Politica

di Mario Adinolfi

La questione Giorgia Meloni

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora.

Mi scrivono in tanti dopo il sabato di Todi, quello della riscoperta dei temi della famiglia da parte di Fratelli d’Italia. Un partito, lo ricordiamo, che propone che le nostre figlie possano fare le prostitute con la Partita Iva e che ha votato a favore del divorzio breve, guidato da una donna che ha già svolto nelle istitutioni tre legislature piene, una da vicepresidente della Camera e una da ministro, solo l’ultima all’opposizione senza incarichi. Raccontatemi del suo quadriennio ben installata nel consiglio dei ministri una sua sola proposta a favore della famiglia naturale che abbia cambiato almeno minimamente in meglio la vita delle famiglie italiane e vi dirò che la conversione ai temi familiari non è tardiva. E comunque allo stesso tempo dico: meglio tardi che mai.

Come Popolo della Famiglia non siamo andati a baciare la pantofola alla potente Giorgia per una ragione politica ben evidente: lei stessa, quando deve giustificare la sua inazione sui temi familiari quando era protagonista del governo, dice che il problema era una coalizione poco sensibile. E Tremonti non le faceva fare e Berlusconi aveva altro a cui pensare…a Todi si riempivano la bocca di Fattore Famiglia, di quoziente familiare, un nostro ex dirigente che fatica a uscire dalle espressioni vernacolari ha fatto il docente di reddito di maternità (e noi non mettiamo il copyright sulle nostre idee, siamo lieti che circolino, d’altronde da tempo a persone che non hanno mai avuto alcuna opinione sull’argomento gliene abbiamo data una). La domanda è, semplicemente: perché quando eravate al governo, queste cose che oggi proclamate come necessarie, non le avete fatte? Anzi, non le avete neanche mai proposte? Perché la famiglia italiana durante i lunghi anni di governo del centrodestra ha continuato a subire la più alta pressione fiscale d’Europa, ha avuto i sostegni pubblici più bassi d’Europa, ha continuato a veder crescere un assalto concreto alla sua tenuta addirittura con leggi che agevolano il divorzio e rendono praticamente vuoto l’istituto matrimoniale?

Giorgia ha cambiato idea. Ora la famiglia è “al centro” della sua proposta politica. Benissimo. Allora sgretoli la coalizione di centrodestra, perché è evidente che con loro al governo per prova provata da un ventennio abbondante di berlusconismo, alla famiglia non viene dato nulla. Mettiamo alla prova Fratelli d’Italia: si distacchi da una coalizione contraddittoria dove Forza Italia manda Renata Polverini il 10 giugno a sfilare al Gay Pride e dà libertà di coscienza sulla legge sull’eutanasia, mentre in Umbria si astiene sulla legge sul gender nelle scuole. Giorgia lasci andare per la sua strada Matteo Salvini e la sua proposta di legalizzazione della prostituzione, la sua simbolica amicizia con il trans turco Efe Bal che ci insulta in ogni occasione e che la Lega voleva candidare a Milano. Abbandoni il Salvini con cui insieme, due anni fa, candidarono e votarono alla presidenza della Repubblica il buon Vittorio Feltri, iscritto e sostenitore Arcigay oltre che noto paladino dell’eutanasia. Lasci la Lega con cui, a Conegliano, hanno votato una delibera per la diffusione dell’ideologia gender nelle scuole mentre governavano il Comune. E gli effetti si sono visti al voto.

Già, perché gli italiani non sono scemi e sanno riconoscere le conversioni dell’ultima ora. E così succede che dove il piccolo e senza mezzi Popolo della Famiglia si è misurato con il potente e ricco partito dell’allieva prediletta di GIanfranco Fini, i cittadini elettori hanno preferito il Pdf. Sono numeri. A Verona: Fratelli d’Italia 2.74%, Popolo della Famiglia 3.39%; a Conegliano: Fratelli d’Italia 1.37%, Popolo della Famiglia 3.02%; a Crema: Fratelli d’Italia 1.24%, Popolo della Famiglia 2.93%; persino a Riccione dove eravamo alleati il derby lo abbiamo vinto noi: Fratelli d’Italia 1.52%, Popolo della Famiglia 1.65%.

Eppure la conversione di Giorgia Meloni ai temi della famiglia è un dato positivo, pur se in passato se ne è disinteressata quando aveva le leve del potere in mano. Dimostri di essere interessata davvero ad una stagione diversa e si distacchi dalle dimensioni di ambiguità che l’hanno costretta, come lei stessa dice, a non essere efficace come avrebbe voluto quando era al governo. Troverà nel Popolo della Famiglia un interlocutore autonomo, disposto ad ascoltare le sue ragioni, ma fuori da dimensioni coalizionali asfittiche.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

19/06/2017
1902/2019
San Corrado da Piacenza

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Se i cattolici votano Grillo

La vittoria alle amministrative dei grillini è frutto anche del voto di molti cattolici in funzione antirenziana. Ma dalla padella si passerebbe alla brace. Occorre rafforzare il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Società

UNAR, TUTTO QUELLO CHE LE IENE NON VI HANNO DETTO

Il Popolo della Famiglia aveva denunciato questa situazione a Roma quasi un anno fa, in occasione della sua campagna elettorale nella Capitale in cui chiedeva di “estirpare le colonie del male”, indicando proprio in circoli e dark room come quelle finanziate dallo Stato i luoghi dove si sviluppava una cultura del sesso promiscuo che mescolato al consumo sistematico di droghe aveva portato a tragedie come quelle dell’omicidio di Luca Varani. Proprio per questa attività di indagine e denuncia che il Popolo della Famiglia a Roma porta avanti fin dalla sua fondazione nel marzo 2016, siamo in grado di fornirvi i dettagli che Le Iene hanno deliberatamente occultato, non indicando ad esempio il nome dell’associazione finanziata, l’importo complessivo del bando, il legame a doppio filo tra il direttore dell’Unar Francesco Spano e questa associazione ed altre questioni che qui riveleremo.

Leggi tutto

Politica

Il quadro di un’occasione unica

Nel 2013 uscirono dal Parlamento deputati e senatori eletti da appena 5 liste: PdL, Pd, Lega Nord, Udc e Italia dei Valori. Il sistema sembrava aver trovato un suo equilibrio maggioritario, ma proprio le elezioni di quell’anno hanno introdotto, insieme allo tsunami M5S, anche una serie di fattori che hanno portato alla polverizzazione del quadro politico. In questo schema, alimentato dalla struttura proporzionale della prossima legge elettorale, si è ormai al tutti contro tutti e i tradizionali legami coalizionali perdono ogni senso. Per il PdF storica opportunità di essere decisivo

Leggi tutto

Storie

The shout of Ireland: “Let Them Live!”. Interview with Emily Faulkner

A group of American pro-lifers travelled from the US to lend their support to the anti-abortion referendum on the Eight Amendment

Leggi tutto

Società

Sul tema delle armi

Recentemente ha fatto discutere il deposito di ben cinque proposte di legge volte a liberalizzare (de iure, ma soprattutto de facto) la detenzione privata di armi da fuoco: i depositari delle proposte, specie i leghisti, cercano di puntare tutta l’attenzione sul diritto alla legittima difesa, ma ciò non tiene in conto che l’Italia non conta grandi casi di condanne per questa fattispecie… e oltretutto che armare virtualmente tutta la società non la rende più sicura

Leggi tutto

Società

Il popolarismo e la secolarizzazione

In un articolo sul La Nuova Bussola Quotidiana, Stefano Fontana arruola una celebre “profezia” del 1919 di Gramsci sul “suicidio” dei Popolari che avrebbero “modernizzato” le masse popolari aprendo così la strada all’ateismo e al comunismo. L’unica “modernizzazione” dei Popolari fu lottare contro il latifondo, riscoprendo così un retaggio biblico che era stato piuttosto trascurato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano