Politica

di Mario Adinolfi

Grideranno i ragazzi

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ennesima paginata regalata da Repubblica a Monica Cirinnà che tratteggia il suo programma per la legislatura che verrà: “matrimonio egualitario”, adozioni gay e utero in affitto libero. Roba da far accapponare la pelle per la brutalità delle considerazioni. L’utero in affitto deve essere sempre libero se è compiuto “su base volontaria”. Certo, la ragazza indiana sedicenne non protesta, se prova a farlo viene ammazzata dal racket che gestisce le cliniche e a sporcarsi le mani di sangue sono altre ragazze delle cliniche stesse, talmente povere che per loro questo business è vita. E la donna della working class americana impoverita che ha venduto i figli a Nichi Vendola e a Sergio Lo Giudice, politici comunisti che c’hanno fatto una testa tanta sui ricchi che non devono sfruttare i poveri, compie quel gesto di disfarsi del bimbo partorito “su base volontaria” o perché è in stato di bisogno e su quelli stato di bisogno fanno leva gli acquirenti?

Maria Novella De Luca, giornalista embedded sempre prona ai diktat del movimento Lgbt, non fa queste domande alla Cirinnà che ottiene la paginata senza rilievi o critiche, è tutto un osanna. La poverina ha rotto con Renzi e ora cerca una via per essere ricandidata di forza, pronta a fare la “martire arcobaleno” se il ducetto di Rignano la depennasse dai candidati Pd alle prossime elezioni. E così sulla pelle dei bambini venduti ecco il catalogo del programma politico prossimo venturo.

Per fortuna questo delirio durerà pochi anni. Poi questi bambini rubati con la forza del denaro alle loro mamme cresceranno e si faranno ragazzi. E allora saranno loro, grideranno i ragazzi: “Come ti sei permesso vecchio ipocrita che facevi pure il comunista di privarmi con il tuo lurido denaro del diritto ad avere mia madre?”.

Grideranno i ragazzi, Vendola avrà settant’anni e si farà qualche domanda, quelle finali, quelle che servono, quelle che oggi non ha ancora il coraggio di farsi perché pensa solo a sé, come la Cirinnà, come Lo Giudice, come queste classi dirigenti indegne ed egoiste che possono essere solo sconfitte perché hanno perso ogni tratta di umanità e di ragionevolezza.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

19/06/2017
1409/2019
Esaltazione della S. Croce

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Alea iacta est

Il Popolo della Famiglia è l’unica risposta possibile da dare nelle urne alle prossime elezioni amministrative, data l’avanzata dei progetti contrari all’istituto matrimoniale e al diritto dei più deboli

Leggi tutto

Politica

In estrema sintesi

La sfida del 3% nazionale è a portata di mano e sbaglia chi torna a riproporre lo schema vecchio delle candidature di bandiera del Family Day all’interno dei partiti del centrodestra, è lo schema che ci ha portato al disastro attuale. Bisogna prenderne atto: Forza Italia ha dato libertà di voto sull’eutanasia e si è astenuta sulla legge su gender e omofobia in Umbria; leghisti importanti come Zaia sono addirittura apertamente a favore dell’eutanasia e insieme a Fratelli d’Italia propongono la legalizzazione della prostituzione; il divorzio breve è stato votato da tutti i gruppi politici con appena 11 voti contrari al Senato, mentre alla Camera sull’eutanasia i contrari sono stati 37.

Leggi tutto

Politica

La questione politica dirimente

Non c’è giustificazione o missione che tenga quando in parlamento si legifera di vita o di morte. Come hanno dimostrato i grillini tutti compatti e precettati (88 su 88), i bersaniani tutti compatti e precettati (40 su 40), i vendoliani tutti compatti e precettati (17 su 17) e i democratici tutti compatti e precettati (283 su 283). Sui principi non negoziabili purtroppo, sinistra e grillini hanno dimostrato di essere molto più seri di quella strana “Arca di Noè” che è il centrodestra.

Leggi tutto

Storie

Giocare ad uccidersi ma per davvero

Sembrano lontani anni luce i tempi di Kurt Cobain, in cui un giovane doveva perlomeno avere un vuoto divorante dentro – evidente a tutti benché nessuno potesse (forse) farci nulla – per giungere a suicidarsi. Il nichilismo è tanto assimilato dentro le nostre vene, ormai, che i suicidi della GenerazioneY non cercano neppure pretesti, ma si autodistruggono per troppa noia.

Leggi tutto

Politica

EUROPEE 2019: scende in campo la formazione del Popolo della Famiglia

EUROPEE 2019: scende in campo la formazione del Popolo della Famiglia - Alternativa Popolare per Sicilia e Sardegna. Di Matteo: “Portare la famiglia in Europa come elemento propulsore per la rinascita economica, sociale ed umana”

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano