Media

di Mario Adinolfi

O capiamo o moriamo

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Il 20 settembre esce il mio nuovo libro: “O capiamo o moriamo”. Ve lo dico con un po’ di anticipo perché è una creatura a cui tengo molto, il mio ritorno in libreria dopo “Voglio la mamma” che ormai ha quasi quattro anni e scrivere un libro con la cadenza dei mondiali di calcio era uno dei miei sogni da bambino che ha sempre pensato che avrebbe vissuto scrivendo. Si tratta di un libro che parla di vita, d’amore e di morte, partendo dalla lezione di due scrittori francesi atei, marxisti eppure lucidissimi: Michel Onfray e Michel Thomas, più noto con il suo pseudonimo, Michel Houellebecq. Ho scelto una tonalità da romanzo in un saggio, in cui cerco di far comprendere che quanto affermava il cardinale Biffi sull’Europa che se non sarà ricristianizzata sarà definitivamente islamizzata è totalmente vero. L’arma non sarà il terrorismo, ma la demografia che è scienza inesorabile come la matematica: se negli ultimi due anni sono morti seicentomila italiani più di quanti ne siano nati e gli islamici con il 7% della popolazione residente hanno fatto il 25% dei figli, la fine è scritta. Saremo la generazione responsabile della fine di una civiltà (lo scrive Onfray) e la Sharia “addolcita” che sostituirà gli ordinamenti giuridici fondati sulla radice giudaico-cristiana piacerà alle élites, come profetizzato in “Sottomissione” di Houellebecq, con il suo mix di poligamia legalizzata e autoritarismo. È chiaro che collaboreranno alla resa l’esplosione e la legalizzazione dei falsi miti di progresso: ideologia gender, aborto, eutanasia e cultura necrofila tipica dell’Europa del nostro tempo. L’alternativa, titanica missione, è essere cristiani per non soccombere. Ma Cristiani davvero, difensori di un’identità religiosa che è anche nazionale che sventoli il vessillo del nostro ordinamento giuridico bimillenario in faccia a quello dei barbari che vogliono avanzare e travolgerci. Onfray scrive spiegando che con la civiltà del “rock e dei fumetti, dell’aborto e del divorzio” non si sopravvive nel conflitto di civiltà incipiente “perché nessuno è disposto a morire per un iPhone”. In “O capiamo a moriamo” spiego che l’attacco sarà più subdolo e a tenaglia: scava sotto con la fragile libertà occidentale fondata sull’apericena e attacca da sopra con i numeri schiaccianti della demografia. Moriremo non per mano violenta ma carichi d’anni dovendo però ascoltare nei nostri ultimi istanti la nenia di un muezzin rilanciata dagli altoparlanti, mentre alla TV ci spiegheranno com’è bella la voce dei trans che si tagliano i coglioni da soli, metafora perfetta della nostra società destinata ad essere travolta perché ormai inneggiante agli eunuchi (il califfo Al Muqtadi già nel X secolo si vantava a Baghdad di possederne quattromila, tutti greci). Oppure capiremo e ci salveremo almeno l’anima. Ci si vede in libreria il 20 settembre 2017, se Dio vuole, con “O capiamo o moriamo”.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

02/05/2017
2208/2019
Beata Vergine Maria Regina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

LA FINE DEL RICATTO DEL VOTO UTILE

La mobilitazione e la campagna elettorale del Popolo della Famiglia partono sabato 28 gennaio alle ore 15 dal teatro Eliseo a Roma. Grillo, Salvini, Meloni e Renzi dicono di voler votare l’11 giugno. Ci faremo trovare pronti e se si dovesse votare in autunno saremo pronti lo stesso. Pronti a chiedere consenso a chi vuole difendere la famiglia, promuovendola a priorià politico-programmatica: prima la famiglia, prima i figli, prima il diritto di ogni bambino ad avere una mamma e un papà, prima la natalità, prima il diritto assoluto di ogni persona a nascere e che i medici curino e non uccidano. Chi vuole battere i falsi miti di progresso diventi un protagonista del Popolo della Famiglia a partire dalla partecipazione all’assemblea nazionale di sabato a Roma, punto di avvio di una campagna che ci porterà lontano.

Leggi tutto

Chiesa

La sussidiarietà nella Dottrina sociale della Chiesa

Il 18 maggio si terrà a Roma il secondo appuntamento della “Scuola di Dottrina sociale della Chiesa per dirigenti e iscritti del Popolo della Famiglia”. Oltre a Giovanni Marcotullio e Fabio Torriero, che parleranno rispettivamente di “Corretta laicità della politica” e “Comunicazione efficace dei principi non negoziabili”, Giuseppe Brienza terrà una relazione sul tema “L’articolazione sussidiaria del potere politico”, che qui anticipiamo in sintesi. L’incontro di questa settimana sarà seguito da altre tre sessioni con termine del corso 28 giugno

Leggi tutto

Chiesa

Il convegno di Siracusa raccontato da chi c’è stato

Oltre i soliti zelanti allarmismi di certo mondo reazionario si erge la parrhesía di Antonio Staglianò

Leggi tutto

Politica

PDF le cinque cose da fare subito

L’assemblea nazionale ha incaricato due commissioni (presiedute da Nicola Di Matteo e Fabio Torriero) di indicare candidati e programma del Popolo della Famiglia per le prossime elezioni politiche

Leggi tutto

Politica

Riflessioni a mente fredda

Ora la domanda è: perché? Perché passano i giorni e ancora sembra essere ossessiva l’attenzione nei nostri confronti, nei confronti del nostro risultato? Se fosse stato così trascurabile come qualcuno a caldo ha provato a dire, non saremmo finiti subito nel dimenticatoio con una prece e un fiore sulla tomba? Riflettendo a mente fredda possiamo provare a darci alcune spiegazioni.

Leggi tutto

Società

L’Irlanda s’incammina sulla scia del resto dell’Europa occidentale verso la “cultura della morte”

Iil 25 maggio 2018 rappresenta un passaggio destinato a segnare un’epoca: l’Irlanda, terra di secolari radici cristiane, s’incammina sulla scia del resto dell’Europa occidentale verso la “cultura della morte”. Crediamo, però, abbia gli anticorpi per scuotersi finalmente e risalire la china.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano