Politica

di Mario Adinolfi

AGNESE E LO STERMINIO

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ho visto Agnese Renzi correre a Pontassieve in un evento a favore dei bimbi con sindrome di Down e mi viene da ricordare agli amici del Pd che la loro cultura abortista, la continua minaccia di cancellare il diritto all’obiezione di coscienza per i medici, i loro eletti alla Silvio Viale che si fanno i poster elettorali inneggiando alla RU486, sono corresponsabili dello sterminio nazista dei bimbi con sindrome di Down in Europa: su 100 concepiti, 92 vengono abortiti. Il Copenhagen Post scrive orgoglioso che “la Danimarca sarà il primo paese a non avere neanche un singolo cittadino affetto da sindrome di Down” grazie al progetto governativo Down Syndrome Free 2020, realizzato grazie ad una nuova formula di diagnosi prenatale non invasiva (si chiama NIPT) che da una goccia di sangue della donna incinta rileva il rischio di nascita di un bimbo con Trisomia 21. Bene, con questa “innovazione” e con una campagna abortista martellante, degli oltre 1.800 bambini con sindrome di Down concepiti in Danimarca ne sono nati 38 (il 2%), di cui solamente 2 per preciso volere dei loro genitori, gli altri 36 vengono descritti come “errori medici di valutazione”. Cioè sono nati per grazia di Dio. Al Copenhagen Post non farà piacere sapere però che nella corsa nazista allo sterminio la Danimarca è stata surclassata dall’Islanda, dove l’aborto per i bambini con diagnosi prenatale che fa emergere la Trisomia 21 riguarda il 100% dei casi e “da cinque anni non nascono i Down”. Evviva. Inutile ricordare che la Danimarca è il primo paese europeo ad aver legalizzato le unioni civili gay (1989) e come in Islanda vengono consentite formazioni familiari derivanti da utero in affitto: il bambino, insomma, è per quegli ordinamenti giuridici una “cosa” acquistabile appartenente agli acquirenti. In una visione antropologica e giuridica di questo tipo ovviamente la “cosa” fallata va eliminata. E qui non regge neanche la consueta opzione lacrimevole per cui i bimbi Down verrebbero eliminati “per il loro bene” secondo il mantra logicamente folle che supporta da anni la cultura nichilista, eutanasica e dell’aborto “terapeutico”. No, perché una inchiesta recente svolta da NBC News (dunque da una realtà laica, indipendente, nota worldwide) certifica che il 99% dei Down si dichiara “felice della propria vita”, il 96% anche del proprio “aspetto estetico”. Ma nella società del botox e dell’acido ialuronico, dei diktat dell’apparenza con modelli obbligatori imposti dall’industria della pubblicità e del porno, noi “normali” non vogliamo ammettere la verità: vogliamo lo sterminio dei bimbi Down perché disturbano la nostra vista. Stiamo procedendo a eliminare dalla faccia della terra un preciso gruppo di persone, perché il loro aspetto estetico non ci piace. Se non è nazismo questo, spiegatemi cosa lo è. E quando un video ha cominciato a circolare per sostenere la nascita dei bimbi Down, televisioni pubbliche come quella francese ne hanno vietato la trasmissione perché “potrebbe turbare le donne”, cioè farle riflettere sulla decisione di abortire, visto che anche la Francia dell’égalité governata dal presidente socialista amico di Renzi ha deciso che i Down sono meno uguali degli altri e devono morire in grembo, perché sono brutti e rappresentano un costo per il welfare. Agnese, correre con una maglietta caruccia è un bel gesto, ma contro i nazisti silenziosi del nostro tempo l’unica arma è provare a far circolare la verità e a testimoniarla perché oggi chi legge questo testo non può più dire di non sapere che i campi di sterminio sono aperti e attivi e contro questa roba non basta una maratonina per lavarsi la coscienza.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

02/05/2017
1909/2019
S. Gennaro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Come evitare gli aborti

I dati della Comunità Papa Giovanni XXIII, che interviene a sostegno delle donne che intendono abortire, dimostrano che si potrebbe ridurre significativamente la piaga dell’interruzione volontaria di gravidanza

Leggi tutto

Politica

Perchè entrare nel PDF è come aiutarne la diffusione

L’idea di incentrare la battaglia a partire dalla difesa della famiglia, prima struttura organizzativa e società naturale, è rivoluzionaria ma, al tempo stesso, è sempre stata considerata importantissima dalla dottrina cattolica, basti ricordare San Giovanni Paolo II per il quale la famiglia rappresenta il prisma da cui interpretare e articolare tutti gli interventi nella società umana.

Leggi tutto

Storie

Charlie è ancora vivo

Le autorità inglesi in Italia hanno risposto e hanno dato l’e-mail dell’ospedale. [email protected]
Mandiamo migliaia di e-mail gentili ma forti tipo
Britain is a civilised country and cannot allow the killing of an innocent baby.
The day Charlie would be killed would be a very sad day for Britain and every Briton should feel ashamed,
Do not allow it, Charlie could be your son,
Le autorità inglesi in Italia hanno risposto e hanno dato l’e-mail dell’ospedale. [email protected]
Mandiamo migliaia di e-mail gentili ma forti tipo
La Gran Bretagna è un paese civile e non può permettere l’uccisione di un bambino innocente.
Il giorno in cui charlie sarebbe stato ucciso sarebbe stato un giorno molto triste per la Gran Bretagna e tutti gli inglesi avrebbero dovuto vergognarsi.
Non lo permetta, Charlie potrebbe essere suo figlio.

Leggi tutto

Storie

LGBT, come ti “proteggo” l’abusato

La Yorkshire Mesmac è ufficialmente un’associazione filantropica del terziario dedicata alla protezione di quanti hanno subito violenze sessuali e/o hanno contratto malattie sessualmente trasmissibili. Il caso scoppia perché viene fuori che la policy dell’associazione non sa dire una parola chiara sui rapporti sessuali tra i propri volontari e i propri utenti. Insomma, in tempo di guerra…

Leggi tutto

Chiesa

A 25 anni dal primo duro anatema alla mafia

Oggi la Chiesa agrigentina fa memoria del giubileo dalla visita di San Giovanni Paolo II. Arrivò e rimase nella Valle dei Templi l’8 e il 9 maggio 1993. Tutti ricordano monsignor Marini che tradisce una tensione stellare, alle spalle del roccioso pontefice slavo: oggi tutti i vescovi siciliani si ritroveranno alle 18:00 per una celebrazione eucaristica al Tempio della Concordia.

Leggi tutto

Chiesa

Giovani, emergono padri sinodali in gamba

Muove i primi passi, in Vaticano, il “sinodo sui giovani” (e la fede e il discernimento vocazionale), e se certe testate a caccia di click raccontano il solito episcopato proteso all’erosione delle salutari esigenze della vocazione cristiana la realtà dei fatti dice anche altro: presentiamo ai lettori italiani il vescovo di Los Angeles. Giovane, fresco, comunicativo. E felicemente sodo nei contenuti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano