Politica

di Mario Adinolfi

La questione Giorgia Meloni

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora.

Mi scrivono in tanti dopo il sabato di Todi, quello della riscoperta dei temi della famiglia da parte di Fratelli d’Italia. Un partito, lo ricordiamo, che propone che le nostre figlie possano fare le prostitute con la Partita Iva e che ha votato a favore del divorzio breve, guidato da una donna che ha già svolto nelle istitutioni tre legislature piene, una da vicepresidente della Camera e una da ministro, solo l’ultima all’opposizione senza incarichi. Raccontatemi del suo quadriennio ben installata nel consiglio dei ministri una sua sola proposta a favore della famiglia naturale che abbia cambiato almeno minimamente in meglio la vita delle famiglie italiane e vi dirò che la conversione ai temi familiari non è tardiva. E comunque allo stesso tempo dico: meglio tardi che mai.

Come Popolo della Famiglia non siamo andati a baciare la pantofola alla potente Giorgia per una ragione politica ben evidente: lei stessa, quando deve giustificare la sua inazione sui temi familiari quando era protagonista del governo, dice che il problema era una coalizione poco sensibile. E Tremonti non le faceva fare e Berlusconi aveva altro a cui pensare…a Todi si riempivano la bocca di Fattore Famiglia, di quoziente familiare, un nostro ex dirigente che fatica a uscire dalle espressioni vernacolari ha fatto il docente di reddito di maternità (e noi non mettiamo il copyright sulle nostre idee, siamo lieti che circolino, d’altronde da tempo a persone che non hanno mai avuto alcuna opinione sull’argomento gliene abbiamo data una). La domanda è, semplicemente: perché quando eravate al governo, queste cose che oggi proclamate come necessarie, non le avete fatte? Anzi, non le avete neanche mai proposte? Perché la famiglia italiana durante i lunghi anni di governo del centrodestra ha continuato a subire la più alta pressione fiscale d’Europa, ha avuto i sostegni pubblici più bassi d’Europa, ha continuato a veder crescere un assalto concreto alla sua tenuta addirittura con leggi che agevolano il divorzio e rendono praticamente vuoto l’istituto matrimoniale?

Giorgia ha cambiato idea. Ora la famiglia è “al centro” della sua proposta politica. Benissimo. Allora sgretoli la coalizione di centrodestra, perché è evidente che con loro al governo per prova provata da un ventennio abbondante di berlusconismo, alla famiglia non viene dato nulla. Mettiamo alla prova Fratelli d’Italia: si distacchi da una coalizione contraddittoria dove Forza Italia manda Renata Polverini il 10 giugno a sfilare al Gay Pride e dà libertà di coscienza sulla legge sull’eutanasia, mentre in Umbria si astiene sulla legge sul gender nelle scuole. Giorgia lasci andare per la sua strada Matteo Salvini e la sua proposta di legalizzazione della prostituzione, la sua simbolica amicizia con il trans turco Efe Bal che ci insulta in ogni occasione e che la Lega voleva candidare a Milano. Abbandoni il Salvini con cui insieme, due anni fa, candidarono e votarono alla presidenza della Repubblica il buon Vittorio Feltri, iscritto e sostenitore Arcigay oltre che noto paladino dell’eutanasia. Lasci la Lega con cui, a Conegliano, hanno votato una delibera per la diffusione dell’ideologia gender nelle scuole mentre governavano il Comune. E gli effetti si sono visti al voto.

Già, perché gli italiani non sono scemi e sanno riconoscere le conversioni dell’ultima ora. E così succede che dove il piccolo e senza mezzi Popolo della Famiglia si è misurato con il potente e ricco partito dell’allieva prediletta di GIanfranco Fini, i cittadini elettori hanno preferito il Pdf. Sono numeri. A Verona: Fratelli d’Italia 2.74%, Popolo della Famiglia 3.39%; a Conegliano: Fratelli d’Italia 1.37%, Popolo della Famiglia 3.02%; a Crema: Fratelli d’Italia 1.24%, Popolo della Famiglia 2.93%; persino a Riccione dove eravamo alleati il derby lo abbiamo vinto noi: Fratelli d’Italia 1.52%, Popolo della Famiglia 1.65%.

Eppure la conversione di Giorgia Meloni ai temi della famiglia è un dato positivo, pur se in passato se ne è disinteressata quando aveva le leve del potere in mano. Dimostri di essere interessata davvero ad una stagione diversa e si distacchi dalle dimensioni di ambiguità che l’hanno costretta, come lei stessa dice, a non essere efficace come avrebbe voluto quando era al governo. Troverà nel Popolo della Famiglia un interlocutore autonomo, disposto ad ascoltare le sue ragioni, ma fuori da dimensioni coalizionali asfittiche.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

19/06/2017
2107/2019
San Lorenzo da Brindisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Italia ha bisogno dei cattolici

Nasce il Popolo della Famiglia, soggetto politico che si presenterà alle elezioni amministrative di primavera per rappresentare le istanze emerse dal Family Day e tradite dai parlamentari cattolici

Leggi tutto

Politica

Confutando Spadaro e Figueroa

Il gesuita siciliano che si accredita come frontman dei consiglieri di Papa Francesco (e che con questi crediti intasca colonne di editoriale sui giornaloni) si è lasciato andare, insieme col direttore dell’edizione argentina de L’Osservatore Romano, a un’analisi sociopolitica dell’attuale quadro Usa. Stupisce l’approssimazione del testo, evasivo sui dati e apodittico sui teoremi: si può fare meglio

Leggi tutto

Società

Cambiare veramente la storia si può solo rivolgendosi a Dio

Da queste parti ci piacciono le primizie e dunque abbiamo già letto l’ultimo libro di Costanza Miriano (Si salvi chi vuole, Sonzogno) e già visto la prima puntata di Gomorra 3. D’accordo, in ossequio all’unico comandamento condiviso del nostro tempo che è “non spoilerare” (sul “non uccidere” ormai vagano varie scuole di pensiero), non anticiperemo nulla se non qualche riga del perfetto libro di Costanza, che imposta le questioni essenziali.

Leggi tutto

Chiesa

I diritti si fondano su una natura umana oggettiva

La Santa Sede ribadisce la ferma «persuasione che le eventuali controversie tra i popoli non debbono essere risolte con il ricorso alle armi; ma invece attraverso il negoziato». D’altra parte, proprio la continua produzione di armi sempre più avanzate e “perfezionate” e il protrarsi di numerosi focolai di conflitto – di quella che più volte ho chiamato “terza guerra mondiale a pezzi” – non può che farci ripetere con forza le parole del mio santo Predecessore: «Riesce quasi impossibile pensare che nell’era atomica la guerra possa essere utilizzata come strumento di giustizia. È lecito tuttavia sperare che gli uomini, incontrandosi e negoziando, abbiano a scoprire meglio i vincoli che li legano, provenienti dalla loro comune umanità e abbiano pure a scoprire che una fra le più profonde esigenze della loro comune umanità è che tra essi e tra i rispettivi popoli regni non il timore, ma l’amore: il quale tende ad esprimersi nella collaborazione leale, multiforme, apportatrice di molti beni».

Leggi tutto

Chiesa

A 25 anni dal primo duro anatema alla mafia

Oggi la Chiesa agrigentina fa memoria del giubileo dalla visita di San Giovanni Paolo II. Arrivò e rimase nella Valle dei Templi l’8 e il 9 maggio 1993. Tutti ricordano monsignor Marini che tradisce una tensione stellare, alle spalle del roccioso pontefice slavo: oggi tutti i vescovi siciliani si ritroveranno alle 18:00 per una celebrazione eucaristica al Tempio della Concordia.

Leggi tutto

Società

Corinaldo e le tre mele avvelenate

La distruzione, come in una gotica fiaba di Biancaneve, è veicolata da tre mele avvelenate che rappresentano tre dipendenze. Il brutto è che sono dipendenze diffusissime. Il bello è che si possono combattere, come tutte le dipendenze. Le tre mele avvelenate sono: l’alcool, la droga, la bulimia di denaro. Parto da quest’ultima: si è diffuso nel mondo musicale legato proprio a rap e trap questo metodo del cosiddetto dj set. Il dj set non è un concerto vero e proprio, il cosiddetto artista si fa vedere in tre o anche quattro location differenti nella stessa sera, “canta” due o al massimo tre pezzi, i più noti, si fa pagare un cachet stellare, sempre a cinque cifre. ....

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano