Media

di Mario Adinolfi

Viva padre Livio

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

​C’è qualcosa che ci piace davvero di padre Livio Fanzaga, oltre all’indubitabile genio che lo ha reso capitano di una radio senza possibili paragoni al mondo come Radio Maria che ha un successo mondiale illimitato nonostante tutti gli ostacoli che continuamente gli vengono parati innanzi in ogni paese. Quello che ci piace è la schietta umanità di uomo serio e anche duro, senza fronzoli, capace di tenere teste ai fighetti delle Iene come al conduttore cacciato che diventa ingrato. C’è tanto dell’essere sacerdote in padre Livio, questa sua serietà, questo suo sfuggire le lusinghe del mondo.

Monica Cirinnà lo ha prima denunciato all’Ordine dei Giornalisti, ne ha prima preteso la sentenza di condanna in primo e secondo grado di giudizio, ne ha prima ottenuto la sospensione per sei mesi dalla direzione di Radio Maria..

Poi ha dettato alle agenzie di stampa un comunicato che gronda ipocrisia: “Apprendo da fonti di stampa della condanna alla sospensione per 6 mesi dall’Albo di padre Livio Fanzaga, direttore di Radio Maria, a seguito della pronuncia dell’Ordine dei Giornalisti e del rigetto del suo ricorso alla Corte d’Appello di Milano, a seguito delle espressioni ritenute offensive nei miei confronti.

Gli scriverò oggi stesso per invitarlo in Senato per un incontro in nome del dialogo tra le differenze e la riconciliazione, tema che considero centrale per la crescita culturale e civile della nostra società e sul quale ognuno di noi è chiamato a contribuire”.

Letta la risposta di padre Livio (“non posso, ho molto da fare”) c’è da alzarsi in piedi, togliersi il cappello ed applaudire. Niente buonismi, niente perdite di tempo, niente photo opportunity. Al lavoro e ciò che è giusto e ciò che è sbagliato lo sa la Regina della Pace.

22/06/2017
2109/2017
S. Matteo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2017 La Croce Quotidiano