Società

di Mario Adinolfi

Hanno ucciso Charlie Gard

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Tutto quel che c’è da dire è nel fatto nudo e crudo: hanno ucciso Charlie Gard. No, non oggi staccando il respiratore e lasciando che restasse senz’aria nei polmoni, soffocandolo (e a poco valgono le immagini palliative che rendiamo a noi stessi, pensandolo sedato e sereno, la morte non è mai faccenda indolore anche quando vogliamo farla sembrare tale per l’impossibilità di sopportarne la dura verità). Hanno ucciso Charlie a gennaio, quando i genitori hanno cominciato a parlare di cura sperimentale possibile negli Stati Uniti organizzandosi per rendergliela praticabile e i medici del Great Ormond Street Hospital si sono opposti dicendo fin da allora che non c’era nulla da fare e portando la questione in tribunale e trovando ‘sto giudice Francis dell’Alta Corte britannica a dar ragione ai medici e poi la Corte d’Appello e poi la Corte Suprema e poi la Corte Europea dei Diritti Umani e poi di nuovo il giudice Francis, in un tragico gioco dell’oca che aveva un solo traguardo prefissato: l’uccisione di Charlie Gard, per la quale tutti unanimemente si sono pronunciati per mesi, medici del GOSH e giudici di ogni corte.

Sono loro ad aver ucciso il piccolo e ad averlo voluto uccidere per una ragione molto semplice: i disabili gravi inguaribili ma curabili sono un costo pesantissimo per la sanità britannica, che ai costi è estremamente attenta, e Charlie era un caso perfetto perché non poteva parlare e non aveva un passato. Uccidevano un bambino senza amici, senza mogli, senza figli che soffriva di una malattia devastante che subiva in maniera silente e così potevano costruire un precedente giuridico che in un sistema di Common Law come quello britannico tornerà utile vedrete in quanti altri casi. Pensavano che i genitori non avrebbero lottato più di tanto, questo ormai è il mondo in cui i bambini vengono abortiti e centinaia di migliaia l’anno in ogni nazione “civile”, praticamente quasi sempre in caso di malanni riscontrati dalle varie forme di diagnosi prenatale, se poi nasce un bambino “handicappato” la società lo dipinge come “una disgrazia” e fior di accademici ne teorizzano la soppressione in vita in una moderna edizione della Rupe Tarpea.

Invece Chris e Connie hanno resistito, hanno lottato con le unghie e con i denti, si sono battuti come genitori che verrebbe da definire “d’altri tempi”, con le loro grida e il loro dolore non esibito ma evidente. Poi s’è mobilitato il mondo e forse chi poteva fare tanto ha fatto poco, ci siamo innamorati delle solite inutili petizioni on line e davanti al Great Ormond Street Hospital a protestare erano in trenta, anche dalle autorità politiche e religiose ci si poteva attendere altro che non fosse un paio di frasi (comunque utili a far piombare il caso in prima pagina). Magari il poco, che comunque ha coinvolto l’anima e la commozione sincera di milioni di persone prevalentemente in Italia e negli Stati Uniti, sarebbe stato sufficiente in un tempo normale, ma questo è il tempo in cui gli assassini hanno un’ostinazione fuori dal comune, il parallelo con i nazisti che ogni volta ripeto davvero non è forzato. Non si potevano sfidare le SS con le petizioni on line, prima o poi dovremmo arrivare a capirlo: serve organizzazione, presenza di piazza, forza politica, rappresentanza nelle istituzioni e nei luoghi dove si decide. Altrimenti decideranno sempre contro la vita e la prova è nel cadavere di Charlie su cui noi oggi piangiamo.

Alla fine, di tutto questo, resta la forza di una mamma e di un papà a cui noi oggi rendiamo omaggio nel momento del massimo dolore. A Chris e Connie, che avevano capito quel che i medici non avevano capito e che cioè una cura sperimentale per Charlie poteva esserci, non l’hanno perdonata e hanno davvero fatto di tutto fino a negare loro l’ultimo desiderio di far morire loro figlio a casa sua, dopo averlo stretto tra le braccia e avergli “fatto il bagnetto”. Questo dettaglio commuove davvero (anche chi ne scrive, ora) e solo la disumanità degli assassini ostinati ha potuto negare a quella mamma e a quel papà almeno questo ultimo momento di vita familiare insieme.

Il caso Charlie Gard è un punto di non ritorno, ma anche un punto di partenza se vogliamo rendere efficace la difesa di un diritto alla vita che altrimenti sarà sempre più circoscritto al campo opinabile dei “sani e produttivi”. Ma ci sarà occasione per parlare e scrivere di questo. Oggi non possiamo che pregare Dio di accogliere questo bambino innocente ucciso da mani che sapevano quel che facevano e che Maria gli canti materna la ninna nanna, facendolo dormire libero, ora che sicuramente libero è.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

03/08/2017
2606/2019
Ss. Giovanni e Paolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Aborto, Chiesa e misericordia

Si è scatenato un polverone mediatico che riduce la Lettera apostolica di Papa Francesco alla
(presunta) abolizione del peccato di aborto. Nella scia di questa declinazione disonesta si sono
inseriti gli opportunismi politici e culturali di Monica Cirinnà e Roberto Saviano. La Lettera rischia
di essere vanificata dalle consuete dinamiche propagandistiche. Attacco all’obiezione di coscienza

Leggi tutto

Politica

Nazisti eccome

Sarà il caso di portare a conoscenza di lorsignori il caso su cui di discute in queste ore in Gran Bretagna. Connie Yates e Chris Gard sono due giovani genitori poco più che trentenni, il 4 agosto 2016 è nato il loro primo figlio, Charlie. Un bambino in buona salute che però dopo otto settimane di vita ha cominciato a perdere peso e si è scoperto affetto da una rara sindrome mitocondriale, che lo condanna alla disabilità. L’ospedale che lo ha in cura si è rivolto alla magistratura britannica per chiedere l’uccisione del bambino, ovviamente i genitori si sono ribellati e hanno avuto la forza di parlare davanti alle telecamere della BBC, di spiegare che Charlie interagisce con loro e apre gli occhi e la bocca e “non sembra affatto soffrire”. Si ribellano alla decisione dell’ospedale e pretendono che i giudici non emettano una condanna a morte per Charlie. La BBC ha esposto la vicenda in modo chiaro ed è stata inondata di messaggi di solidarietà per i genitori, contro le posizioni dei medici che hanno però ribadito l’intenzione di andare davanti ai giudici per chiedere la soppressione di Charlie.

Leggi tutto

Politica

La questione Giorgia Meloni

Con l’avvicinarsi del voto esiste la tendenza ad accaparrarsi più voti possibili con le promesse più disparate. Mario Adinolfi chiarisce questo scottante argomento prendendo come esempio Fratwlki d’Italua e la sua leader Giorgia Meloni

Leggi tutto

Società

Se un single adotta una down

La notizia impazza sulle pagine dei giornali come prodromica dell’annunciata e formidabile riforma Boschi sulle adozioni (nella quale, comunque, potranno continuare ad adottare «anche le
famiglie tradizionali» – sic!). La sola crudele certezza, invece, è che abbiamo costruito un sostrato sociale in cui otto coppie possono abbandonare una neonata solo perché affetta da trisomia 21

Leggi tutto

Chiesa

Il convegno di Siracusa raccontato da chi c’è stato

Oltre i soliti zelanti allarmismi di certo mondo reazionario si erge la parrhesía di Antonio Staglianò

Leggi tutto

Società

I brigatisti di via Fani, 40 anni dopo

Barbara Balzerani scrive garrula sui social: “Chi mi ospita oltreconfine per i fasti del quarantennale?”. Scrive proprio così, testuale. Ha 69 anni, non si è mai pentita né dissociata ed è libera da dodici anni. Era la compagna del capo delle Brigate Rosse, Mario Moretti, colui che prendeva ordini dai servizi segreti di mezzo mondo presso la finta scuola di lingue Hyperion di Parigi: Moretti è l’ideatore della strage e il principale responsabile dell’uccisione di Moro. Arrestato nel 1981, è in semilibertà dal 1997, ha avuto una figlia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano