Media

di Elisabetta Cipriani

Rivendichiamo il privilegio di poter essere criminali

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Alcuni anni fa (era il 2005) Woody Allen realizzò un thriller intrigante e stilisticamente inappuntabile: “Match point”, il cui unico difetto consisteva nella pretesa, non ricordo più se del regista stesso o della critica, di leggerlo come una riscrittura di “Delitto e castigo”. Va da sé che i riferimenti a Dostoevskij erano numerosi e scoperti, cionondimeno le citazioni del grande romanzo russo erano inserite a bella posta per tradirne lo spirito, la qual cosa rese il film agli occhi di certi incalliti dostoevskiani al contempo godibilissimo e intollerabile. Non può esistere, infatti, un Raskolnikov senza cammino di redenzione, senza presa di coscienza del male commesso, un “Delitto e castigo” in cui i destini umani siano in balia del caso e non misteriosamente soccorsi dalla grazia. E se il problema fosse circoscritto alle riscritture post-moderne dei capolavori letterari, sarebbe ancora un problema di infima portata. Ma il punto è che vi sono al mondo, o si apprestano ad essere approntati, paradisi terrestri così alienanti dove il crimine è sempre scusato come indotto dalle circostanze e il criminale, piuttosto che accompagnato in un impervio, necessario percorso di consapevolezza-dolore-espiazione (il cui traguardo è la sua piena umanizzazione, la riconciliazione con se stesso e col mondo), viene dato in pasto agli specialisti della salute mentale e trattato come un idiota che non poteva agire altrimenti. Come un bambino irresponsabile verso cui indulgere oltremodo. Come un essere *non* dotato di libero arbitrio. In effetti, affinché in certi paradisi sia possibile garantire un presunto benessere psichico preconfezionato, è assolutamente necessario espungere dall’orizzonte umano la libertà: questo ingombrante retaggio del vero umanesimo. Lo aveva capito bene Henrik Stangerup, scrittore danese assai noto in patria ma oscuro carneade qui da noi, che avendo conosciuto da vicino la socialdemocrazia scandinava nella sua pretesa di rifare da capo l’uomo per garantirgli d’ufficio sicurezza e felicità, dette alle stampe già negli anni ’70 del Novecento un romanzo distopico assai apprezzato da Anthony Burgess (autore da cui Kubrick trasse “Arancia meccanica”: non esattamente l’ultimo arrivato in fatto di creazione d’utopie in negativo). Il libro è “L’uomo che voleva essere colpevole”, appena tradotto in Italia per Iperborea. È la storia di un uomo, Torben, che uccide la moglie Edith dopo una violenta lite. La storia di una società che mai, neppure per un momento, prende in considerazione l’ipotesi di processare o incarcerare l’omicida. La storia della lotta di quell’uomo contro quella società, una società così simile allo Stato che si prende cura del cittadino dalla culla alla tomba di scandinava fattura – solo trasfigurata dallo slittamento temporale che la colloca in un prossimo futuro – così simile ad essa e ciononostante così universale, da essere rappresentabile come un’unica enorme gabbia di conformismo. In essa tutto è pianificato e obbligatorio, compresa la felicità. “E allora perché nessuno era felice? Ma cosa era poi la felicità? Nessuno lo sapeva. Tanto meno le migliaia di sociologi e psicologi prodotti dagli anni Settanta che, svanito il sogno di rivoluzionare la società che li aveva animati quando occupavano le università, cercavano ora di rifarsi in un sistema di riforme che abolisse qualsiasi tipo di educazione minata dal germe dell’individualismo”. Nella società in cui il protagonista è immerso sono censurate tutte le discussioni su temi divisivi: la stessa politica non è che burocratica routine. Le tasse sono altissime e le città si riempiono di caserme condominiali dove gli assistenti governativi hanno il diritto d’entrare e uscire a piacimento per controllare la vita degli individui; si pubblicano solo opere reputate utili al progresso sociale ed esistono enti preposti a espungere dalla lingua qualsiasi espressione negativa, in un trionfo ipocrita dell’eufemismo o del politicamente corretto, come lo chiameremmo noi. Torben e la moglie provano a resistere al sistema finché è possibile, ma due ulteriori riforme soffocano e inaspriscono definitivamente la loro vita coniugale come la loro dignità d’esseri umani: “la prima era il bando assoluto di tutti i libri per l’infanzia e di tutti i cartoni animati che contenessero ogni minimo accenno alla violenza, al mito dell’eroe solitario e a quel genere di avventure che rendono affascinanti esotici paesi lontani a scapito della realtà presente e quotidiana e l’altra che prevedeva test obbligatori per tutti gli aspiranti genitori: test di psicologia dello sviluppo elementare e prove pratiche di convivenza e di contatto con i bambini e, inoltre – supervisionati da pedagoghi, sociologi e medici – test sullo stato fisico e psichico degli interessati. Solo chi otteneva nelle prove un risultato superiore alla media avrebbe avuto diritto al “certificato di procreazione”. La paura di vedersi ritirato il certificato e dunque di perdere il proprio figlio inibisce Edith fino a cambiarla: il marito stenta a riconoscerla e anzi finisce per trovarla detestabile. Gli incontri Anti-Aggressività generosamente imposti ai cittadini allo scopo di placarne la rabbia repressa sortiscono in Torben l’effetto contrario fino a che, nella sera da cui tutto prende appunto avvio, egli uccide sua moglie al culmine di una lite furibonda. Ma poiché l’omicidio non è altro che la manifestazione di una personalità disadattiva, l’assassino viene sottoposto a cure psichiatriche e quindi rimesso in libertà. Questo non basta a Torben per convivere col rimorso né per annegare in sé la convinzione che ciò che ha compiuto sia tragico: egli si ostina a voler essere giudicato per quello che ha fatto, si ostina a voler essere trattato da uomo che vuole e deve assumersi la responsabilità delle proprie azioni. Ecco allora dipanarsi “la storia di un processo kafkiano alla rovescia: l’inutile e sempre più assurdo tentativo del protagonista di dimostrare la propria colpa in un mondo che rifiuta la dimensione etica e si illude di delegare alla scienza la soluzione dei problemi morali” (dalla seconda di copertina). Si svolge sotto gli occhi del lettore l’inevitabile sconfitta di un singolo resistente in un mondo in cui “l’uomo si era reso padrone di tutto, diventando però preda di un’incommensurabile tristezza che lo rendeva incapace di difendersi dall’oppressione”. Del resto, la felicità programmata non è gioia di vivere, giacché la gioia è frutto della “fede che vita e libertà siano una cosa sola”, come avrebbe mirabilmente detto uno che di regimi oppressivi ben s’intendeva, il Vassilij Grossman de “La Madonna a Treblinka”. E proprio in nome di quella sola, incerta, sofferta fede nella libertà dell’uomo, il protagonista del romanzo di Stangerup, da buon allievo di Kierkegaard, continua a volersi assumere lo stesso rischio che ogni uomo autentico sente connaturato alla propria esistenza: quello di avere una personalità, di scegliere, di lottare, di sognare. E di sbagliare.

Henrik Stangerup, “L’uomo che voleva essere colpevole”, Iperborea 2017, euro 16.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

07/09/2017
0206/2020
Ss. Marcellino e Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Io, un ingegnere che fa l’esegeta per vocazione

Figlio spirituale di padre Silvano Fausti, Roberto Fedele ha riversato la propria passione per le sacre Scritture nella stesura di un commentario al Vangelo secondo Marco. Tiene anche molto all’attività dei “gruppi di ascolto”, che restituiscono la grammatica della fede a molti lontani e a chi si riavvicina alla pratica religiosa. Per l’avvenire, rivolge uno sguardo alla missione

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Società

Che succede?

Si fa strada una pericolosa tendenza a togliere la parola in nome di un qualcosa determinato dai soliti pochi. Tendenze a silenziare le critiche alle misure antipandemiche. Tendenze a silenziare il non politicamente corretto. Si leggono sui giornali critiche a chi dà voce alle minoranze perché essendo minoranze non devono essere aiutate ad esprimersi. Ma la democrazia non vorrebbe che anche un singolo cittadino possa dire la propria?

Leggi tutto

Storie

Il caso Malaussène di Daniel Pennac

Lo scrittore francese e il suo antico personaggio di successo sono maturati, egli ultimi vent’anni: sbolliti i sacri furori della gioventù, Benjamin e il suo creatore sembrano stanchi e immalinconiti – perso il gusto del combattimento e della vittoria a vantaggio di quello per i tramonti struggenti. Un giallo che si potrebbe anche spoilerare, almeno in parte: tanto il bello è in come si svolge

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano