Società

di Lucia Scozzoli

Una ciurma di genitori dia la caccia alla belena blu

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

La Balena Blu avanza nel web e fa vittime. Questo curioso nome è ispirato al grande cetaceo che si va a spiaggiare da solo quando sente avvicinarsi la morte, ed è un chiaro presagio del finale riservato a chi si avventura nel gioco che avviluppa adolescenti depressi fino a spingerli al suicidio.
Questo macabro percorso comprende 50 prove: le prime di solito inoffensive – fai felice qualcuno, di’ ti amo a qualcuno, parla con uno sconosciuto per strada – ma poi si passa di grado – svegliarsi di notte per ascoltare musiche tristi, ferirsi, non parlare con nessuno, salire su una gru, tagliarsi – fino a quella finale di uccidersi, seguendo le istruzioni del proprio tutor via web. Vige una sola regola: non si può abbandonare a metà strada, altrimenti l’amministratore renderebbe pubblici i dati personali dei giocatori e si rifarebbe sulle loro famiglie.
La terribile sfida è nata due anni fa in Russia da un trio di ragazzi oggi in prigione, che non hanno saputo dare spiegazioni credibili per giustificare la propria invenzione. Ma hanno pensato a tutto, al logo, alle musiche e alle domande in crescendo e sempre legate al tema della morte. Inoltre per passare alla prova successiva è necessario cancellare tutte le foto relative alla prova superata, e anche per questo gli inquirenti stanno faticando a ricostruire con certezza i percorsi di molte vittime. Le autorità russe sospettano che ci sia questo gioco dietro la morte di ben 130 giovani.
L’idea sarebbe nata nel gruppo su VK chiamato f57 dove venne pubblicata due anni fa la foto di una ragazza suicida sotto un treno. Ma la macabra iniziativa ha varcato i confini ed è arrivata in Francia sotto il nome «The blue whale challange», ma continua a diffondersi: alcuni dei video postati nei gruppi della sfida contano anche 200 mila visualizzazioni.
Il caso della 15enne russa, Yulia Konstantinova, ha scioccato tutto il Paese: la ragazza è morta, gettandosi dal tetto di un palazzo di 14 piani. L’adolescente ha lasciato un messaggio sui suoi profili social che conteneva l’immagine di una balenottera azzurra e le parole “La fine”.
Sono stati riportati casi simili anche in Inghilterra, Brasile, Colombia e Cile.
Alla fine di aprile, una 15enne di Barcellona (Spagna) è stata ricoverata in un reparto psichiatrico, dopo che i genitori avevano scoperto che era coinvolta in questo gioco. A quanto pare le erano state date istruzioni per porre fine alla sua vita sui binari del treno.
In Portogallo la prima vittima è una 18nne ritrovata, il corpo coperto di ferite, ai piedi di un viadotto della ferrovia.
Non si sa a che punto siamo in Italia: ancora non sono emersi casi drammatici, ma si teme che il gioco si stia diffondendo anche qua.
Vale la pena approfondire il meccanismo di funzionamento escogitato da Philipp Budeikin, il 21enne russo che al momento si trova chiuso in una prigione di San Pietroburgo e continua a ricevere centinaia di lettere di ragazzine estasiate che gli comunicano i propri dati e lo osannano. La polizia dice di non poter impedire alle persone di scrivergli, ma il fenomeno è preoccupante. C’è da segnalare che la stragrande maggioranza delle giovani vittime sono per l’appunto femmine.
Ma chi è Philipp Budeikin? Egli sostiene che le ragazze erano felici di morire, che erano scarti biologici e che col suo sistema ripuliva la società. Sui social si faceva chiamare Philipp Lis (Fox) e adescava ragazzine semplicemente con modi gentili e premurosi, pieni di attenzione. Infatti nella sua rete sono cadute soprattutto ragazze e bambine trascurate dai genitori, che si sentivano molto sole ed estremamente bisognose di affetto e sostegno. Dapprima invitava le ragazzine a guardare video spaventosi in orari notturni (e così già filtrava coloro che avevano una propensione all’horror e un’attrazione per la morte e il macabro), poi affidava loro compiti semplici, ma noiosi e strani, per cui solo alcune erano sufficientemente motivate (cioè assetate di gratificazioni) da continuare. E così otteneva un gruppo ristretto di ragazzine pronte per essere manipolate psicologicamente fino alle estreme conseguenze.
A costoro Philipp chiedeva di tagliarsi, o uccidere un animale, o camminare in equilibrio su un tetto, e di filmare le prodezze per dimostrare di averle effettivamente eseguite. Chi restava a questo punto era disposto a tutto, aveva ormai una dipendenza dalla necessità dell’appartenenza a questo gruppo ristretto e prescelto.
Philipp ha rivelato che la tecnica base della manipolazione era disturbare il sonno delle vittime: tutto accadeva in 50 giorni, gli appuntamenti erano alle 4 di notte, la stanchezza accumulata nei giorni rendeva le vittime vulnerabili e fragili, progressivamente meno lucide.
“Fai qualcosa di bello almeno una volta nella tua vita: è così bello morire giovane!”, così diceva.
Philipp è in prigione, ma il gioco continua a diffondersi grazie ai suoi emulatori e il web è popolato da gruppi chiusi a cui si accede per passaggi iniziatici, gestiti da persone con desideri manipolatori psicotici come quelli che hanno animato questo giovane follemente malvagio.
In Gran Bretagna, in una scuola dell’Essex, la polizia ha tenuto colloqui con i genitori per informarli in dettaglio di questo pericolo invisibile e sensibilizzarli ad una vigile vicinanza coi propri figli.
E’ incredibile pensare che esistano soggetti tanto pericolosi e mal intenzionati, tanto quanto lascia interdetto il numero elevato di ragazzine che ci cascano: un’adolescente è disposta a morire per un complimento o una carezza, è davvero il caso di dirlo. Quanto siamo diventati aridi, quanto è grande il solco tra le generazioni, la voragine tra il bisogno di affetto, la paura di non meritare l’amore, il terrore della solitudine e l’indifferenza e la disattenzione degli adulti?
La folle balena blu porta con sé il carico atroce di una cieca e muta disperazione, nera come la depressione in cui cadono sempre più adolescenti, non abbastanza sostenute dalla famiglia, forse troppo precocemente abbandonate all’indipendenza di gestione di un supporto per navigare nei social, dove ti offrono caramelle avvelenate.
Bambinette disposte a credere a tutto quello che un giovane belloccio ma sconosciuto dice loro via web, pronte a mendicare attenzioni fino a sacrificare la vita.
Coalizziamoci per una battuta di caccia seria e approfondita: catturiamo la balena blu e proteggiamo i nostri figli.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

11/05/2017
2603/2019
San Teodoro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La povera famiglia italiana

I dati Istat certificano che le famiglie sono sempre più lasciate sole, in Italia e in Europa: una su quattro vive un forte disagio economico

Leggi tutto

Chiesa

Una madre che protegge i propri figli

Che la dialettica degli strumenti di produzione dovesse portare, con l’abolizione della famiglia, alla scomparsa della prostituzione è un assunto indeducibile. Ma una volta eliminati i principi morali familiari che davano un senso al sesso, quest’ultimo è straripato e porta rovina ovunque

Leggi tutto

Storie

Storie di famiglie numerose e di adozioni

Adottare un bambino grandicello significa spesso affrontare con lui il dolore di abusi di vario tipo (fisici, psichici, sessuali), significa fare un grande lavoro di accoglienza e contenimento: attendere i tempi del bambino, cercare soluzioni creative, camminare con lui un tragitto doloroso, ma anche percorrere insieme la strada della rinascita. Questi ragazzi hanno una grande resilienza: se i genitori li accolgono completamente, li accettano e li amano (donandosi completamente a loro e non solo ‘percependo’ l’emozione dell’amore) in poco tempo i loro volti si trasformano, s’illuminano.

Leggi tutto

Politica

La riforma della scuola è legge, ora un milione di sentinelle

Il gender entra in classe, la risposta deve essere dei genitori, lo strumento è quello del “consenso informato”: no alla colonizzazione ideologica, giù le mani dai nostri figli

Leggi tutto

Società

Spiegare a Vauro ciò che non gli è chiaro

Il guaio grosso è che i genitori sostengono che l’ospedale menta sulle reali condizioni del bambino, quindi dalle cartelle cliniche non c’è da aspettarsi grandi novità: non ci vuole molto a ritoccare la misura della circonferenza cranica, ad esempio, per dimostrare che Charlie non è cresciuto negli ultimi mesi. *Marwa** *Bouchenafa tre mesi fa si è trovata in una situazione del tutto analoga a quella di Charlie: i dottori francesi volevano sospenderle la ventilazione e i genitori invece volevano mantenerla e, per il momento, è ancora viva grazie ad una decisione (sempre in bilico) dei giudici francesi. La sua famiglia, quando ha visto che aria tirava in ospedale, ha cominciato a presidiare la stanza e a filmare ogni giorno la piccola, a misurarla per conto proprio, cioè a radunare evidenze scientifiche sul suo stato di salute indipendenti dall’ospedale. E grazie a questo lavoro meticoloso sono riusciti a strappare ai giudici la sentenza favorevole.

Leggi tutto

Media

Notte di veglia con Alfie Evans, all’Alder Hey e in Italia

Non è ancora terminata la vicenda terrena, umana e giudiziaria del ragazzino disabile la cui vita era stata definita “futile” dal giudice che l’ha condannato a morte e che invece muove diplomazie e cuori al punto che anche noi siamo venuti nel Regno Unito per offrirvi un’informazione pulita. Ecco il racconto di quest’estenuante e gloriosa nottata.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano