Politica

di Mario Adinolfi

AGNESE E LO STERMINIO

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ho visto Agnese Renzi correre a Pontassieve in un evento a favore dei bimbi con sindrome di Down e mi viene da ricordare agli amici del Pd che la loro cultura abortista, la continua minaccia di cancellare il diritto all’obiezione di coscienza per i medici, i loro eletti alla Silvio Viale che si fanno i poster elettorali inneggiando alla RU486, sono corresponsabili dello sterminio nazista dei bimbi con sindrome di Down in Europa: su 100 concepiti, 92 vengono abortiti. Il Copenhagen Post scrive orgoglioso che “la Danimarca sarà il primo paese a non avere neanche un singolo cittadino affetto da sindrome di Down” grazie al progetto governativo Down Syndrome Free 2020, realizzato grazie ad una nuova formula di diagnosi prenatale non invasiva (si chiama NIPT) che da una goccia di sangue della donna incinta rileva il rischio di nascita di un bimbo con Trisomia 21. Bene, con questa “innovazione” e con una campagna abortista martellante, degli oltre 1.800 bambini con sindrome di Down concepiti in Danimarca ne sono nati 38 (il 2%), di cui solamente 2 per preciso volere dei loro genitori, gli altri 36 vengono descritti come “errori medici di valutazione”. Cioè sono nati per grazia di Dio. Al Copenhagen Post non farà piacere sapere però che nella corsa nazista allo sterminio la Danimarca è stata surclassata dall’Islanda, dove l’aborto per i bambini con diagnosi prenatale che fa emergere la Trisomia 21 riguarda il 100% dei casi e “da cinque anni non nascono i Down”. Evviva. Inutile ricordare che la Danimarca è il primo paese europeo ad aver legalizzato le unioni civili gay (1989) e come in Islanda vengono consentite formazioni familiari derivanti da utero in affitto: il bambino, insomma, è per quegli ordinamenti giuridici una “cosa” acquistabile appartenente agli acquirenti. In una visione antropologica e giuridica di questo tipo ovviamente la “cosa” fallata va eliminata. E qui non regge neanche la consueta opzione lacrimevole per cui i bimbi Down verrebbero eliminati “per il loro bene” secondo il mantra logicamente folle che supporta da anni la cultura nichilista, eutanasica e dell’aborto “terapeutico”. No, perché una inchiesta recente svolta da NBC News (dunque da una realtà laica, indipendente, nota worldwide) certifica che il 99% dei Down si dichiara “felice della propria vita”, il 96% anche del proprio “aspetto estetico”. Ma nella società del botox e dell’acido ialuronico, dei diktat dell’apparenza con modelli obbligatori imposti dall’industria della pubblicità e del porno, noi “normali” non vogliamo ammettere la verità: vogliamo lo sterminio dei bimbi Down perché disturbano la nostra vista. Stiamo procedendo a eliminare dalla faccia della terra un preciso gruppo di persone, perché il loro aspetto estetico non ci piace. Se non è nazismo questo, spiegatemi cosa lo è. E quando un video ha cominciato a circolare per sostenere la nascita dei bimbi Down, televisioni pubbliche come quella francese ne hanno vietato la trasmissione perché “potrebbe turbare le donne”, cioè farle riflettere sulla decisione di abortire, visto che anche la Francia dell’égalité governata dal presidente socialista amico di Renzi ha deciso che i Down sono meno uguali degli altri e devono morire in grembo, perché sono brutti e rappresentano un costo per il welfare. Agnese, correre con una maglietta caruccia è un bel gesto, ma contro i nazisti silenziosi del nostro tempo l’unica arma è provare a far circolare la verità e a testimoniarla perché oggi chi legge questo testo non può più dire di non sapere che i campi di sterminio sono aperti e attivi e contro questa roba non basta una maratonina per lavarsi la coscienza.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

02/05/2017
1311/2019
San Diego

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

“Donazioni remunerate”, così si pagano i feti

«Tutto ciò che offriamo è roba fresca: tessuto cardiaco, occhi, tessuto neurale… la gente vuole spine dorsali… oh – termina con un sorriso – e le gonadi!». Così ha parlato la dottoressa Carolyn Westhoff, ignara di prestarsi all’obiettivo del Center for Medical Progress: dopo di lei Deborah VanDerhei spiega che «non c’è policy», perché se ci fosse «potrebbe distruggerci tutti»

Leggi tutto

Storie

Le donne africane non hanno bisogno di aborto

Una giovane nigeriana crea un’organizzazione prolife per opporsi alla “Bill & Melinda Gates Foundation” nei suoi intenti “filantropici” (ossia di controllo delle nascite – dei poveri del mondo). Lo scopo di Culture of Life Africa è dissuadere i “filantropi” dai loro propositi. La lettera di Obianuju a Melinda Gates è un testo di magistero della vita e di resistenza al pensiero unico.

Leggi tutto

Politica

Strage di Bologna: Mambro, Fioravanti e l’Italia che non sa

Non sono un giustizialista, non proverei libidine nel vederli ai ceppi. Ma un po’ il mondo l’ho girato e mi rendo conto che una storia come questa possiamo raccontarla solo noi in Italia. Mettono una bomba nella sala d’aspetto di una stazione, uccidono nella maniera più vigliacca possibile una valanga di bambini, donne, anziani. Non in un grado di giudizio, non un solo giudice, ma una marea di giudici fino alla Cassazione indicano in Francesca Mambro e Giusva Fioravanti gli esecutori materiali della strage. Il 23 novembre 1995 la Repubblica italiana certifica con il terzo grado di giudizio la sentenza definitiva di colpevolezza, nel 1998 la Mambro è già in semilibertà, Fioravanti poverino deve aspettare il 1999. Lo sapevate? Ve l’hanno mai detto? Ve lo immaginate che possa accadere negli Stati Uniti d’America o in qualsiasi paese civile che i condannati per la strage più grave della storia di quel paese, a tre anni dalla sentenza definitiva possano camminare liberi per il centro della capitale? Il tutto, attenzione, senza mai aver collaborato con la giustizia, avendo mantenuto sempre orgogliosamente le bocche cucite e forse il premio è arrivato proprio per questo.

Leggi tutto

Storie

Addio a Stephen, genio disabile

È morto all’età di 76 anni Stephen Hawking, uno dei più grandi scienziati del pianeta e sicuramente il più noto fra quelli contemporanei. La sua disabilità, combinata con una determinazione indomabile, ne ha fatto
un’icona d’ispirazione per molti. Inafferrabile in ogni schema, dotato di fine umorismo e provato da una vita personale non sempre rosea, ci mancherà.

Leggi tutto

Storie

The shout of Ireland: “Let Them Live!”. Interview with Emily Faulkner

A group of American pro-lifers travelled from the US to lend their support to the anti-abortion referendum on the Eight Amendment

Leggi tutto

Politica

Le ragioni di un popolo che si è messo in cammino

Lunga intervista in presa diretta con il direttore del nostro quotidiano, nella veste politica di fondatore e presidente del Popolo della Famiglia: a porgli le domande e raccogliere le risposte è Paul Freeman, il coordinatore dell’Associazione Culturale Cattolica Zammeru Maskil, editrice del noto sito “ilcattolico.it”. La conversazione spazia dalle motivazioni che hanno portato alla fondazione del movimento politico alle ragioni che ne suggeriscono il suo assetto attuale. Il PdF si rifà a un’eredità politica e culturale in cui l’era del personalismo dei leader era ancora di là da venire.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano