Società

di Giuseppe Brienza

Scozia e matrimoni gay

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

​La Scozia ha aperto ai “matrimoni” gay nel 2014, allineandosi alla Gran Bretagna. Era stata Nicola Sturgeon, la giovane giurista attualmente a capo del Governo di Edimburgo e leader del socialdemocratico “Partito Nazionale Scozzese” (SNP), a volere fortemente che, anche nel Paese delle Hightland (in gaelico scozzese significa “la terra dei Gaeli”), vi fosse legge che sul “matrimonio” gay, promuovendo la relativa proposta in parlamento. Va detto che in Scozia le coppie gay godevno già di un riconoscimento giuridico e degli stessi diritti della famiglia. Mancava, però, il “suggello”, per l’uguaglianza degli uniti civilmente omosessuali, vale a dire il “matrimonio” vero e proprio. Si inizia sempre quindi con l’equiparazione sociale, economica, previdenziale e, poi, come insegna la storia europea degli ultimi tre decenni, si passa inequivocabilmente alle “nozze” gay. Si apre un “varco”, si raggiunge presto una falla al benessere comune e, soprattutto, a quello dei figli, dato che sono privati a causa dell’equiparazione famiglia/unioni gay della figura della mamma e del papà.

Sulla base della normativa fatta approvare dal Governo di sinistra di Edimburgo, i gay hanno potuto ufficiare la loro cerimonia nei municipi e, il 31 dicembre 2014, c’era stato il primo “matrimonio” gay in Scozia. Ad ulteriore scacco della cultura nazionale, è stato permesso ai vari piccioncini arcobaleno di indossare anche il tradizionale kilt per l’occasione.

Per il nuovo “matrimonio” gay si è battuta in prima linea la Sturgeon da quando era vice-primo ministro scozzese, preparando il testo e questa sua recente uscita con alcune discusse consultazioni pubbliche che, nei mesi precedenti la “legge”, avevano accreditato il fronte dei favorevoli ai “matrimoni” gay al 64%. La reazione al suo clamoroso annuncio aveva trovato a suo tempo una reazione decisa e unitaria da parte delle Chiese e comunità cristiane scozzesi. Protestanti, evangelici e cattolici avevano infatti innalzato un fronte comune contro questo «pericoloso esperimento sociale», com’è stato definito il “matrimonio” gay. Il cardinale Keith O’Brien aveva persino intimato all’allora Governo in carica di ritornare sui suoi passi e di indire un referendum consultativo nelle land. Ma, subito, la risposta arrivata per bocca dei vari portavoce è stata senza speranza: «Niente referendum, è una questione di coscienza non di costituzione. Entro luglio ci sarà la nuova legge». Chissà perché da un lato si spergiurava che due scozzesi su tre erano a favore delle nozze gay e poi s’impediva una consultazione democratica non manipolabile.

Ora la novità è l’eccezione al “fronte comune” ecumenico in difesa del matrimonio e della famiglia determinata dalla prima chiesa anglicana in Gran Bretagna, cioè dalla “Chiesa Episcopale di Scozia” (CES). Il Sinodo Generale episcopale tenutosi a Edimburgo l’8 giugno, infatti, ha votato con 96 voti a favore e 33 voti contrari, in favore della possibilità, per le coppie dello stesso sesso, di sposarsi in chiesa. La legge canonica sarà quindi cambiata, andando a rimuovere la definizione che il matrimonio è tra un uomo e una donna. Questo significa che i “cristiani omosessuali” provenienti da qualsiasi chiesa anglicana potranno chiedere di sposarsi in una comunità della Chiesa Episcopale di Scozia, essendo definite nella nuova legge canonica diverse “intese di matrimonio”, consentendo al clero di celebrare il matrimonio tra coppie dello stesso sesso e a coppie del sesso opposto, al tempo stesso consentendo ai membri del clero di non celebrare un matrimonio contro la propria coscienza.

Il segretario generale della Comunione anglicana, l’arcivescovo Josiah Idowu-Fearon, ha commentato senza colpo ferire la decisione. «Le chiese della Comunione anglicana sono autonome e libere di prendere le proprie decisioni sulla legge canonica. La decisione di oggi non è una sorpresa, dato l’esito del voto al Sinodo episcopale un anno fa. Ci sono opinioni diverse sul matrimonio dello stesso sesso all’interno della Comunione anglicana». Pur sottolineando che questo voto «mette la Chiesa episcopale di Scozia in contrasto con la posizione maggioritaria per la quale il matrimonio è l’unione permanente di un uomo e una donna», l’ecclesiastico nigeriano, da nemmeno due anni segretario generale della Comunione anglicana, ha aggiunto: «voglio che le chiese della Comunione anglicana rimangano impegnate a camminare insieme nell’amore di Cristo e ad elaborare come possiamo mantenere la nostra unità e mantenere il valore di ogni individuo, nonostante le differenze profonde». «È importante – ha concluso Idowu-Fearon, soprannominato “Signor Dialogo” e membro della paramassonica “Fondazione Tony Blair per la Fede” - sottolineare la forte opposizione della Comunione alla criminalizzazione delle persone LGBTIQ». Mah!

I primati della Comunione anglicana hanno comunque annunciato la “rivincita”, chiedendo di riunirsi a Canterbury nel prossimo ottobre, per giocare i “tempi supplementari” sulla delicata questione. In questa sede, infatti, le 38 “chiese” autonome anglicane dovranno discutere formalmente la decisione presa dalla CES, il cui primate, David Chillingworth, ha comunque precisato: «Questo è un passo importante. Rimuovendo l’indicazione di genere sessuale dal nostro canone sul matrimonio, la nostra chiesa afferma ora che una coppia dello stesso sesso non solo si può sposare, ma si sposa davanti a Dio. Ma questa stessa decisione è difficile e dolorosa per altri, la cui integrità nella fede dice loro che questa decisione sia contraria alla scrittura e profondamente sbagliata. Per loro questo nuovo capitolo sarà percepito come un’esclusione, come se la loro chiesa si fosse allontanata da loro. Quindi il viaggio che ora cominciamo deve anche essere un viaggio di riconciliazione. Ogni comunità di fede deve affrontare le questioni legate alla sessualità umana, ciascuna con i suoi modi e con i suoi tempi. Altri arriveranno a risposte diverse dalla nostra. E la Comunione anglicana, che è parte della nostra storia e alla quale con passione siamo devoti, dovrà esplorare se il suo impegno storico all’unità nella diversità possa abbracciare questo cambiamento».

Il tema dell’omosessualità, da anni, è oggetto di forti tensioni in seno alla Comunione anglicana, soprattutto tra le chiese occidentali e quelle africane, più conservatrici. Risale a gennaio del 2016 la sospensione per tre anni della Chiesa episcopaliana – braccio statunitense e progressista della comunione anglicana – per aver introdotto il matrimonio gay. I matrimoni tra omosessuali autorizzati dalla Chiesa Episcopale scozzese, l’hanno fatta diventare la prima chiesa anglicana in Gran Bretagna a prendere una decisione del genere. Tutti i gay di fede anglicana potranno a questo punto chiedere di essere sposati in una qualsiasi chiesa anglicana in Scozia. A mio parere, prima o poi ci arriveranno anche le altre chiese protestanti europee a questo obbrobrio. In fondo è un modo per “rimpinguare” i propri adepti, in un periodo storico nel quale le celebrazioni anglicane e protestanti in genere sono piuttosto tristi e vuote. Inoltre, per qualcuno, celebrare “nozze” gay può diventare anche un bel business. Su questa terra, però. Esclusivamente su questa terra…

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

14/06/2017
2207/2019
Santa Maria Maddalena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

A Milano per parlare di famiglia

Miriano, Adinolfi, padre Botta e Scicchitano rispondono alle polemiche sul convegno in Regione Lombardia

Leggi tutto

Chiesa

Le scelte inclusive di Papa Francesco

Le nuove regole sull’accertamento dell’eventuale nullità del matrimonio raccontano una Chiesa più forte, non più debole, che non cambia nulla sul piano dottrinale

Leggi tutto

Politica

Istruzioni per le liste del PDF

Il prossimo 11 giugno si voterà in oltre 1.000 comuni italiani per la tradizionale tornata amministrativa di primavera. Il Popolo della Famiglia si presenta con il proprio simbolo e chiede a tutte le donne e agli uomini di buona volontà di organizzare una presenza capillare sul territorio che sarà propedeutica alle politiche che si terranno tra pochi mesi. Azione fondamentale per il radicamento sul territorio è la campagna di tesseramento, così come il reperimento di candidati e sottoscrittori delle liste che vorranno misurarsi con il consenso elettorale sulla base della piattaforma politica PdF

Leggi tutto

Politica

GLI IMPEGNI POLITICI DEL PDF ALLA RIPRESA

A ottobre si comincerà con le elezioni ad Ostia, municipio romano che con i suoi 231.723 abitanti sarebbe la tredicesima città d’Italia per popolazione, subito dopo Verona, territorio della periferia capitolina dominato dal M5S e dalle infiltrazioni mafiose, dove il governo municipale è stata sciolto due anni fa con decreto dell’esecutivo nazionale proprio per tali infiltrazioni. A novembre sarà la volta delle elezioni regionali in Sicilia e con questo si spiega il lavoro agostano del nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo nell’Isola. Nei prossimi mesi si voterà poi per le regionali in Lombardia, dove il ruolo da protagonista è ovviamente svolto dal nostro segretario nazionale Gianfranco Amato, e probabilmente anche nel Lazio e in Friuli Venezia Giulia dove l’esperienza di governo a Cordenons con Lanfranco Lincetto vicesindaco ci fa ben sperare anche grazie al radicamento con Alessandro Cocco a Trieste e con i risultati ottenuti a Fontanafredda alle ultime amministrative.

Leggi tutto

Politica

Cosa fare per non perdere ancora

Siamo destinati a continuare a perdere se continueremo a ripetere lo stesso errore, cioè quello di affidare la rappresentanza politica dei cattolici che credono nei principi non negoziabili all’ambiguità di una coalizione che semplicemente non coltiva i nostri stessi valori e li baratta come fossero merce sull’altare della politica politicante. Nel 2013 i cattolici di questa fatta hanno in massima parte votato per Berlusconi, per Alfano e per la Lega. Ora o si prende atto che Berlusconi in Pascale, per sua stessa ammissione, crede che i valori omosessualisti siano “una battaglia per i diritti di tutti” e infatti manda Renata Polverini a sfilare ai Gay Pride; che la nuova versione degli alfanoidi alleati di Berlusconi, cioè Maurizio Lupi e l’ineffabile ex ministro della Famiglia Enrico Costa a cui si aggregheranno quelli di Idea e lo straordinario Capezzone più Stefano Parisi nella mitologica costruenda “quarta gamba” del centrodestra, nasce già con l’obiettivo di dare i voti necessari al permanere degli attuali equilibri di governo; che la Lega in Veneto con Zaia (sostenitore della legge sul “fine vita”) stanzia i fondi per la “rettifica del sesso” cioè per i trans, con Maroni annuncia il baratto tra legge sull’omofobia e legge sull’autonomia, con Salvini annuncia come “primo provvedimento in consiglio dei ministri” la legalizzazione della prostituzione, come richiesto da un grande sostenitore del leader del Carroccio, il trans turco Efe Bal; che quest’ultima proposta è sostenuta con grande forza da Fratelli d’Italia e da Giorgia Meloni, che si candida a completare un ventennio da parlamentare, ma nei precedenti quindici anni in cui è stata per cinque anni eletta voluta dal suo padre politico Gianfranco Fini, per cinque anni vicepresidente della Camera, per cinque anni addirittura ministro, non si ricorda una sola proposta che fosse una sul diritto alla vita o sulla famiglia; o si prende atto che fare nel 2018 le stesse scelte politiche del 2013 equivale ad esporsi agli stessi rischi, perché sostenere un centrodestra strutturalmente ambiguo sui principi significa far entrare in Parlamento centinaia di deputati e senatori disposti al compromesso sulle leggi di principio, o davvero non si capisce nulla di politica. E sorge allora il sospetto che a qualcuno piacciano i vecchi equilibri in cui si perde sempre, pur di salvaguardare alcune stantie rendite di posizione.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia è la sola alternativa

Il Popolo della famiglia, oggi sta continuando a seminare. Oggi mette sempre al centro la buona politica: il fare per l’altro. Oggi continua sempre di più il suo operato. Ci siamo e stiamo continuando a radicarci in tutto il territorio italiano e nelle politiche del 4 Marzo, nonostante tutto e tutti ci siamo presentati in autonomia, 220mila persone hanno sbarrato il nostro simbolo. 220 mila per molti una sconfitta ma per noi, per me rappresentano un INIZIO. Alle amministrative abbiamo superato in molti comuni l’1% e non è scontato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano