Società

di Mario Adinolfi

La morte di Charlie punto di non ritorno

http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Dobbiamo averlo chiaro in testa, il martirio di Charlie Gard è un punto di non ritorno delle politiche mortifere europee, caratterizzate anche da una inadeguata opposizione alla esplosione di norme e sentenze contro la vita e contro la famiglia. Ai genitori di Charlie non solo viene tolto il figlio, non solo viene ucciso soffocandolo staccando la macchina che gli consente di respirare, ma viene addirittura negato il diritto di farlo morire a casa e di farlo vedere prima della morte ad amici e familiari. Tutto questo accade senza sostanziale opposizione popolare, perché non si può considerare qualche strepitio su Facebook una reale opposizione ad un atto di crudeltà senza precedenti che è colossale perché fa precedente. Uccidono Charlie (uno, indifeso), per educare noi tutti al criterio che la soppressione del sofferente improduttivo è legittima se la cura del sofferente comporta costi eccessivi. Non è un fulmine a ciel sereno. Questa decisione dei medici inglesi, questa sentenza dei giudici inglesi, questa conferma ottenuta in sede europea arriva dopo anni di progetti “alla danese” Down Syndrome Free (cioè la soppressione prima della nascita di tutti i bambini danesi portatori di Trisomia 21, nell’ultimo anno ne sono nati solo 2 su oltre 1.800) o di vanterie “alla islandese”, popolo che da cinque anni non vede nascere più neanche un bambino Down, tutti uccisi nel ventre materno.

Contemporaneamente in Olanda, Belgio, Lussemburgo, Svizzera decine di migliaia di malati, depressi, affetti da Alzheimer, dementi, sofferenti di varia natura sono soppressi tramite eutanasia e suicidio assistito, anche a pagamento. Charlie Gard riceve le nostre estreme attenzioni, ma è punta di un iceberg composto da milioni e milioni di volti sconosciuti di addolorati e bambini non nati che negli ultimi dieci anni solo in Europa sono stati soppressi in nome di una società che vuole rimuovere la sofferenza e il sacrificio cancellando il fastidio estetico di doverli vedere, dunque uccidendoli. Non è un atto isolato, è un atto che apre una stagione ulteriore di morte contro cui, ripeto, l’unica efficace opposizione è la ribellione di una moltitudine nelle urne per prendere spazi decisionali dove le decisioni si formano, dove le leggi si fanno. E’ la lezione americana dove un presidente che non piaceva a molti (neanche a me) e che alcuni cattolici contestavano per la dubbia moralità e l’eccessivo istrionismo, ha però compiuti atti concreti conseguenti ai consensi ottenuti da milioni di cristiani: ha ad esempio nominato un giudice della Corte Suprema di sani principi cambiando gli equilibri del massimo organo giurisdizionale degli Stati Uniti e gli effetti si sono già visti. Da una vittoria politica derivano vittorie giurisprudenziali e si pone un argine alla marea montante delle leggi contro la vita e contro la famiglia.

Per impedire la morte di Charlie Gard non è stato fatto abbastanza, neanche i cristiani hanno fatto abbastanza. In Europa stanno riuscendo a costruire un’assuefazione alle politiche di morte che sta colpendo anche noi, che ci lascia attaccati a qualche attività on line che sembra salvarci la coscienza e invece la carica di un gravame ancora più evidente, perché è chiaro che siamo consapevoli del male che viene compiuto. Viene compiuto, lo ricordiamo, in una nazione governata non certo dalla sinistra, con il consenso sostanziale dell’esecutivo che non ha fermato questa sentenza di morte. Solo se gli oppositori delle politiche mortifere capiranno quel che è necessario fare per ribellarsi concretamente, assumendo la lezione americana come alternativa possibile al capo chinato e rassegnato che esprimiamo in Europa, sarà possibile risalire la china dal baratro infernale in cui l’uccisione barbara e senza pietà di Charlie Gard ci fa sprofondare.

Che questo piccolo martire ci faccia aprire gli occhi, in fretta.

Gli sia lieve la Terra, Dio accogli Charlie Gard e fallo splendere come merita.

29/06/2017
2207/2017
Santa Maria Maddalena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Adesso pure la “locura” dell’eutanasia

Un gruppo di volti televisivi dai nomi altisonanti, sono stati utilizzati dai radicali dell’Associazione Luca Coscioni per un video che chiede l’approvazione della legge di iniziativa popolare che legalizzerebbe l’eutanasia depenalizzando la soppressione di malati che, a sentire Veronesi, avviene sistematicamente e silenziosamente negli ospedali italiani.

Leggi tutto

Società

Peter Singer, il bioeticista che vuole uccidere i neonati

Cosa dice il docente di Princeton che teorizza l’eutanasia “non volontaria” sui disabili, soprattutto se appena nati, con l’obiettivo di “ridurre i costi sanitari”

Leggi tutto

Politica

Nazisti eccome

Sarà il caso di portare a conoscenza di lorsignori il caso su cui di discute in queste ore in Gran Bretagna. Connie Yates e Chris Gard sono due giovani genitori poco più che trentenni, il 4 agosto 2016 è nato il loro primo figlio, Charlie. Un bambino in buona salute che però dopo otto settimane di vita ha cominciato a perdere peso e si è scoperto affetto da una rara sindrome mitocondriale, che lo condanna alla disabilità. L’ospedale che lo ha in cura si è rivolto alla magistratura britannica per chiedere l’uccisione del bambino, ovviamente i genitori si sono ribellati e hanno avuto la forza di parlare davanti alle telecamere della BBC, di spiegare che Charlie interagisce con loro e apre gli occhi e la bocca e “non sembra affatto soffrire”. Si ribellano alla decisione dell’ospedale e pretendono che i giudici non emettano una condanna a morte per Charlie. La BBC ha esposto la vicenda in modo chiaro ed è stata inondata di messaggi di solidarietà per i genitori, contro le posizioni dei medici che hanno però ribadito l’intenzione di andare davanti ai giudici per chiedere la soppressione di Charlie.

Leggi tutto

Società

Positivo e contro

Prendere posizione fa la differenza e i processi sociali non sono inarrestabili. Una lezione che ci arriva anche dalla resistenza di molti cattolici al nazismo e arriva fino al raduno del 13 giugno prossimo al Palalottomatica

Leggi tutto

Politica

Difendo i miei figli dal gender nelle scuole: ministro Giannini, arresti me

L’esponente del governo accusa di “truffa culturale” i genitori preoccupati dall’ideologia che avanza nelle aule e minaccia denunce

Leggi tutto

Politica

AGNESE E LO STERMINIO

Al Copenhagen Post non farà piacere sapere però che nella corsa nazista allo sterminio la Danimarca è stata surclassata dall’Islanda, dove l’aborto per i bambini con diagnosi prenatale che fa emergere la Trisomia 21 riguarda il 100% dei casi e “da cinque anni non nascono i Down”. Evviva. Inutile ricordare che la Danimarca è il primo paese europeo ad aver legalizzato le unioni civili gay (1989) e come in Islanda vengono consentite formazioni familiari derivanti da utero in affitto: il bambino, insomma, è per quegli ordinamenti giuridici una “cosa” acquistabile appartenente agli acquirenti. In una visione antropologica e giuridica di questo tipo ovviamente la “cosa” fallata va eliminata.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2017 La Croce Quotidiano