Media

di Lucia Scozzoli

Se twitter censura gli attivisti pro life

​ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Quando la California depositò le accuse contro David Daleiden, leader del CMP (Center for Medical Progress, gruppo pro-life) e una dipendente Sandra Merritt, per aver girato di nascosto i filmati su Planned Parethood, alla convention della Federazione Nazionale Aborti a San Francisco nel 2014 e a Baltimora nel 2015, i media liberali hanno riportato la notizia negli USA con grande eco.

Ma poi due settimane fa il Tribunale Superiore di San Francisco ha respinto 14 delle 15 denunce di invasione di privacy contro i due attivisti che hanno registrato segretamente conversazioni con i partecipanti e i media sono rimasti zitti zitti.

Questo si chiama avere due pesi e due misure.

Addirittura quando esplose lo scandalo per la diffusione dei video di CMP, le reti ABC e CBS pubblicarono i filmati con commenti del tipo “i video mostrano il tentativo di Daleiden e Merritt di comprare tessuto fetale” o i due “hanno cercato di acquistare materiale umano”, che è esattamente l’inversione della realtà: infatti i filmati ritraggono proprio le reazioni compiaciute e accondiscendenti di Planned Parethood alle richieste dei due finti ricercatori e documentano inequivocabilmente il mercato di parti del corpo di bambini abortiti praticato dal colosso degli aborti americano.

Oltre ad aver rovesciato la frittata, i media hanno omesso alcune informazioni rilevanti: l’avvocato generale della California, Xavier Becerra, che ha intentato causa con i 15 capi di imputazione contro Daleiden e Merritt, ha ricevuto migliaia di donazioni da Planned Parenthood come membro della Camera. Inoltre Becerra ha strenuamente difeso davanti ai media le attività di Planned Parenthood quando a settembre del 2015 i Repubblicani manifestarono la volontà di tagliargli i fondi.

Dopo due mesi dalla divulgazione del primo video, le tre reti ABC, NBC e CBS avevano mostrato solo lo 0,13% del filmato di CMP durante i loro notiziari (1 minuto e 13 secondi delle oltre 16 ore di ripresa) e agli inizi di ottobre 2015 i media avevano trascorso più tempo a ribadire la difesa di Cecile Richards, la CEO di Planned Parenthood, durante l’audizione al congresso che a mostrare i video oggetto del contenzioso.

Fin dall’inizio dello scandalo, i media liberali hanno scelto di difendere Planned Parenthood: nelle prime 9 ore e mezza di trasmissioni televisive dopo l’esplosione dello scoop, ABC, NBC e CBS hanno speso solo 39 secondi sul video. Ci sono volute più di 24 ore affinché tutte e tre le reti riportassero la notizia. Dopo una settimana, il tempo concesso al video era di soli 9 minuti e 11 secondi. È evidente che se uno spettatore avesse voluto informarsi solo seguendo questi media, dei video di CMP avrebbe capito ben poco.

La storia del leone Cecil, per capirci, in un giorno ha avuto più attenzione dei video di CMP in due settimane. Anche la telecronaca sulla nascita dei panda cubani al National Zoo è andata in onda di più. Poi le tre reti si sono rifiutate di documentare le manifestazioni avvenute in tutto il paese a fine agosto e che hanno coinvolto migliaia di americani, contro Planned Parenthood. Solo la CBS ha fatto un fuggevole cenno, parlando di un incendio in una clinica di PP a Washington: “Il fuoco ha causato danni pesanti, ma nessuno è stato ferito”. “Due settimane fa, circa 500 persone hanno protestato in quella clinica chiedendo che fossero arrestati”. E così hanno servito al telespettatore l’associazione del tutto priva di fondamento tra protesta e incendio.

Delle proteste di gennaio 2017 le reti hanno parlato omettendo di descrivere anche le incursioni violente degli abortisti, che si sono anche scontrati con la polizia.

Anche in Italia conosciamo bene questo atteggiamento dei media: i pride hanno sempre garantita una copertura mediatica di prim’ordine, pure quando sono quattro gatti scomposti, mentre le proteste pro-life o le veglie di preghiera o i family day non sono meritevoli nemmeno di un rapido cenno. La faziosità della Rai a incensare perennemente il PD rasenta l’idiozia e Mediaset si è perfettamente allineata allo stile progressista in salsa animalista (Dudù ci ha messo la zampa), mentre per La7 tutti i mali vengono dal M5S. Per tutti le destre sono attaccabrighe populiste, il PDF non esiste, la Chiesa va bene se conferma il PD, si immischia senza diritti se lo contesta.

Lila Rose, fondatrice dell’associazione pro-life Live Action, ha inoltre denunciato come la piattaforma twitter stia censurando i suoi tweet a favore della vita perché ritenuti offensivi, anche frasi innocue o citazioni famose, del tipo:

“Un bambino non è una scelta. Seguimi per gli aggiornamenti sul diritto alla vita e alla dignità umana”

“Perché una persona è una persona, non importa quanto piccola”

“La cura della vita umana e della felicità, e non la sua distruzione, è il primo e unico oggetto di un buon governo” (Thomas Jefferson)

Non si capisce dove stia il carattere offensivo di questi tweet, a meno che il social non ritenga offensivo ogni riferimento pro-life ed in effetti è esattamente quello che sostiene Lila Rose.

D’altra parte il mondo sta virando verso una cultura di morte a velocità terrificante: già in Francia è vietato per legge compiere qualunque azione di persona o sui social che possa ostacolare l’aborto, anche solo cercare di dissuadere una donna o prospettarle un’alternativa. Il video bellissimo sui bambini down che invita a guardarli come persone e non come disabili tristi è stato messo fuorilegge, per il rischio che qualcuno si convinca a non abortire dopo la diagnosi di trisomia 21.

La vicenda giudiziaria di Charlie Gard e l’accanimento della magistratura inglese a voler condannare a morte prima del tempo un bambino disabile si innesta nel solco di questa ideologia, che non è nemmeno nuova: la priorità del profitto giustifica ogni azione atta a limitare la spesa sanitaria pubblica, mediante l’eliminazione dei prodotti fallati. Lo diceva già Hitler.

Le piattaforme social di facebook e twitter si sono apertamente schierate in senso abortista. Una volta si sarebbe detto “pro-choise”, ma dopo il colpo di mano inglese e l’affermazione che l’unica scelta che siamo liberi di fare è morire, bisogna cambiare nome allo schieramento: pro-death sarebbe più idoneo.

05/07/2017
2109/2017
S. Matteo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

La soluzione sono le armi

Dai social network arrivano minacce pesanti e insulti. Per carità, non drammatizziamo, sono scemenze figlie dell’anonimato garantito da Internet. Ma per molto meno, per altri giornalisti, si grida e si protesta. Giustamente. Contro di noi può essere scritto di tutto, invece

Leggi tutto

Storie

Le donne africane non hanno bisogno di aborto

Una giovane nigeriana crea un’organizzazione prolife per opporsi alla “Bill & Melinda Gates Foundation” nei suoi intenti “filantropici” (ossia di controllo delle nascite – dei poveri del mondo). Lo scopo di Culture of Life Africa è dissuadere i “filantropi” dai loro propositi. La lettera di Obianuju a Melinda Gates è un testo di magistero della vita e di resistenza al pensiero unico.

Leggi tutto

Società

«Ciao, mi chiamo Deborah e vendo aborti fatti a pezzi»

Avete mai mangiato un’insalata con una delle più grandi abortiste al mondo, che con l’occasione vi rivela i trucchi per non spappolare i fegatini d’uomo? Si chiama Deborah Nucatola e ricopre uno dei massimi vertici di Planned Parenthood

Leggi tutto

Media

La censura della Rete

“La ‘diffusione di notizie false’ è già sufficiente a ricattare chiunque – scrive Pennetta - , dal momento che ci sarà una commissione che stabilirà quali notizie sono false questa avrà in mano il potere di impedire qualsiasi notizia non conforme alle versioni ufficiali. Tutte le notizie che potrebbero favorire il versante “populista” (termine anch’esso vago che designa qualunque movimento contrario alla UE, Euro, NATO, TTIP, CETA, FMI ecc…) saranno con la nuova legge punite penalmente (pag. 3 ddl). Stabilito il criterio col quale una notizia diventa una ‘fake news’ il legislatore pone una trappola insidiosa ma quantomai rivelatrice delle reali intenzioni della proposta di legge. Poiché la libera informazione ha prodotto i suoi effetti quando una serie di testate che si sono conquistate la fiducia dei lettori negli anni hanno cominciato a convergere nei giudizi dando origine ad una massa compatta di persone informate e determinate che poi sono andate a votare, lo scopo è adesso quello di bloccare le notizie che compattano settori significativi di opinione pubblica lasciando libera circolazione a quelle che per un motivo o per un altro non coagulano l’attenzione restando singole opinioni. Si potrà parlare, certamente dice la legge, purché non ci si “fili” nessuno (pag. 5 ddl)”.

Leggi tutto

Società

Mary Gatter vuole “una Lamborghini”

Così ha detto ridendo l’alta funzionaria di Planned Parenthood nel nuovo video pubblicato ieri dal Center for Medical Progress: si parla di veri e propri “compensi”, non di “rimborsi spesa”; ma «ne deve valere la pena». Planned Parenthood è nel caos per gli affondi ricevuti in quello che si annuncia come un temibile “abortionleaks”: ieri sera è stata diramata una lista di nomi di “anti-choice”, una vera e propria lista di proscrizione. Ora la Richards e i suoi collaboratori accusano gli altri di mentire, laddove gli altri semplicemente pubblicano le dichiarazioni pubbliche dei primi mettendole a confronto con quelle private

Leggi tutto

Società

Una ciurma di genitori dia la caccia alla belena blu

Ma chi è Philipp Budeikin? Egli sostiene che le ragazze erano felici di morire, che erano scarti biologici e che col suo sistema ripuliva la società. Sui social si faceva chiamare Philipp Lis (Fox) e adescava ragazzine semplicemente con modi gentili e premurosi, pieni di attenzione. Infatti nella sua rete sono cadute soprattutto ragazze e bambine trascurate dai genitori, che si sentivano molto sole ed estremamente bisognose di affetto e sostegno.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2017 La Croce Quotidiano