Politica

di Mario Adinolfi

I risultati del PDF: raggiunto il 3% NAZIONALE

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

​Questi i risultati dei candidati sindaco sostenuti dal Popolo della Famiglia alle elezioni amministrative dell’11 giugno 2017:

Pietro Marcazzan - Goito: 14.86%
Mirko De Carli - Riolo: 14.38%
Emanuele Locci - Alessandria: 7.03%
Mirco Ghirlanda - Zevio: 4.75%
Gianfranco Zecchinato Gallo - Teolo: 3.66%
Filippo Grigolini - Verona: 3.36%
Lorenzo Damiano - Conegliano: 2.97%
Luca Grossi - Crema: 2.93%
Alberto Cerutti - Borgomanero: 2.77%
Maurizio Schininà - Savigliano: 2.22%
Luigi Sposato - Padova: 1.56%
Manuela Ponti - Monza: 1.26%
Lucianella Presta - Grugliasco: 1.11%
Stefano Arrighi - Genova: 0.39%

A questi risultati vanno aggiunti i dati di coalizione ottenuti da Renata Tosi a Riccione (36.01, va al ballottaggio), Gianluca Trani a Ischia (42.75), Pietro D’Angelo a Melito di Napoli (30.78%, va al ballottaggio), mentre a Fontanafredda e ad Avola lo scrutinio deve ancora svolgersi per via delle regole delle regioni a statuto speciale. In questo momento la media aritmetica dei risultati dice 4.51% escludendo i risultati di coalizione, mentre la media ponderata situa il Popolo della Famiglia al 2.96% nazionale, ovviamente in relazione ai soli comuni in cui ci siamo presentati.
I dati in molti comuni non sono ancora definitivi ma descrivono evidentemente una tendenza: alle amministrative 2016 il Popolo della Famiglia aveva superato lo sbarramento del 3% solo a Cordenons, nel 2017 la crescita è evidentissima e l’intero movimento si ritrova attorno alla fatidica soglia del 3% come media nazionale. All’interno di questo dato generale alcune imprese specifiche: Mirko De Carli che spingendosi in un comune non di residenza ottiene sul progetto Pdf non solo la propria elezione personale in consiglio comunale, ma un dato percentuale sontuoso, per un dirigente della prima ora del Popolo della Famiglia una grande soddisfazione; la nostra “prima volta” in una grande città, grazie a Filippo Grigolini che rompe la soglia del 3% a Verona, capitale economica e città più popolosa del Veneto, diventando arbitro dei destini cittadini prendendo più voti di Fratelli d’Italia e issandosi al livello di Forza Italia; la doppia cifra incassata a Goito da Pietro Marcazzan e l’eccellente 7% di Emanuele Locci ad Alessandria, ma anche Zevio e Teolo che fanno la media del 4% permettendoci un radicamento vero nel territorio veneto accanto ai risultati importanti anche di Conegliano e Padova.
I dati politici che emergono sono due e sono incontestabili:
1. Il Popolo della Famiglia è un progetto politico in decisa crescita. I livelli di consenso sono prepotentemente in aumento rispetto alle amministrative del 2016, dimostrando una capacità di radicamento sul territorio che nessun altro movimento di area cattolica ha. In nessuna delle città elencate abbiamo trovato una lista di Alternativa Popolare di Alfano e Lupi, di Idea di Quagliariello e Roccella, di Energie per l’Italia di Stefano Parisi, dell’Udc di Lorenzo Cesa, dei Popolari di Mario Mauro, dei centristi moderati di Pierferdinando Casini. Non è che non hanno voti: semplicemente questi partitini pur presenti nel Palazzo, non hanno popolo. il Popolo della Famiglia dimostra con le amministrative 2017 d’essere un movimento radicato e popolare, che ha la soglia di sbarramento nazionale del 3% alle politiche già dentro al mirino. La media nazionale di queste amministrative è proprio immediatamente a ridosso del 3%.

2. Il quadro politico del paese è diviso in tre tronconi: centrodestra e centrosinistra che si sfidano ai ballottaggi, M5S che soffre una concreta emorragia di consensi, parte dei quali vengono intercettati dal Popolo della Famiglia che cresce proponendosi come solo vero quarto polo, come alternativa politica alle coalizioni esistenti in termini di approdo valoriale, a difesa della famiglia naturale e dei principi essenziali e per questo non negoziabili, dunque con un’identità molto definita e come tale percepita e premiata dal cittadino elettore.

Queste amministrative 2017 vanno comprese come un secondo tempo del percorso avviato con le amministrative 2016. I candidati sindaco del Popolo della Famiglia hanno ottenuto oltre centomila voti nei 35 comuni in cui ci siamo presentati. Sono 35 esperienze pilota che, disseminate in tutte le regioni, rappresenteranno la base anche tecnico-organizzativa per la presenza alle prossime elezioni politiche. E’ tra coloro che hanno messo la faccia (e hanno imparato tecnicamente a presentare le liste) che troveremo i 945 candidati che ci rappresenteranno nella corsa alla Camera e al Senato al più tardi nel marzo 2018. Abbiamo formato una squadra che sul piano organizzativo sa cosa deve tecnicamente fare e sul piano politico ha imparato e persino gustato l’esperienza dell’autonomia, della libertà dai vincoli avaloriali che troppo spesso scattano come riflessi condizionati nella caccia ai consensi dei grandi partiti tradizionali, che per piacere a tutti finiscono per non dire niente di quel che viene considerato come “divisivo”, cioè ogni riferimenti a seri principi valoriali.
I “quattro gatti” del Popolo della Famiglia sono diventati centomila gatti, è un fatto incontrovertibile: un movimento inizialmente irriso e osteggiato, arriva in una grande città come Verona sopra Fratelli d’Italia, ha gli stessi voti di Forza Italia, batte anche la lista tosiana di Fare e si propone come forza politica nazionale in grado di essere base aggregativa per le sfide che verranno.

Il Popolo della Famiglia apre, spalanca le sue porte a tutti coloro che vorranno combattere sul serio e senza tentennamenti nella prossima legislatura la battaglia per la difesa dei principi non negoziabili e la tutela della famiglia naturale, senza se e senza ma, senza alcun possibile compromesso. Il programma premiato dagli elettori italiani l’11 giugno lo approfondiremo, organizzeremo una grande assemblea nazionale a settembre e lanceremo in quella sede l’ultima sfida, quella per le politiche. Unitevi al nostro percorso subito iscrivendovi al Popolo della Famiglia. L’iscrizione al Popolo della Famiglia costa 50 euro per il 2017 (liberi di fare donazioni superiori, chi versa almeno 500 euro è socio sostenitore e ottiene in regalo l’abbonamento annuale digitale al quotidiano La Croce) e si regolarizza con un bonifico al conto intestato a POPOLO DELLA FAMIGLIA che ha il seguente IBAN: IT88M0103003241000000354618 del Monte Paschi Siena, agenzia Roma 41. Si può in alternativa inviare un vaglia postale a POPOLO DELLA FAMIGLIA piazza del Gesù 47 00186 Roma. L’avvenuta iscrizione deve essere comunicata al coordinatore nazionale Nicola Di Matteo con una email a [email protected] e questa è l’occasione per ringraziare il nostro coordinatore per lo straordinario e faticoso lavoro svolto in queste amministrative.

Con lui ho trascorso la nottata elettorale, insieme a decine di dirigenti del Pdf di Roma che sono scoppiati in un applauso spontaneo quando sono arrivati i primi risultati. Con Gianfranco Amato ho vissuto l’emozione di una campagna diffusa in ogni borgo d’Italia, sempre divisi per esigenze di copertura del territorio nazionale, ma l’ultima sera uniti insieme a Filippo Grigolini e centinaia di famiglie a Verona, per una serata finale della campagna elettorale che è stata indimenticabile e foriera del successo che oggi celebriamo.

Abbiamo tenuto la schiena dritta, abbiamo risposto al fuoco nemico e ci siamo riparati dal fuoco amico, ma oggi il Popolo della Famiglia può dire di aver costruito le condizioni per l’assalto finale. Vivremo ora la vicenda dei ballottaggi e l’indicazione politica che proprio a Verona con Gianfranco abbiamo dato è di rimanere autonomi invitando i nostri elettori a depositare nelle urne una scheda bianca il 25 giugno, fatte salve ovviamente la libertà di coscienza di ciascuno e le eventuali esigenze locali. A luglio e agosto tireremo un po’ il fiato, ne abbiamo tutti bisogno, ma da settembre elmetti in testa per l’ultima fase, quella decisiva, della battaglia.

A noi la battaglia, a Dio la vittoria.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

12/06/2017
1112/2018
San Damaso papa

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Frenata alle amministrative per Renzi

Risultati sorprendenti alle elezioni regionali con il centrodestra che vince in Liguria e in Veneto, il Pd tiene Toscana, Umbria e Marche, in Campania vince De Luca ma è sub judice. In Puglia si afferma Emiliano

Leggi tutto

Politica

Verdini butta la maschera: «Sono io il regista di tutto»

L’ex braccio destro di Berlusconi rivendica come proprio merito anche le unioni civili

Leggi tutto

Storie

Una riflessione spirituale sul caso Alfie

Alfie Evans e il desiderio di vivere di un bimbo che voleva “soltanto” Amore. “Al nostro bimbo sono spuntate le ali intorno alle 2.30. I nostri cuori sono spezzati. Grazie a tutti per il sostegno”, scriveva mamma Kate nel dare il triste annuncio della morte del piccolo. “Il mio gladiatore ha posato lo scudo e si è guadagnato le ali. Abbiamo il cuore spezzato. Ti voglio bene ragazzo mio”, sono state le parole commoventi del padre Tom.

Leggi tutto

Chiesa

PERCHÉ TUTTO IL MONDO VA DIETRO A CHIARA CORBELLA

La diocesi di Roma ha pubblicato l’Editto in cui si annuncia l’apertura della causa della giovane morta nel 2012 dopo aver rimandato le cure di un tumore per portare avanti una gravidanza.

Leggi tutto

Politica

Renzi fa campagna per il SÌ ed il centro-destra è allo sbando

Che significa identità? Di quale identità stiamo parlando? Mi sembra che Galli della Loggia colga nel segno quando scrive: “In realtà, se oggi la Destra italiana si ritrova priva di una sua specifica immagine, priva di riconoscibilità, è anche perché essa sconta un vuoto storico della propria identità: vale a dire l’assenza di una vera, effettiva, cultura conservatrice

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano