Politica

di Mario Adinolfi

Ops, l’odiato Trump vince ancora

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Succedono strane cose negli Stati Uniti d’America. Intanto si riaffaccia il terrorismo di matrice islamica. I quotidiani nascondono la notizia (solo La Croce ci ha aperto) ma dopo gli assalti all’arma bianca di Londra, Parigi e Bruxelles (da sommare ai vari attentati esplosivi) questa modalità da “cane sciolto” è sbarcata anche negli Usa, per la precisione in Michigan, dove un signore con passaporto canadese ha prima strillato “Allah Akbar”, poi preso a coltellate un agente di polizia ormai in pensione all’aeroporto di Flint, in Michigan. C’è una regia che sta spingendo ad attaccare le forze dell’ordine con questa modalità rozza ma spesso letale? Non lo sapremo, derubricano tutti questi fatti a “colpa del caldo” e “sono solo dei matti”. L’informazione così langue.

Per esempio non vi hanno neanche fatto sapere che l’odiatissimo Donald Trump, quello che l’America raccontata dai giornalisti italiani detesta, ha vinto un’altra elezione. Già. Bisognava sostituire in un distretto di Atlanta (Georgia) il deputato al Congresso, visto che il titolare è entrato al governo e negli Usa la divisione dei poteri è ancora vagamente rispettata: se sei nell’esecutivo non puoi essere nel legislativo (in Italia tutti i membri del governo sono anche parlamentari e Montesquieu fa la trottola nella tomba, infatti governano con decreti e leggi solo di iniziativa governativa, riducendo il Parlamento a un ritrovo di dopolavoristi in attesa di pensione).

Insomma, senza farla tanto lunga, i democratici vogliono dare subito il segnale di avere il paese dalla propria parte e fanno un casting attentissimo da cui esce un ragazzino di 29 anni che non ha mai fatto politica, laureato alla London School of Economics, ovviamente liberal, ovviamente tutto diritti civili. Non solo lo candidano ma gli mettono al fianco una squadra enorme di dodicimila volontari e oltre cento funzionari di partito pagati, più un budget di cinquanta milioni di dollari. Cinquanta milioni di dollari per un solo distretto? Praticamente il costo di una candidatura alle primarie per la presidenza degli Stati Uniti.

Trump che fa? Il misogino Trump, il riccastro Trump come risponde? Candida una donna ma stanzia un budget di appena quattro milioni di dollari. Oddio, ho scritto appena, ma per una elezione distrettuale è comunque una montagna di danaro. Certo, paragonata ai cinquanta milioni in dote al candidato dei democrats sembra un topolino. Ma la donna è coriacea, sa di doversi battere, in quel distretto di Atlanta alle presidenziali Trump ha vinto sì, ma per pochissimi voti e ora tutti dicono che l’inquilino della Casa Bianca è odiatissimo, che ha vinto solo per il bizzarro sistema elettorale americano ma in realtà ha preso meno voti di Hillary Clinton e insomma il 29enne democratico è praticamente certo di diventare deputato, ha il sostegno di tutta la stampa e di tutte le star dello spettacolo e delle principali televisioni. Con quei cinquanta milioni di dollari si è potuto comprare undicimila spot televisivi che hanno bombardato i cittadini di Atlanta notte e dì, spiegando come fosse importante dal punto di vista simbolico quella elezioni, che di lì l’America sarebbe ripartita alla riscossa e menate del genere.

Com’è, come non è, si fa notte e arrivano i risultati. Trump ha vinto ancora, il distretto periferico di Atlanta resta in mani repubblicane. I commentatori televisivi hanno l’aria torva mentre danno la notizia, alcuni sono increduli, altri sembrano lì lì per scoppiare in lacrime. Alcuni sui social network scrivono che l’unico modo per battere i repubblicani è abbatterli a fucilate, come ha fatto materialmente un militante della campagna di Bernie Sanders prendendo di mira un deputato repubblicano che stava allenandosi per una partita di baseball. E’ ancora in condizioni critiche in ospedale il poveretto, vittima di una campagna di odio violentissima che la sinistra sta portando avanti nei confronti della presidenza americana legittimamente eletta. E a quanto pare ancora democraticamente salda, sorretta dal consenso popolare che si è manifestato anche ad Atlanta, Georgia.

Tutto questo per dire: attenti a quello che i giornali vi dicono e anche a quello che i giornali non vi dicono, soprattutto i giornali italiani quando si parla d’America, che quel che accade in America prima o poi riverbera da noi, anche se Giovanna Botteri non ve lo racconta o ve lo racconta a modo suo.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

22/06/2017
1907/2019
Sant'Arsenio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La questione Giorgia Meloni

Con l’avvicinarsi del voto esiste la tendenza ad accaparrarsi più voti possibili con le promesse più disparate. Mario Adinolfi chiarisce questo scottante argomento prendendo come esempio Fratwlki d’Italua e la sua leader Giorgia Meloni

Leggi tutto

Società

Perchè aggrediscono il PDF

Noi siamo fatti oggetto di violenza continua, dai profili social imbavagliati agli spettacolini come quelli di Novara, dagli insulti sanguinosi alle quotidiane vere minacce, perché non ci siamo rassegnati ad un generico e sterile borbottio, ma l’abbiamo trasformato in azione sociale e politica. Questo proprio non ce lo perdonano. E poiché a Novara come la sera dopo a Torino come quella precedente a Terni, l’OCOM tour fa segnare solo sale piene e sold out, allora hanno alzato il livello di intimidazion

Leggi tutto

Politica

PERCHE’ IL PDF RIPARTE DA CAMALDOLI

Tre quarti di secolo fa, in un tempo davvero davvero difficile e se leggete le date seriamente coraggioso, cioè dal 18 al 24 luglio 1943, un gruppo di intellettuali (laici e religiosi) cattolici si riunì, presso il monastero benedettino di Camaldoli, sotto la guida di mons. Adriano Bernareggi, assistente ecclesiastico dei laureati dell’Azione Cattolica, con l’intento di confrontarsi e riflettere sulla dottrina sociale della Chiesa e sui problemi della società, sui rapporti tra individuo e stato, tra bene comune e libertà individuale.

Leggi tutto

Società

Il dramma dell’aborto

li aborti nel terzo trimestre negli Stati Uniti sono una percentuale irrisoria rispetto alla totalità di quelli rilevati. La più recente indagine federale del Centers for Diseases Control and Prevention, (Abortion Surveillance 2015) ha registrato 640mila aborti nell’anno dagli stati che li hanno comunicati. Tuttavia, diversi stati non comunicano i dati relativi agli aborti procurati: secondo l’Istituto Guttmacher (precedente, istituto di ricerca per Planned Parenthood), la stima in tutta la nazione si aggirerebbe attorno al milione. Di quelli riportati nell’indagine del CDC per i 2/3 (430mila) è nota la settimana di gestazione, di questi solo 1,3% praticato dopo le 21 settimane. Applicando la stessa percentuale sul totale si ottengono circa 8400 aborti dopo le 21 settimane, un numero che prevedibilmente scende di molto se si contabilizzassero quelli dalle 25 o dalle 27 settimane, cioè propriamente gli aborti late-term, nell’ultimo trimestre effettivo.

Leggi tutto

Politica

Alea iacta est

Il Popolo della Famiglia è l’unica risposta possibile da dare nelle urne alle prossime elezioni amministrative, data l’avanzata dei progetti contrari all’istituto matrimoniale e al diritto dei più deboli

Leggi tutto

Politica

Il nuovo governo Gentiloni

Ecce governo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano