Storie

di Mario Adinolfi

Il centenario di Fatima ed il PDF

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Niente, non riesco a considerarla mera coincidenza: il 13 maggio è l’ultimo giorno per la presentazione delle liste del Popolo della Famiglia alle amministrative ed è anche il Centenario dell’apparizione mariana a Fatima, l’evento che cambia la storia del Novecento. Ci sono dirigenti del Pdf in questo momento in terra portoghese, capitanati da Paolo Pasanisi Zingarello, ci sono cari amici come don Salvatore Vitiello e noi ricordiamo sempre che il Popolo della Famiglia è movimento politico laico e aperto a tutti gli uomini di buona volontà, ma i dirigenti fondatori lo hanno consacrato al Cuore Immacolato di Maria con una cerimonia religiosa in Santa Maria Maggiore a pochi giorni dalla nostra assemblea costituente. Nel primo articolo che Gianfranco Amato ed io firmammo su La Croce per annunciare la nascita del Pdf chiedemmo esplicitamente lo “sguardo benevolo” di Maria Vergine sulle nostre azioni. E dunque non siamo indifferenti e davvero speriamo che la Madonna di Fatima voglia aiutare lo sforzo di tutti i candidati pidieffini che in ogni regione d’Italia terranno alto il vessillo della cultura della vita, della tutela della famiglia naturale, della difesa dei principi non negoziabili.

Il cardinale Carlo Caffarra in un’intervista concessa a La Voce di Padre Pio nel marzo del 2008 raccontò come ebbe da San Giovanni Paolo II l’incarico di ideare e fondare il Pontificio Istituto per Studi su Matrimonio e Famiglia, di cui oggi è professore emerito. E spiegò: “All’inizio di questo lavoro ho scritto a suor Lucia di Fatima, attraverso il vescovo perché direttamente non si poteva fare. Inspiegabilmente, benché non mi attendessi una risposta, perché chiedevo solo preghiere, mi arrivò dopo pochi giorni una lunghissima lettera autografa ora negli archivi dell’Istituto”. In quella lettera di Suor Lucia è scritto che lo scontro finale tra il Signore e il regno di Satana sarà sulla famiglia e sul matrimonio: “Non abbia paura, aggiungeva, perché chiunque lavora per la santità del matrimonio e della famiglia sarà sempre combattuto e avversato in tutti modi, perché questo è il punto decisivo”. La suora di Fatima sosteneva che la Madonna ha già schiacciato la testa a Satana.

Io credo davvero che la difesa della vita e della famiglia naturale sia la battaglia decisiva per l’umanità del ventunesimo secolo. Il Popolo della Famiglia lotta per questo e guarda a Fatima con sguardo filiale che cerca protezione. Lo fanno tutti i nostri candidati che voglio presentarvi affinché chi crede possa pregare Maria per i loro successi, ricordando che il 13 maggio è anche l’anniversario del tentato assassinio in San Pietro di San Giovanni Paolo II e che dunque chi si espone a difesa della famiglia in questa battaglia contro il Male deve essere disposto a patire.

Siamo presenti grazie allo scrupoloso lavoro del coordinatore nazionale Nicola Di Matteo nelle grandi città delle regioni più popolose a partire dalla Lombardia (più di 10 milioni di abitanti) con Manuela Ponti candidato sindaco a Monza, Luca Grossi a Crema, Massimiliano Esposito in una lista civica con simbolo Pdf a Goito e dalla Campania (6 milioni di abitanti) con Raffaele Adinolfi che ci rappresenta in una lista di coalizione con simbolo Pdf in quel di Ischia e il Popolo della Famiglia in corsa anche a Bacoli con Salvatore Di Marino e a Melito. In Sicilia (5 milioni di abitanti) a Avola il Popolo della Famiglia è capitanato da Corrado Salonia, mentre per la prima volta ci candidiamo in massa in Veneto (5 milioni di abitanti): Filippo Grigolini è il nostro candidato sindaco a Verona, dove siamo presenti sia nella corsa al comune che nelle otto circoscrizioni in cui è divisa la città; a Padova sosteniamo l’imprenditore Luigi Sposato e la lista del Popolo della Famiglia è capitanata dalla bellissima Maria Verita Boddi; a Conegliano candidato sindaco è Lorenzo Damiano, capace di svelare gli imbrogli sul gender della giunta di centrodestra; la lista del Popolo della Famiglia è presente anche a Zevio con Mirko Garlanda candidato sindaco e a Teolo, sempre con lista e candidato sindaco. Per la prima volta il Popolo della Famiglia si candida anche in Liguria (1.5 milioni di abitanti) partendo col botto dalla città più popolosa di tutto il nord in cui si vota il prossimo 11 giugno: il papà 34enne Stefano Arrighi è il nostro candidato sindaco di Genova, città storicamente di sinistra in cui Arrighi e il Pdf hanno resistito ad un pressing asfissiante di chi ci voleva con il centrodestra colonizzato dagli ex radicali, che hanno utilizzato anche toni insolenti contro di noi sui principi non negoziabili. E poiché da Fatima prendiamo la lezione che questi principi sono assolutamente decisivi e non possiamo costruire compromessi, noi anche a Genova preserviamo l’autonomia del Popolo della Famiglia correndo da soli. Ogni voto dato al Pdf è un voto dato alla vera difesa della famiglia naturale, per ostacolare davvero la dittatura gender e ripartire dalla cultura della vita contro la necrofilia dell’aborto e dell’eutanasia. Dunque il voto dato al Pdf è il solo voto utile.

Nutrita anche la nostra squadra in Piemonte (4.5 milioni di abitanti) dove uno dei dirigenti fondatori del Popolo della Famiglia presente fin dall’assemblea costituente dell’11 marzo 2016, Alberto Cerutti, è candidato sindaco nel comune più popoloso del Novarese in cui si vota, che è Borgomanero. Ad Alessandria il Popolo della Famiglia candida Emanuele Locci, mentre a Savigliano ci rappresenta nella corsa alla carica di sindaco Maurizio Schininà affiancato dalla moglie Antonina Bassignana. A Grugliasco invece corre per la carica di sindaco un’altra dirigente storica del Popolo della Famiglia, Lucianella Presta, anche lei in queste ore presente a Fatima nonostante le incombenze della presentazione della lista che ha affidato alla sua squadra. Schieriamo i pezzi da novanta in Emilia Romagna (4.5 milioni di abitanti) con la punta di diamante Mirko De Carli candidato sindaco a Riolo Terme, capolista del Popolo della Famiglia Mauro Turrini. Liste del Pdf anche a Riccione a sostegno del candidato sindaco Renata Tosi, oltre che in corsa per la raccolta delle ultime firme a Parma e Comacchio. In Friuli Venezia Giulia poi (1.2 milioni di abitanti) il simbolo del Popolo della Famiglia compare nella corsa alle comunali di Fontanafredda.

Avendo noi già corso alle scorse amministrative in importanti città delle regioni che mancano all’appello, da Roma a Bolzano, da San Benedetto del Tronto a Crotone, da Cagliari a Assisi, possiamo dire in poco più di anno di aver costituito gruppi importanti e organizzati, capaci di presentare liste e raccogliere il consenso, in tutta Italia. Come possiamo leggere tutto questo se non come un miracolo? Il supporto di Maria davvero non ci è mancato e con gratitudine filiale volgiamo davvero le nostre preghiere a Fatima. Cento anni di storia sono trascorsi da quella prima apparizione, ma la memoria mariana è viva come fosse ieri. Il mandato a non essere indifferenti in questa lotta ultima e decisiva attorno alla famiglia, lo raccogliamo con umiltà e lo facciamo nostro. Combattiamo per il nostro paese, per difendere i nostri figli, per veder rinascere il nostro territorio e anche per versare il nostro sudore e serve persino il nostro sangue sul campo di battaglia determinante dove il Male tenta l’assalto finale alla famiglia.

La promessa di Maria è che la testa del serpente è già stata schiacciata. Mai privi di fede, noi siamo certi del poter vedere esplicitata presto questa vittoria. Il Popolo della Famiglia si candida a queste elezioni amministrative anche per questo, colmo anche di questa fiducia e perciò in piena serenità e letizia.

15/05/2017
2605/2017
San Filippo Neri

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Italia ha bisogno dei cattolici

Nasce il Popolo della Famiglia, soggetto politico che si presenterà alle elezioni amministrative di primavera per rappresentare le istanze emerse dal Family Day e tradite dai parlamentari cattolici

Leggi tutto

Storie

STORIA DI UN AMORE, SBECCATO MA UTILE A TUTTI

Dopo aver ri-costruito attraverso questo percorso davvero tortuoso una mia condizione familiare, Dio ha voluto che spendessi tutto me stesso per testimoniare la bellezza della famiglia e anche di questo devo dire grazie a Silvia. Voglio La Mamma nasce nel 2013 perché ho visto Clara con Silvia e Silvia con Clara. Da ragazzino quando nacque Livia, la mia carissima primogenita, ero troppo preso da me per avere lo sguardo davvero sull’altro, poi intervennero subito tragedie da togliere il fiato e nessuna bellezza poteva essere anche solo immaginata dal mio sguardo. Vent’anni dopo la oggettiva e prepotente bellezza di Silvia riverberata in Clara sembra essere immagine stessa della bellezza della condizione familiare. Dentro questa parola (“bellezza”) io inserisco anche l’enorme fatica dell’essere famiglia, i vincoli che impone, i limiti dell’altro che devi imparare ad accettare e Silvia ne ha, cavoli se ne ha, ma i miei sono infinitamente maggiori e talvolta davvero insopportabili, quindi ho imparato quell’indulgenza che è anticamera necessaria dell’amore.

Leggi tutto

Storie

Un trans non può fare la tata

Non si può affidare la crescita di un bambino di pochi mesi a un trans. Dalla email si capisce che la transizione da un sesso all’altro non si è compiuta, l’Inps ha ancora tutti i documenti al maschile, quindi Alessandro è a tutti gli effetti Alessandro anche se “si sente” Alessandra. Siamo davanti dunque ad una persona che non si accetta per come è, che in questo percorso di transizione deve affrontare prove psicologiche e fisiche molto pesanti con l’assunzione continua di farmaci, che dal punto di vista fisico sostiene un iter di trasformazione molto doloroso e che fa tendere all’instabilità emotiva. Un bambino di pochi mesi può essere affidato a chiunque tranne che a persone con queste caratteristiche di instabilità. L’approdo alla diversa sessualità riconosciuta, quello che porterebbe il soggetto in questione ad avere i documenti in regola con il nome Alessandra, passa poi attraverso fasi di demolizione dei genitali maschili e di costruzione di forme genitali all’apparenza femminili che sono mediamente faticosissime da molti punti di vista, sia fisici che psicologici. Il ricorso al consumo di forti quantità di alcool e di droghe per ovviare all’inevitabile disturbo di personalità che accompagna ogni evoluzione dalla disforia di genere accertata all’approdo ad una diversa conformazione dei propri genitali, è comprovato in tutti i testi scientifici, così come la più alta propensione al suicidio dei transessuali rispetto alle altre persone.

Leggi tutto

Chiesa

Francesco si prepara per volare a Fatima

Il Papa ha parlato del suo ormai imminente viaggio apostolico in Portogallo, che lo vedrà canonizzare – nel centenario delle apparizioni mariane – i pastorelli Francesco e Giacinta. Il Pontefice auspica che il viaggio sia foriero di pace e di speranza per tutti quanti parteciperanno alla celebrazione centenaria. L’eredità del messaggio di Fatima resta ancora da recepire a fondo

Leggi tutto

Politica

Il programma del Popolo della Famiglia: 26 punti di orientamento

Il Popolo della Famiglia ha «un programma nutrito ed esaustivo di ben 319 pagine! Si chiama Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa» (G. Amato). Abbiamo prodotto, con ingente sforzo di sintesi, queste 26 parole riassuntive dell’idea che muove il PdF: non esaustive e certamente perfettibili, esprimono però il nostro orientamento

Leggi tutto

Politica

Perchè entrare nel PDF è come aiutarne la diffusione

L’idea di incentrare la battaglia a partire dalla difesa della famiglia, prima struttura organizzativa e società naturale, è rivoluzionaria ma, al tempo stesso, è sempre stata considerata importantissima dalla dottrina cattolica, basti ricordare San Giovanni Paolo II per il quale la famiglia rappresenta il prisma da cui interpretare e articolare tutti gli interventi nella società umana.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2017 La Croce Quotidiano