Politica

di Mario Adinolfi

AGNESE E LO STERMINIO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ho visto Agnese Renzi correre a Pontassieve in un evento a favore dei bimbi con sindrome di Down e mi viene da ricordare agli amici del Pd che la loro cultura abortista, la continua minaccia di cancellare il diritto all’obiezione di coscienza per i medici, i loro eletti alla Silvio Viale che si fanno i poster elettorali inneggiando alla RU486, sono corresponsabili dello sterminio nazista dei bimbi con sindrome di Down in Europa: su 100 concepiti, 92 vengono abortiti. Il Copenhagen Post scrive orgoglioso che “la Danimarca sarà il primo paese a non avere neanche un singolo cittadino affetto da sindrome di Down” grazie al progetto governativo Down Syndrome Free 2020, realizzato grazie ad una nuova formula di diagnosi prenatale non invasiva (si chiama NIPT) che da una goccia di sangue della donna incinta rileva il rischio di nascita di un bimbo con Trisomia 21. Bene, con questa “innovazione” e con una campagna abortista martellante, degli oltre 1.800 bambini con sindrome di Down concepiti in Danimarca ne sono nati 38 (il 2%), di cui solamente 2 per preciso volere dei loro genitori, gli altri 36 vengono descritti come “errori medici di valutazione”. Cioè sono nati per grazia di Dio. Al Copenhagen Post non farà piacere sapere però che nella corsa nazista allo sterminio la Danimarca è stata surclassata dall’Islanda, dove l’aborto per i bambini con diagnosi prenatale che fa emergere la Trisomia 21 riguarda il 100% dei casi e “da cinque anni non nascono i Down”. Evviva. Inutile ricordare che la Danimarca è il primo paese europeo ad aver legalizzato le unioni civili gay (1989) e come in Islanda vengono consentite formazioni familiari derivanti da utero in affitto: il bambino, insomma, è per quegli ordinamenti giuridici una “cosa” acquistabile appartenente agli acquirenti. In una visione antropologica e giuridica di questo tipo ovviamente la “cosa” fallata va eliminata. E qui non regge neanche la consueta opzione lacrimevole per cui i bimbi Down verrebbero eliminati “per il loro bene” secondo il mantra logicamente folle che supporta da anni la cultura nichilista, eutanasica e dell’aborto “terapeutico”. No, perché una inchiesta recente svolta da NBC News (dunque da una realtà laica, indipendente, nota worldwide) certifica che il 99% dei Down si dichiara “felice della propria vita”, il 96% anche del proprio “aspetto estetico”. Ma nella società del botox e dell’acido ialuronico, dei diktat dell’apparenza con modelli obbligatori imposti dall’industria della pubblicità e del porno, noi “normali” non vogliamo ammettere la verità: vogliamo lo sterminio dei bimbi Down perché disturbano la nostra vista. Stiamo procedendo a eliminare dalla faccia della terra un preciso gruppo di persone, perché il loro aspetto estetico non ci piace. Se non è nazismo questo, spiegatemi cosa lo è. E quando un video ha cominciato a circolare per sostenere la nascita dei bimbi Down, televisioni pubbliche come quella francese ne hanno vietato la trasmissione perché “potrebbe turbare le donne”, cioè farle riflettere sulla decisione di abortire, visto che anche la Francia dell’égalité governata dal presidente socialista amico di Renzi ha deciso che i Down sono meno uguali degli altri e devono morire in grembo, perché sono brutti e rappresentano un costo per il welfare. Agnese, correre con una maglietta caruccia è un bel gesto, ma contro i nazisti silenziosi del nostro tempo l’unica arma è provare a far circolare la verità e a testimoniarla perché oggi chi legge questo testo non può più dire di non sapere che i campi di sterminio sono aperti e attivi e contro questa roba non basta una maratonina per lavarsi la coscienza.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/05/2017
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le quattro leggi a cui dobbiamo opporci

Quattro disegni di legge potrebbero essere approvati dal Parlamento, dobbiamo rendere evidente una opinione pubblica che si oppone e la Chiesa si sta muovendo

Leggi tutto

Media

A Sanremo il gotha dei locatori di uteri

Propagandare in Italia la pratica dell’utero in affitto, anche solo pubblicizzarla, è reato passibile di due anni di carcere e un milione di euro di multa. Caro Carlo, tienilo come promemoria.

Leggi tutto

Società

Riguardo a donne e discriminazione

Molto più fecondamente che appellandosi all’incomprensibile nozione di “omofobia”, si contrasterebbe il bullismo stigmatizzando e perseguendo legalmente l’ipotetico reato di “androfobia” e “ginecofobia”: è nel rifiuto della realtà umana così come si dà che si annida il germe dell’odio che poi esplode negli atti di violenza verbale, psichica e/o fisica

Leggi tutto

Politica

Volete o non volete cambiare il Paese?

Il Popolo della Famiglia lancia la proposta a tutti gli uomini e le donne “liberi e forti” d’Italia: ora impegnarsi in prima persona

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia è la sola alternativa

Il Popolo della famiglia, oggi sta continuando a seminare. Oggi mette sempre al centro la buona politica: il fare per l’altro. Oggi continua sempre di più il suo operato. Ci siamo e stiamo continuando a radicarci in tutto il territorio italiano e nelle politiche del 4 Marzo, nonostante tutto e tutti ci siamo presentati in autonomia, 220mila persone hanno sbarrato il nostro simbolo. 220 mila per molti una sconfitta ma per noi, per me rappresentano un INIZIO. Alle amministrative abbiamo superato in molti comuni l’1% e non è scontato.

Leggi tutto

Società

Corinaldo e le tre mele avvelenate

La distruzione, come in una gotica fiaba di Biancaneve, è veicolata da tre mele avvelenate che rappresentano tre dipendenze. Il brutto è che sono dipendenze diffusissime. Il bello è che si possono combattere, come tutte le dipendenze. Le tre mele avvelenate sono: l’alcool, la droga, la bulimia di denaro. Parto da quest’ultima: si è diffuso nel mondo musicale legato proprio a rap e trap questo metodo del cosiddetto dj set. Il dj set non è un concerto vero e proprio, il cosiddetto artista si fa vedere in tre o anche quattro location differenti nella stessa sera, “canta” due o al massimo tre pezzi, i più noti, si fa pagare un cachet stellare, sempre a cinque cifre. ....

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano