Società

di Mario Adinolfi

La morte di Charlie punto di non ritorno

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Dobbiamo averlo chiaro in testa, il martirio di Charlie Gard è un punto di non ritorno delle politiche mortifere europee, caratterizzate anche da una inadeguata opposizione alla esplosione di norme e sentenze contro la vita e contro la famiglia. Ai genitori di Charlie non solo viene tolto il figlio, non solo viene ucciso soffocandolo staccando la macchina che gli consente di respirare, ma viene addirittura negato il diritto di farlo morire a casa e di farlo vedere prima della morte ad amici e familiari. Tutto questo accade senza sostanziale opposizione popolare, perché non si può considerare qualche strepitio su Facebook una reale opposizione ad un atto di crudeltà senza precedenti che è colossale perché fa precedente. Uccidono Charlie (uno, indifeso), per educare noi tutti al criterio che la soppressione del sofferente improduttivo è legittima se la cura del sofferente comporta costi eccessivi. Non è un fulmine a ciel sereno. Questa decisione dei medici inglesi, questa sentenza dei giudici inglesi, questa conferma ottenuta in sede europea arriva dopo anni di progetti “alla danese” Down Syndrome Free (cioè la soppressione prima della nascita di tutti i bambini danesi portatori di Trisomia 21, nell’ultimo anno ne sono nati solo 2 su oltre 1.800) o di vanterie “alla islandese”, popolo che da cinque anni non vede nascere più neanche un bambino Down, tutti uccisi nel ventre materno.

Contemporaneamente in Olanda, Belgio, Lussemburgo, Svizzera decine di migliaia di malati, depressi, affetti da Alzheimer, dementi, sofferenti di varia natura sono soppressi tramite eutanasia e suicidio assistito, anche a pagamento. Charlie Gard riceve le nostre estreme attenzioni, ma è punta di un iceberg composto da milioni e milioni di volti sconosciuti di addolorati e bambini non nati che negli ultimi dieci anni solo in Europa sono stati soppressi in nome di una società che vuole rimuovere la sofferenza e il sacrificio cancellando il fastidio estetico di doverli vedere, dunque uccidendoli. Non è un atto isolato, è un atto che apre una stagione ulteriore di morte contro cui, ripeto, l’unica efficace opposizione è la ribellione di una moltitudine nelle urne per prendere spazi decisionali dove le decisioni si formano, dove le leggi si fanno. E’ la lezione americana dove un presidente che non piaceva a molti (neanche a me) e che alcuni cattolici contestavano per la dubbia moralità e l’eccessivo istrionismo, ha però compiuti atti concreti conseguenti ai consensi ottenuti da milioni di cristiani: ha ad esempio nominato un giudice della Corte Suprema di sani principi cambiando gli equilibri del massimo organo giurisdizionale degli Stati Uniti e gli effetti si sono già visti. Da una vittoria politica derivano vittorie giurisprudenziali e si pone un argine alla marea montante delle leggi contro la vita e contro la famiglia.

Per impedire la morte di Charlie Gard non è stato fatto abbastanza, neanche i cristiani hanno fatto abbastanza. In Europa stanno riuscendo a costruire un’assuefazione alle politiche di morte che sta colpendo anche noi, che ci lascia attaccati a qualche attività on line che sembra salvarci la coscienza e invece la carica di un gravame ancora più evidente, perché è chiaro che siamo consapevoli del male che viene compiuto. Viene compiuto, lo ricordiamo, in una nazione governata non certo dalla sinistra, con il consenso sostanziale dell’esecutivo che non ha fermato questa sentenza di morte. Solo se gli oppositori delle politiche mortifere capiranno quel che è necessario fare per ribellarsi concretamente, assumendo la lezione americana come alternativa possibile al capo chinato e rassegnato che esprimiamo in Europa, sarà possibile risalire la china dal baratro infernale in cui l’uccisione barbara e senza pietà di Charlie Gard ci fa sprofondare.

Che questo piccolo martire ci faccia aprire gli occhi, in fretta.

Gli sia lieve la Terra, Dio accogli Charlie Gard e fallo splendere come merita.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

29/06/2017
0207/2020
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Eutanasia, parole radicali

Il radicale pro-eutanasia Cappato contro addirittura la normativa sulla sedazione terminale in Francia: “Bisogna somministrare una sostanza letale”

Leggi tutto

Società

La morte vince sulla giustizia?

Il processo a Marco Cappato si sta rivelando per la passerella di radicali che a suo tempo annunciammo. Fummo facili profeti: ieri il PM Tiziana Siciliano ha chiesto l’assoluzione per Marco Cappato, addirittura arrivando a dire che «oggi lo Stato è Marco Cappato», e torcendo nella sua arringa le parole di Primo Levi e di Thomas More. L’alternativa è rivedere direttamente l’art. 580.

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Storie

Anna mamma coraggio

Generalmente l’assistenza viene fornita nelle sedi dei CAMSP, strutture multidisciplinari dove diversi professionisti (neurologi, psicologi, psicomotricisti, logopedisti, fisioterapisti, ecc.) possono seguire direttamente i bambini. Solo nel caso in cui la famiglia del bambino disabile risieda troppo lontano da una sede del centro il CAMSP ricorre a professionisti esterni. Fino ad ora queste spese venivano rimborsate dalla Sécurité sociale. Ma ora in alcuni dipartimenti i rimborsi sono stati sospesi. «Questa evoluzione normativa, frutto di una interpretazione restrittiva dei testi legislativi, è legale dal punto sul piano formale. Ma ci sembra scandalosa se pensiamo che non si tratta di creare nuove voci di spesa», attacca Hartmann.

Leggi tutto

Politica

Come Ponzio Pilato

I giudici costituzionali hanno solo pavidamente dato un calcio alla palla facendola rotolare in tribuna. Davvero sembra incredibile che di fronte a una domanda semplice (”è incostituzionale l’articolo 580 del codice penale?”) non si sia proceduto con l’ovvia sentenza di rigetto dell’istanza. Ora il presidio, evidentemente, diventa politico.

Leggi tutto

Politica

NON È UN CASO, È IDEOLOGIA

Non è un caso che il ministro Azzolina stia deliberatamente agendo per escludere le scuole paritarie (in maggioranza cattoliche) dal sostegno che viene riconosciuto invece a qualsiasi altro settore in difficoltà e per questo la metà delle scuole cattoliche a settembre non riaprirà. Non è un caso che una circolare del ministero dell’Interno per giorni abbia obbligato i cattolici italiani a non poter entrare in una chiesa (da singoli, per dire una preghiera magari per un caro defunto) sé quella chiesa non si trovava “sul tragitto” verso un’altra attività considerata essenziale, tipo andare dal tabaccaio. Non è un caso che settori del governo abbiano provato a pretendere la chiusura totale delle chiese, a cui alcune diocesi s’erano persino acconciate prima che la voce ferma di Papa Francesco richiamasse tutti a riaprirle subito con tanto di camminata solitaria del Pontefice per andare a pregare davanti al crocifisso di San Marcello a via del Corso a Roma. Non è un caso che sia stata vietata ogni manifestazione pubblica “cum populo” di natura religiosa per la Pasqua. Non è un caso che si sia addirittura arrivati a vedere l’irruzione e il tentativo di interruzione di una messa da parte della forza pubblica. Non è un caso che nel corso della conferenza stampa Conte abbia accennato a contrasti che evidentemente ci sono stati anche in seno alla task force di Colao e al comitato scientifico sulla riapertura delle messe da lasciare “sine die”, evidentemente delle forze hanno agito con determinazione per ottenere questo obiettivo. Non è un caso, è ideologia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano