{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Vita da neonato

Società

di Lucia Scozzoli

Vita da neonato

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Un altro neonato morto. Questa volta a Ferrara, una donna 40enne partorisce in casa e nasconde il bimbo (nato morto? lasciato morire? ucciso?) nel freezer. Poi l’emorragia conseguente la costringe a recarsi all’ospedale, dove entra in coma. Questo martedì scorso. I medici si sono accorti che le condizioni della donna potevano dipendere da un aborto avanzato o da un parto prematuro, per cui la polizia si è recata nella sua abitazione per cercare il corpo del neonato, ma il ritrovamento è avvenuto solo giovedì, quando la donna, risvegliandosi, ha indicato agli inquirenti il luogo dell’occultamento. Il marito e gli altri 6 figli sembrano ignari di tutto, pure della gravidanza. Si parla di situazione di grave degrado.

Meno male, viene da pensare. Però non lo diciamo, che non sta bene. Abbiamo un gran bisogno di trovare un colpevole, che sia consapevolmente malvagio, o una situazione, nettamente diversa dalla nostra, che possa escluderci anche per il futuro dall’essere coinvolti in simili fatti di cronaca nera.

Quella frasetta carpita alle fonti investigative, “assoluto degrado”, ci dona un egoistico refrigerio, ci disseta per un attimo dall’arsura che il dolore ci provoca, il dolore innocente soprattutto.

Non possiamo godere dello stesso ristoro nel caso della bimba dimenticata in auto in provincia di Arezzo dalla madre, una 38enne normalissima, donna lavoratrice, sposata, con una sola figlia, una casa, un lavoro in comune, una vita organizzata e serena. Nessun degrado, nessuna situazione particolare che possa allontanare da noi questo fatto. Poteva capitare anche a noi.

Abbiamo letto discorsi sullo stress delle madri lavoratrici e sulla frenesia della vita odierna. Tutto vero. Forse leggeremo, in merito all’infanticidio di Ferrara, una speculare sperequazione sul fatto che le famiglie, soprattutto se numerose, sono abbandonate a se stesse, oppure che certa gente fa tanti figli senza senso di responsabilità e sarebbe meglio si premunisse prima (con tanto altezzoso disprezzo).

Nessuno di questi ragionamenti, anche dove avesse un innegabile fondamento sociologico o psicologico, lenisce la nostra smania penosa. Almeno non lenisce la mia. Non mi sento tranquillizzata nemmeno dall’assoluto degrado della famiglia di Ferrara, io. So onestamente che anche dietro una normalità borghese e quieta può albergare un degrado spirituale da cui nessuno è mai del tutto immune, si può rotolare giù in un attimo. In fondo il 30 maggio a Settimo Torinese era stata un’altra 34enne a lanciare il neonato dalla finestra, sull’asfalto sotto casa, in un gesto folle (ha più senso l’occultamento nel freezer, se davvero ci si vuole liberare della creatura). E qui nessuno ha parlato di degrado. La donna aveva un compagno e un’altra figlia. Inspiegabile. O meglio, non troviamo nessuna spiegazione che ci tranquillizzi.

Siamo sconvolti, raccapricciati da queste storie che ci assediano e che vedono come vittime innocenti bambini. Qualcuno (pochi a dire il vero) ha avuto l’ardire di andare sul profilo della povera Ilaria a scrivere cose assurde, tipo che si vede che non amava la figlia perché sui social non ha postato nemmeno una foto della piccola (magari questo vuol dire che l’amava così tanto da preoccuparsi seriamente della tutela della sua privacy ed ha seguito gli inviti della polizia postale di non pubblicare le foto dei figli), o che di andare dal parrucchiere non se lo sarebbe certo scordato, senza sapere niente di lei (per esempio io, ve lo confesso, non vado dal parrucchiere da ben 7 anni, quindi di me questa fesseria non potreste dirla, vi avverto già).

Nonostante sia evidente che tali critiche sono prive di ogni fondamento, mi sento di affermare inaspettatamente che le comprendo più di tutte le valanghe di attestazione di vicinanza emotiva che ho letto. Cerco di spiegarmi: l’evento di Arezzo rende evidente un fatto inaccettabile, e cioè che siamo capaci di fare del male anche quando non ne abbiamo nessuna intenzione, alle persone che amiamo di più. La banalità di una distrazione può uccidere, ma non solo noi, anche altri, anche chi amiamo. Possiamo distrarci a cercare una stazione radio e non rispettare uno stop, investendo un ignaro pedone, o anche passare col verde al semaforo senza notare un motorino che sta transitando col rosso, magari guidato da un ragazzino. Possiamo metterci al volante troppo stanchi e farci prendere da un colpo di sonno, o dimenticare il telefono a casa e perderci una chiamata di un figlio che chiede di essere recuperato da qualche parte, che chiede aiuto. Possiamo andare al mercato tenendo un bimbetto per mano e poi smarrirlo tra la folla. Possiamo lasciare giocare la figlia sulla porta di casa e uno sconosciuto se la porta via e non la ritrovi mai più, come Denise Pipitone.

Dove finisce la nostra colpa ed inizia il fato? E che accidenti è questo fato stupido e ignorante, cieco e crudele, che fa di tutto per azzeccare ogni coincidenza negativa delle nostre inconsapevoli vite? Ci sono azioni gravi, come gettare un neonato dalla finestra, a cui riconosciamo comunque attenuanti psicologiche, sicuri che il bene sia la normalità per il cuore umano e il male sia una patologia (magari fosse vero!); ci sono azioni neutre che provocano danni enormi, e ci spaventiamo così tanto della scoperta che basta una distrazione per uccidere che cerchiamo aggravanti personali o di contesto per dare una spiegazione.

Il dramma è che il dolore innocente esiste, e lo sappiamo. Essere vittime è dura, ma lo accettiamo. Essere carnefici, invece, no. Io non vorrei fare del male a nessuno, tanto più a coloro che amo. Ma capita, e non solo quando mi comporto saltuariamente male, come in un momento di rabbia o di stanchezza stizzita, ma anche quando semplicemente vivo, non ci penso, svolgo la mia routine consolidata e collaudata.

Come quando camminando pestiamo un piede, diciamo scusa. Poi scopriamo che, con quella stessa azione da niente, il piede lo possiamo tranciare. E allora il terrore ci invade, ci viene da restare immobili come stoccafissi, quasi senza respirare. Non c’è un modo per assicurarsi da questo, non c’è via d’uscita.

Dobbiamo rassegnarci ad essere malvagi, cattivi, intrinsecamente colpevoli, per il solo fatto di esistere. Servirebbe una società perfetta per impedirci di fare del male: agi economici, salute, tanto tempo per noi, serenità. Invece ci manca tutto e comunque, anche avessimo ogni cosa, basterebbe la pioggia a farci scivolare su un sanpietrino e urtare un passante ignaro e fargli male. E’ bastato un rumore sentito da nessuno a far impazzire una piazza di tifosi e calpestare gente e mandare all’ospedale persone.

Non è vero che se tutti ci comportassimo bene, se nessuno delinquesse, se non ci fossero più guerre, se nessuno violasse nemmeno i dieci comandamenti, saremmo felici e in pace. Qui ed ora, in questo mondo e in questa vita, continueremmo a soffrire e morire, e non solo per accidenti esterni, come terremoti, maremoti o meteoriti, ma anche per mano gli uni degli altri, per stupida distrazione, anche se nessuno avesse colpa. Siamo colpevoli anche senza colpa. Credo si possa chiamare peccato originale.

Abbiamo bisogno di essere salvati da Qualcuno. Puoi negare l’esistenza dell’acqua, ma non puoi negare la tua sete.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

12/06/2017
2207/2019
Santa Maria Maddalena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

A Milano per parlare di famiglia

Miriano, Adinolfi, padre Botta e Scicchitano rispondono alle polemiche sul convegno in Regione Lombardia

Leggi tutto

Storie

Priorità è tornare a fare figli

L’Istat certifica inesorabilmente il lungo e strutturale declino demografico italiano. Nel 2015 sono stati iscritti all’anagrafe per nascita 485.780 bambini, quasi 17mila in meno rispetto al 2014, a conferma della tendenza alla diminuzione della natalità (-91mila nati sul 2008). E nei primi sei mesi del 2016 il trend continua inesorabile il volo in picchiata verso il basso: i nuovi nati sono diminuiti del 6%. Il triplo rispetto a un anno fa. Denatalità che ormai risulta sempre più trasversale: italiani e immigrati. I nati da coppie di genitori entrambi italiani scendono a 385.014 nel 2015 (oltre 95 mila in meno negli ultimi sette anni). Ma per il secondo anno consecutivo scende anche il numero di nati da coppie residenti in Italia con almeno un genitore straniero: sono quasi 101 mila nel 2015, pari al 20,7% del totale dei nati a livello medio nazionale (circa il 29% nel Nord e l’8% nel Mezzogiorno).

Leggi tutto

Società

Ospedali, quale destino nell’era postcristiana

La mutazione degli ospedali da luoghi di cura e di sostegno al malato in spazi fisici in cui si uccide la speranza è solo l’ultimo atto di una cultura che ha totalmente dimenticato le proprie radici cristiane. L’impressione è che l’operato dei medici britannici sia, in fondo, considerato legittimo da molti altri loro colleghi nel mondo. Al loro posto, in tanti avrebbero fatto lo stesso. Ci fa piacere che si siano mossi il Bambin Gesù di Roma e il Presbyterian Hospital di New York, ma è davvero triste costatare che non c’è stata una gara tra gli altri ospedali ad accogliere Charlie. Il caso è certo difficile, ma una risposta compatta delle strutture ospedaliere mondiali avrebbe forse fatto traballare ulteriormente i convincimenti dei medici del Gosh. Eppure, gli ospedali sono nati per alleviare le sofferenze. San Camillo de Lellis, di cui oggi facciamo memoria liturgica, fondò un Ordine religioso appositamente per aiutare gli ammalati. Volle che i suoi confratelli – come fece egli stesso – servissero i sofferenti «con quella carità e amorevolezza che sono solite avere le madri verso i propri figli infermi». Il fondatore dei Camilliani ha indicato dunque una precisa figura, la madre, come esempio per aiutare chi soffre: Connie che, senza alzare la voce, “grida” il suo amore e la sua speranza per il figlio, che gli resta accanto osservando ogni piccolo mutamento, è quel modello che chiunque sia avvicina ad un ammalato per curarlo dovrebbe coltivare dentro di sé, sperando di esserne sempre più degno. Ancora, Camillo de Lellis sentiva il cuore spezzarsi ogni volta che non poteva portare il soccorso che avrebbe voluto. È questo il sentire che ci rimandano oggi molte figure di medici? Camillo de Lellis – come l’altro grande sostegno degli ammalati, Giovanni di Dio, che voleva per gli infermi che assisteva condizioni igieniche migliori e cure specifiche – ci ha testimoniato che curare chi è sofferente è un compito altissimo da assolvere senza cercare la via più semplice. Grazie a lui, a Giovanni di Dio e ad altri cristiani, gli ospedali sono diventati nei secoli quei luoghi di speranza e di cura a cui fino all’altro ieri guardavano con fiducia.

Leggi tutto

Politica

Lo stato non ci pensa e lo farà la Chiesa

La diocesi di Brescia finanzia bandi diocesani per borse di studio in favore di famiglie a basso reddito che optano con i loro figli per le paritarie. Giusto ma, alla lunga, pericoloso… Il Rapporto 2017 sulla
scuola cattolica, infatti, certifica la deresponsabilizzazione dello Stato nei confronti dell’esercizio di un diritto-dovere dei genitori costituzionalmente (e internazionalmente) sancito

Leggi tutto

Politica

DEF: provare a leggere i numeri

Nel 2050 l’Italia avrà perduto il 17% della popolazione. In un trentennio accadrà quanto non è accaduto nel trentennio che andò dal 1915 al 1945, quando l’Italia fu squassata da due violentissime guerre mondiali e perse meno del 10% della sua popolazione. L’emergenza demografica, che si annuncia sicurissima all’orizzonte, non è un tema di nicchia: è la questione centrale italiana oggi.

Leggi tutto

Chiesa

Wojtyla, il Papa della famiglia

Antologia del magistero di San Giovanni Paolo II sui temi della famiglia, a dieci anni dalla morte

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano