Politica

di Mario Adinolfi

Renzi perde, il PDF vince

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Si possono consegnare agli archivi le elezioni amministrative 2017 con un titolo su cui certamente possiamo essere tutti d’accordo: Matteo Renzi le ha perse. Il centrosinistra a trazione Pd, un Pd che si è dissanguato in scissioni e malumori per via delle manie assolutistiche del suoi leader, proprio non funziona. Perde clamorosamente la sfida di Genova consegnando la rossa Liguria nelle mani del centrodestra perdendo anche La Spezia, ma ancora più nettamente viene sconfitto il povero Tosi a Verona, a cui l’avvicinarsi a Renzi porta malissimo, visto che la fidanzata lasciata a rappresentarlo prende una scoppola da quindici punti di distacco da Sboarina. Il centrosinistra si lecca le ferite anche a Parma e a Piacenza, con sconfitte nettissime impensabili alla vigilia. La débacle si fa pesante persino in terra toscana, dove il trio Renzi-Boschi-Lotti consegna Pistoia al centrodestra (alle precedenti amministrative il centrosinistra aveva sfiorato il 60%), mentre in Lombardia il partito di Renzi deve consegnare ai rivali del centrodestra le fasce tricolori anche di Como e Lodi.

La riflessione renziana è stata già anticipata: sarà tutto relegato a “voto amministrativo locale” tenendo lontana la riflessione politica generale, che dice invece a sorpresa che ad essere in salute è il centrodestra (e che ora per Salvini e Meloni la strada “autonoma” da Berlusconi si fa in salita) mentre i grillini arrancano e il centrosinistra è sostanzialmente a pezzi, diviso in mille fazioni rissose che ovviamente in una legge elettorale a doppio turno con ballottaggio finiscono per danneggiarsi l’una con l’altra.

Ma. C’è un ma. La legge elettorale per le politiche non è un doppio turno con ballottaggio. Lo era l’Italicum, ma per una serie di ragioni costituzionalmente poco serie, è stato dichiarato incostituzionale, in realtà temendo che potessero approfittarsene i grillini. La legge elettorale per le politiche è un proporzionale puro con sbarramento al 3%. Questo vuol dire che i risultati delle amministrative 2017, se fossero quelle delle politiche 2018, consegnerebbero il Paese a un governo di coalizione centrodestra-centrosinistra a polarità opposta rispetto alle politiche 2013. Se infatti allora per pochi voti fu il Pd a dare le carte e ad esprimere il presidente del Consiglio, la crisi renziana di raccolta del consenso (alcuni candidati sindaco non l’hanno voluto in campagna elettorale perché convinti che facesse perdere voti) tramuterebbe l’arrogante Matteo in un portatore d’acqua per un governo a trazione berlusconiana che potrebbe puntare su un presidente del Consiglio a sorpresa. Quel Calenda ora ministro di Gentiloni? La Meloni? O addirittura un Gentiloni bis con l’attuale presidente del Consiglio totalmente de-renzizzato e reso autonomo nella leadership?

Vedremo. Di certo la tentazione di Renzi di andare subito al voto dopo queste amministrative si raffredderà, mentre Berlusconi capisce di essere ancora alla guida di una coalizione ammaccata, potenzialmente molto divisa, ma vincente.

Il Popolo della Famiglia come è noto guarda ai giochi tra le coalizioni con grande distacco. I nostri dirigenti hanno presentato le liste autonome in tutta Italia, valutando sempre le ipotesi di entrare in coalizione se fossero stati accettati i nostri punti programmatici e se il candidato sindaco altrui fosse coerente con i nostri principi, quindi nella stragrande maggioranza dei casi finendo per convenire che l’unica strada possibile fosse la presentazione di liste autonome del Popolo della Famiglia con un proprio candidato sindaco. Ci siamo spesi già in passato nel raccontare come sono andate per noi queste amministrative che chiudiamo con sedici eletti del Popolo della Famiglia. In coalizione abbiamo collaborato con un gran lavoro del coordinatore nazionale Nicola Di Matteo a eleggere al primo turno il sindaco di Avola, in Sicilia e abbiamo partecipato e vinto al ballottaggio di Riccione, per Renata Tosi sindaco.

Il caso di Riccione è particolarmente emblematico, perché la scelta di entrare in coalizione con Renata Tosi, coordinata da Mirko De Carli e Massimiliano Fiorin, è derivata proprio da una conoscenza del candidato sindaco, di grandissimo coraggio e spessore, assolutamente coerente con i nostri principi non negoziabili, che ha partecipato personalmente alle iniziative dello splendido gruppo del Popolo della Famiglia di Riccione che sono andato ad incontrare personalmente in campagna elettorale traendone la sensazione refrigerante di un gruppo di amici che si batteva con coraggio e senza secondi fini. Bene, il gruppo Pdf Riccione, nato davvero poche settimane prima del voto, non solo ha preso più voti di un partito blasonato e strutturato come Fratelli d’Italia, ma ora va al governo di una città nevralgica e anche simbolica per le nostre battaglie, dove evidentemente non a caso la serata con il segretario nazionale Gianfranco Amato e Povia l’11 maggio scorso è stata affollatissima. Con un gran lavoro sul territorio, abbiamo centrato il risultato.

Il Popolo della Famiglia insomma vince ancora: è al governo ora in tre città con popolazione superiore ai 15mila abitanti (Cordendons, Avola, Riccione), è presente con propri eletti nelle municipalità di importanti città (Verona, Bolzano, Ravenna, Faenza), ha consiglieri eletti in sei regioni: Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Sicilia. A ottobre vivremo la sfida per le municipali a Roma, per Ostia e il municipio VIII, dove abbiamo buone speranze di ottenere altri eletti. Poi nel 2018 la sfida delle elezioni politiche in cui però partiamo con un buon allenamento svolto alle amministrative 2016 e 2017.

Davvero complimenti alle migliaia di militanti del Popolo della Famiglia che in questi quindici mesi di vita, dall’assemblea costituente dell’11 marzo ad oggi, consentendoci di presentare le liste del Pdf in 35 comuni comprendenti tutte le città più importanti d’Italia, raccogliendo decine di migliaia di firme e poi di voti, hanno reso possibile il concretizzarsi di un’offerta politica che ribadisce la sua ambizione: rappresentare un popolo che vuole difendere i principi essenziali e quindi non negoziabili facendo ripartire la politica dai bisogni della famiglia naturale e farlo andando in Parlamento autonomamente e successivamente al governo del Paese per garantire che non sia fatto ulteriore male all’Italia. Questa è la promessa, questo faremo se tutti voi ci darete una ulteriore concreta mano, uscendo dalla lamentazione ed entrando in una dimensione di fattibilità progettuale. Insieme, questa lotta condurrà ad altri successi.

A noi la battaglia, a Dio la vittoria.

26/06/2017
2207/2017
Santa Maria Maddalena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

I figli non si pagano, gli uteri non si affittano

Raccogliamo firme “fisiche” per una moratoria Onu sull’utero in affitto che blocchi a livello mondiale questa pratica barbara

Leggi tutto

Storie

Un trans non può fare la tata

Non si può affidare la crescita di un bambino di pochi mesi a un trans. Dalla email si capisce che la transizione da un sesso all’altro non si è compiuta, l’Inps ha ancora tutti i documenti al maschile, quindi Alessandro è a tutti gli effetti Alessandro anche se “si sente” Alessandra. Siamo davanti dunque ad una persona che non si accetta per come è, che in questo percorso di transizione deve affrontare prove psicologiche e fisiche molto pesanti con l’assunzione continua di farmaci, che dal punto di vista fisico sostiene un iter di trasformazione molto doloroso e che fa tendere all’instabilità emotiva. Un bambino di pochi mesi può essere affidato a chiunque tranne che a persone con queste caratteristiche di instabilità. L’approdo alla diversa sessualità riconosciuta, quello che porterebbe il soggetto in questione ad avere i documenti in regola con il nome Alessandra, passa poi attraverso fasi di demolizione dei genitali maschili e di costruzione di forme genitali all’apparenza femminili che sono mediamente faticosissime da molti punti di vista, sia fisici che psicologici. Il ricorso al consumo di forti quantità di alcool e di droghe per ovviare all’inevitabile disturbo di personalità che accompagna ogni evoluzione dalla disforia di genere accertata all’approdo ad una diversa conformazione dei propri genitali, è comprovato in tutti i testi scientifici, così come la più alta propensione al suicidio dei transessuali rispetto alle altre persone.

Leggi tutto

Politica

AGNESE E LO STERMINIO

Al Copenhagen Post non farà piacere sapere però che nella corsa nazista allo sterminio la Danimarca è stata surclassata dall’Islanda, dove l’aborto per i bambini con diagnosi prenatale che fa emergere la Trisomia 21 riguarda il 100% dei casi e “da cinque anni non nascono i Down”. Evviva. Inutile ricordare che la Danimarca è il primo paese europeo ad aver legalizzato le unioni civili gay (1989) e come in Islanda vengono consentite formazioni familiari derivanti da utero in affitto: il bambino, insomma, è per quegli ordinamenti giuridici una “cosa” acquistabile appartenente agli acquirenti. In una visione antropologica e giuridica di questo tipo ovviamente la “cosa” fallata va eliminata.

Leggi tutto

Politica

Con pazienza e costanza

Il lavoro di costruzione del soggetto politico del Popolo della Famiglia prosegue

Leggi tutto

Politica

Ora estirpiamo le colonie del male

Non ci piace essere velleitari, l’Unar è istituito da legge dello Stato in recepimento di una direttiva comunitaria, non può essere chiuso. Va sterilizzata la sua funzione di stanziatore di denaro pubblico a favore della lobby lgbt. Dopo la vicenda di Francesco Spano per qualche tempo si asterrà dal farlo, ma dobbiamo tenere la vigilanza alta. E spiegare alla Boschi e a Gentiloni perché non devono più neanche lontanamente immaginare di finanziare con i quattrini delle famiglie italiane quelle associazioni con circoli dove si pratica la prostituzione e si spaccia droga, truffando lo Stato anche sul piano fiscale.

Leggi tutto

Politica

Perché la politica italiana sembra dover insultare i suoi giovani

Il ministro del Lavoro ci ricasca: un’altra frase infelice lascia trapelare disprezzo per i disoccupati

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2017 La Croce Quotidiano