Società

di Lucia Scozzoli

Impiccherano Charlie con una corda d’oro

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

La giustizia inglese ha sentenziato per l’ultima volta, estirpando dal cuore dei Gard la flebile fiammella della speranza: il giudice Francis ha stabilito data e luogo della morte di Charlie, ma questi particolari sono coperti da segreto e non possono essere rivelati alla stampa. Il tutto avverrà in un hospice.

I genitori di Charlie l’altro ieri avevano accusato il GOSH di porre continui ostacoli ad ogni loro desiderio, mentre l’ospedale aveva sostenuto di aver spostato cielo e terra per andar loro incontro, ma niente: Charlie ha bisogno una ventilazione intensiva per respirare e non può vedere, sentire o inghiottire (anche se secondo i genitori ci vede e ci sente e secondo quando dichiarato da Armstrong e non smentito dall’ospedale, alle sue cure al momento provvede una sola infermiera).

Connie ieri aveva lanciato sui social un disperato appello per trovare una squadra medica in grado di garantire il trattamento a Charlie anche a domicilio: “Abbiamo promesso a Charlie ogni giorno che lo avremmo portato a casa. Sembra veramente sconvolgente, dopo tutto quello che abbiamo passato, vederci negato anche questo”.

Ieri in tribunale era presente solo Connie e come sempre la tragedia ha mostrato il suo consueto registro: GOSH, tutore e giudice in perfetta sintonia, la famiglia all’angolo.

L’udienza è iniziata con la consultazione da parte del giudice Francis del personale medico che la famiglia ha trovato per l’assistenza domiciliare e l’analisi del suo curriculum. Armstrong ha anche affermato che un fornitore avrebbe potuto procurare un apparecchio per la ventilazione in 24 ore e che addirittura alcune infermiere del GOSH si erano offerte di prestare la loro opera a casa Gard, gratuitamente, segno che questo piccolo guerriero ha fatto breccia nei cuori di molti. Non per niente Connie e Chris nei giorni scorsi hanno ringraziato pubblicamente il personale del GOSH per le cure che hanno amorevolmente fornito. Gli infermieri, a contatto coi piccoli pazienti, non sono freddi esecutori di procedure, come può essere un medico, finiscono per mescolare il loro sudore quotidiano con quello dei bambini che accudiscono, si lasciano contaminare dall’umanità che, per fortuna, non può essere bloccata da una sentenza.

Il Giudice, guardando la documentazione fornita da Armstrong, si è lamentato parecchio di essere chiamato a decidere su una simile questione. Poi il medico della famiglia e i dottori del GOSH si sono messi a discutere lontano dall’orecchio della stampa. Alla fine del confronto acceso, Armstrong ha affermato che nessun accordo soddisfava il GOSH: una cura palliativa necessita davvero della terapia intensiva?

La situazione in aula si è fatta concitata, una frase di Armstrong è stata carpita dall’inviata di sky news: “Connie Yates non è una codarda!”. Forse qualcuno l’ha accusata di non voler accettare la realtà, di avere solo paura di lasciar andare Charlie.

Armstrong è intervenuto a chiedere che la discussione proseguisse senza la presenza della stampa, contrariamente a quanto richiesto il giorno prima. Il giudice Francis ha sbottato un “io l’avevo detto ieri”, Armstrong ha giustificato il cambiamento di strategia sottolineando il fatto che Connie si era agitata parecchio. Lei avrebbe voluto più tempo, per trovare personale adatto per la gestione domestica di un trattamento intensivo, per restare con suo figlio. Armstrong ha allora chiesto 48 ore, il giudice si è lamentato, dicendo che questa indecisione stava aggravando la situazione anche dei genitori (come se il fatto che Connie fosse stravolta dipendesse dal ritardo nella decisione e non dal fatto che stessero discutendo di come e quando ammazzare suo figlio).

Fiona Paterson per il GOSH ha rimarcato l’argomento del giudice: ogni ritardo aumenterebbe la sofferenza di tutti. Quello che la famiglia aveva proposto era una strada non percorribile, avrebbero tanto voluto ma non si può proprio. Connie scuoteva la testa.

Secondo il GOSH, Charlie va trasferito in un hospice entro venerdì e lì va eseguita la sentenza (di morte).

Anche la Butler-Cole non ha fatto mancare il suo apporto: “i genitori dovrebbero spendere gli ultimi giorni della vita di Charlie con lui, non con i loro avvocati” (chiaro invito a lasciar perdere la contesa giudiziaria e levare bandiera bianca, con una punta di acida critica all’atteggiamento battagliero di Connie).

Il giudice ha allora chiesto di nuovo un confronto a porte chiuse, per decidere di preciso i modi e i tempi dell’estubazione, temendo che qualcuno potesse far trapelare verso la stampa informazioni riservate.

Il luogo e la data dell’esecuzione della sentenza, infatti, devono restare sotto segreto.

Ad un certo punto Connie è uscita dall’aula stravolta, gridando “se fosse tuo figlio!” e non è rimasta nemmeno per ascoltare la lettura della sentenza.

La decisione è chiara: per il miglior interesse di Charlie, l’estubazione avverrà in un hospice, in un giorno e in un luogo che non devono essere rivelati pubblicamente. Se entro le 12 di oggi le parti non si accorderanno diversamente, così sarà. Non ci saranno altre udienze.

Connie ha subito rilanciato sui social la richiesta disperata di specialisti della terapia intensiva (forse il medico che avevano trovato per l’inizio dell’udienza non aveva un curriculum abbastanza corposo per contestare le obiezioni dei GOSH), ma questo pare veramente un tentativo disperato, perché la mediazione è ora affidata completamente al rapporto diretto tra le parti e il GOSH non ne vuole sapere.

Certo che non si può davvero dire di Connie che sia una codarda. Il suo spirito continua a ruggire, pretendendo una giustizia umana che non c’è più, esigendo l’ovvio rispetto che si deve alla vita, anche a quella di Charlie, invocando aiuto senza nessuna strategia che non la disperazione dettata dall’urgenza dell’amore.

Fino alle 12 brulicherà il mondo di parole, di tentativi, di speranze. Poi calerà un grande silenzio: sulle polemiche, su chi sostiene che gli ultimi tre mesi di lotte giudiziarie siano stati solo un prolungamento di un inutile accanimento, su chi ha accusato i Gard di aver ceduto alle logiche della sanità e della giustizia inglese che valutano come degno di vivere solo chi ha una qualità della vita che raggiunge certi standard (stabiliti arbitrariamente caso per caso), su chi ha sostenuto Chris e Connie in tutta la battaglia, quando c’erano prospettive come quando non ce n’erano più, sui luminari della scienza che hanno portato il loro contributo con grande generosità, sulla violenza inaudita di medici spietati e giudici adoratori di morte, sulla gente comune che in tutto il mondo ha pregato rosari a ripetizione per convertire cuori duri come il marmo che non si sono lasciati commuovere.

E la seconda stazione della via crucis comincerà: inizieranno le manovre per inchiodare Charlie alla sua croce. Lungo il suo percorso, ci saranno da quel momento in poi solo i suoi aguzzini, i cuori affranti dei suoi genitori, e, forse, qualcuno di quegli infermieri del GOSH che si è offerto di assistere a domicilio: personaggi secondari, ma straripanti umanità, come Simone di Cirene che mette la sua spalla sotto la croce di Cristo, la Veronica che ne asciuga il volto, il centurione che ne riconosce la divinità una volta inchiodato in croce.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

27/07/2017
2107/2019
San Lorenzo da Brindisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Quarant’anni di Movimento per la Vita

Il 22 maggio del 1975 nasceva a Firenze il primo centro di aiuto alla vita, nucleo originario di un movimento che ha fatto la storia della difesa dei più deboli in Italia

Leggi tutto

Chiesa

Viganò diffida dall’esegesi del Papa eretico

Quando Francesco disse – affacciandosi sulla piazza quella prima sera del suo pontificato – di venire dalla fine del mondo, certo non avrebbe immaginato, né lo immaginavano i fedeli, quale difficoltà avrebbe comportato la traduzione quotidiana di questa provenienza da un luogo e da una mentalità differente da quella europea. Ma è accaduto e, pian piano, anche gli addetti alla comunicazione in Vaticano ne stanno prendendo atto. Papa Francesco va compreso in quelle che sono le specificità del proprio modo di comunicare e poi va opportunamente raccontato: questo è il messaggio che arriva da mons. Viganò. C’è dunque un altro passo avanti: nelle parole del Monsignore si riscontra sì la necessità di dire che devono essere evitare “letture eretiche”, ma – al tempo stesso – c’è l’ammissione indiretta che gli equivoci non nascono soltanto dalla malafede, ma da un realistico ostacolo, per la mentalità europea/occidentale, di raccontare il pontificato di Papa Francesco. Perché il Papa non viene da un altro pianeta, ma per il nostro modo di pensare, ragionare, anche catalogare, a volte è stato come se fosse stato così.

Leggi tutto

Società

La Cassazione contro il matrimonio

Non ci sarà più obbligo di mantenere la controparte del contratto nuziale, una volta che sia stata verificata l’abilità di quest’ultima a lavorare. Incredibile silenzio delle femministe, a fronte di una legge che abolisce alcune tutele per le donne impegnate nella cura della casa e dell’educazione primaria. L’effetto sarà l’aumento del numero dei divorzî, dell’impegno sano e generoso dei carismi.

Leggi tutto

Storie

Claudio Chieffo e la sua musica per la vita

Claudio Chieffo è una di quelle “dimenticanze” a cui ci abituati il secolarismo contemporaneo. Perché se sei cristiano – e scegli di professare la tua fede attraverso l’arte o la letteratura in modo diretto – non ti viene dato quel rilievo che meriteresti. Nemmeno se ti onora della tua amicizia uno come Guccini. Nemmeno se riesci a rendere pensoso uno come Gaber, che diceva: «Nelle canzoni di Claudio c’è un’onestà, una pulizia, un amore naìf che fa pensare. Siamo profondamente diversi, non solo per le sicurezze che lui ha e che io non ho, ma soprattutto perché nelle sue canzoni lui non fa mistero delle sue certezze». Stupirsi di questa “dimenticanza” del mondo laico vorrebbe dire non aver compreso nulla del Cristianesimo. Indignarsi meno ancora. Zittire le voci che inquietano è, da sempre, provare a zittire la Voce, l’unica, che rivela l’uomo a se stesso. Si suppone (ma la speranza è sempre in modalità on per chi professa Cristo) che non ci saranno tributi televisivi di un certa rilevanza nazionale per i 10 anni dalla sua morte, il 19 Agosto prossimo. Come se non avesse mai avuto un pubblico. Ma ci sarà una Messa, celebrata da mons. Luigi Negri. E si può essere certi che a lui, dov’è ora, questo “ricordo” piacerà anche più di un tributo.

Leggi tutto

Chiesa

I diritti si fondano su una natura umana oggettiva

La Santa Sede ribadisce la ferma «persuasione che le eventuali controversie tra i popoli non debbono essere risolte con il ricorso alle armi; ma invece attraverso il negoziato». D’altra parte, proprio la continua produzione di armi sempre più avanzate e “perfezionate” e il protrarsi di numerosi focolai di conflitto – di quella che più volte ho chiamato “terza guerra mondiale a pezzi” – non può che farci ripetere con forza le parole del mio santo Predecessore: «Riesce quasi impossibile pensare che nell’era atomica la guerra possa essere utilizzata come strumento di giustizia. È lecito tuttavia sperare che gli uomini, incontrandosi e negoziando, abbiano a scoprire meglio i vincoli che li legano, provenienti dalla loro comune umanità e abbiano pure a scoprire che una fra le più profonde esigenze della loro comune umanità è che tra essi e tra i rispettivi popoli regni non il timore, ma l’amore: il quale tende ad esprimersi nella collaborazione leale, multiforme, apportatrice di molti beni».

Leggi tutto

Media

L’altra metà del cielo di Messori

“Una fede in due” rivela ai lettori un sodalizio intellettuale profondissimo che ha attraversato i tempi turbolenti del post Concilio e le vicissitudini della storia d’Italia. Un tempo che Rosanna e Vittorio hanno vissuto da protagonisti e da osservatori privilegiati delle vicende della Chiesa e della società italiana. Si tratta sì, va detto, di un’avventura straordinaria, ma a due facce. Da una parte la faccia pubblica, contrassegnata da libri di successo, dall’altra la faccia privata, visitata dalla sofferenza. Su questo sfondo si staglia la storia di due anime così simili, così diverse, passate entrambe, quasi in contemporanea, dall’esperienza bruciante della conversione. Ma con modalità molto differenti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano