Politica

di Davide Vairani

Francia, ha vinto un massone

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

A guardare i giornali e i principali media europei di questi ultimi giorni la Francia e l’Europa tirano un sospiro di sollievo grazie all’incoronazione sullo scranno dell’Eliseo di Emmanuel Macron. Con Macron – scongiurata l’avanzata del populismo del Front Nazional di Marine le Pen- , l’asse franco-tedesco appare rafforzato nell’ottica di una Unione Europea più solida e stabile. Almeno questo è il mainstreming che ne esce e che si vuole imporre.Sarebbe miope - tuttavia – fermarsi ai meri numeri usciti dalle urne francesi. È infatti fuori di dubbio la vittoria netta di Macron: 66% (20.753.797 di voti) contro il 34% della sfidante Le Pen (fermatasi a 10.644.118 voti). Per approvare alcune delle misure più controverse del suo programma, Macron avrà bisogno di una larga maggioranza in Parlamento e non è detto che la ottenga alle legislative per eleggere il nuovo Parlamento. Una tornata elettorale che ha un’importanza non inferiore a quella per la scelta del presidente della Repubblica, visto che si tratterà di decidere con quale agibilità politica Macron potrà governare il paese per i prossimi cinque anni. Le elezioni legislative si terranno l’11 giugno (il primo turno) e il 18 giugno (i ballottaggi), per rinnovare i 577 seggi dell’Assemblea Nazionale. Il sistema elettorale francese per l’elezione del Parlamento è un sistema a doppio turno, che prevede che nei singoli collegi vadano al ballottaggio i candidati che hanno ottenuto il 12,5% dei voti. E il nuovo inquilino dell’Eliseo corre il rischio di ritrovarsi senza una maggioranza in Parlamento. Molto più che dalle presidenziali, la stabilità politica della Francia dipenderà proprio dalle elezioni per l’Assemblea nazionale.

Per quali motivi Macron rischierebbe di non avere una maggioranza robusta? Intanto, per una ragione che riguarda il sistema francese stesso e la sua storia. Il sistema istituzionale della Quinta Repubblica - costruito attorno a un presidente monarca e all’alternanza dei due grandi partiti tradizionali (quello gollista e quello socialista)- è di fatto saltato. Macron ha vinto con un movimento completamente nuovo, abilmente costruito sugli errori e lo sfilacciamento degli storici competitor, non ancora passato per le forche caudine delle urne. La domanda è quanta presa sul territorio potrà avere una forza politica fluida e allo stato nascente come quella che il nuovo capo dello Stato ha fondato un anno fa e che lo ha portato all’Eliseo. Inoltre, se nella storia della Quinta Repubblica la Francia ha sperimentato diverse volte la formula della coabitazione, ma non ha mai dovuto ricorrere alle grandi coalizioni su modello tedesco (une grande rassemblement costituito da partiti con idee e programmi profondamente differenti tra loro). Il che rende lo scenario possibile molto aperto. Non si tratta tanto di tifare pro o contro Macron, ma di comprendere – numeri alla mano – che l’esperienza di queste presidenziali francesi ci consegna l’immagine plastica della necessità sempre più urgente di un ripensamento radicale della politica, sia nelle sue forme tradizionali che nei contenuti: una lezione che vale per tutti i Paesi europei. È sufficiente andare a leggere fino in fondo i dati che le urne francesi hanno consegnato. Il Figaro non a caso ci si sofferma (“Un Français sur trois a voté blanc ou s’est abstenu”). L’astensione ha raggiunto livelli mai visti precedentemente in Francia durante le elezioni presidenziali: il 25.38% contro il 22.23% nel primo turno. Almeno non dal 1969, quando il duello fu Pompidou-Poher (31,15%). Come nel 1969, questa è l’unica volta che l’astensionismo aumenta tra il primo e il secondo turno. Nel 2012, l’astensione al secondo turno fu pari al 19,65%, contro il 16,03% del 2007. Da sottolineare che nel 2002 - quando il Front National ha partecipato al secondo turno per la prima volta nella sua storia - la partecipazione è stata più alta (20.29%). Se poi si guarda al numero di schede bianche (3 milioni equivalenti all’8,49% dei voti) e nulle (1 milione, pari al 3%) - per un totale superiore a 4 milioni di voti che rappresentano quasi il 12% degli elettori -, si registra un nuovo record. Il precedente risaliva sempre al 1969: 6,42% degli elettori aveva scelto o uno scheda bianca o nulla. Già nel 2012, il record era stato quasi superato con il 5,82% degli elettori, cioè 2.154 milioni di schede elettorali. “A differenza del 1969 – scrive Il Figaro -, quando la bassa affluenza alle urne e il numero dei voti bianchi e nulli non sono stati il ​​risultato di una mancanza di sfida per decidere il duello di due candidati di centro-destra, i dati del 2017 mostrano un divario molto più profondo. Lo spaesamento e l’indecisione degli elettori di Jean-Luc Mélenchon e François Fillon hanno indubbiamente pesato, complicando la formazione di un fronte repubblicano. I quattro blocchi che sono apparsi nel primo turno (Macron Le Pen-Fillon-Mélenchon) non sono riusciti a raccogliere la dispersione dei consensi, situazione che potrebbe riapparire nelle prossime elezioni parlamentari, complicando ulteriormente il compito di Emmanuel Macron”.

Non possiamo dimenticare infatti che il giovane leader di “En Marche” ha costruito il suo movimento europeista e pro-mercato da una scissione (a destra) del Partito Socialista Francese solo un anno fa’. Non possiamo dimenticare che al primo turno del 7 maggio lo score dei risultati delle urne mostrava questa situazione: Macron conquistava il 23,8% dei consensi e la Le Pen il 21,6%. Seguiva il Repubblicano François Fillon con il 19,9% e il comunista Jean-Luc Melenchon con il 19,5%. A distanze siderali il socialista Benoit Hamon che si fermava al 6,3% dei consensi. il crollo dei due grandi partiti di massa della Quinta Repubblica Francese. Il candidato del Partito Socialista, ad esempio, passava da 10,2 milioni a 2,2 milioni di voti, spolpato vivo da Macron - che alla prima vera prova da candidato ne ha portato a casa sette milioni abbondanti - e da Melenchon, che rispetto al 2012 ne guadagnava due milioni e mezzo. Un po’ meno peggio - ma nemmeno troppo - andava ai Repubblicains, che hanno lasciato per strada quasi tre milioni di voti, passando dai 9,7 milioni del 2012 ai 7 milioni scarsi del 2017.Il Front National di Marine Le Pen passava nello stesso tempo da 6,5 a 7,5 milioni di voti, conquistando la maggioranza relativa del consenso in 60 dei 95 dipartimenti metropolitani francesi, buona parte dei quali nel nord-est del Paese e nella zona costiera del sud, che nel 2012 avevano premiato lo sconfitto Nicolas Sarkozy. Macron ha saputo certamente approfittare delle debolezze dei suoi avversari, ma è indubbio che la crociata condotta da parte dei poteri forti nazionali e internazionali contro la deriva populista lepeniana abbia dato una pesante e decisiva mano per la vittoria di Macron. Siamo davvero sicuri che la Francia si sia innamorata del giovanissimo Macron e del suo programma al piunto da seguirlo fino in fondo?. Il primo turno e la forte astensione del secondo turno dimostrano che la Francia positiva di Macron rappresenta solo un quarto dei francesi e se questo non inficia la sua importante vittoria, costituisce un ostacolo politico che non sarà facile superare.

Sempre Il Figaro (“Législatives: près d’un Français sur deux souhaite une cohabitation”) riporta un sondaggio Kantar Sofres-OnePoint nel quale si evince che solo il 34% degli intervistati si aspetta che il nuovo capo di Stato avrà “una maggioranza per governare”. Quasi uno su due francesi (49%) vorrebbe che le elezioni dell’11 e 18 giugno possano dare alla Francia “un’altra maggioranza nell’Assemblea” diversa da quella che sembra essere dominata ora da Macron. Il 69% dei francesi ritiene che le elezioni del nuovo Parlamento potrebbero portare ad un risultato diverso, mentre solo il 18% vorrebbero la conferma della leadership di “En Marche”. Per quanto riguarda la probabilità che Emmanuel Macron ottenga la maggioranza dei deputati in Assemblea, il 43% non ci crede, contro il 40% che vogliono crederci. Vero che si tratta di un sondaggio effettuato prima degli esiti finali delle urne, ma alla luce di quanto in precedenza descritto non crediamo che il popolo francese ci abbia ripensato.

L’interesse dei francesi per le prossime elezioni dell’Assemblea nazionale è chiarissimo: il 73% dichiara – è sempre Il Figaro a riportalo – che andrà sicuramente a votare. Questi risultati costituiscono una vera sorpresa istituzionale, dal momento che l’inversione del calendario elettorale - approvata prima delle elezioni del 2002- è stato quello di dare al presidente eletto una maggioranza parlamentare coerente per evitare la coabitazione. Le elezioni parlamentari nel 2002, 2007 e il 2012, con l’effetto di amplificazione del voto a maggioranza, ha risposto a questa logica, che non è affatto quella di oggi.

Approfittando dello stato confusionale destra-sinistra tradizionale destra-sinistra, Emmanuel Macron ha fatto una campagna su tutto lo spettro politico, un posizionamento che probabilmente ha confuso gli elettori francesi. “Una parte degli elettori di Macron, disertori repubblicani o PS, sarebbe ben felice di mandarlo a casa”, dichiara Emmanuel Rivière, direttore dell’istituto di sondaggi sopra citato.

In termini di simulazione di voto nel primo turno dell’elezione del nuovo Parlamento, i candidati della maggioranza presidenziale (“En Marche”! e il MoDEM di François Bayrou) non partono favoriti. Essi sono accreditati con il 24% dei voti, contro il 22% repubblicani candidati alleati con i centristi UDI e il 21% per il FN. I candidati di Mélenchon raccoglierebbero il 15% dei voti, e quelli del Partito Socialista, che continua il suo collasso politico, il 9% dei voti. Se l’accordo elettorale prima del primo turno tra il Benoît Hamon e Yannick Jadot non è rispettato - che è molto possibile - saranno in grossi guai. Lo stesso vale per il Partito Comunista, i cui candidati - senza alleati all’estrema sinistra-, otterrebbe solo l’1% dei voti.

La questione delle alleanze del partito di Macron con altri partiti appare tutt’altro che risolvibile facilmente. Aumenta la confusione. Coloro che vogliono una nuova coabitazione tra il 2017 e il 2022 visualizzato le loro divisioni: il 28% sono per una maggioranza di destra guidata da repubblicani, il 27% suggerisce una maggioranza di sinistra guidata dal Frotn Gauche e il 27% una maggioranza del Front National della le Pen.

Sono solo il 7% a sostenere una maggioranza guidata dal Partito Socialista francese.

Insomma, la situazione in Francia è tutt’altro che risolta. Restano sul piatto le lacerazioni profonde che da anni stanno attraversando il tessuto popolare e che le politiche di Hollande e dell’Unione Europea non sono riuscite né a leggere e tantomeno a risolvere. Staremo a vedere come andrà a finire. Intanto, si faccia tesoro di quanto avvenuto sul piano politico e ci si attrezzi per superare definitivamente il vecchio armamentario destra/sinistra, fascisti/progressisti, populisti/europeisti.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

09/05/2017
2510/2020
S. Gaudenzio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Miseria e ragioni del populismo

Il cosiddetto “populismo” è un fenomeno ambiguo. Se da una parte esprime la rivolta del senso comune contro la nuova oligarchia che ha omologato destra e sinistra, dall’altra pare condividere lo stesso patrimonio genetico (fatto di materialismo e individualismo) di questa élite altezzosa. Perciò non rappresenta una reale alternativa ma piuttosto un prodotto della “postdemocrazia”. Nelle parole di papa Francesco sta la vera alternativa

Leggi tutto

Media

L’ Europa contesa fra transumanisti e bioconservatori

Cosa è avvenuto alla seconda festa nazionale de La Croce: cosa resta dei diritti umani nel Vecchio Continente?

Leggi tutto

Storie

PLANNED PARENTHOOD FONDI A CHI INDAGA

Con la vittoria del Presidente eletto Donald Trump, l’aria in America forse sta cambiando. Pochi giorni fa, il Select Panel on Infant Lives, insediatosi in seno alla Camera dei Rappresentanti dopo la scoperta dell’affaire Planned Parenthood, ha reso nota una lista di organizzazioni che praticano aborti tardivi e commerciano parti anatomiche dei feti (una pratica che, è bene ricordarlo, le leggi federali, valide su tutto il territorio della nazione, vietano esplicitamente). L’elenco delle istituzioni che sfruttano questo business della morte comprende, tra le altre, l’Università del New Mexico, che ha acquistato tessuti provenienti da feti abortiti tardivamente in una clinica di Albuquerque; una clinica dell’Arkansas, che vendeva i resti dei bimbi non nati a StemExpress, un centro di ricerca sulle staminali con sede in California, che sul suo sito internet non ha remore a dichiarare che «i prodotti di StemExpress, derivati da tessuti umani, variano dai tessuti sani a quelli malati, da quelli dei feti a quelli degli adulti»; e poi, ancora, un’università dell’Ohio, anch’essa coinvolta in questo florido commercio; la DVBiologics, della Contea di Orange in California, che non solo trafficava parti di feti, ma non pagava nemmeno le tasse sulle transazioni; e la stessa Planned Parenthood texana, in affari con l’Università del Texas

Leggi tutto

Politica

Sylviane Agacinsky sfida Emmanuel Macron sull’utero in affitto

La Francia si appresta al primo turno di voto alle presidenziali. Certa l’uscita dell’attuale presidente socialista Francois Hollande che lascia con il minimo storico dei consensi, ai suoi eredi il compito di risanare l’economia francese e soprattutto di annientare il terrorismo islamico

Leggi tutto

Società

A proposito della dichiarazione di Parigi

Sulle colonne di questo giornale ci pregiammo di pubblicare la “dichiarazione di Parigi”, che il 13 ottobre scorso un gruppo di luminari europei (grandi assenti gli italiani) ha firmato: in essa – il titolo recitava “Un’Europa in cui possiamo credere” – i massimi intellettuali del vecchio continente muovevano acutissime critiche all’establishment tecnocratico. A distanza di un buon mese, vogliamo tornare su quella pagina e rileggerla con occhio attento e critico.

Leggi tutto

Società

La Francia in piazza per la vita

La mancanza di un progetto genitoriale espone il feto alla concreta possibilità dello scarto. Essendo stata negata la sua esistenza, l’essere soltanto «nella carne» è destinato ad essere patologizzato e assimilato a un tumore. Si scava così un abisso incolmabile tra il feto come accidente, considerato come qualcosa di contingente nel corpo della donna, e il feto «umanizzato» dalla parola della madre. Il problema è che, scrive Boltanski, «gli esseri nella carne non possono essere distinti dagli esseri per la parola». Se «ciò che costituisce un essere umano non è il feto, iscritto nel corpo, ma la sua adozione simbolica», «questa adozione suppone la possibilità di una discriminazione tra embrioni per nulla distinguibili».

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano