Chiesa

di Claudia Cirami

Il santo dell’apologetica francese dell’800

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Un pregiudizio anticlericale, duro a morire, sostiene che per aderire alla fede cattolica occorre lasciar fuori la ragione. In realtà, qualsiasi cattolico sa bene che nessun santo ha mai abdicato al pensiero. Basterebbe citarne uno di fronte al quale pure i manuali di filosofia meno disposti a riconoscere il genio dei pensatori cristiani si sono dovuti inchinare: San Tommaso d’Aquino, al quale sono dedicate sempre molte pagine. Ci sono poi ottime ragioni per sostenere che ci fossero più neuroni funzionanti nel cervello della semianalfabeta Bernadette Soubirous, che si è arresa all’irrompere del Soprannaturale nella storia, che in quelli di Émile Zola che, pressappoco negli stessi anni, costruiva un triste romanzo, giustamente dimenticato, per mostrare che i fatti della cittadina francese non avessero origine divina. Ma si preferisce non infierire.

Altro pregiudizio anticlericale è che la cultura degli intellettuali cattolici sia in qualche modo cultura di serie B. Ma anche questo è un insignificante e per nulla veritiero luogo comune. La storia ha mostrato ampiamente come non soltanto ci sono padri delle scienze e delle arti profondamente cattolici, ma anche che anche uomini di cultura e scienziati non credenti hanno dialogato fruttuosamente con credenti che li seguivano senza imbarazzi e senza complessi di inferiorità sulle strade più ardue del pensiero.

Per questo motivo, oggi 8 Settembre, fa piacere ricordare il beato Federico Ozanam, al tempo stesso fervente cattolico e uomo di profonda cultura. Messo in ombra dalla festa della Natività di Maria (ma siamo certi che il buon Federico è solo lieto di “farsi piccolo” per far “giganteggiare” la Vergine Madre), di solito ci si ricorda poco, anzi pochissimo di lui. Eppure Federico Ozanam è un nome che merita di essere tratto fuori dall’oblio perché ha saputo coniugare come pochi il vivo desiderio di essere apologeta della fede cattolica, l’amore per la cultura e una testimonianza di vita cristiana dedicata assiduamente ai poveri. Nel giorno della sua beatificazione nella Cattedrale di Notre Dame de Paris, il 22 Agosto del 1997, San Giovanni Paolo II così lo descriveva nell’omelia: «Uomo di pensiero e di azione, Federico Ozanam è per gli universitari del nostro tempo, professori e studenti, un modello di impegno coraggioso capace di far udire una parola libera ed esigente nella ricerca della verità e nella difesa della dignità di ogni persona umana». Intuendo e legando ottimamente con l’espressione «uomo di pensiero e di azione» le varie componenti della personalità e dell’agire di Ozanam, il santo polacco mise in rilievo come non ci sia frattura o discrasia in Cristo per un fedele che vuole conciliare il pensiero e l’agire.

Federico Ozanam è certo da considerare un beato francese, ma è l’Italia che gli dà i natali, nel 1813, perché la famiglia si trova temporaneamente a Milano. Presto, però, i suoi cari, con lui al seguito, tornano in Francia e nella nazione francese, da quel momento in poi, si svolgerà sostanzialmente la sua vita professionale e affettiva. Il futuro beato Ozanam si dedica alacremente agli studi. Diritto e Lettere, in egual misura. Nello stesso tempo, però, dopo una crisi di fede adolescenziale, che aveva messo in dubbio l’educazione cattolica ricevuta in casa, Ozanam riscopre, potentemente, la fede in cui era stato cresciuto. L’adesione è convinta, radicale e anche sentitamente fattiva. Ozanam non vuole solo testimoniare con la vita, vuole essere anche apologeta di quella fede che nella Francia, sferzata dal vento degli ideali rivoluzionari, sente messa sempre più in pericolo. Alcuni incontri provvidenziali lo hanno certamente rafforzato nelle proprie convinzioni: per esempio, nel tempo dei suoi studi universitari, è stato ospite nella casa di André-Marie Ampère, che non è soltanto lo scienziato che conosciamo, ma anche l’uomo di fede. Così Ozanam inizia ad organizzare conferenze in cui difende il depositum fidei dagli attacchi secolaristi. Tuttavia, non è animoso. Altre intelligenze cattoliche – negli stessi anni – scelgono la strada della difesa, ma con altri toni. A lui, invece, non interessa lo scontro: preferisce richiamare alla Verità che professa attraverso l’argomentazione razionale.

La passione per le lettere lo porta ad approfondire Dante Alighieri, allo studio del cui pensiero ha dedicato la tesi di laurea nel 1839. Il suo amore per Dante forse è anche un omaggio alla terra in cui è nato, dove qualche volta torna volentieri. Ma Dante è anche espressione del Medioevo e Ozanam sceglie di dedicarsi allo studio di un periodo storico che è al tempo stesso – anche oggi – poco conosciuto e per tanti versi mal compreso. Il suo impegno negli studi viene “ricambiato” con una cattedra alla Sorbona. Ozanam è ora un intellettuale cattolico noto, amico di altri intellettuali. Nel frattempo matura anche la sua scelta vocazionale: indeciso se orientarsi verso il voto di castità o il matrimonio, alla fine comprende che il suo cammino di santità è da percorrere insieme alla donna che Dio mette sulla sua strada. Si chiama Amélie e gli darà una bambina. Ozanam è un marito e un padre sereno, intimamente grato a Dio della vita familiare e professionale che gli è stata donata, come si intuisce da una toccante lettera che scrive nelle fasi finali della sua vita.

Ma non si potrebbe comprendere l’avventura umana di Ozanam senza la seconda parte del suo impegno: quello a favore dei poveri. La povertà nella Francia in cui si muove il futuro beato è quella che Victor Hugo descriverà abilmente ne I miserabili. È una povertà senza sconti, durissima, che può scivolare nella miseria spirituale quando si fa insostenibile. Fantine, una dei personaggi del capolavoro di Hugo, che si prostituisce come ultima possibilità per mantenere la figlia, è il segno di una situazione degradante e profondamente ingiusta. Quel destino di povertà e dolore, miseria e sacrificio era condiviso da tanti uomini e donne. Ozanam, per una domanda provocatoria che gli viene posta durante una delle sue conferenze, si rende conto che il suo cristianesimo deve passare – adesso, subito – dal sostegno agli ultimi. Potremmo definirla la chiamata nella chiamata, uno di quegli enigmatici momenti che esistono nella vita di alcuni testimoni luminosi, da Madre Teresa di Calcutta al beato Romero. A questa “chiamata nella chiamata” Ozanam risponde prontamente.

Con alcuni compagni, egli fonda la Conferenza di Carità, successivamente chiamata Società San Vincenzo de’ Paoli. La scelta del santo a cui chiedere la protezione è certamente indicativa. Ozanam si accosta al povero con la stessa amorevole “passione” con cui Vincenzo de’ Paoli, alcuni secoli prima, si era votato al sostegno dei più bisognosi. Ma quella di Ozanam è anche riflessione attenta sulle situazioni di ingiustizia sociale che causano la povertà. Sempre nella stessa omelia per la beatificazione, Giovanni Paolo II dirà: «Comprende che la carità deve condurre ad operare per correggere le ingiustizie. Carità e giustizia vanno di pari passo. Egli ha il lucido coraggio di un impegno sociale e politico di primo piano in un’epoca agitata della vita del suo Paese, poiché nessuna società può accettare la miseria come una fatalità senza che il suo onore non ne sia colpito. È così che si può vedere in lui un precursore della dottrina sociale della Chiesa, che Papa Leone XIII svilupperà qualche anno più tardi nell’enciclica Rerum novarum». La preoccupazione verso le situazioni di ingiustizia è tipica degli intellettuali del periodo, ma mentre Hugo pensa che la miseria è figlia unicamente dell’ignoranza e che la cultura farà piazza pulita del degrado materiale e morale, in Ozanam si uniscono la convinzione che il cristiano è chiamato ad impegnarsi fattivamente per cambiare le situazioni di ingiustizia sociale, insieme all’idea che è l’azione di Dio a modificare veramente le strutture di peccato.

La morte di Ozanam è prematura. Se ne va ad appena quarant’anni, nel 1853. Eppure la sua vita è giunta allo zenit della maturità spirituale, tanto da potersi dire che muore da persona risolta, compiuta. Il pensiero, forgiato nel crogiolo dell’amore per Dio e per il prossimo, e l’azione, sorretta da una costante meditazione cristiana, hanno avuto come risultato una vita di feconda dedizione all’altro e di riflessione efficace sull’incidenza del fatto cristiano nell’esistenza umana. Tanti di noi, malati di attivismo o chiusi in uno sterile egotismo intellettuale, avrebbero bisogno della sua intercessione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/09/2017
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

L’avvenimento cristiano com-porta valori

Nel continuo dibattito intraecclesiale circa le “tematiche essenziali” sembra talvolta che si tratteggino dinamiche analoghe a quelle tra interventisti e non interventisti alla vigilia di una guerra. Sarebbe una visione ben riduttiva. Bisogna invece ricordare che quel cristianesimo che non si propone, anzitutto, come un sistema etico, ne porta però in sé il bagaglio, e feconda la società

Leggi tutto

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Storie

Charlie Gard e quei decisivi ritardi nelle cure

I team medici sarebbero stati ancora disponibili a tentare la terapia. Compromessi comunque i muscoli

Leggi tutto

Media

La riforma e le riforme nella Chiesa. Una risposta

PRESENTAZIONE LIBRO SE MONS. MARCHETTO: “LA RIFORMA E LE RIFORME NELLA CHIESA. UNA RISPOSTA”
Roma, Campidoglio 25 ottobre 2017. Pensieri conclusivi

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’Angelus dell’Immacolata

8 Dicembre - da Piazza San Pietro l’Angelus di Papa Francesco in occasione di questa festività così importante. Eccomi è la parola-chiave della vita. Segna il passaggio da una vita orizzontale, centrata su di sé e sui propri bisogni, a una vita verticale, slanciata verso Dio. Eccomi è essere disponibili al Signore, è la cura per l’egoismo, è l’antidoto a una vita insoddisfatta, a cui manca sempre qualcosa. Eccomi è il rimedio contro l’invecchiamento del peccato, è la terapia per restare giovani dentro. Eccomi è credere che Dio conta più del mio io. È scegliere di scommettere sul Signore, docili alle sue sorprese. Perciò dirgli eccomi è la lode più grande che possiamo offrirgli. Perché non iniziare così le giornate, con un “eccomi, Signore”? Sarebbe bello dire ogni mattina: “Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà”. Lo diremo nella preghiera dell’Angelus, ma possiamo ripeterlo già ora, insieme: Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà!

Leggi tutto

Società

Giuseppe Noia ginecologo contro l’aborto

Giuseppe Noia nasce a Terranova da Sibari il 14 Gennaio 1951.
Nel 1975 si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Nel 1980 consegue la specializzazione in Ginecologia e Ostetricia e nel 1988 quella in Urologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
E’ docente di Medicina dell’Età Prenatale presso la facoltà di Medicina e Chirurgia, Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia, Scuola di Specializzazione in Genetica e diploma di laurea di Ostetricia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. E’ docente dei corsi di Perfezionamento e dei Master in Bioetica presso il Pontificio Consiglio per gli studi sulla famiglia Istituto Giovanni Paolo II.
E’ Presidente dell’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (AIGOC).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano