Politica

di Mario Adinolfi

La questione Giorgia Meloni

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora.

Mi scrivono in tanti dopo il sabato di Todi, quello della riscoperta dei temi della famiglia da parte di Fratelli d’Italia. Un partito, lo ricordiamo, che propone che le nostre figlie possano fare le prostitute con la Partita Iva e che ha votato a favore del divorzio breve, guidato da una donna che ha già svolto nelle istitutioni tre legislature piene, una da vicepresidente della Camera e una da ministro, solo l’ultima all’opposizione senza incarichi. Raccontatemi del suo quadriennio ben installata nel consiglio dei ministri una sua sola proposta a favore della famiglia naturale che abbia cambiato almeno minimamente in meglio la vita delle famiglie italiane e vi dirò che la conversione ai temi familiari non è tardiva. E comunque allo stesso tempo dico: meglio tardi che mai.

Come Popolo della Famiglia non siamo andati a baciare la pantofola alla potente Giorgia per una ragione politica ben evidente: lei stessa, quando deve giustificare la sua inazione sui temi familiari quando era protagonista del governo, dice che il problema era una coalizione poco sensibile. E Tremonti non le faceva fare e Berlusconi aveva altro a cui pensare…a Todi si riempivano la bocca di Fattore Famiglia, di quoziente familiare, un nostro ex dirigente che fatica a uscire dalle espressioni vernacolari ha fatto il docente di reddito di maternità (e noi non mettiamo il copyright sulle nostre idee, siamo lieti che circolino, d’altronde da tempo a persone che non hanno mai avuto alcuna opinione sull’argomento gliene abbiamo data una). La domanda è, semplicemente: perché quando eravate al governo, queste cose che oggi proclamate come necessarie, non le avete fatte? Anzi, non le avete neanche mai proposte? Perché la famiglia italiana durante i lunghi anni di governo del centrodestra ha continuato a subire la più alta pressione fiscale d’Europa, ha avuto i sostegni pubblici più bassi d’Europa, ha continuato a veder crescere un assalto concreto alla sua tenuta addirittura con leggi che agevolano il divorzio e rendono praticamente vuoto l’istituto matrimoniale?

Giorgia ha cambiato idea. Ora la famiglia è “al centro” della sua proposta politica. Benissimo. Allora sgretoli la coalizione di centrodestra, perché è evidente che con loro al governo per prova provata da un ventennio abbondante di berlusconismo, alla famiglia non viene dato nulla. Mettiamo alla prova Fratelli d’Italia: si distacchi da una coalizione contraddittoria dove Forza Italia manda Renata Polverini il 10 giugno a sfilare al Gay Pride e dà libertà di coscienza sulla legge sull’eutanasia, mentre in Umbria si astiene sulla legge sul gender nelle scuole. Giorgia lasci andare per la sua strada Matteo Salvini e la sua proposta di legalizzazione della prostituzione, la sua simbolica amicizia con il trans turco Efe Bal che ci insulta in ogni occasione e che la Lega voleva candidare a Milano. Abbandoni il Salvini con cui insieme, due anni fa, candidarono e votarono alla presidenza della Repubblica il buon Vittorio Feltri, iscritto e sostenitore Arcigay oltre che noto paladino dell’eutanasia. Lasci la Lega con cui, a Conegliano, hanno votato una delibera per la diffusione dell’ideologia gender nelle scuole mentre governavano il Comune. E gli effetti si sono visti al voto.

Già, perché gli italiani non sono scemi e sanno riconoscere le conversioni dell’ultima ora. E così succede che dove il piccolo e senza mezzi Popolo della Famiglia si è misurato con il potente e ricco partito dell’allieva prediletta di GIanfranco Fini, i cittadini elettori hanno preferito il Pdf. Sono numeri. A Verona: Fratelli d’Italia 2.74%, Popolo della Famiglia 3.39%; a Conegliano: Fratelli d’Italia 1.37%, Popolo della Famiglia 3.02%; a Crema: Fratelli d’Italia 1.24%, Popolo della Famiglia 2.93%; persino a Riccione dove eravamo alleati il derby lo abbiamo vinto noi: Fratelli d’Italia 1.52%, Popolo della Famiglia 1.65%.

Eppure la conversione di Giorgia Meloni ai temi della famiglia è un dato positivo, pur se in passato se ne è disinteressata quando aveva le leve del potere in mano. Dimostri di essere interessata davvero ad una stagione diversa e si distacchi dalle dimensioni di ambiguità che l’hanno costretta, come lei stessa dice, a non essere efficace come avrebbe voluto quando era al governo. Troverà nel Popolo della Famiglia un interlocutore autonomo, disposto ad ascoltare le sue ragioni, ma fuori da dimensioni coalizionali asfittiche.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

19/06/2017
1012/2018
Madonna di Loreto

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Serviva un presidente cristiano

Storica accoppiata presidenziale, mai l’Italia repubblicana ha avuto presidente del Consiglio e della Repubblica provenienti dalla stessa matrice partitica e culturale. Renzi e Mattarella vengono dal Ppi di don Sturzo e sono cattolici non all’acqua di rose

Leggi tutto

Politica

Il vento cambia anche in Romania

L’“Unione per la salvezza della Romania”, guidata dal 46enne Nicosur Dan, debutta alle urne raccogliendo una sonante percentuale di voti del 9,3%. Il messaggio del nuovo movimento, fondato solo 6 mesi fa, è “onestà e competenza”. Quindi cambiamento sì, ma anti-politica no. Un insegnamento anche per le prossime politiche italiane

Leggi tutto

Storie

In un attimo l’infinito di Carlotta Nobile

Ricordo che quando ero felice – scrive la giovane riandando all’infanzia – i miei fogli erano prevalentemente gialli. Quando ero triste arancioni. Non c’era così tanta differenza tra la mia gioia e il dolore. Solo un po’ di rosso in meno» (p.27). Il cancro ha messo alla prova queste parole mostrandole che gioia e dolore, nella sequela del Cristo Crocifisso, sono affratellati. Nella luce che promana dalla Croce c’è solo, come direbbe lei, «un po’ di rosso in meno».

Leggi tutto

Società

Adesso puntano al poliamore

Mentre il computo dei femminicidi, delle depressioni, dei padri sul lastrico e dei figli ridotti a mezzo di offesa dell’ex partner sale ben oltre i livelli di guardia, Repubblica torna a spiegarci che la soluzione starebbe in un tanto semplice quanto nominalistico smettere di deprecare l’infedeltà e l’instabilità. Con un gioco di parole vorrebbero mettere nel sacco la domanda del cuore umano.

Leggi tutto

Politica

Dieci obiezioni confutate sul Popolo della Famiglia

Gianfranco Amato ribatte alle obiezioni giunte da più parti sulla decisione del Popolo della Famiglia di competere alle prossime elezioni amministrative

Leggi tutto

Politica

Strage di Bologna: Mambro, Fioravanti e l’Italia che non sa

Non sono un giustizialista, non proverei libidine nel vederli ai ceppi. Ma un po’ il mondo l’ho girato e mi rendo conto che una storia come questa possiamo raccontarla solo noi in Italia. Mettono una bomba nella sala d’aspetto di una stazione, uccidono nella maniera più vigliacca possibile una valanga di bambini, donne, anziani. Non in un grado di giudizio, non un solo giudice, ma una marea di giudici fino alla Cassazione indicano in Francesca Mambro e Giusva Fioravanti gli esecutori materiali della strage. Il 23 novembre 1995 la Repubblica italiana certifica con il terzo grado di giudizio la sentenza definitiva di colpevolezza, nel 1998 la Mambro è già in semilibertà, Fioravanti poverino deve aspettare il 1999. Lo sapevate? Ve l’hanno mai detto? Ve lo immaginate che possa accadere negli Stati Uniti d’America o in qualsiasi paese civile che i condannati per la strage più grave della storia di quel paese, a tre anni dalla sentenza definitiva possano camminare liberi per il centro della capitale? Il tutto, attenzione, senza mai aver collaborato con la giustizia, avendo mantenuto sempre orgogliosamente le bocche cucite e forse il premio è arrivato proprio per questo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano