turno delle elezioni comunali a Roma ci furono indicazioni da parte di alcuni vescovi della Capitale in favore di Virginia Raggi. Indicazioni non ufficiali ma che non sono state mai smentite. Poi però ci si è ritrovati con il sindaco Appendino che a Torino, come primo atto, ha istituito l’Assessorato alle Famiglie, vi ha nominato a capo il presidente dell’Arcigay e ha tagliato del 25% i contributi alle scuole materne cattoliche. A quel punto ci si è resi conto di cosa significhi appoggiare un sindaco a 5Stelle. Dimostrare asservimento non è mai una mossa intelligente”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/04/2017
2611/2022
San Leonardo da Porto Maurizio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La Cassazione contro il matrimonio

Non ci sarà più obbligo di mantenere la controparte del contratto nuziale, una volta che sia stata verificata l’abilità di quest’ultima a lavorare. Incredibile silenzio delle femministe, a fronte di una legge che abolisce alcune tutele per le donne impegnate nella cura della casa e dell’educazione primaria. L’effetto sarà l’aumento del numero dei divorzî, dell’impegno sano e generoso dei carismi.

Leggi tutto

Storie

Claudio Chieffo e la sua musica per la vita

Claudio Chieffo è una di quelle “dimenticanze” a cui ci abituati il secolarismo contemporaneo. Perché se sei cristiano – e scegli di professare la tua fede attraverso l’arte o la letteratura in modo diretto – non ti viene dato quel rilievo che meriteresti. Nemmeno se ti onora della tua amicizia uno come Guccini. Nemmeno se riesci a rendere pensoso uno come Gaber, che diceva: «Nelle canzoni di Claudio c’è un’onestà, una pulizia, un amore naìf che fa pensare. Siamo profondamente diversi, non solo per le sicurezze che lui ha e che io non ho, ma soprattutto perché nelle sue canzoni lui non fa mistero delle sue certezze». Stupirsi di questa “dimenticanza” del mondo laico vorrebbe dire non aver compreso nulla del Cristianesimo. Indignarsi meno ancora. Zittire le voci che inquietano è, da sempre, provare a zittire la Voce, l’unica, che rivela l’uomo a se stesso. Si suppone (ma la speranza è sempre in modalità on per chi professa Cristo) che non ci saranno tributi televisivi di un certa rilevanza nazionale per i 10 anni dalla sua morte, il 19 Agosto prossimo. Come se non avesse mai avuto un pubblico. Ma ci sarà una Messa, celebrata da mons. Luigi Negri. E si può essere certi che a lui, dov’è ora, questo “ricordo” piacerà anche più di un tributo.

Leggi tutto

Chiesa

Obbedienza e virtù

La nostra civiltà complessa è fatta di corpi intermedi che si reggono sul principio di autorità. E ciò esige che le decisioni siano centralizzate, e che la struttura organizzativa abbia una funzione esecutiva. Ma per eseguire non occorre pensare. Per fabbricare bombe al fosforo non occorre pensare. Basta eseguire i compiti assegnati. Sicché, se Eichmann fu colpevole, furono colpevoli allo stesso modo tutti coloro che resero possibili, con la loro obbedienza acritica, quelli e/o altri crimini.

Leggi tutto

Società

Per far crescere l’homunculus occidentalis

Avanza e si impone, a ogni livello della società, la tipica pretesa del fanciullo viziato: ereditare senza impegno gli agi, le sicurezze e i vantaggi della civiltà, considerati come diritti acquisiti una volta per tutte e senza sforzo. Vellicare un tale impulso è una spinta ad incoraggiare i comportamenti antisociali, equivale ad assecondare le tendenze incivili che ogni sana educazione si propone, all’opposto, di arginare e di disciplinare.

Leggi tutto

Politica

Famiglia vuol dire lavoro

Con la paghetta di papà e una mancetta dalla pensione di nonna, il giovane italiano si forma in un contesto deresponsabilizzante in cui la politica sta dando il colpo di grazia: puoi fare il premier a caso raccolto per strada in una riffa, il vicepremier senza uno straccio di laurea che ti chiedono ormai pure per fare l’impiegato di quinto livello, spiegare agli studenti come affrontare l’esame di maturità senza aver mai fatto manco l’esame di maturità. In campagna elettorale ti prometto ottocento euro al mese per il tuo non fare niente e io gioco è fatto, l’area territoriale del Paese dove c’è il 47% di disoccupazione giovanile ti darà il 47% dei voti.

Leggi tutto

Politica

Verona, Roma, Vaticano: le tre giornate sull’aborto

Chiunque si permette di mettere in discussione “conquiste” consolidate viene linciato

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano